martedì 26 settembre 2017

Scrivi a segnala.box@gmail.com


ULTIMO AGGIORNAMENTO
MARTEDI 26 SETTEMBRE ALLE ORE 20:00.
LA CONSUETA RASSEGNA DELLA STAMPA SU "SEGNALAZIONI" È DISPONIBILE QUI DI SEGUITO
I CONTENUTI APERIODICI DI "SEGNALAZIONI" CONTINUANO AD ESSERE DISPONIBILI
A PARTIRE DA QUI


DOMENICA 24 SETTEMBRE
IN DIRETTA STREAMING DALLA LIBRERIA FELTRINELLI APPIA DI ROMA
"SEGNALAZIONI" HA TRASMESSO:

LA PRESENTAZIONE DI
DOMENICA 24 SETTEMBRE A ROMA
DI "CONOSCENZA DELL'ISTINTO DI MORTE"
DI MASSIMO FAGIOLI
L'ASINO D'ORO EDIZIONI
UNA PRODUZIONE ASSOCIAZIONE AMORE E PSICHE
UNA REALIZZAZIONE  MAWIVIDEO
SI RINGRAZIA WILLIAM SANTERO 

SU "LA STAMPA" E SU "ROBINSON" DI "LA REPUBBLICA) DI DOMENICA 24 SETTEMBRE: DUE GRANDI PAGINE SULLA POSIZIONE DI PRIMISSIMO PIANO DI "CONOSCENZA DELL'ISTINTO DI MORTE" NELLA CLASSIFICA DEI LIBRI IN COMMERCIO
VEDI TUTTO QUI DI SEGUITO
Giovanni Senatore, ufficio Stampa L'Asino d'oro edizioni

È IN LIBRERIA


Il racconto della cinquantennale ricerca sul pensiero non cosciente, rivolto alla platea universitaria, attraversa le epoche indagando come la filosofia e la cultura hanno affrontato la realtà mentale oltre la veglia e la coscienza.

È un professore molto particolare, che parla per ore davanti a centinaia di studenti e tesse i fili della storia dell’uomo, indagando sugli inizi del pensiero degli esseri umani, Massimo Fagioli, per il quale l’origine va cercata nelle immagini senza parola, come quelle dipinte sulle pareti delle caverne preistoriche oltre trentamila anni fa. 

L’idea che siano state donne le prime artiste dell’umanità, Fagioli, scomparso il 13 febbraio scorso all’età di 85 anni, la porge generosamente alla platea universitaria, che silenziosa e attenta ascolta la storia della ricerca che ha segnato la sua intera esistenza di medico e di scienziato. In Conoscenza dell’istinto di morte lo psichiatra dell’Analisi collettiva individua i nessi tra le varie epoche, dai primordi ai giorni nostri, interrogando l’arte, il cinema, la filosofia, la medicina per raccontare la sfida epocale al logos e alla religione, da sempre ostili al non cosciente, negato o considerato sede del Male, facendone al contrario il cardine di una teoria che pone l’inizio dell’umano alla nascita come creazione del pensiero dalla realtà biologica.

MASSIMO FAGIOLI Medico, specializzato in neuropsichiatria, dopo diversi anni di lavoro come psichiatra che cercava una psicoterapia delle psicosi, propose nel 1971 il risultato delle sue esperienze e della sua formazione con il libro Istinto di morte e conoscenza che suscitò clamorose reazioni. Poi con La marionetta e il burattino (1974) e Teoria della nascita e castrazione umana (1974) e Bambino donna e trasformazione dell’uomo (1979) confermò tutta l’impostazione della Teoria. Dal 1975 ha tenuto una particolarissima psicoterapia di gruppo nota come Analisi collettiva con migliaia di partecipanti e che, tra l’altro, ha formato centinaia di psichiatri e di psicoterapeuti. È autore di ventitré libri. Dal 2006 al 2016 ha firmato una rubrica sul settimanale “left”, le cui raccolte sono diventate una collana della casa editrice. Alcuni suoi corsi universitari sono raccolti nei volumi Storia di una ricerca, Una vita irrazionale, Das Unbewusste. L’inconoscibile, Fantasia di sparizione, Il pensiero nuovo, L’uomo nel cortile, Settimo anno, Religione, Ragione e LIBERTA’, L’IDEA della nascita umana, Materia energia pensiero.
Giovanni Senatore  - Ufficio stampa L'Asino d'oro

IL NUMERO 3-2007 DE "IL SOGNO DELLA FARFALLA"
SI PUÒ ACQUISTARE QUI

























VENERDI 16 GIUGNO 2017 È STATA TRASMESSA IN DIRETTA STREAMING
DA PIAZZA SAN COSIMATO IN ROMA
LA PRESENTAZIONE DEL NUMERO SPECIALE DI "IL SOGNO DELLA FARFALLA"
DEDICATO A MASSIMO FAGIOLI
LA REGISTRAZIONE INTEGRALE DELL'EVENTO È DISPONIBILE QUI DI SEGUITO 




Il video è stato prodotto dall'Associazione culturale Amore e Psiche
Le riprese sono state realizzate da Mawivideo
(si ringraziano William Santero, Daniele Carlevaro, Arianna Rossini, Mario Cirillo, Matteo Bendinelli e Luciano Proia)
La diffusione sul blog e sul web è stata garantita dal team di "Segnalazioni"
È adesso disponibile la versione in Alta Qualità

Interventi inediti in occasioni pubbliche, scritti, interviste televisive. Selezionati dal 2010 a oggi. La rivista Il Sogno della Farfalla dedica un numero speciale a Massimo Fagioli, scomparso il 13 febbraio scorso, che verrà presentato venerdì 16 giugno 2017 in piazza San Cosimato, dalle ore 17.00 a Trastevere, dove nel grande studio di via Roma Libera, lo psichiatra dell’Analisi collettiva ha svolto “per quattro ore al giorno, quattro volte a settimana, per più di quarantuno anni”, quella particolare psicoterapia di centinaia di persone, libera e gratuita, iniziata nel 1975 e unica nel suo genere. Fondata nel 1992, Il Sogno della farfalla, rivista trimestrale di psichiatria e psicoterapia, diretta da Andrea Masini, con il contributo del comitato editoriale composto da oltre 150 psichiatri e psicoterapeuti, si è avvalsa, fin dagli inizi, della ricerca teorica e della prassi di Massimo Fagioli, autore della Teoria della nascita, pubblicando tra l’altro alcuni suoi articoli fondamentali, a partire dagli scritti del 1962. Il numero speciale dedicato a Fagioli, che aveva firmato il primo articolo della rivista, oltre a disegnare la prima e poi l'attuale copertina, creata per il ventennale nel 2012, costituisce “a nostro parere - scrivono nell’editoriale Francesca Fagioli e Andrea Masini -, un materiale prezioso da conservare perché altri, nel tempo, possano comprendere le sue idee”.
Comunicato stampa dell'Asino d'oro edizioni. A cura di Giovanni Senatore












Un nuovo movimento culturale, scientifico, umanistico.




Domenica 21 maggio Francesca Fagioli è stata intervistata
da RaiNews24. L'intervista è andata in onda alle ore 22:45
dello stesso giorno.
si ringrazia Mario Cirillo

DOMENICA 21 MAGGIO 2017, SALA 500 DEL LINGOTTO DI TORINO
OMAGGIO A MASSIMO FAGIOLI


Domenica 21 maggio 2017 in aggiunta alla Sala 500 del Lingotto di Torino sono state collegate in diretta streaming anche altre due sale attigue e lo stand dell'Asino d'oro edizioni.
La registrazione dell'evento è disponibile qui.
I collegamenti in diretta streaming con Torino sono stati più di undicimila.

Il video è stato prodotto dall'Associazione culturale Amore e Psiche
Le riprese sono state di Mawivideo
La diffusione sul blog garantita dal team di "Segnalazioni"

Venerdì 19 maggio 2017 torna nelle librerie "Istinto di morte e conoscenza",
il capolavoro teorico di Massimo Fagioli per L'Asino d'oro edizioni.

Torna in libreria a distanza di 47 anni dalla prima edizione il capolavoro teorico di Massimo Fagioli, lo psichiatra dell’Analisi collettiva, di recente scomparso, che con Istinto di morte e conoscenza, scritto nel 1970 e nel 2010 pubblicato da L’Asino d’oro in una nuova edizione, ha rivoluzionato dalle fondamenta la conoscenza sulla mente umana, a partire dalla scoperta dell’origine biologica del non cosciente.
 
Il libro ha raggiunto in quasi cinquant’anni di esistenza una diffusione di decine di migliaia di copie, affermandosi come testo all’avanguardia della psichiatria moderna, in ambienti culturali e scientifici internazionali, oltreché sui mass media, in televisione e sui giornali.
 
Il volume contiene le idee e le scoperte fondamentali che Fagioli pone alla base dell’elaborazione della Teoria della  nascita, in seguito sviluppata e approfondita, nel 1974, in altri due volumi (La marionetta e il burattino e Teoria della nascita e castrazione umana) e poi completata nel 1979 da un quarto libro (Bambino, donna e trasformazione dell’uomo).
 
In Istinto di morte e conoscenza, Fagioli delinea la scoperta sull’origine del pensiero umano, come realtà non cosciente del neonato che inizia quando la luce, attraverso la retina, attiva la sostanza cerebrale e, in un attimo senza tempo, la pulsione contro la realtà circostante, con la vitalità, creano dal feto l’essere umano.
 
Uscito nel 2011 in lingua tedesca (Todestrieb und Erkenntnis), il libro è in corso di traduzione in inglese, in francese e in cinese. Una edizione del libro in portoghese sta per uscire in Brasile.
MASSIMO FAGIOLI
Medico, specializzato in neuropsichiatria, dopo diversi anni di lavoro come psichiatra che cercava una psicoterapia delle psicosi, propose nel 1971 il risultato delle sue esperienze e della sua formazione con il libro Istinto di morte e conoscenza che suscitò clamorose reazioni. Poi con La marionetta e il burattino (1974) e Teoria della nascita e castrazione umana (1974) e Bambino donna e trasformazione dell’uomo (1979) confermò tutta l’impostazione della Teoria. Dal 1975 al 2016 ha tenuto una particolarissima psicoterapia di gruppo nota come Analisi collettiva con migliaia di partecipanti e che, tra l’altro, ha formato centinaia di psichiatri e di psicoterapeuti. È autore di ventitré libri. Dal 2006 al 2017 ha firmato una rubrica sul settimanale “left”, le cui raccolte sono diventate una collana della casa editrice. Alcuni suoi corsi universitari sono raccolti nei volumi “Storia di una ricerca”, “Das Unbewusste. L’inconoscibile”, “Una vita irrazionale”, “Fantasia di sparizione”, “Il pensiero nuovo”, “L’uomo nel cortile”, “Settimo anno”, “Religione, Ragione e Libertà”, “L’idea della nascita umana” e “Materia energia pensiero”.
Comunicato stampa dell'Asino d'oro edizioni. A cura di Giovanni Senatore



«Reazione, pulsione, vitalità, creazione, esistenza, tempo, capacità di immaginare.
Forza, movimento, suono, memoria, certezza che esiste un seno.
Percezione cosciente, fantasia, linea, senso, volto»
Massimo Fagioli sul n. 27/2016 di LEFT

«Una lotta, senza armi, soltanto rivoluzione del pensiero e parola»
Massimo Fagioli sul n°49/2008 di LEFT

«Una posizione personale di realizzazione umana completa nel senso di vivere una disponibilità per gli altri senza secondi fini di vantaggi materiali o di vantaggi psicologici».
Massimo Fagioli, Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.248

«Troppo difficile per loro la comprensione della dialettica, troppo pesante il conflitto di sentirsi cattivi nel momento del rifiuto.Troppo lontano, da loro, l’interesse per gli altri, troppo povero l’amore per volere una realtà degli uomini diversa dall’attuale».
Massimo Fagioli, Premessa alla quinta edizione di Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.43

«Una ricerca affascinante per il superamento del comunismo»
Massimo Fagioli, in "Bologna 2010" left n.45 19.11.2010

«Origine materiale. Facile a dirsi. Poi, andando a fondo, si scopre che è difficile, difficilissimo nonostante più di 100 anni di materialismo storico ateo, più di 200 dall'illuminismo ugualmente ateo. È che accettare realmente, nell'inconscio, come realizzazione psichica profonda, e non soltanto come sbandieramento di un concetto astratto o come dovere di coerenza cosciente, l'origine materiale, innanzitutto la propria, significa subito accettare la fine di questa propria realtà materiale. Significa cioè rinunciare all'idea di eternità, spiritello maligno nascosto nella mente di tante persone.
Tutti vogliono restare, nessuno sa accettare di andarsene dopo essere stato ed aver fatto. L'annullamento della nascita, della prima e fondamentale separazione, conduce poi a non fare e non accettare più separazioni mai e da nessuno. Conduce a vivere come se il tempo non passasse, come se si fosse sempre nello stato di prima. Ogni novità, personale, sociale, storica, culturale, viene continuamente annullata. Perché la novità mette in crisi lo status, la norma, e lo rende passato. Lo mette da parte. E si scatena il conflitto e la lotta tra il nuovo e coloro che non sanno modificarsi. Coloro che non riescono ad aprirsi ad una recettività per rapportarsi a quanto prima non c'era.
L'uomo che non ha scoperto la nascita non riesce ad accettare nessuna nascita, resta sempre conservatore, reazionario, ovvero reagisce con l'annullamento di fronte ad ogni nuovo che compare. Non accetta neppure i propri nati, li distrugge, li fa impazzire».
Massimo Fagioli, in Bambino donna e trasformazione dell’uomo. Risposta alla Domanda n. 16

«E qui c'è la grande storia nostra, perché non c'è stata mai la differenza, non è mai stata fatta nella storia: occorre distinguere nettamente la figura del ricordo cosciente dalla creazione dell'immagine mentale»
dall'intervista a Massimo Fagioli contenuta in Attacco all'arte di Simona Maggiorelli, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2017, pag. 143

«Il tempo della vita umana che inizia con la nascita non è il tempo del feto che si forma nell’utero. Il tempo del movimento della realtà biologica rientra nella realtà dell’universo. Poi accade quanto detto: il giungere della luce sulla retina provoca la realizzazione di una realtà non materiale denominata pulsione. Una realtà non materiale che è la base del pensiero umano».
Left n°2/2017 


“Segnalazioni” è un weblog di informazioni segnalazioni e stralci dalla stampa e dal web. 
Per segnalarci qualcosa, per inviare un articolo, un’informazione, per suggerimenti e richieste,
scrivici un’e-mail al nostro indirizzo: SEGNALA.BOX@GMAIL.COM.
In questa pagina sono disponibili i post pubblicati più di recente.
Per contenuti di periodi precedenti cerca negli Archivi - se conosci la data che ti interessa - altrimenti utilizza il box di ricerca di “Google” qui a sinistra.
Questo weblog è pubblicato nell’osservanza degli articoli 65 e 70 della Legge 633.41 e della Licenza Creative Commons (qui a sinistra).
Le immagini e la grande maggioranza  dei testi sono state scaricati da Internet e quindi ritenuti di dominio pubblico. Se si desidera chiederne la rimozione è sufficiente scrivere alla redazione. Pagine ottimizzate per Firefox 53.0
CHIUNQUE È LIBERO DI TRARRE DA “SEGNALAZIONI” MATERIALI DA PUBBLICARE SUI SOCIAL NETWORK O ALTROVE ED È  INVITATO A FARLO,
MA CITANDO SEMPRE “SEGNALAZIONI” COME FONTE, E PUBBLICANDO  UN LINK ALLA PAGINA ORIGINALE.
TUTTE LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE DI AVVISI E COMUNICAZIONI DI EVENTI CULTURALI  SONO GESTITE SEPARATAMENTE E COMPARIRANNO SU “SPAZI”.
LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE VANNO INVIATE - ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA - ALL’INDIRIZZO: SPAZI.BOX@GMAIL.COM

LEFT N.37.2017 DA SABATO 23 SETTEMBRE NELLE EDICOLE
PER TUTTA LA SETTIMANA
LEGGI QUI

L’Espresso 21.9.17
Il documento
Perché donne e migranti hanno aiutato l'Unione Europea a uscire dalla crisi
«Nell’area dell’euro durante la ripresa l’immigrazione ha dato un ampio contributo positivo alla popolazione in età lavorativa» è scritto nel bollettino della Bce pubblicato il 21 settembre. Non solo: per i ricercatori dell'Eurotower un ruolo fondamentale è stato ricoperto dall'occupazione femminile
qui

Corriere della Sera Economia
La Bce: «Su Qe e misure straordinarie decisione in autunno»
«crescente partecipazione»
(...) L’aumento della forza lavoro è trainato dalla «crescente partecipazione» delle donne. «Proseguendo un trend di lungo periodo, - si legge - l’aumento della forza lavoro durante la ripresa economica è stato trainato dalla partecipazione femminile. Se l’aumento della percentuale di persone appartenenti a fasce d’età più elevate caratterizza entrambi i generi, per le donne la crescita del tasso di partecipazione nel corso della ripresa è stata più sostenuta, mentre il calo della forza lavoro in piena età lavorativa (tra i 25 ed i 54 anni di età) è stato più contenuto. L’aumento del tasso di partecipazione femminile e il modo in cui tale partecipazione differisce da quella maschile sono riconducibili in larga parte alle divergenze esistenti fra il livello di istruzione degli uomini e quello delle donne».(...)
qui

Rai NeWs Economia 21.9.17
Bce, Pil in rialzo. La ripresa possibile grazie a contributo degli immigrati Positivi i dati sull'occupazione grazie al contributo della manodopera di immigrati e donne
qui

Leonardo 219.17
Bce, ripresa merito di immigrazione e partecipazione femminile
Di Alessio Cappuccio
qui
&

"Nel momento in cui il buio, il nulla può essere reso non-realtà l’uomo trova la sua gioia e la sua sicurezza. Quando il buio è una realtà fisica esterna e non una realtà interiore. Quando è una esteriorità. Nel momento in cui l’uomo può realizzare che la propria fantasia di sparizione non fa veramente buio. Nel momento in cui può liberarsi dell’onnipotenza del proprio istinto di morte. Renderlo illusione, non realtà umana. Quando l’uomo riesce a svuotare del contenuto il fantasma, che è un contenuto definito onnipotenza. Quando cioè rende il buio apparenza di buio e di non essere e non realtà di buio e di non essere."

(da "La marionetta e il burattino" di Massimo Fagioli L'Asino d'oro edizioni 2011, p.266)


La battaglia per l'aborto farmacologico 
La associazione, AMICA, assieme all'Associazione Luca Coscioni e all'AIED, ha elaborato una raccolta di firme attorno a una petizione
FIRMA ANCHE TU QUI

LA REGISTRAZIONE DELLA CONFERENZA STAMPA DEL 21 SETTEMBRE È DISPONIBILE QUI:
http://webtv.camera.it/conferenze_stampa
ringraziamo Giuliano Latini che ce la ha inviata
 
























RADIO 3 SCIENZA 21.9.17
Novità del passato
Sapiens e Neandertal si sono accoppiati? Probabilmente sì. E adesso recenti ricerche sull’antico DNA umano ci dicono dove e quando sarebbero avvenuti quegli incroci. E poi l’uomo di Naledi, l’ultima specie umana scoperta in ordine di tempo, non ha 2 milioni di anni, come stimato in precedenza, ma è molto più recente. Sono alcune delle novità che ci racconta Giorgio Manzi, paleoantropologo alla Sapienza università di Roma, nel libro Ultime notizie sull’evoluzione umana (Il Mulino, 2017).
Al microfono Paolo Conte
La registrazione della puntata è disponibile qui
si ringrazia Roberta Mancini 

RAI TRE







Il Mondo di Antonio Gramsci | Pantheon del 23/09/2017 PRIMA PUNTATA
GRAMSCI ANTONIO DETTO NINO
di Francesco Niccolini e Fabrizio Saccomanno
Conduce in diretta Lorenzo Pavolini da Piazza San Francesco
Gramsci Antonio detto Nino racconta frammenti della vita di uno degli uomini più preziosi del Novecento.
Vita assolutamente privata: sullo sfondo, e solo sullo sfondo, il tormentoso rapporto con il PCI e l'internazionale socialista, le incomprensioni con Togliatti e Stalin. E l'ombra di Benito Mussolini.
In primo piano invece la feroce sofferenza di un uomo che il fascismo vuole spezzare scientificamente, che vive una disperata solitudine, e in dieci anni di prigionia, giorno dopo giorno, si spegne nel dolore e nell'assenza delle persone che ama: la moglie Julka, i figli Delio e Giuliano. Il primo lo ha visto piccolissimo, il secondo non lo ha nemmeno mai conosciuto.
qui

REPUBBLICA, DOMENICA 24 SETTEMBRE...




























Repubblica 24.10.17
Prenderla con filosofia
Da Socrate a Platone, da Montaigne a Kant: le idee dei grandi pensatori escono dalle aule accademiche per aiutarci a vivere meglio. È la via della consulenza filosofica, una disciplina sempre più diffusa. Ecco come si pratica e cosa la distingue dalla psicoterapia
di Donata Romizi
VEDI QUI DI SEGUITO IL DOSSIER DI "REPUBBLICA" DI DOMENICA 24 SETTEMBRE SULLA "CONSULENZA FILOSOFICA"

Repubblica 24.10.17
Il bene e il male davanti al semaforo
Passare con il rosso di notte? È uno dei tanti quesiti che pongono un tema universale. Di questo si occupa la nuova disciplina: l’obiettivo non è guarire l’individuo ma offrirgli una prospettiva diversa
di Federico Capitoni
VEDI QUI DI SEGUITO IL DOSSIER DI "REPUBBLICA" DI DOMENICA 24 SETTEMBRE SULLA "CONSULENZA FILOSOFICA"

Repubblica 24.10.17
Piccola guida ai metodi
Da soli o con gli altri una modalità per ogni esigenza
VEDI QUI DI SEGUITO IL DOSSIER DI "REPUBBLICA" DI DOMENICA 24 SETTEMBRE SULLA "CONSULENZA FILOSOFICA"

Repubblica 24.10.17
Piccola guida ai gruppi
Le associazioni alle quali ci si può rivolgere
VEDI QUI DI SEGUITO IL DOSSIER DI "REPUBBLICA" DI DOMENICA 24 SETTEMBRE SULLA "CONSULENZA FILOSOFICA"

Repubblica 24.10.17
Quando soffro uso il pensiero
Nei momenti difficili, come le malattie e i lutti, ho imparato ad “ abitare la distanza”: così l’esercizio filosofico accompagna la mia vita
di Pier Aldo Rovatti
VEDI QUI DI SEGUITO IL DOSSIER DI "REPUBBLICA" DI DOMENICA 24 SETTEMBRE SULLA "CONSULENZA FILOSOFICA"

Repubblica 24.10.17
Per migliorare il mondo basta un po’ di logica
Da Alan Turing che inventò il primo computer a Tony Blair che invase l’Iraq senza prove certe. Due casi agli antipodi che dimostrano l’importanza della filosofia nelle nostre scelte
di Timothy Williamson
VEDI QUI DI SEGUITO IL DOSSIER DI "REPUBBLICA" DI DOMENICA 24 SETTEMBRE SULLA "CONSULENZA FILOSOFICA"

Repubblica 24.10.17
Metti Parmenide alle elementari
“Se l’anima dopo la morte va in un altro corpo, quanto dura il passaggio?”
Parlare di filosofia ai bambini è possibile. Difficile è rispondere
di Nicola Zippel
VEDI QUI DI SEGUITO IL DOSSIER DI "REPUBBLICA" DI DOMENICA 24 SETTEMBRE SULLA "CONSULENZA FILOSOFICA"


SULLA STAMPA DI MARTEDI 26 SETTEMBRE













 il manifesto 26.9.17
Franco De Felice, una vita dedicata a ricostruire il ’900
Il tributo dell’ultimo annale della Fondazione Istituto Gramsci. Il Mezzogiorno, il welfare fra le due guerre, il Pci: questi alcuni dei temi affrontati
di Francesco M. Biscione

qui







Il Fatto 26.9.17
La “Rivelazione”: punto di partenza (duplice) delle religioni monoteiste
Torna in libreria “Veli d’Occidente” di Rosella Prezzo. La trasformazione di un simbolo da una doppia prospettivadi Pietrangelo Buttafuoco

qui

La Stampa 26.9.17
Cercando Dio tra psicanalisi ed ebraismo
di Bruno Quaranta

qui

Repubblica 26.9.17
Dietro il tedio che spesso ci coglie c’è solo depressione o anche creatività?
Dalle ore di scuola a Moravia e Pascal il segreto della noia
di Marco Belpoliti

qui

il manifesto 26.9.17
Quel sasso nello stagno lanciato da Pietro Grasso
Habemus Corpus. Dopo Noemi, 16 anni uccisa dal fidanzato, Elena, 48 uccisa dal marito, e poi ancora le violenze sessuali di Rimini, Firenze, Catania, Roma, a un uomo che è anche la seconda carica dello Stato è sembrato impossibile tacere
di Mariangela Mianiti

qui

Il Fatto 26.9.17
L’ospedale di “Mr. Unità” costa già 10 milioni in più
I lavori - L’opera è gestita dal gruppo Pessina, che fu chiamato a “salvare” il giornale Pd e poi ha sostenuto i candidati di Toti
di Ferruccio Sansa

qui




Il Fatto 26.9.17
In Germania i nazisti sono ritornati nel Bundestag
di Furio Colombo

qui

Corriere 26.9.17
Il «forgotten man» è anche tedesco
Cresce la povertà (come in America)
di Federico Fubini

qui

Corriere 26.9.17
A Ossling uno su due vota l’ultradestra (senza confessarlo) «Via gli stranieri» che però non ci sono
Gli abitanti sono 2.500, zero immigrati
di Elena Tebano

qui

La Stampa 26.9.17
Berlino, eletta una legione di xenofobi e negazionisti
Idee e profili dei deputati dell’estrema destra che entrano nel Parlamento
Così l’AfD sconvolge il Bundestag
Dietro il volto e le idee rassicuranti di Weidel la pattuglia dei duri e puri dall’Est Il leader Gauland accende la polemica: Israele non è un nostro interesse nazionale
di Francesca Sforza

qui

il manifesto 26.9.17
AfD, dopo il botto la prima spaccatura. Lascia la «moderata» Frauke Petry
Xenofobi in parlamento. Contro «la linea di estrema destra», l’ex leader del partito populista cambia gruppo parlamentare
di Guido Caldiron

qui

La Stampa 26.9.17
Ecco chi ha votato AfD
Operai, maschi, artigiani hanno scaricato Angela. La roccaforte è nell’Est senza profughi
di Letizia Tortello

qui

Repubblica 26.9.17
L’ultradestra ora ci crede: “Noi l’alternativa”
di Paolo Berizzi
Il post di Casa Pound su Facebook dopo il successo dell’Afd In Germania

qui

il manifesto 26.9.17
L’apocalisse dei socialdemocratici. La Linke cresce, Berlino est è sua
A sinistra. Per Schulz è il peggior risultato di sempre, il Nordreno-Westfalia gli volta le spalle. Per la Sinistra guidata da Wagnknecht e Bartsch la Germania orientale non è più un tabù
di Jacopo Rosatelli

qui

il manifesto 26.9.17
Alla Spd serve una Bad Godesberg alla rovescia
Germania. La vera novità prodotta dal responso elettorale non è tanto la disastrosa disfatta del partito di Schulz, bene o male iscritta in una tendenza di lunga durata, ma la sua dichiarazione di indisponibilità alla riedizione della Grosse Koalition, storico salvagente della stabilità politica tedesca
di Marco Bascetta

qui

il manifesto 26.9.17
Israele piace ai leader dell’AfD
Germania . La comunità ebraica tedesca li condanna e parla di "incubo" ma intanto i leader di Alternativa per la Germania esprimono apprezzamento per Israele e le sue politiche
di Michele Giorgio

qui

il manifesto 26.9.17
Il premier dell’Anp Hamdallah presto a Gaza
Fatah/Hamas. Presiederà una riunione del governo di consenso nazionale in modo da assumere il controllo anche della Striscia. Hamas appluade ma la strada della riconciliazione interna palestinese è ancora lunga
di Michele Giorgio

qui

Corriere 26.9.17
Aiutati dagli italiani o dalla sorte
Gli ebrei sfuggiti all’orrore nazista
di Antonio Ferrari

qui

Il Fatto 26.9.17
Marx, Goethe e pure Sgarbi: tutti i fantasmi di Tremonti
In cerca di “Rinascimento” - “Ogni fine è il principio di una nuova storia”. Mentre riflette sulla finanza, l’ex ministro si allea al critico
di Pietrangelo Buttafuoco

qui

ALCUNI SETTIMANALI
AlgaNews 16.9.17
Delitto Noemi: Riggio, e il controllo sanitario? rivisitare la180
intervista di Carlo Patrignani

internazionale 22.9.2017
Cina
Carne artificiale
di Keji Ribao
qui

pagina99 22.9.2017  
Parla Marco Cappato
Il bluff a Cinque stelle raccontato dai radicali
di Samuele Cafasso
qui

pagina99 22.9.2017  
Nel Nordest non è mai il sabato del villaggio
Treviso | Il Veneto riparte, tornano gli straordinari. Anche alla Electrolux per recuperare i giorni persi con gli scioperi. Viaggio nella terra dove il lavoro in fabbrica è una religione, ma non per i millenials
di Samuele Cafasso

qui

pagina99 22.9.2017  
Compagni riposatevi per il bene dell’economia
Cina | La nuova classe media conta 110 milioni di abitanti: vivono nelle città e stanno scoprendo turismo e consumi.
«Non staccare mai fa male alla crescita»
di Cecilia Attanasio Ghezzi

qui

pagina99 22.9.2017  
Ricordati di santificare il weekend
Costumi | Tra lotte operaie, capitalismo e religione, c’è voluto un secolo per conquistare il fine settimana che la globalizzazione digitale ha cancellato. Ma il tempo libero crea ricchezza: dove si lavora meno la produttività è più alta
di Mattia Carzaniga
qui

pagina99 22.9.2017  
Il dibattito in Francia
Staccare i telefoni diritto impossibile
di Leonardo Martinelli
qui

pagina99 22.9.2017  
La concorrenza cinese renderà obsoleto l’Epr
Sfide | Il reattore di terza generazione, gioiello della République, rischia di nascere già vecchio
di L.M
qui

pagina99 22.9.2017  
Investimenti | Una anno fa la Ue stava per riconoscere a Pechino lo status di economia di mercato. Ma l’attivismo del governo in settori strategici, dall’acquisto di Kuka alla costruzione della ferrovia Belgrado-Budapest, ha fatto scattare l’allarme a Bruxelles. Che ha deciso di cambiare strategia
Capitali cinesi Juncker alza il muro
di Sabrina Carreras e Mariangela Pira
qui

pagina99 22.9.2017  
Anche chi è felice tradisce il partner
Il saggio | La psicologa Perel: «Cerchiamo possibilità negate»
qui

pagina99 22.9.2017  
L’arte di superare l’abitudine alla violenza
Immagini | Nella società digitale le rappresentazioni della brutalità sono così pervasive da inibire ogni lettura e sopportazione. Alcuni artisti contemporanei cercano allora un nuovo linguaggio. Per mostrare ed elaborare il trauma
di Francesco Tenaglia
qui

internazionale 22.9.2017    
Cuba-Stati Uniti
Attacco poco chiaro
qui

internazionale 22.9.2017
 
Il guardiano dei cinquestelle
qui

internazionale 22.9.2017    
Matematica
L’origine del simbolo zero

L’antico manoscritto indiano di Bakhshali (ora in Pakistan) anticipa di 500 anni la nascita del simbolo zero. La datazione al radiocarbonio ha infatti rivelato che una sua parte risale al 224-383 dC, e non all’ottavo-dodicesimo secolo come finora stimato. Nelle 70 pagine di corteccia di betulla, scritte in sanscrito, compare centinaia di volte lo zero a forma di pallino, spiegano i ricercatori dell’università di Oxford. In realtà serviva come simbolo per indicare l’assenza, come per esempio che non c’erano decine nel “101”. Il primo uso dello zero come numero a tutti gli effetti compare in un testo dell’astronomo e matematico indiano Brahmagupta del 628 dC.

internazionale 22.9.2017  
Scienza
Anatomia del terrore
Per aiutare i governi a sconfiggere la minaccia
jihadista, sociologi, psicologi e politologi studiano
le motivazioni che spingono le persone a unirsi
ai gruppi terroristici
di Peter Byrne, New Scientist, Regno Unito
qui

internazionale 22.9.2017
 
C’era una volta l’America Elisabetta Povoledo,
The New York Times, Stati Uniti
Il destino di un vecchio cinema di Roma alimenta il dibattito sulla trasformazione del centro storico della capitale
qui

internazionale 22.9.2017   
Libri/Tempo di cambiare
di Giuliano Milani
qui

DOMENICA 24 MATTINA IN DIRETTA SU RAI RADIOTRE. PER "MATERADIO"
CORRADO AUGIAS HA PARLATO DI GIACOMO LEOPARDI, DI ATEISMO,

DELLA MESSA ALL'INDICE  DEI "LIBRI PROIBITI" DELLE "OPERETTE MORALI"
PER DECRETO DEL "SANTO UFFIZIO" VATICANO E DI GIORDANO BRUNO E GALILEO

LA REGISTRAZIONE DELLA TRASMISSIONE SARÀ DISPONIBILE PIÙ TARDI QUI
SABATO 23 SETTEMBRE A ROMA

"SEGNALAZIONI" HA TRASMESSO IN DIRETTA DAL PARCO DELL'APPIA ANTICA IN ROMA
PER APPIAM '17
UNA REALIZZAZIONE DI MAWIVIDEO DI WILLIAM SANTERO
SI SONO COLLEGATE IN DIRETTA PIÙ DI 1500 POSTAZIONI
FRANCESCO S. CALABRESI, PSICHIATRA E PSICOTERAPEUTA,
È IL PRESIDENTE DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE AMORE E PSICHE,
SONIA MARZETTI È DEL "GRUPPO STORIA"
DELLA MEDESIMA ASSOCIAZIONE AMORE E PSICHE
TROVI TUTTI GLI ALTRI EVENTI CONNESSI QUI QUI E QUI

GIOVEDI 14 SETTEMBRE
"SEGNALAZIONI" E "MAWIVIDEO"
HANNO TRASMESSO IN DIRETTA
DALLA EX CARTIERA LATINA SULL'APPIA ANTICA
LA PRESENTAZIONE DI "LA BELLEZZA NEGATA"
CON SIMONA MAGGIORELLI E ROBERTA PUGNO
Sono intervenuti: Eva Gebhardt, Francesco Troccoli, Giampiero Minasi e Manuela Petrucci
UNA REALIZZAZIONE DI WILLIAM SANTERO 


LUNEDI 11 SETTEMBRE "SEGNALAZIONI" E "MAWIVIDEO"
HANNO TRASMESSO IN DIRETTA DAL CAMPIDOGLIO DI ROMA
LO STREAMING DELLA PRESENTAZIONE DI "ATTACCO ALL'ARTE"
DI SIMONA MAGGIORELLI - L'ASINO D'ORO EDIZIONI
LA REGISTRAZIONE DELL'EVENTO È DISPONIBILE QUI
UNA REALIZZAZIONE DI WILLIAM SANTERO
DAL POMERIGGIO DI LUNEDI 11 SETTEMBRE E FINORA
- E SENZA CHE NE FOSSE STATA DATA ALCUNA COMUNICAZIONE PREVENTIVA -
A "SEGNALAZIONI" SI SONO COLLEGATE QUASI 1700 POSTAZIONI


7a CineCittà inFest, della Rete CinEst

Rete Cinest Diversità Uguaglianza Conoscenza from Maurizio Maturi on Vimeo.
si ringraziano Maurizio Maturi, Nereo Benussi, Pietro Sabatelli 

UNA REALIZZAZIONE DI WILLIAM SANTERO

UNA REALIZZAZIONE DI WILLIAM SANTERO



SULLA STAMPA DI DOMENICA 24 SETTEMRE

Corriere 24.9.17
Sicilia, Musumeci è in testa con il 38% Male il candidato pd, Mdp a un passo
Il centrodestra unito stacca Cancelleri (M5S): 31%. Micari al 13, Fava al 10. Pesa l’astensione
di Nando Pagnoncelli
le nostre scelte di oggi

Corriere 24.9.17
Rosatellum, il Nazareno teme il blitz della minoranza dem
I dubbi di Renzi: ce la facciamo?
di Monica Guerzoni
le nostre scelte di oggi

Corriere 24.9.17
lo ius soli e i dubbi legittimi
di Ernesto Galli della Loggia
le nostre scelte di oggi

Repubblica 24.9.17
 Il ministro ospite di Atreju, la kermesse di Fratelli d’Italia Fischi solo sul fascismo: “Pagina finita”
Il “patriota” Minniti applausi e autografi alla festa di Meloni
di Tommaso Ciriaco
le nostre scelte di oggi

il manifesto 24.9.17
Populismo e astensione, ma comunque Merkel
Germania oggi al voto. La cancelliera verso il quarto mandato consecutivo. Schulz in recupero nei sondaggi. Meno donne in lista, solo Linke e Verdi fanno eccezione. Nel prossimo parlamento caleranno dal 37% al 31,7%
di Sebastiano Canetta
le nostre scelte di oggi

il manifesto 24.9.17
Avanza il partito del non voto, reddito e lavoro fanno la differenza
La ricerca della Fondazione Bertelsmann. Dal 1998 alle elezioni federali del 2013 l’affluenza segna oltre 10 punti percentuali in meno: milioni di persone nel corso di un quindicennio si sono disconnesse dalla politica. Sono quelle che abitano nei quartieri con il reddito pro capite più basso e con il tasso di disoccupazione più alto, senza differenze fra Est e Ovest
di Jacopo Rosatelli
le nostre scelte di oggi

Il Fatto 24.9.17
Abolire il lavoro è una strategia
di Furio Colombo
le nostre scelte di oggi

La Stampa 24.9.17
Professionisti senza lavoro in cerca di un posto a scuola
Boom di richieste nella speranza di ottenere una supplenza
di Flavia Amabile
le nostre scelte di oggi

La Stampa 24.9.17
“Una scelta obbligata
Al Sud non ci sono altre possibilità di lavoro”
le nostre scelte di oggi

La Stampa 24.9.17
“Devo inseguire i clienti per farmi pagare
Ora spero in una cattedra”
le nostre scelte di oggi

La Stampa 24.9.17
Minniti nella tana della destra
“Mi applaudite? Non sono Crozza”
Il ministro alla festa di Atreju. Meloni: merita almeno rispetto
di Francesca Schianchi
le nostre scelte di oggi

il manifesto 24.9.17
Estrema destra verso il Bundestag, la rabbia arriva dalle regioni dell’Est
Intervista al politologo Hendrik Träger. «L’AfD raccoglierà tra il 10 e il 12% prendendo voti da tutti gli altri partiti, ad eccezione dei Verdi. Nelle regioni orientali anche da molti ex elettori della Linke»
di Guido Caldiron
le nostre scelte di oggi

Il Fatto 24.9.17
Brutti, antipatici e cattivi: gli ultrà che premiano l’AfD
Lipsia - La squadra-fenomeno e l’orgoglio dei supporter che si identificano con il partito xenofobo e nazionalista
di Leonardo Coen
le nostre scelte di oggi

Il Fatto 24.9.17
Migranti, dalla solidarietà alle espulsioni
Così Merkel ha fatto il gioco dell’AfD
Nel paese simbolo dell’integrazione. I l sindaco Richard Arnold: il governo ha alimentato le paure
di Francesca Sforza
le nostre scelte di oggi

il manifesto 24.9.17
Madrid: «Il Mossos dipende da noi»
Catalogna. Il ministro dell’interno catalano: «La nostra polizia rimarrà autonoma». Perquisita la sede dei domini «.cat»
di Luca Tancredi Barone
le nostre scelte di oggi

il manifesto 24.9.17
Sinistra catalana e indipendenza: un processo «partecipato» a rischio settarismo
Catalogna. Il limite maggiore delle tesi della Cup è legato a uno sguardo autoreferenziale che sconfina a volte nel settarismo. Poi ci sono le assenze nelle riflessioni della Cup: Podemos, il partito che maggiormente ha messo in discussione quel «regime del 78» contro cui si scaglia la Cup. Lo stesso vale per i suoi dirigenti maggiori, compresa la sindaca di Barcellona, Ada Colau, che con la coalizione Barcellona en Comú, nel 2015 ha vinto le elezioni amministrative nella capitale della Catalogna
di Marco Grispigni
le nostre scelte di oggi

Il Fatto 24.9.17
La polizia della Catalogna: “Non ubbidiamo a Madrid”
Il governo centrale precetta i Mossos d’Esquadra per contrastare il referendum indipendentista del 1° ottobre. E manda rinforzi a Barcellona
La polizia della Catalogna: “Non ubbidiamo a Madrid”
di Elena Marisol Brandolini
le nostre scelte di oggi

il manifesto 24.9.17
La Siria per Hezbollah: chiusa una guerra se ne aprirà un altra
Intervista. Parla Abu Mahdi al Shaabi, comandante militare del movimento sciita: assieme all'esercito governativo siriano abbiamo conseguito una vittoria, ora ci aspetta la guerra con le cellule jihadiste dormienti. Il ruolo della Russia mentre all'orizzonte si affaccia un nuovo conflitto con Israele.
di Michele Giorgio
le nostre scelte di oggi

il manifesto 24.9.17
La guerra dei droni
Israele/Hezbollah. Lo Stato ebraico non ha più l'esclusiva di quest'arma nella regione. Nell'arsenale del movimento sciita non solo razzi e missili, anche centinaia di velivoli senza pilota che potrebbero rivelarsi una spina nel fianco di Israele in un eventuale conflitto
di Michele Giorgio
le nostre scelte di oggi

Il Fatto 24.9.17
2018, la guerra araba e la “soluzione finale” per la mini-Palestina
Il conflitto coinvolgerebbe l’Iran per poi costringere la comunità mondiale ad accettare uno Stato tra Gaza e Sinai
Minaccia a lungo raggio – Il missile “Khorramshahr”. Il muro israeliano in Cisgiordania; Trump e Netanyahu
di Guido Rampoldi
le nostre scelte di oggi

Corriere 24.9.17
Iran, un missile e due messaggi
di Sergio Romano
le nostre scelte di oggi

si ringrazia Nereo Benussi
Corriere 24.9.17
La scuola maltratta l’italiano
La denuncia di Sabatini : ignorato il ruolo della nostra lingua nello sviluppo cognitivo dell’individuo
di Francesco Sabatini
qui

il manifesto 24.9.17
Livio, il narratore smaliziato ha spodestato lo storico ‘taglia e cuci’
Bimillenario liviano. Da trent’anni in qua l’opera liviana viene letta e studiata in modo radicalmente nuovo sia dai filologi sia dagli storici. Ne emerge uno scrittore consapevole, che fa interagire molte istanze diverse
di Luca Beltramini
le nostre scelte di oggi

La Stampa 24.9.17
Elena una e trina fiaccola della convivenza
Dalla sposa di Menelao alla regina persiana, alla madre di Costantino, un filo invisibile che tiene insieme il nostro mondo
di Fernando Gentilini
le nostre scelte di oggi

Il Fatto 24.9.17
L’ordinanza contro il sesso a pagamento finisce davanti al Tar
Via al primo ricorso al Tar contro l’ordinanza antiprostituzione del sindaco di Firenze che prevede sanzioni salatissime, fino a tre mesi di arresto, se viene violato il divieto di chiedere o accettare prestazioni sessuali a pagamento. Il ricorso contro l’ordinanza è stato presentato da un legale fiorentino, l’avvocato Francesco Bertini. “Non è l’atto di un cliente indispettito”, spiegava ieri al quotidiano La Nazione, facendo capire che si tratta dell’iniziativa di un uomo di legge, che ha titolo per ricorrere al Tar in quanto residente a Firenze contro “un’ordinanza incostituzionale e contraria anche al decreto Minniti al quale dice di ispirarsi”. Secondo l’avvocato Bertini, infatti, l’ordinanza del sindaco Dario Nardella violerebbe le leggi dello Stato al quale la Costituzione riserva le questioni di sicurezza e ordine pubblico, determinando a Firenze una situazione diversa da quella del resto del Paese. Fino ad ora sono stati due i clienti di prostitute incappati nell’ordinanza fiorentina entrata in vigore il 15 settembre. Per loro prevista anche la denuncia alla Procura sulla base dell’articolo 650 del codice penale per violazione di una ordinanza delle autorità.

La Stampa 24.9.17
Il rock degli Stones funziona ancora
E Jagger canta anche in italiano
Un boato e scorre la storia di una vita, poi l’omaggio “Con le mie lacrime”
di Marinella Venegoni
le nostre scelte di oggi

Corriere 24.9.17
Dal nostro inviato a Caporetto
L’attacco, l’incapacità di resistere, le fughe
Cronaca della grande sconfitta italiana
di  Aldo Cazzullo
le nostre scelte di oggi


Il Sole 24.9.17
Il digitale cinese non è una copia
di Biagio Simonetta
le nostre scelte di oggi

Il Sole 24.9.17Nelson Mandela
E il Sole disse al vento: chi di noi è più forte?
di Martha C. Nussbaum
le nostre scelte di oggi

Il Sole 24.9.17
Lettere dalla prigione: politica e saggezza
le nostre scelte di oggi

Il Sole 24.9.17
Lettera da Samarcanda
Un gioiello infranto sulla via della seta
di  Massimo Firpo
le nostre scelte di oggi

Il Sole 24.9.17
La traduzione trasparente
di Claudia Zonghetti
le nostre scelte di oggi

Il Sole 24.9.17
Storia della medicina
Mangiare come Ippocrate
di Carlo Carena
le nostre scelte di oggi

Il Sole 24.9.17
astrofisica / 1
I nuovi confini del cosmo
Da mezzo secolo a questa parte
l’uomo ha riscoperto lo spirito
dei primi esploratori e ha ricominciato
a mappare lo spazio
di Vincenzo Barone
le nostre scelte di oggi

Il Sole 24.9.17
astrofisica / 2
Nell’oscurità dell’Universo
di  Patrizia Caraveo
Il Sole Domenica 24.9.17
Farmaci tra storia e scienza
La pillola che allunga la vita
di Elena Cattaneo
le nostre scelte di oggi

Il Sole Domenca 24.9.17
Russia 1917
La Rivoluzione genera tiranni
I sovvertitori dei regimi sospendono le «libertà» e dichiarano illegittima ogni opposizione in nome di un’eguaglianza che non arriverà mai
di Michael Walzer
le nostre scelte di oggi

Il Sole Domenca 24.9.17
L’ineluttabile a scuola
Il telefonino nelle aule come strumento didattico? La logica sembra quella del «visto che, tanto vale». Ma a cosa ci può portare?
le nostre scelte di oggi

SULLA STAMPA DI SABATO 23 SETTEMBRE

Il Fatto 23.9.17
“Esterno notte”: gli ultimi 55 giorni nel “controcampo” di Bellocchio
Il regista - Tornerà a occuparsi del sequestro 15 anni dopo “Buongiorno, notte”
di Federico Pontiggia

Repubblica 23.9.17
L’intervista.
Il regista dirigerà la serie televisiva “Esterno notte”
Marco Bellocchio e il caso Moro “Racconto la furia di brigatisti disumani”
di Arianna Finos

Il Fatto 23.9.17
“Il brigatista che rapì Moro ha collaborato con i Servizi”
Rivelazioni - Valerio Morucci, che fece da “postino” durante la prigionia, nel 1990 preparò per il Sisde un rapporto sulle lettere del presidente Dc
Gli ex brigatisti Adriana Faranda e Valerio Morucci, tra i responsabili del sequestro Moro
Il generale Mario Mori, generale dell’Arma e poi capo del Sisde – Ansa
di Gianni Barbacetto

 



















il manifesto 23.9.17
Il 30 settembre manifestazione nazionale della Cgil contro la violenza maschile
di Susanna Camusso

Repubblica 23.9.17
Carlotta Sami.
La portavoce dell’Onu per i rifugiati: l’ultima tragedia dimostra che soltanto aprire vie legali ferma le stragi
“Uno scandalo europeo il barcone di migranti alla deriva per 7 giorni”
di Alessandra Ziniti

Repubblica 23.9.17
Ai bianchi dieci euro in più la paga decisa in base alla pelle
di Alessia Candito
COSENZA. Sfruttavano i braccianti per oltre 10 ore al giorno nei campi. Li costringevano a lavorare senza guanti, né protezioni. E senza dar loro neanche da bere, se non una bottiglietta d’acqua a mezzogiorno. La paga era per tutti da fame. Ma per i lavoratori africani di più.
«Ci dicevano che noi siamo neri, loro sono più bianchi di noi quindi — racconta uno — hanno diritto a una paga maggiore», sui dieci euro in più. Per questo, i fratelli Francesco e Giuseppe Arlia Ciommo di Amantea, nel Cosentino, sono finiti ai domiciliari con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, aggravati dalla discriminazione razziale. Per mesi — ha svelato l’inchiesta coordinata dal procuratore capo di Paola, Pierpaolo Bruni — i due hanno sfruttato i richiedenti asilo, ospiti di un centro Spar vicino al loro agriturismo, costringendoli ad accettare condizioni anche peggiori di quelle imposte ai braccianti rumeni o indiani.
«Mangiavamo per terra, come animali» racconta uno dei ragazzi ai carabinieri di Paola. I 25 euro promessi, a fine giornata non sempre arrivavano. Ma nessuno — dicono — poteva fiatare perché «minacciavano di chiamare un loro fratello poliziotto per farci espellere.
Di loro avevamo paura, perché siamo tutti richiedenti asilo».

Repubblica 23.9.17
Identikit della scuola italiana alla ricerca di nuove ricette contro le disuguaglianze
di Tomaso Montanari

il manifesto 23.9.17
Ora Renzi pensa anche alle primarie
Verso le elezioni. Mossa possibile per agganciare Pisapia al Pd. Vendola attacca l’ex sindaco: «Un uomo generoso. Soprattutto con se stesso»
di Andrea Colombo

La Stampa 23.9.17
Pier Luigi Bersani
“Alleati col Pd se Renzi dice sì alle primarie”
Il fondatore del Mdp: Matteo accetti la sfida con Pisapia, ci vuole un altro centrosinistra
di Andrea Carugati

il manifesto 23.9.17
Rosatellum: un aiuto a destra, un colpo a sinistra
di Massimo Villone

Il Fatto 23.9.17
Le sberle di Vendola a Pisapia: “Generoso… con se stesso però”
Si erano tanto amati, NichiVendola e Giuliano Pisapia, ma oggi i tempi di Sinistra Ecologia e Libertà e della battaglia contro Letizia Moratti a Milano sembrano molto lontani. Vendola, intervenuto ieri alla festa nazionale di Sinistra Italiana, ha scaricato l’ex compagno di partito: “A Giuliano vorrei consigliare soltanto un po’ di umiltà nel rapporto con questo mondo di sinistra: mi sembra molto generoso, soprattutto nei confronti di se stesso”. E meno male che Vendola era partito con le migliori intenzioni: “Non mi interessa far polemica con nessuno, tantomeno con Pisapia”, aveva detto prima di lanciare la bordata all’ex sindaco di Milano. “Non capisco perché, quando ci si avvicina alle elezioni – ha aggiunto Vendola – si cerca di recuperare una sinistra last minute, dopo che il Pd ha parlato per anni una lingua mescolata, ibrida, a volte antitetica a quella della sinistra”. A Vendola proprio non va giù che parte della sinistra, compresa quella rappresentata da Pisapia, valuti alleanze con il Pd: “Sarebbe come dire che per vivere dobbiamo suicidarci”, ha chiosato l’ex governatore della Puglia.

Repubblica 23.9.17
Vendola, affondo contro Pisapia
ROMA. Violento attacco di Nichi Vendola contro Giuliano Pisapia alla festa nazionale di Sinistra italiana a Reggio Emilia. L’ex governatore della Puglia accusa il leader di Campo progressista di essere «molto generoso, soprattutto nei confronti di se stesso». E consiglia all’ex sindaco di Milano «un po’ di umiltà nel rapporto con questo mondo di sinistra». Poi aggiunge: «Se uno mette in campo come un abracadabra la formula “centrosinistra” come la panacea di tutti i mali, si candida a non comprendere la profondità della crisi che riguarda Italia ed Europa». Vendola contesta poi l’ipotesi di alleanza con il Pd: «È come dire che per vivere ti devi suicidare».

Il Fatto 23.9.17
Per insabbiare Consip mirano a Woodcock
di Angelo Cannatà

Repubblica 23.9.17
Il tradimento delle origini
di Roberto Saviano

Il Fatto 23.9.17
Paesaggio, il Pd sbugiarda se stesso
di Vittorio Emiliani

il manifesto 23.9.17
L’Egitto fa terra bruciata attorno a Regeni
Diritti umani. Raid della polizia nella sede dell’Ecfr, consulenti della famiglia. L’avvocato Metwally, rapito e scomparso per alcuni giorni, denuncia torture in carcere. La doppia faccia di al Sisi. Mentre rassicura Gentiloni, a margine dell'Assemblea generale dell'Onu di New York, agli altri paesi arabi dice: «La colpa è del ricercatore. L'Italia sta esagerando»
di Pino Dragoni

 











il manifesto 23.9.17
Kipping: «Contro i populismi una sinistra transnazionale»
Intervista. La co-segretaria del partito della Sinistra tedesca Die Linke: «Siamo l’unica voce contro i nazisti dell’Afd»
di Beppe Caccia

Il Fatto 23.9.17
L’ex fiore all’occhiello della Ddr nuovo cuore nero dei tedeschi
Lipsia - La città era il centro culturale e industriale del regime comunista, dove la Merkel studiò e iniziò la carriera politica
Immigrati “raus” – Una manifestazione contro gli immigrati a Lipsia che accusa la cancelliera “islamica”
di Leonardo Coen

il manifesto 23.9.17
L’irreversibilità dell’Ottobre russo
Per manifestolibri è in uscita il libro di Michele Prospero «Ottobre 1917 - la rivoluzione pacifista di Lenin». Sull’argomento, poi, nelle giornate del 28 e 29 settembre, al Dipartimento di Filosofia dell’Università La Sapienza si terrà il convegno «A cent’anni dalla rivoluzione di ottobre. L’Urss, la via italiana e il ripensamento del socialismo». Un’anticipazione dell’intervento al simposio del filosofo a Villa Mirafiori
di Michele Prospero

Repubblica 23.9.17
Storia letteraria dell’odio
Il sentimento più diffuso sui social raccontato dai Grandi di ogni tempo. A partire da Dante
di Stefano Massini


SULLA STAMPA DI VENERDI 22 SETTEMBRE

Corriere 22.9.17
Una identità non negoziabile per re-inventare la sinistra
di Paolo Franchi

il manifesto 22.9.17
Il 21 ottobre manifestazione a Roma contro ogni forma di razzismo

Repubblica 22.9.17
Libia, ripartono i barconi subito una nuova tragedia Annegati cento migranti
Alla deriva per cinque giorni dopo essere rimasti senza benzina È il primo incidente post accordi, con meno navi umanitarie
di Alessandra Ziniti

Repubblica 22,9,17
I clochard via da San Pietro dopo le proteste dei cardinali
I monsignori: troppa sporcizia Svolta anche per la sicurezza: borsoni e valigie non possono essere controllati di continuo
La gendarmeria allontana i senzatetto che vivono sotto il colonnato “Restano bagni e docce, di notte potranno tornare”. Il Papa informato
di Paolo Rodari

il manifesto 22.9.17
L’eterna invenzione dell’altro da sé
Passato&Presente. Una riflessione sui trascorsi coloniali italiani, tra dopoguerra e attualità. Dalla perdita del dominio africano fino agli sgomberi di piazza Indipendenza: è possibile una rimozione?
di Gabriele Proglio

La Stampa 22.9.17
Renzi spera nel “voto utile”
Una legge per svuotare la sinistra
Ma sull’esito pesa l’incognita dello scrutinio segreto
di Carlo Bertini

il manifesto 22.9.17
Arriva le legge elettorale alibi
Alla camera. Depositato in commissione il Rosatellum-bis. Aula da ottobre. Penalizza i grillini ed è pieno di tentazioni per Berlusconi. Soprattutto le elezioni suppletive con cui il Cavaliere potrebbe tornare in parlamento. A Renzi serve a dimostrare al Quirinale di averci provato e a trasferire un po' di problemi alla sinistra e a Pisapia: coalizione oppure no?
di Andrea Fabozzi

Il Fatto 22.9.17
Il Rosatellum conviene solo a B. Suicidio Pd per l’inciucio futuro
La legge elettorale presentata ieri premia le coalizioni che hanno molte liste civetta: Berlusconi le ha, Renzi no. Fortemente penalizzato chi va da solo: 5 Stelle e sinistra
di Marco Palombi

Il Fatto 22.9.17
Patto tra mafia e politica: arrestato ex sindaco Pd
In manette Giuseppe Nicosia e indagato pure il successore Moscato per corruzione elettorale: a Vittoria, nel Ragusano, era la potente “Stidda” a decidere appalti e assunzioni
Patto tra mafia e politica: arrestato ex sindaco Pd
di Saul Caiae e Antonio Massari

Repubblica 22.9.17
Mafia, voto di scambio arrestato ex sindaco Pd aveva un patto col rivale
di Alessandra Ziniti

Il Fatto 22.9.17
Stati Uniti o Corea: chi è più canaglia?
di Massimo Fini

il manifesto 22.9.17
Catalogna, il rischio balcanico
di Tommaso Di Francesco

Corriere 22.9.17
Fernando Savater
«Madrid doveva mostrarsi più ferma Un compromesso non è possibile»
intervista di Elisabetta Rosaspina

Il Fatto 22.9.17
“I profughi fanno paura, AfD lo ha capito”
Giovanni De Lorenzo - Il direttore dello Zeit: “La destra radicale e razzista tornerà in Parlamento”
“I profughi fanno paura, AfD lo ha capito”
di Andrea Valdambrini

Repubblica 22.9.17
Una giornata con i volontari del partito di Schulz “A Berlino si sorprendono di vederci, ma quasi tutti ci incoraggiano”
L’ultima carta Spd il porta a porta nell’era dei social
di Tonia Mastrobuoni

La Stampa 22.9.17
L’estrema destra cresce in silenzio
La sorpresa dell’ultima ora per Merkel
A Monaco i segnali dell’avanzata: l’AfD tiene comizi nascosti e soffia sulle paure Gli analisti: molti che sono stati esclusi dalla crescita guardano a loro
di Francesca Sforza

La Stampa 22 .9.17
Giochi di guerra in Europa
Se l’incubo del ministro della Difesa lituano diventasse realtà, sarebbe qui, tra le fitte foreste di pini e betulle del corridoio di Suwałki, che Putin farebbe il primo passo per «riprendersi i Baltici».
di Monica Perosino

il manifesto 22.9.17
Parade, il sipario di Picasso
Mostre. La grande tenda, dipinta dall'artista spagnolo a Roma per il celebre balletto russo di Djagilev è a Palazzo Barberini, come biglietto da visita per la rassegna dedicata al pittore alle Scuderie del Quirinale
di Arianna Di Genova

Repubblica 222.9.17
Il vento della psichiatria
Dracula
La vera storia del vampiro prima di diventare il principe della notte
“È un personaggio che mette insieme le paure dei bambini con quelle che assillano gli adulti”
J.D.Barker sta scrivendo un prequel del romanzo di Bram Stoker insieme all’erede dell’autore irlandese Compaiono le creature che ispirarono lo scrittore. Il quale ai morti non-morti credeva
di Susanna Nirenstein

Repubblica 22.9.17
Ma dopo Porta Pia il popolo romano scoprì la partecipazione politica
di Corrado Augias

Corriere 22.9.17
Riparte l’Istituto di studi filosofici Entra nel direttivo Aldo Masullo
di Antonio Carioti

Corriere 22.9.17
Amore e uova sode? Lo chiedo al web Tutte le piattaforme «saputelle»
Da Yahoo Answer a Quora: i siti ci rispondono (ma nessuno batte Google)
di Giulia Cimpanelli

Repubblica 22.9.17
Se la voce del dolore è una esibizione social
di Michele Serra
LA SFORTUNATA madre della povera ragazza Nicolina ha concesso una lunga e quasi ciarliera intervista a una trasmissione Mediaset del mattino mentre la figlia agonizzava in ospedale, colpita in faccia (in faccia!), mentre andava a scuola, dalle pistolettate di un ex fidanzato di mamma, uno dei tanti ributtanti maschi omicidi (e poi suicidi) che non tollerando di essere lasciati da una femmina soffocano l’onta nel sangue.
Non si pretendono, dalla gente semplice, i toni della tragedia greca. Ma la gente semplice, fino a non tanti anni fa, sapeva ammutolire. Chiamatelo pudore, dignità, vergogna, chiamatelo come preferite, ma quando la voce del dolore rimaneva chiusa nelle stanze dei disperati, il Male non mieteva un successo così corale, e non trovava inserzionisti pubblicitari, già al mattino presto, disposti a cavalcarlo. Il crocchio dei curiosi, e tanto più il lutto delle vittime, rimanevano confinati in una dimensione di bisbiglio o di pianto o di scoramento inerte (quando si diceva: «Non ha più neanche le lacrime per piangere»). Qui ora, nel caso di questo ultimo delitto atroce (uccide per vendetta la figlia adolescente della donna che non riesce a rintracciare per ucciderla…), ma anche di molti altri, c’è intanto da rintracciare, alle spalle dell’evento, l’immancabile “dietro le quinte” delle paginette Facebook dei protagonisti, che a leggerle dopo quello che è successo, signora mia, già lasciano capire come sarebbe andata a finire. E spesso, effettivamente, traboccano odio, ignoranza e vanità (che non sono colpe, no, ma neanche bandierine da sventolare online), come per preparare il terreno all’arrivo, a cose fatte e a cadavere caldo, delle telecamere e dei microfoni, fratelli maggiori che hanno fatto carriera. Anche loro, in fin dei conti, “social media”, per giunta di calibro infinitamente maggiore, e padroneggiati da veri professonisti nella zoomata sulla piaga, della catalogazione del Male a seconda della sua telegenia. Non si dubita che quella povera madre pugliese fosse sotto choc. Chi non lo sarebbe. Resta da capire come mai le persone sotto choc (non solo lei: parlo dell’abbondante cast di vittime e protagonisti di delitti efferati, che alle interviste neanche si sognano di sottrarsi) si consegnino con tanta naturalezza ai palinsesti. Eravamo rimasti alle persone sotto choc che crollano o fuggono o smaniano, quando era ancora impensabile che diventassero docili ingredienti delle infernali cucine della televisione del dolore: che sarebbe ora di chiamare in modo diverso, perché di doloroso ha veramente poco, la televisione del dolore. La popolarità del male è uno stato d’animo a suo modo spigliato, di mondo, si parla della morte degli ammazzati, e dei delitti degli assassini, con un tono appena compunto, però dinamico e informato, senza trasalimenti, senza esitazioni o silenzi, senza arretrare di fronte ad alcunché, ci sono scalette da rispettare così come, su Facebook, ci sono controinsulti e controminacce da digitare in fretta, a raffica, colpo su colpo. Ha ritmo, ha passo spedito, la popolarità del male, Dostoevskij ci metteva duecento pagine per dire le stesse cose che si possono dire in trenta secondi di televisione, o in dieci parole sullo smartphone.
Nicolina nel frattempo se ne è andata. Ci aspettano i reperti – parole e immagini – della sua breve vita, spremuti dalle sue chat. Anche le vittime, malgrado spariscano dalla faccia della terra, sono scritturate a vita. Se ragazzine graziose e innocenti, poi, allora è il massimo.
Le vittime sono scritturate a vita Se graziose, poi, è il massimo














La onorevole Giorgia Meloni ieri su La7, riferendosi ad Atreyu della storia infinita parla di annullamento... 
Si ringraziano Manlio Massimetti e Tonino Scrimenti

SULLA STAMPA DI GIOVEDI 21 SETTEMBRE






















Repubblica 21.9.17
Torino Spiritualità
Dalla Bibbia a Nietzsche la vera felicità è nell’infanzia
Così dottrine spirituali diversissime tra loro concordano sulla necessità di diventare grandi restando bambini
di Vito Mancuso

il manifesto 21.9.17
Torna la coalizione, gelo dal cantiere della sinistra
Insieme ma non troppo. Pisapia: «Se il Pd ha già scelto il candidato premier vuol dire che vuole correre da solo»
di Daniela Preziosi

Repubblica 21.9.17
Il caso Consip.
“Da archiviare le accuse a Woodcock” Sul padre di Renzi duello Napoli-Roma
La procura della capitale chiederà di prosciogliere il pm indagato per violazione di segreto e falso. Al Csm i dissidi sulle intercettazioni
di Dario Del Porto e Conchita Sannino

Corriere 21.9.17
«Coalizione? Il Pd non candidi Renzi» Gelo di Pisapia. E D’Alema: mai con loro
L’ex sindaco: facciano le primarie. L’ex premier: con legge elettorale anti Mdp basta fiducia
di Monica Guerzoni

Repubblica 21.9.17
Pisapia e i dubbi del popolo Pd “Ora ci dica da che parte sta”
Duello con Martina alla Festa dell’Unità: senza primarie niente coalizione
di Jenner Meletti










il manifesto 21.9.17
Modernità delle gabbie. Il cuore è uno zingaro
«Non sono razzista, ma...». Si tenga conto che oggi l’etichetta «zingaro» (o, più diffusamente, «rom») risulta al primo posto nella classifica della riprovazione sociale. Dal romanticismo magico dell’epopea gitana che sbanca il festival di Sanremo alla consapevolezza di Jannacci e De André
di Luigi Manconi

il manifesto 21.9.17
Chi ha paura degli embrioni modificati?
Pubblicati oggi su «Nature» gli esiti dell’esperimento di Kathy Niakan sul ruolo dei geni
di Andrea Capocci

Repubblica 21.9.17
Dal franchismo a oggi, l’infinito clásico Oggi è uno scontro fra curve (e caste)
di Aldo Cazzullo

La Stampa 21.9.17
La partita che si gioca in Europa
di Cesare Martinetti

Repubblica 21.9.17
Psoe e Podemos incerti E così si prende la scena l’ala dura indipendentista
di Alessandro Oppes

Repubblica 21.9.17
Le strade sbagliate di Barcellona e Madrid
di Roberto Toscano

Corriere 21.9.17
La tenuta di Picasso è in vendita (all’asta) Le immagini online
 
Picasso passò i suoi ultimi anni nella residenza di Mougins, in Francia: una tenuta di 1.800 metri quadrati (solo l’ala padronale) con vista sulla Costa Azzurra, a pochi chilometri da Cannes. Il pittore — che qui morì l’8 aprile 1973 — l’aveva acquistata nel 1961 per donarla all’ultima delle sue mogli, Jacqueline Roque. La villa ha 32 stanze, due piscine, un campo da tennis di dimensioni regolamentari, una palestra e un centro benessere. Su corriere.it/lalettura , un percorso per immagini raccoglie alcuni scatti della tenuta, che il prossimo 12 ottobre andrà all’asta. Prezzo di partenza: 20,2 milioni di euro. La storia della villa di Mougins è raccontata in un articolo di Elisabetta Rosaspina su «la Lettura» #303, il supplemento del «Corriere» in edicola fino a sabato. (b.co.)
Picasso, la villa di Mougins va all’asta
qui

Repubblica 20.9.17
La grande abbuffata di Statali
di Sabino Cassese

Repubblica 21.9.17
Rossi: “Cazzotti ai fascisti? No, ma basta svastiche”
di Alessandra Longo

Repubblica
Afd, il colpo di scena della star dell’ultra-destra “A noi anche il voto dei gay”
di Tonia Mastrobuoni

La Stampa 21
L’intervento dello psicanalista argentino
L’esercito degli “adulti biologici”
Bambini ossessivi e superficiali
Conservare la magia dell’infanzia non significa evitare di crescere
di Miguel Benasayag

Repubblica 21.9.17
“I diciottenni di oggi inesperti come i quindicenni del ’76”
Adulti sempre più tardi
Uno studio Usa: posticipate di 3 anni le scoperte di sesso, alcol e auto. “Famiglie agiate e figli unici, crescere non è urgente”
“Dal 2000 crollo continuo nel numero di giovani che si allenano a entrare nel mondo dei grandi” “Ma la Rete non è l’unica spiegazione: questo trend è iniziato prima del boom dell’Internet di massa”
di Giuliano Aluffi

Repubblica
“Meno tempo con gli amici, colpa del web anche in Italia un’adolescenza dilatata”
di Elena Dusi

Repubblica 21.9.17
Corrado Augias. Cosa resta del 20 settembre

Repubblica.it 20.09.17
Una mamma italiana su 5 si è sentita insultata o maltrattata durante il parto
di Valeria Pini
si ringrazia Franco Pantalei

 DOMENICA 24 SETTEMBRE


SU LA STAMPA E SU ROBINSON DI REPUBBLICA DI DOMENICA 24 SETTEMBRE
Giovanni Senatore, ufficio Stampa L'Asino d'oro edizioni


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DEL PERIODO DAL 10  AL 1) SETTEMBRE 2017 E GLI ALTRI CONTENUTI CONNESSI AL MEDESIMO ARCO DI TEMPO SONO DISPONIBILI QUI

LA RASSEGNA STAMPA DAL 30 AGOSTO AL 9 SETTEMBRE È DISPONIBILE QUI

LA RASSEGNA DELLA STAMPA
DEL PERIODO TRA IL 20 E IL 29 AGOSTO
È ADESSO DISPONIBILE QUI

$
$

TUTTI I CONTENUTI
PUBBLICATI SU "SEGNALAZIONI"
DAL MARZO 2003 E FINO A DOMENICA 20 AGOSTO 2017
SONO ADESSO E RESTERANNO IN FUTURO INTEGRALMENTE DISPONIBILI
IN ORDINE CRONOLOGICO RETROGRADO DI PUBBLICAZIONE