segnalazioni


Associazione culturale
Amore e Psiche

C.F. 97470340585 - A.C. Amore e Psiche

"SEGNALAZIONI"
è un weblog
di informazioni e di segnalazioni
da stampa e giornali on line
di Fulvio Iannaco

In questa home page
si trovano i post più recenti.
Per i post precedenti
clicca su "Post più vecchi"
in fondo a questa pagina
o cercarli per data negli "Archivi".
È anche possibile usare
"Google Search" qui di seguito
oppure il campo di ricerca
posto in alto a sinistra

cerca in segnalazioni
RSS

Archivi:

03.03 05.03 06.03 07.03 08.03 09.03 10.03 11.03 12.03 01.04 02.04 03.04 04.04 05.04 06.04 07.04 09.04 10.04 11.04 12.04 01.05 02.05 03.05 04.05 05.05 06.05 07.05 08.05 09.05 10.05 11.05 12.05 01.06 02.06 03.06 04.06 05.06 06.06 07.06 08.06 09.06 10.06 11.06 12.06 01.07 02.07 03.07 04.07 05.07 06.07 07.07 08.07 09.07 10.07 11.07 12.07 01.08 02.08 03.08 04.08 05.08 06.08 07.08 08.08 09.08 10.08 11.08 12.08 01.09 02.09 03.09 04.09 05.09 06.09 07.09 08.09 09.09 10.09 11.09 12.09 01.10 02.10 03.10 04.10 05.10 06.10 07.10 08.10 09.10 10.10 11.10 12.10 01.11 02.11 03.11 04.11 05.11 06.11 07.11 08.11 09.11 10.11 11.11 12.11 01.12 02.12 03.12 04.12 05.12 06.12 07.12 08.12 09.12 10.12 11.12 12.12 01.13 02.13 03.13 04.13 05.13 06.13 07.13 08.13 09.13 10.13 11.13 12.13 01.14 02.14 03.14 04.14 05.14 06.14 07.14 08.14 09.14 10.14 11.14 12.14 01.15



Scrivi una e.mail
home
spogli
spazi
Video di Segnalazioni
Segnalazioni su Flickr
Avances di Segnalazioni
Segnalazioni su Scribd
Segnalazioni su Issuu
Segnalazioni su YouTube
Segnalazioni su DailyMotion
Spazi su Facebook

associazione Amore e Psiche
i video dell'associazione Amore e Psiche
l'asino d'oro edizioni
il sogno della farfalla
mawivideo
left

Ass. cult. Ipazia - C
Onlus Suono Immagine - C
Ass. cult. Senza Ragione - C
Marilena Paradisi - M
Roberta Pugno - AV
Ada Montellanico - M
Domenico Fargnoli - C
Franca Marini - AV
Francesco Venerucci - M
Alessio Ancillai - AV
i-mag-o - C
Nereo Benussi - C
Arturo Tallini - M
Pier Paolo Iacopini - M
Manilio Prignano - AV
Barbara Sbrocca - AV
Riccardo Macrì - M
Roberto Fiore - M
Andrea Minetti - AV
Tommaso Cancellieri - M
Tony Carnevale - M
Stefano Frollano - M
Anna Guerzoni - AV
Roberta Rocchi - B
Sabrina Danielli - AV
Claudio Gambelli - B
Paolo Cipriani - AV
Francesco Burroni - T
The Session Voices - M
Alessandro Ferraro - AV
Folkchannel - M
Romina Krieger - M
Floremy - G
Laura Tondi - AV
Francesca Angeli - T
Danilo Renzulli - AV
Simona Maggiorelli - G
Raffaella Corvino - AV
Francesco Troccoli - C
4arts.it - AV
Il Gigante - C
Marco Trajola - AV
L. Porta Del Lungo - M
Paolo Tombolesi - M
Gian Carlo Zanon - B
Gianluca Cangemi - M
Fabio Della Pergola - C
Lucia Ianniello - M
Giada Olivetti - M
Cesare Cesarini - T
Federico Tulli - G
Susanne Portmann - AV
Emiliano Serafini - AV
Paola Cinti - B
Gianna Marianetti - AV
Giacomo Mutti - AV
Andrea Califano - AV
Cosmopoliti - M
Pensieri e Sapori - B
Carla Gentili - C
Filippo Trojano - AV
Claudio Giovagnoli - M
Luciano Sacchetti - M
Claudio Bonechi - M
Daniela Covini - C
Marina Baciocchi - AV
Maurizio Fioretti - AV
Rosalba Zubcich - AV


legenda:
AV = Arti Visive
B = Blog
C = Ass.Culturali etc
G = Giornalismo
M = Musica
T = Teatro



Creative Commons License
Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
mercoledì 28 gennaio 2015
 
ULTIMO AGGIORNAMENTO MERCOLEDI 28 GENNAIO 2015 ALLE 18.45
UNA RASSEGNA DELLA STAMPA DI IERI E DI OGGI
È ADESSO DISPONIBILE QUI DI SEGUITO
L'ATTUALE IMPAGINAZIONE E' PROVVISORIA

DAVIDE ZACCAGNINI, DOMANI SERA A LINEA NOTTE SU RAI 3
CON IL SUO LIBRO MOVING BOXES
L'ASINO D'ORO EDIZIONI
Giovanni Senatore, Ufficio stampa


 
«Una ricerca affascinante per il superamento del comunismo»
Massimo Fagioli
sul n
° 45/2010 di LEFT
m
 «Una lotta, senza armi, soltanto rivoluzione del pensiero e parola»
Massimo Fagioli

sul n° 49/2008 di LEFT

m
 «Vorrei un partito rivoluzionario, che faccia ricerca sulla realtà umana»
Massimo Fagioli
nell'intervista al Corriere della sera del 22 giugno 2014




LEGGI TUTTO SU QUESTA PAGINA



I PASSI SALIENTI DELLA TRASMISSIONE
SONO DISPONIBILI QUI DI SEGUITO:

 m
LA REGISTRAZIONE INTEGRALE DELLA TRASMISSIONE
È INVECE DISPONIBILE QUI 
 E ANCHE SUL SITO RAI DI "LINEA NOTTE", QUI
Nell'archivio che si apre, scegliere il link datato 29.11.14
E IN PARTICOLARE AI MINUTI: 11, 30 e 53
m
Per un disguido tecnico,
il numero 1/2015 de "Il sogno della farfalla"
sarà in libreria a partire dal 29 gennaio


"Quale crescita. La teoria economica alla prova della crisi"
 a cura di Anna Pettini e Andrea Ventura
L'Asino d'oro edizioni
è stato presentato nella sede della Regione Toscana
a Palazzo Panciatichi di Firenze il 9 gennaio 2014
La registrazione è disponibile qui di seguito:

si ringrazia Rossana Cecchi

Il 16 gennaio 2015, a Napoli,
Istituto italiano per gli studi filosofici, Palazzo Serra di Cassano,
si è tenuta la presentazione del libro "Interpretazione della schizofrenia” di Silvano Arieti
curato da Rossella Carnevali, Alice Masillo, Daniela Polese e Luca Giorgini
 L’Asino d’oro edizioni
Sono intervenuti Daniela Polese, Andrea de Bartolomeis, Luca Giorgini,

ha moderato Ilenia Picardi.
La registrazione dell’evento è disponibile su Mawivideo qui

dove è disponibile anche una intervista a De Bartolomeis
e sul sito dell’Editore qui

un set di immagini dell’evento è disponibile qui (Immagini di Alessandro Mazzetta)


Una recensione di “Gilgamesh, l’epopea del re di Uruk
è apparsa su Lecce Prima, disponibile qui

Giovanni Senatore, Ufficio Stampa L’Asino d’oro

m


SEGNALAZIONI NELLE SUE SCELTE EDITORIALI ESPRIME
GLI ORIENTAMENTI DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE AMORE E PSICHE
E PUBBLICA I CONTENUTI CHE RITIENE COERENTI CON TALI ORIENTAMENTI
I TESTI DEGLI ARTICOLI SEGNALATI - SE NON DIVERSAMENTE INDICATO -
SONO SEMPRE DISPONIBILI SU "SPOGLI" ALLA DATA DELLA LORO PUBBLICAZIONE
   
NON PERDERTI LE NUOVE INFORMAZIONI SU SPAZI

CITATI:
IN CORSO DI AGGIORNAMENTO













































GIANFRANCO DE SIMONE, SU LEFT ADESSO NELLE EDICOLE
































L'articolo che segue cita Livia Profeti e il suo articolo sul Corriere
...e anche la pertinace heideggeriana Di Cesare
Corriere La Lettura 25.1.15
No, non sono la variante di Heidegger
Il dibattito intorno all’autore tedesco invita a riflettere sulle questioni fondamentali dell’Essere e della violenza
I «Quaderni neri» hanno svelato l’antisemitismo e riaperto un caso
Qui Severino replica alle tesi di Giacomo Marramao e Victor Farías
di Emanuele Severino

su spogli

cfr. anche su "Segnalazioni" nei giorni scorsi, e qui di seguito, i materiali di questo scontro che hanno preceduto questo intervento di Emanuele Severino

Corriere 28.12.14
Heidegger antisemita perché razzista
Il lavoro del filosofo Emmanuel Faye ha spostato il «caso Heidegger» dal piano della sua compromissione con il Terzo Reich a quello del suo stesso pensiero
di Livia Profeti
qui

Nall’articolo che segue, si può leggere:
"L’introduzione del nazismo nella filosofia si precisa: pur ostendando il suo ebraismo, Donatella Di Cesare afferma che il nazismo è proprio «una filosofia» [Heidegger e gli ebrei, p. 12] — appoggiandosi sul saggio di Levinas Filosofia dell’hitlerismo... Così, un’apologia discreta promuove a dignità accademica un’ideologia criminale di competenza del diritto penale, non della filosofia, e la eleva al rango di un pensiero «rivoluzionario»" (sic).

L’OBS Le Nouvel Observateur 17.1.15
Antisémitisme: l’heideggérisme après le naufrage
(Antisemitismo : l’heideggerianismo dopo il naufragio)
Pourquoi ses disciples cherchent-ils tant à dédouaner le Maître?
Par François Rastier, directeur de recherche au CNRS

qui


Tutta la parte finale dell’articolo segnalato qui sopra è stata tradotta in italiano, ed è disponibile qui

"Inoltre a seguito della pubblicazione dei Quaderni neri, Günter Figal si si è dimesso dalla carica di presidente della Martin Heidegger Gesellschaft che precedentemente ricopriva, per non voler più rappresentare il filosofo antisemita, Donatella Di Cesare, invece, la vice-presidente della medesima istituzione, non solo non si è dimessa affatto... ma anzi, ha insultato Figal accusandolo su Facebook di «mossa opportunistica, fatta da chi vuole evitare di parlare dell'antisemitismo e della Shoah»…"
Intervista a Figal Radio Dreyeckland
”So denkt man nicht, wenn man Philosophie treibt"
«Così non si pensa, se si fa filosofia»
Per le sue affermazioni antisemite venute alla luce con la pubblicazione dei cosiddetti Quaderni neri, il filosofo di Friburgo Martin Heidegger è di nuovo sotto accusa. Il professore di filosofia Günter Figals si è dimesso dalla carica di presidente della Martin Heidegger Gesellschaft, tra l’altro perché non vuole più rappresentare il filosofo (…) Però egli non vede l’opera intera, e nello specifico l’opera principale Essere e tempo, come dipendente dal rapporto di Heidegger con il nazionalsocialismo. Detto in breve, la questione è se sia ancora possibile leggere Essere e tempo come se non fosse esistito l’Heidegger che pochi anni dopo si mise a diffamare gli Ebrei e ad istigare contro il “giudaismo mondiale”.
Si ringrazia Livia Profeti

Donatella Di Cesare fa parte del comitato di redazione della rivista Internationales Jahrbuch für Hermeneutik, del Beirat dello Heidegger Forum; è membro del Comitato direttivo della rivista Philosophisches Jahrbuch e della serie Wittgenstein-Studien. Dal 2011 (e tuttora!!!) è vice-presidente della Martin Heidegger-Gesellschaft. È anche professore ordinario al Dipartimento di Filosofia della Sapienza di Roma, collabora con "Il Corriere della Sera" ed è membro del Comitato scientifico del Museo della Shoah.
Suo, fra altre opere, è il saggio Heidegger e gli ebrei. I "Quaderni neri", Bollati Boringhieri, Torino 2014.
L’intervista di Wlodek Gordon per l'Espresso a Donatella Di Cesare che riproponiamo di seguito, da noi già segnalata in data 20 dicembre 2014, su questa pagina,
si conclude così, l'intervistatore le chiede: «E allora cosa rimane? [di Heidegger] "Moltissimo", risponde Di Cesare. "Senza categorie heideggeriane (...) non è possibile alcun approccio ad Auschwitz. E non si può nemmeno capire il mondo"». Come si vede, dunque, in realtà, la "critica" della Di Cesare ad Heidegger, non esiste affatto! Per questo, coerentemente (!), la Di Cesare è rimasta nell'importante posizione che occupa nella
Martin Heidegger-Gesellschaft, cioè nella Società che ha per scopo fondativo lo studio e la diffusione del pensiero di Martin Heidegger!!!
l’Espresso 1.12.14

'Heidegger era antisemita'. La filosofa Di Cesare commenta i Quaderni Neri
L'antisemitismo del grande filosofo tedesco fu sostanziale
Ecco la tesi della studiosa che ha letto le note, ancora inedite in Italia, da lui scritte negli anni Trenta e Quaranta
«I nazisti non volevano solo governare il mondo ma rimodellarlo. Estirpando ciò che era incompatibile con il loro progetto»
di Wlodek Goldkorn
qui

In quegli stessi giorni Vattimo pubblicava il seguente articolo:
l’Espresso 5.12.14
Heidegger, antisemita indispensabile
Un grande filosofo e un pensiero sotto accusa
Vattimo risponde all’intervista sui “Quaderni neri” pubblicata nel numero scorso
di Gianni Vattimo
qui

si ringrazia Livia Profeti


Corriere 23.1.15
Crisi al vertice della «Società Heidegger»
di A. Car.

Giunge a una svolta il caso Heidegger, esploso dopo la pubblicazione della prima parte dei Quaderni neri, i taccuini filosofici del pensatore tedesco, rimasti a lungo inediti, dai quali emerge in modo evidente il suo antisemitismo. Il presidente della «Società Martin Heidegger» tedesca, Günter Figal, si è infatti dimesso dall’incarico, dicendo di non voler più in alcun modo rappresentare una figura capace di affermazioni che ritiene di natura patologica. Dissente però da Figal la vicepresidente della Società Heidegger, Donatella Di Cesare: «Il nostro compito è promuovere una discussione critica, come quella adesso in corso a Parigi nel convegno “Heidegger e gli ebrei”. Avevo chiesto di prendere iniziative simili in Germania, ma Figal è rimasto inerte. Mi pare incomprensibile che adesso si dimetta». Di Cesare e Figal sono invece d’accordo nel chiedere che gli eredi di Heidegger mettano tutte le carte del filosofo a disposizione degli studiosi.
Repubblica 26.1.15
Ma Atene è lontana per la nostra sinistra
di Stefano Folli
SVENTOLANO ad Atene le bandiere rosse, si levano i pugni chiusi, si cantano “Bella Ciao” e altri inni partigiani. C’è molta Italia a festeggiare Alexis Tsipras e del resto il leader oggi trionfante aveva attraversato l’Adriatico e offerto se stesso, in occasione del voto europeo, per fare opera di contaminazione.
POI tutto era stato ridimensionato dal 40,8 per cento di Renzi, con quella promessa di «cambiare verso all’Europa» che in quel momento aveva fatto del giovane premier in carica da tre mesi lo Tsipras italiano.
In realtà la nuova sinistra che guarda adesso alla Grecia come a un ricostituente, magari a un bagno di gioventù, è reduce da una lunga serie di insuccessi. Per cui non basterà gridare «facciamo come loro» per sentirsi pervasi da un benefico flusso di energia greca. Luciana Castellina ha detto con un filo di ironia che assistere agli straordinari eventi ateniesi equivale a «farsi una canna politica». Senza dubbio è così, ma quando si esaurisce l’effetto allucinogeno delle emozioni, resta un bilancio amaro. Se si vuole riavvolgere il nastro, si incontrano le varie tappe di una storia italiana che è ben diversa da quella greca. La non-vittoria di Bersani nelle elezioni del 2013, il progressivo appannamento della sinistra del Pd, il fallimento della lista Ingroia (Rivoluzione Civile), l’esclusione della sinistra radicale dal Parlamento nel 2008, quando l’alleanza Arcobaleno, mal pensata e mal costruita, rimase al di sotto della soglia.
Per trovare una storia di successo bisogna tornare a Bertinotti e agli anni d’oro di Rifondazione Comunista, in una cornice storica forse non ripetibile. Poi fu lo stesso Bertinotti a capire che quell’esperienza si era esaurita e che nel futuro occorreva un’intuizione, un colpo d’ala. Ma l’idea l’ha avuta Tsipras in Grecia — aiutato dalle circostanze — invece di uno dei tanti piccoli leader delle varie sinistre italiane.
Ieri Nichi Vendola, a lungo considerato un fantasioso costruttore di geometrie politiche, ha concluso i tre giorni di Human Factor, tentativo di fare del “surf” sull’onda greca e di accendere qualche entusiasmo anche qui da noi. Ma non sembra che l’operazione abbia dato i frutti sperati. Si è capito che la nascita di un nuovo raggruppamento alla sinistra del Pd, in grado di riunire tanti spezzoni incapaci di espandersi, non è per domani e nemmeno per dopodomani.
Gli stessi scissionisti del Pd sono entità misteriose, a cominciare da Civati che preferisce restare nel partito renziano alla pari di Bersani e di tanti altri. E poi nessuno è sicuro che l’ennesima scissione ovvero una nuova alleanza tra personaggi più o meno logorati sia la ricetta giusta. Probabilmente sarebbe solo un’altra edizione della Sinistra Arcobaleno già sconfitta nelle urne: magari stavolta sarebbe salvata dalla soglia del 3 per cento, ma c’è da credere che non è questo il sogno dei sostenitori nostrani di Tsipras.
La verità è che il leader greco ha completamente rovesciato il paradigma politico, non si è limitato a battere vecchie strade. Che mantenga o no le sue promesse, lo vedremo. Il fatto che il terzo partito ad Atene siano i neo-nazisti di Alba Dorata è inquietante per tutti e soprattutto per il vincitore. In ogni caso Syriza non è una riedizione di Rifondazione Comunista, come vorrebbero suggerire alcune bandiere esposte nella serata della vittoria. Syriza è un esperimento che ha puntato tutte le carte sulla lotta alla politica tedesca dell’austerità e del rigore economico. In Italia nessuno ha avuto il coraggio di imboccare lo stesso cammino con altrettanta determinazione. Del resto, al di là dei giochi di prestigio mediatici, la linea italiana non è e non può essere quella greca. Così come il renzismo è una prassi politica assai diversa da quella a cui pensa il vincitore di Atene. Semmai l’abilità di Renzi è di impedire che nasca qualcosa di rilevante alla sua sinistra, una Syriza italiana.


 





La Stampa 23.1.15
Rodotà: no a un partito Sel più dissidenti Pd
«Mentre capisco la scelta del papa straniero Tsipras, non condivido l’idea di una Syriza italiana. È una forzatura». Così Stefano Rodotà in un’intervista a Micromega. «In Grecia - aggiunge - Syriza ha raggiunto l’attuale consenso perché durante la crisi economica ha svolto un lavoro effettivo nel sociale. In Italia la situazione è differente».
MicroMega 22.1.15
Stefano Rodotà: “Ripartiamo dal basso, senza la zavorra dei partiti”
“Chi pensa di ricostruire un soggetto di sinistra o socialmente insediato guardando a Sel, Rifondazione, Alba e minoranza Pd sbaglia. Lo dico senza iattanza, ma hanno perduto una capacità interpretativa e rappresentativa della società”
intervista di Giacomo Russo Spena

qui
il Fatto 25.1.15
Aspettando Tsipras
Rodotà spiazza la sinistra italiana
“Sel, Prc e minoranza Pd sono zavorre. Non si ricostruisce guardando a loro”
Vendola oggi chiude la sua tre giorni
di Salvatore Cannavò

su spogli
































si ringrazia Luca



TUTTI I MATERIALI CITATI IN PRECEDENZA
SONO DISPONIBILI QUI, ALLA DATA DI VENERDI 23.1


SULLA STAMPA DI IERI E DI OGGI:











il Fatto 27.1.15
Sergio Cofferati

È una sfida anche al Pse
“Syriza, la sinistra che serve . Ora un nuovo partito”
intervista di Salvatore Cannavò

qui
la vignetta appare sul Sole 24Ore
il Fatto 27.1.15
Occhetto e i suoi eredi
“Tempo una legislatura e cadono sia Matteo che i Democratici”
intervista di Antonello Caporale

qui









La Stampa 28.1.15
Renzi incassa l’Italicum. Ma il Pd ormai è spaccato
I senatori dissidenti confermano la scelta e non partecipano Gotor attacca: un’altra soluzione non è stata neanche cercata
di Amedeo La Mattina

su spogli

La Stampa 28.1.15
Il conto di Silvio a Matteo
di Marcello Sorgi

su spogli


Corriere 28.1.15
La legge elettorale rafforza il patto con gli azzurri
Ma la vera prova dell’unità del Pd sarà ora la sfida per il Colle
di Massimo Franco

su spogli


Corriere 28.1.15
L’italia consegnata a una minoranza
di Paolo Cirino Pomicino

su spogli









Repubblica 28.1.15
Il rebus del Quirinale si sta complicando per l’aggressività dell’ex Cavaliere
Si avverte il profumo di un possibile contropatto anti-Renzi
La mitologia del Nazareno potrebbe avvicinarsi al suo tramonto
Perché il premier rischia di perdere il mantello di invincibile
di Stefano Folli

su spogli

Repubblica 27.1.15
Walter Tocci
“Non è più tempo di interventisti ecco perché ci serve un tecnico”
intervista di Tommaso Ciriaco

su spogli


Repubblica 27.1.15
Il ritorno di Sposetti sulla scena del delitto
di Sebastiano Messina

su spogli


Repubblica 27.1.15
Il gioco al rialzo del Cavaliere e le crepe del Nazareno
L’effetto Italicum sulla corsa al Quirinale rende più difficile individuare un candidato vincente
di Stefano Folli

su spogli


Il Sole 28.1.15
Il piano di Renzi per riorganizzare il Pd e la scelta per il Quirinale
di Lina Palmerini

su spogli

















La Stampa 27.1.15
Il patto del Nazarakis
di Massimo Gramellini

qui
il Fatto 28.1.15
Doppie morali
Compagni, perché Kammenos sì e Farage no?
di Andrea Scanzi

su spogli




 
La Stampa 27.1.15
Tsipras sceglie un ultranazionalista per combattere l’Ue
“Come coalizione è un azzardo ma può funzionare contro l’austerity”
Civati: paragone difficile, è come se il Pd si alleasse con i 5 Stelle
di Roberto Giovannini

su spogli


Repubblica 27.1.15
La sinistra italiana e il vento dell’est
di Gad Lerner

su spogli
Corriere 28.1.15
L’Italia dei veti incrociati non trova l’accordo contro il rischio attentati
di Fiorenza Sarzanini

su spogli

il Fatto 28.1.15
No Tav

Il sociologo Marco Revelli
“Siamo tutti colpevol.i Processateci”
di Emiliano Liuzzi

su spogli

m

 



La Stampa 28.1.15
La Corte dei diritti umani condanna l’Italia: diritto a un figlio anche senza legame biologico
Una coppia che si era vista negare il riconoscimento di un bambino nato da una madre surrogata in Russia: «Non è stato dimostrato che l’allontanamento fosse necessario»

qui
Corriere 28.1.15
Nuovi Lea: epidurale e fecondazione eterologa a carico delle Regioni
Mercoledì prossimo l'incontro Lorenzin-Regioni per la presentazione del nuovo piano
Aumentato il fondo: 470mln in più per nuove cure

qui











La Stampa 27.1.15
Bergoglio riceve in Vaticano un transessuale spagnolo
Una manifestazione del movimento transgender

qui
Corriere 27.1.15
Bagnasco contro i manuali gender «Si colonizza la mente dei bimbi»
Il monito della Cei. E sull’aborto: l’Europa vuole impedire l’obiezione
di Gian Guido Vecchi

su spogli










Corriere 28.1.15
Narcisismo e cecità dei baroni uccidono l’università italiana
Autoreferenzialità, fobia digitale, concorsi «adattati»: è l’Italia che non vuole cambiare
di Gian Antonio Stella

su spogli

m

 




m
La Stampa 28.1.15
Grecia, parla l’«uomo nero» di Tsipras:
“L’Europa? Prima ci aiuti a respingere i clandestini”
Il nazionalista Kammenos: dobbiamo pattugliare i confini
di Tonia Mastrobuoni

qui
Corriere 28.1.15
E il leader della destra nazionalista conquista la Difesa
Kammenos dovrà muoversi in uno scenario di tensioni con al centro il rapporto con la Turchia
di Maria Serena Natale

su spogli









Il Sole 27.1.15
Con il salvataggio della Grecia Bce e Germania ci hanno guadagnato. Profitti realizzati grazie ai titoli di Atene. Se in Europa ci fosse meno retorica, si potrebbe partire proprio da questi utili per rinegoziare il debito ellenico

di Marya Longo
qui  segnalazione di Andrea Ventura
Il Sole 24.1.15
Tra le macerie dell’austerity
di Mariano Maugeri
qui segnalazione di Andrea Ventura









Repubblica 27.1.15
il leader di Podemos Pablo Iglesias

“Nessuna apocalisse, da Atene nasce un nuovo europeismo democratico”
di Alessandro Oppes

su spogli

Repubblica 27.1.15
Dopo la vittoria di Tsipras toccherà alla Spagna di “Podemos”
Ma perché questa rivoluzione democratica possa riuscire a modificare il corso delle cose bisogna che Renzi e Hollande dicano chiaramente che il trattato sui bilanci va modificato
Ora tutti uniti contro l’austerità la sinistra europea riparta da Syriza
di Thomas Piketty

su spogli
Il Sole 28.1.15
Avanti populismi
Podemos parla spagnolo e sogna in greco
I movimenti di Iglesias e Syriza hanno lo stesso programma, ma a Madrid il salvataggio è stato più soft
di Luca Veronese

su spogli







Repubblica 27.1.15
Bodo Ramelow della Linke
“Cambiamo l’Ue senza cedere al populismo”
intervista di Andrea Tarquini
su spogli








Repubblica 28.1.15
Fidel: “Non mi fido degli Stati Uniti”
Lettera del líder máximo sul disgelo. Secondo la dissidente Yoani Sanchez “smentisce il fratello”
La portavoce del Dipartimento di Stato americano: “Segno positivo”. La figlia Alina torna in patria
di O. C.

su spogli

Corriere 28.1.15
Il giudizio tiepido di Fidel sul disgelo tra Usa e Cuba
di Rocco Cotroneo

su spogli




Corriere 28.1.15
Equivoci. Libertà, errori e fanatismo islamico
L’Islam non ci chieda di limitare la libertà
Non bisogna credere che il radicalismo musulmano sia mosso da ragioni religiose. Qual era per esempio la terribile blasfemia commessa dalla poliziotta uccisa a Montrouge?
di Ernesto Galli della Loggia

qui
La Stampa 28.1.15
Così cantano i jihadisti mentre marciano verso l’Occidente ignaro
Racconto come è nata la minaccia del Califfato e che cosa dobbiamo aspettarci
di Maurizio Molinari

qui
Corriere 28.1.15
La BBC sui terroristi detta linee guida orwelliane
di Stefano Montefiori

su spogli

m

 












Corriere 27.1.15
Le molte contraddizioni dell’Arabia Saudita
risponde Sergio Romano

su spogli

m

 





Corriere 27.1.15
Reportage In Iraq
Le yazide fuggite dai campi dell’Isis che rifiutano i figli dello stupro
Parlano le donne violentate
di Lorenzo Cremonesi

qui
m

 



Corriere 28.1.15
La strategia del presidente
Cina, la strada verso lo «xiismo» passa per i ritratti ad olio
Dilaga a Pechino un culto della personalità del presidente così massiccio che non si vedeva dai tempi di Mao: secondo gli analisti maschera una svolta neo-autoritaria
di Guido Santevecchi

qui

Repubblica 27.1.15
Germania, sondaggio shock: l’81% vuole dimenticare la Shoah
di Andrea Tarquini

su spogli

m

 










Repubblica 27.1.15
Libby, 48 anni ora Londra ha la sua prima donna vescovo

su spogli

m

 














Corriere 28.1.15
Per John Hick l’unico dio ha molti nomi
di Massimo Nava

su spogli

m

 














Repubblica 28.1.15
Ciò che ho capito da Auschwitz
Pubblichiamo il testo del discorso pronunciato davanti ad alcuni sopravvissuti dell’Olocausto per la Giornata della Memoria a Cracovia
di Steven Spielberg

su spogli

la tabella è di fonte Wikipedia, alla voce "Olocausto", qui

m

 
















La Stampa TuttoScienze 28.1.15
Carlo Rovelli
“La splendida incertezza che ci fa progredire”
Lezione al Festival di Roma: come la ricerca cambia gli strumenti per pensare (e risolvere) i problemi
intervista di Gabriele Beccaria

su spogli

La Stampa TuttoScienze 28.1.15
“E’ nell’Universo delle origini l’enigma delle particelle dimagrite”
La caccia alle “costanti” del cosmo e lo scenario delle 10 dimensioni
di Marco Pivato

su spogli












Corriere 28.1.15
Paolo Legrenzi e Carlo Umiltà sul riduzionismo
Che fatica esplorare il labirinto della mente
di Marco Rizzi

su spogli

Repubblica 27.1.15
Registrata nel cervello la voce dei pensieri
Uno studio italiano ha indagato l’attività dell’area del linguaggio
di Silvia Bencivelli

su spogli


Repubblica 28.1.15
La misura della coscienza
Quanto siamo coinvolti in quello che ci accade? Non tutti allo stesso modo
Da oggi si può capire con uno strumento il nostro stato cominciando dal sonno
Ecco come dicono le ultime teorie scientifiche
di Silvia Bencivelli

su spogli


Repubblica 28.1.15
L’educazione all’attenzione è la nostra grande sfida
di Paolo Legrenzi

su spogli















Corriere 28.1.15
25 biblioteche pubbliche da far girar la testa

qui




La Stampa 28.1.15
La storia del centenario Ed: quando scrivere allunga la vita
A cent’anni scrive ancora le cronache della sua classe all’università di Dartmouth, anche se ormai in vita con lui sono rimasti solo due compagni
I lettori naturali delle sue note sono rimasti pochi, ma ne stanno arrivando di nuovi
di Paolo Mastrolilli

qui segnalazione di Francesco Maiorano











Repubblica 27.1.15
The Town of Light, il videogame che ti fa sentire "matto" nel manicomio
di Giovanni Cedrone

qui

m


 










Una puntata di Ulisse sui microbi, virus, sulla loro scoperta e le cure provate e trovate nel corso della storia (Pasteur, Semmelweis e altri) è disponibile qui
si ringrazia Matteo Della Bella












RaiNews 27.1.15
Ricerca sui bambini di Bucarest
Bambino abbandonato, cervello deprivato
di Stefano Lamorgese

qui segnalazione di Marcella Matrone

 
Segnalazioni” è un weblog di informazioni segnalazioni e stralci dalla stampa e dal web. Per inviare un articolo una segnalazione un’informazione, per suggerimenti e richieste, scrivici un’e-mail al nostro indirizzo: SEGNALAZIONI.BOX@GMAIL.COM. In questa pagina sono disponibili i post pubblicati più di recente. Per contenuti di periodi precedenti cerca negli Archivi - se conosci la data che ti interessa - altrimenti utilizza il box di ricerca di “Google” qui a sinistra.Questo weblog è pubblicato nell’osservanza degli articoli 65 e 70 della Legge 633.41 e della Licenza Creative Commons (qui a sinistra). Le immagini e la grande maggioranza  dei testi sono state scaricati da Internet e quindi ritenuti di dominio pubblico. Se si desidera chiederne la rimozione è sufficiente scrivere alla redazione. Pagine ottimizzate per Firefox 34.CHIUNQUE È LIBERO DI TRARRE DA “SEGNALAZIONI” MATERIALI DA PUBBLICARE SUI SOCIAL NETWORK COME FACEBOOK E SULLE PROPRIE PAGINE WEB O ALTROVE ED È ANZI INVITATO A FARLO. È RICHIESTO PERÒ CHE CHIUNQUE LO FACCIA CITI SEMPRE “SEGNALAZIONI” COME FONTE, E PUBBLICHI ANCHE UN LINK ALLA PAGINA ORIGINALE.TUTTE LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE DI AVVISI E COMUNICAZIONI DI EVENTI CULTURALI CONCERTI MOSTRE SPETTACOLI INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI E SINGOLI COLLEGATI ALLA NOSTRA RICERCA - SEMPRE GRADITE - SONO GESTITE SEPARATAMENTE E COMPARIRANNO SU “SPAZI”. LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE VANNO INVIATE - ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA - ALL’INDIRIZZO: SPAZI.BOX@GMAIL.COM