ULTIM'ORA:
MASSIMO FAGIOLI È STATO CITATO NEL CORSO DI
"CHI HA UCCISO GREGOR SAMSA" TERZA PUNTATA
ANDATA IN ONDA QUESTO POMERIGGIO SU RADIO 3
LA REGISTRAZIONE SARÀ DISPONIBILE DOMANI QUI
------------
ILARIA BONACCORSI QUESTO POMERIGGIO
È STATA OSPITE DI PAOLO LIGUORI
SU TGCOM24






OGGI SU "LA REPUBBLICA"

sabato 18 aprile 2015



ULTIMO AGGIORNAMENTO: ORE 18.15
LRASSEGNA DELLA STAMPA DI OGGI È DISPONIBILE QUI
LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI IERI È DISPONIBILE QUI

«Una ricerca affascinante per il superamento del comunismo»
   Massimo Fagioli sul n.45/2010 di LEFT
«Una lotta, senza armi, soltanto rivoluzione del pensiero e parola»
  
  Massimo Fagioli sul n°49/2008 di LEFT

«Vorrei un partito rivoluzionario, che faccia ricerca sulla realtà umana»
   Massimo Fagioli nell'intervista al Corriere della sera del 22 giugno 2014

ILARIA BONACCORSI, DIRETTORE DI LEFT
È INTERVENUTA IERI SERA AL TG3 LINEA NOTTE
QUI DI SEGUITO I PASSI SALIENTI DELLA TRASMISSIONE:

ILARIA BONACCORSI VENERDI 17 APRILE 2015 AL TG3... di segnalazioni
LA REGISTRAZIONE INTEGRALE DELLA TRASMISSIONE
È DISPONIBILE QUI
IERI, ULTIM'ORA:



 

Corriere 17.4.15
Addio Heidegger!
Il dibattito dopo la pubblicazione dei «Quaderni Neri» e le tracce di antisemitismo rimettono in discussione il posto che il tedesco occupa nella storia della filosofia
di Richard Wolin
qui
Avvenire 17.4.15
Heidegger, l’antisemitismo e la lezione di Nietzsche
Unendo nihilismo, secolarismo e tecnica la «morte di Dio» dissolve la responsabilità dei carnefici
di Massimo De Angelis

qui
Una ricca raccolta di articoli su Heidegger è disponibile qui


OGGI A ROMA
AdnKronos 17.4.15

Scuola: gli studenti difficili, insegnanti e psichiatri a confronto
Una giornata di studi in programma domani alla Sapienza

qui
vedi qui di seguito e qui

LEGGI QUI DI SEGUITO

LA SECONDA PUNTATA DI "CHI HA UCCISO GREGOR SAMSA?",  SABATO SU RAI RADIO 3
LA REGISTRAZIONE QUI DI SEGUITO
E DONATELLA DI CESARE - ANCORA... - ALL'UNIVERSITÀ DI DON VERZÈ (sic!), IL 24 MARZO A MILANO
VEDI TUTTO QUI DI SEGUITO

COSA SCRIVE DONATELLA DI CESARE  SU FACEBOOK...
 QUI DI SEGUITO 
VENERDI 17 APRILE A "PAGINA 3" SU RAI 3
VITTORIO GIACOPINI HA DATO NOTIZIA DELLA USCITA NELLE EDICOLE
DOMANI, SABATO 18 APRILE
DI LEFT 14.2015 
PUBBLICHIAMO UNA LETTERA INVIATA ALL'ORDINE DEI MEDICI DI ROMA
DA QUATTRO PSICHIATRI PSICOTERAPEUTI
QUI DI SEGUITO
UNA NOTA DELLA WPA (l’Associazione Mondiale di Psichiatria) sul caso Lubitz - Germanwings 
QUI DI SEGUITO 
MATTEO FAGO IL 15 APRILE ALLA FELTRINELLI ORLANDO DI ROMA
con Alessandra Grimaldi, Laurie Elie e Emanuele Santi
QUI DI SEGUITO 

TUTTE LE INFORMAZIONI QUI
m

GUARDA DA 8':58"
Un'intervista a Massimo Fagioli nell'ambito di un servizio di Adriana Pannitteri sulla chiusura degli Opg.
Giovanni Senatore Ufficio stampa L'Asino d'oro
MARTEDI 14 SU RADIO 3: A RADIO3 SCIENZA, LA CHIUSURA DEGLI OPG
LA REGISTRAZIONE È DISPONIBILE QUI
m
INDICE:
L'ASINO D'ORO EDIZIONI: QUI
• L'ASSOCIAZIONE "AMORE E PSICHE": QUI 
SUL MONOTEISMO: QUI
TUTTI I MATERIALI SU HEIDEGGER: QUI
, MA ANCHE QUI, E QUI
• LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI NEW YORK E IL CONGRESSO EUROPEO DI VIENNA: QUI
SULLA STAMPA DI OGGI: IN AGGIORNAMENTO, QUI
SULLA STAMPA DI VENERDI 17: QUI
SULLA STAMPA DI GIOVEDI 16: QUI
SULLA STAMPA DI MERCOLEDI 15:  QUI
SULLA STAMPA DI MARTEDI 14: QUI
SULLA STAMPA DI LUNEDI 13: QUI
SULLA STAMPA DI DOMENICA 12: QUI
SULLA STAMPA DI SABATO 11:  QUI
IL DISCLAIMER: QUI

LEGGI TUTTO SU QUESTA PAGINA
I PASSI SALIENTI DELLA TRASMISSIONE
SONO DISPONIBILI QUI DI SEGUITO:


LA REGISTRAZIONE INTEGRALE DELLA TRASMISSIONE È DISPONIBILE QUI

"La scuola contro Renzi", una pagina speciale qui
VENERDI 10 A PAGINA 3 LA TRASMISSIONE QUOTIDIANA DI RAI RADIO 3, EDOARDO CAMURRI HA SEGNALATO L'USCITA DEL NUMERO 13 DI LEFT, E HA DATO LETTURA INTEGRALMENTE DELL'INTERVISTA DI SIMONA MAGGIORELLI CHE È PUBBLICATA IN QUESTO NUMERO. IL PODCAST DELLA TRASMISSIONE È DISPONIBILE QUI

 IL SITO QUI
IL PROGRAMMA COMPLETO QUI
UN SET DI IMMAGINI DELL'EVENTO È DISPONIBILE QUI
immagini di Alessandro Mazzetta

 
SABATO 11 SU RADIO RAI 3 È STATA TRASMESSA
LA SECONDA PUNTATA DI CHI HA UCCISO GREGOR SAMSA?. INDAGINE SU KAFKA
sono intervenuti Giacomo Marramao ed Enrico Ganni

La pagina web, con la registrazione della prima puntata: qui
m
SABATO 4 APRILE ERA ANDATA IN ONDA LA PRIMA PUNTATA
LA REGISTRAZIONE È DISPONIBILE QUI.
 

Si ringraziano Barbara Calvetta e Maria Grazia Carmignani


Martedì 24 marzo 2015 a Milano
nella sede della Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele
sì è tenuta una Giornata di studio sul tema

"Antisemitismo e antigiudaismo nel pensiero filosofico"
A partire dal recente libro di Donatella Di Cesare,

Heidegger e gli ebrei. I «Quaderni neri» (Bollati Boringhieri 2014)
Sono intervenuti
Prof.ssa Donatella Di Cesare, Università degli studi di Roma “La Sapienza”
Prof.ssa Roberta De Monticelli, Università Vita-Salute San Raffaele
Prof. Vincenzo Vitiello, Università Vita-Salute San Raffaele
Dott. Giacomo Petrarca, Università Vita-Salute San Raffaele
Dott. Francesco Valagussa, Università Vita-Salute San Raffaele

LA REGISTRAZIONE, IN QUATTRO PARTI, È DISPONIBILE QUI

si ringrazia Francesco Maiorano
Phenomenology Lab 11.4.15
Sui “Quaderni neri” di Martin Heidegger – Il dibattito continua
Il Convegno Internazionale che si terrà prossimamente all’Università di Siegen su “Quaderni neri” di Heidegger
qui
si ringrazia Francesco Maiorano














di Gloria Gabrielli
TUTTI I GIORNI QUI


OGGI A ROMA:
LA LOCANDINA-PROGRAMMA DELL'EVENTO
 A GRANDEZZA NATURALE È DISPONIBILE QUI
LE PRENOTAZIONI HANNO GIÀ ESAURITO I POSTI DISPONIBILI PER L'INGRESSO
m

MATTEO FAGO IL 15 APRILE ALLA FELTRINELLI ORLANDO DI ROMA
con Alessandra Grimaldi, Laurie Elie e Emanuele Santi

Si ringrazia Rossana Cecchi

LE REGISTRAZIONI DELLE PRESENTAZIONI PIÙ RECENTI
DEI LIBRI PUBBLICATI DA L'ASINO D'ORO EDIZIONI
QUI DI SEGUITO, CLICCANDO SU "CONTINUA A LEGGERE"


SEGNALAZIONI NELLE SUE SCELTE EDITORIALI ESPRIME GLI ORIENTAMENTI DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE AMORE E PSICHE 
E PUBBLICA I CONTENUTI CHE RITIENE COERENTI CON TALI ORIENTAMENTI. Segnalazioni” è un weblog di informazioni segnalazioni e stralci dalla stampa e dal web. Per inviare un articolo una segnalazione un’informazione, per suggerimenti e richieste, scrivici un’e-mail al nostro indirizzo:SEGNALAZIONI.BOX@GMAIL.COM
In questa pagina sono disponibili i post pubblicati più di recente. Per contenuti di periodi precedenti cerca negli Archivi - se conosci la data che ti interessa - altrimenti utilizza il box di ricerca di “Google” qui a sinistra.
Questo weblog è pubblicato nell’osservanza degli articoli 65 e 70 della Legge 633.41 e della Licenza Creative Commons (qui a sinistra). Le immagini e la grande maggioranza  dei testi sono state scaricati da Internet e quindi ritenuti di dominio pubblico. Se si desidera chiederne la rimozione è sufficiente scrivere alla redazione. Pagine ottimizzate per Firefox 13.
CHIUNQUE È LIBERO DI TRARRE DA “SEGNALAZIONI” MATERIALI DA PUBBLICARE SUI SOCIAL NETWORK COME FACEBOOK E SULLE PROPRIE PAGINE WEB O ALTROVE ED È ANZI INVITATO A FARLO. È RICHIESTO PERÒ CHE CHIUNQUE LO FACCIA CITI SEMPRE “SEGNALAZIONI” COME FONTE, E PUBBLICHI ANCHE UN LINK ALLA PAGINA ORIGINALE.
TUTTE LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE DI AVVISI E COMUNICAZIONI DI EVENTI CULTURALI CONCERTI MOSTRE SPETTACOLI INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI E SINGOLI COLLEGATI ALLA NOSTRA RICERCA - SEMPRE GRADITE - SONO GESTITE SEPARATAMENTE E COMPARIRANNO SU “SPAZI”. LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE VANNO INVIATE - ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA - ALL’INDIRIZZO: SPAZI.BOX@GMAIL.COM


Rai Storia

Eco della Storia - Franco Basaglia e la legge 180
ospite in studio John Foot autore del recente libro "La repubblica dei matti", con riferimenti all'attuale chiusura dei OPG e ai nuovi REMS
La registrazione è disponibile qui
Si ringrazia Giorgio Bittau


Agenzia DIRE 8.4.15
Da Ap e Pd ddl su iscrizione anagrafe feto 'nato morto'

Roma, 8 apr. - Riconoscere il diritto di iscrizione all'anagrafe del feto 'nato morto'. Mira a questo il disegno di legge che sara' presentato nel corso di una conferenza stampa che si svolgera' martedi' alle 14, nella sala 'Caduti di Nassirya' del Senato, dai senatori Aldo Di Biagio (Ap) e Laura Puppato (Pd). Durante l'incontro si discutera' "della dignita' civile del bambino 'nato morto' e delle potenziali evoluzioni normative in materia".
L'iscrizione all'anagrafe di un figlio nato morto, spiega Di Biagio, "indipendentemente dalla sua eta' gestazionale, rappresenta un riconoscimento eticamente e normativamente inderogabile, oltre a configurarsi come uno strumento di tutela e di rispetto verso i genitori che hanno perso un figlio". Al momento, aggiunge, "esiste un vuoto normativo che intendiamo colmare proprio con queste norme, che rispondono anche ad una precisa richiesta della societa' civile, che attraverso gli strumenti di partecipazione e sollecitazione popolare ha lanciato una petizione la quale chiede proprio una rettifica normativa in questo senso".
Alla conferenza, oltre ai due firmatari del ddl, interverranno Andrea Napoli, presidente dell'associazione 'Pensiero Celeste', e l'avvocato Anton Giulio Lana, segretario generale dell'Unione Forense per i diritti dell'uomo.
(Com/Cds/Dire)
Vedi qui
Riceviamo e pubblichiamo in proposito una lettera inviata all’Ordine dei medici di Roma da quattro psichiatri psicoterapeuti:
L’8 aprile u.s. dal servizio di newsletter offerto dall'Ordine Provinciale di Roma dei Medici, in qualità di iscritti, abbiamo ricevuto una mail che riportiamo qui sopra per intero, riguardante una proposta di legge per l'iscrizione all'anagrafe del “feto nato morto”.
L’importanza del tema trattato, le sue implicazioni sulla vita di tante coppie e la diffusione attraverso un servizio informativo di un ordine a cui apparteniamo ci ha spinto a scrivere questo commento.
La notizia veniva cosi presentata “Riconoscere il diritto di iscrizione all'anagrafe del feto 'nato morto'. Mira a questo il disegno di legge che sara' presentato nel corso di una conferenza stampa che si svolgera' martedi' alle 14.”
Appare come se chi scrive aderisse all’idea dei firmatari del disegno di legge e venisse dato per scontato che la dizione “nato morto” abbia un senso logico.
Questa posizione ci sembra quanto meno criticabile sul piano scientifico.
Infatti il feto non è nato e quindi non può morire. Un bambino che è nato può morire. Tra l’altro questa distinzione è alla base delle diverse docimasie ovvero delle prove con cui si stabilisce se in presenza di un neonato trovato morto questo avesse o meno respirato e quindi eventuali soggetti coinvolti debbano essere accusati di infanticidio oppure di aborto procurato.
Questa prassi della medicina legale trova la sua naturale spiegazione scientifica nella Teoria della nascita di Massimo Fagioli.
Alla nascita la stimolazione della retina da parte della luce (fotoni) produce l’attivazione del cervello e la formazione del pensiero umano come capacità di immaginare (Massimo Fagioli (1972), Istinto di morte e conoscenza,  L’Asino d’oro, 2010.)
Pertanto come successivamente confermato da diverse evidenze sperimentali (vedi ad es. M. G. Gatti, E. Becucci, F. Fargnoli, Massimo Fagioli, U. Ådén, G. Buonocore, Functional maturation of neocortex: a base of viability, The Journal of Maternal-Fetal and Neonatal Medicine, 2012; 25(S(1)): 101–103) c’è una differenza fondamentale tra neonato e feto. Quest’ultimo non ha neanche la possibilità di vita se viene estratto dall’utero prima della 24 ma settimana di gestazione.
Anche rendendoci conto del dolore cui possono andare incontro dei genitori che si trovano ad affrontare l'esperienza difficile di una gravidanza che non è andata a buon fine, non possiamo che restare perplessi di fronte ad un comunicato di questa natura dell'Ordine dei medici di Roma che dovrebbe riservarsi una posizione laica nonché strettamente scientifica rispetto a tali questioni.
Invece viene promossa un’ideologia che annullando secoli di storia sembra intenzionata a riportarci indietro nel tempo: già a partire dal Codice Napoleonico è presente una distinzione legale tra il feto abortito e il bambino nato e successivamente morto.
Crediamo che l'Ordine dei medici dovrebbe rappresentare tutti gli iscritti nonché tutelare i diritti reali dei pazienti. L'etica medica ha anche il dovere di tutelare la salute fisica e psichica delle persone, che, in piena conformitá con la norma di legge, si trovano a decidere se ricorrere o meno  all'interruzione volontaria di gravidanza che non può essere equiparata al figlicidio.
Questo perché appunto il feto non è nato e non è un bambino.
Ci auguriamo pertanto che l’Ordine dei medici di Roma si renda promotore di iniziative di confronto scientifico e culturale su tali questioni.


Ludovica Costantino, Psichiatra Psicoterapeuta
Eva Gebhardt, Psichiatra Psicoterapeuta
Manuela Petrucci, Psichiatra Psicoterapeuta
Luca Giorgini, Psichiatra Psicoterapeuta
CFR ANCHE:
InformArezzo 29.1.13
E Renzi inaugura il cimitero dei feti...

qui
Una nota della WPA (l’Associazione Mondiale di Psichiatria) sul caso Lubitz - Germanwings:
Andrea Raballo ci segnala che la WPA (l’Associazione Mondiale di Psichiatria) ha dato diffusione ad una dichiarazione della DGPPN (cioè la Società tedesca di Psichiatria, Psicoterapia, Psicosomatica e Malattie Nervose) relativa al caso Lubitz
Si tratta di una articolata nota ufficiale, significativamente intitolata "Statement on the crash of flight 4U9525".
Pur essendo ampiamente condivisibile l'obiettivo di tutelare i malati spesso stigmatizzati dall'opinione pubblica come aprioristicamente violenti e  pericolosi, in questa nota è assente una riflessione sui nessi tra aggressività/pericolosità e malattia mentale che proprio dagli eventi del volo Germanwings si evidenziano.
Il documento della WPA à disponibile qui
DONATELLA DI CESARE SU FACEBOOK:
 Oggi nel primo pomeriggio sulla bacheca di Donatella Di Cesare era comparso questo post: "Il povero Emmanuelle Faye, che ha fatto della lotta contro Heidegger la sua missione di vita, per non parlare dei suoi luogotenenti italiani, o vari fagiolini e Livia Profeti, non perde occasione per diffamare e parlare a vuoto".
Successivamente l'ha modificato così : "Emmanuelle Faye, che ha fatto della lotta contro Heidegger la sua missione di vita, non perde occasione per diffamare e parlare a vuoto".
Si ringrazia Daniele De Perto



SULLA STAMPA DI OGGI:

il Fatto 18.4.15
Maurizio Landini (Fiom)
“Marchionne riporta gli operai agli anni ‘50”
di Salvatore Cannavò
qui
La Stampa 18.4.15
Cofferati: Pd al di là del bene e del male
“È falso che non toccasse a Paita intervenire per dare l’allerta. Partito ormai arrogante In Liguria non ci sarà maggioranza per governare. Incredibile l’intervento di Bagnasco”
di Jacopo Iacoboni
qui

Corriere 18.4.15
La tentazione a sinistra di costruire un nuovo partito
di Paolo Franchi
qui
Corriere 18.4.15
Numeri stretti e contatti tra i «nemici» Il segretario dovrà usare la fiducia
Esponenti del Pd con Forza Italia e M5S puntano a pochi emendamenti chiave
Perché la fiducia sull’Italicum sarà la scelta finale
di Francesco Verderami
qui
Corriere 18.4.15
Una mediazione al ribasso mette in tensione la minoranza Pd
di Massimo Franco
qui

Repubblica 18.4.15
Gianni Cuperlo “Sì ad un confronto sulla composizione del Senato
Ci dividerebbe? Non avrebbe senso immolarsi sull’altare delle preferenze, a me interessa la Costituzione
“Vedere per credere Renzi parli alle Camere se cambia la riforma diciamo sì all’Italicum”
Non voglio pensare che la legge elettorale serva così com’è per accelerare nuove elezioni. Quello sì è un tuffo nel passato
intervista di Giovanna Casadio
qui

Repubblica 18.4.15
La sindrome atlantica e lo stagno dell’Italicum
Riforma del Senato, il sasso lanciato da Renzi è un tentativo di fermare la lacerazione del Pd
di Stefano Folli
qui
Corriere 18.4.15
Un Paese che deve fare da solo
di Fiorenza Sarzanini
qui

Repubblica 18.4.15
“Il nostro viaggio a vuoto nel labirinto eterologa”
L’Italia non è ancora un Paese per donatori
di Tiziana De Giorgio e Matteo Pucciarelli
qui

Repubblica 18.4.15
L’enigma di Tsipras
di Federico Fubini
qui

Corriere 18.4.15
Tra Israele e Unione Europea scatta la guerra dell’etichetta
Sedici Paesi chiedono a Mogherini di far segnalare i prodotti delle colonie
di Francesco Battistini
qui

Corriere 18.4.15
Guerra fredda, che nostalgia
Sergio Romano sottolinea che la contrapposizione bipolare garantiva l’ordine mondiale
di Franco Venturini
più tardi qui

Corriere 18.4.15
La Bibbia, Sofocle, Rimbaud: i libri che mi hanno cambiato la vita
di Guido Ceronetti
qui

La Stampa 18.4.15
Gauguin
L’ansia di dipingere l’Eden perduto
Alla Fondazione Beyeler di Basilea una grande mostra ripercorre l’epopea dell’artista tra la Bretagna e Tahiti
di Rocco Moliterni
qui

Il giorno 11 aprile scorso su il Fatto era pubblicato un intervento di Furio Colombo a proposito della celebrazione della Liberazione a Roma, questo prossimo 25 aprile.
Il testo di quell'intervento è disponibile qui di seguito:
il Fatto 11.4.15
Con chi vai a celebrare il 25 aprile?
risponde Furio Colombo
qui
Quel giorno gli avevamo inviato una lettera (cfr qui), che è disponibile integralmente qui di seguito:
caro Furio Colombo
sono un abbonato al Fatto quotidiano e un membro dell’Anpi di Roma
Ho appena letto il Suo pezzo nella posta di oggi e vorrei farLe una domanda
Lei certamente sa benissimo che la Brigata ebraica nel partecipare alla guerra di liberazione sull’Adriatico era inquadrata nell’8ª Armata dell’Esercito di Sua Maestà Britannica, e naturalmente non era, come invece i Corpi combattenti della Liberazione, al comando del CLN italiano, ma del brigadiere generale canadese Ernest Frank Benjamin. Era quindi parte integrante dell’Esercito alleato, al quale va certamente tutta la nostra eterna riconoscenza, come a tutti coloro, di qualsiasi nazionalità o cultura, che hanno combattuto per la Liberazione d'Italia, ma non certamente il riconoscimento della qualifica di Partigiani combattenti italiani.
Roma, per esempio, come altrettanto certamente lei sa benissimo, dopo una lunga ed eroica lotta partigiana (conoscerà sicuramente il libro di Claudio Fracassi “La battaglia di Roma”) alla fine fu liberata dalla 5ª Armata statunitense del generale Clark. Ora le chiedo: perché un corpo armato dell’esercito britannico avrebbe titolo a partecipare al corteo dell’Anpi - i Partigiani italiani - del 25 aprile con i propri vessilli e un corpo armato dell’esercito statunitense, la 5ª Armata appunto, per esempio, no, e difatti che io sappia, e  diversamente dalla Brigata ebraica, non l’ha mai né preteso né richiesto?
Cordiali saluti
Fulvio Iannaco
Oggi finalmente, 18 aprile - e ormai francamente non ci speravamo più - Furio Colombo ci ha risposto (a noi pare un po' "concitatamente"...) dalle colonne del quotidiano di cui è editorialista.
Ne prendiamo atto, ma purtroppo dobbiamo constatare che Furio Colombo non riporta la nostra lettera integralmente, e così a nostro avviso ne falsa seriamente il contenuto, per piegarla alla vis polemica:
il Fatto 18.4.15
Ancora l'Anpi  e la Brigata ebraica
risponde Furio Colombo
qui

venerdì 17 aprile 2015

SULLA STAMPA DI VENERDI 17:


















il Giornale 16.4.15
Heidegger? Simpatico come Mussolini
di Bruno Giurato
qui

 



Corriere 17.4.15
Violenza sessuale, in appello pena aumentata per don Barin
Il verdetto: cinque anni e quattro mesi, un anno e quattro mesi in più rispetto al primo grado
L’ex cappellano di San Vittore accusato di abusi sessuali sui detenuti
qui

giovedì 16 aprile 2015

SULLA STAMPA DI GIOVEDI 16:









Repubblica 16.4.15
Dietro l’Italicum l’incognita elettorale dell’antipolitica
Con la probabile scomparsa di un centrodestra competitivo, lo scontro sarà con le forze antisistema
di Stefano Folli
qui