domenica 19 novembre 2017

DOMENICA 19 NOVEMBRE A MILANO
BOOKCITY 2017
"SEGNALAZIONI" HA TRASMESSO L'EVENTO IN DIRETTA STREAMING
A PARTIRE DALLE 18:30


DOMENICA 19 NOVEMBRE A MILANO
BOOKCITY 2017
"SEGNALAZIONI" HA TRASMESSO L'EVENTO IN DIRETTA STREAMING
A PARTIRE DALLE 15:30


http://bookcitymilano.it/

UNA PRODUZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE AMORE E PSICHE
MAWIVIDEO - UNA REALIZZAZIONE DI WILLIAM SANTERO

LE  REGISTRAZIONI DELLA PRESENTAZIONE DI ROMA DEL 24 SETTEMBRE
E  DI QUELLE DI FIRENZE DEL 20 OTTOBRE
DI "CONOSCENZA DELL’ISTINTO DI MORTE" DI MASSIMO FAGIOLI
SONO DISPONIBILI QUI E QUI


Scrivi a segnala.box@gmail.com


"SEGNALAZIONI" - DAL 2001 - PROPONE TUTTI I GIORNI, E AGGIORNA SPESSO, UNA RASSEGNA DELLA STAMPA IN UNA PROPRIA PROSPETTIVA NON NEUTRALE.
LA RASSEGNA DI OGGI DOMENICA 19 NOVEMBRE 2017 È ADESSO DISPONIBILE QUI DI SEGUITO
ULTIMO AGGIORNAMENTO ALLE ORE 16:50






"Nel momento in cui il buio, il nulla può essere reso non-realtà l’uomo trova la sua gioia e la sua sicurezza. Quando il buio è una realtà fisica esterna e non una realtà interiore. Quando è una esteriorità. Nel momento in cui l’uomo può realizzare che la propria fantasia di sparizione non fa veramente buio. Nel momento in cui può liberarsi dell’onnipotenza del proprio istinto di morte. Renderlo illusione, non realtà umana. Quando l’uomo riesce a svuotare del contenuto il fantasma, che è un contenuto definito onnipotenza. Quando cioè rende il buio apparenza di buio e di non essere e non realtà di buio e di non essere."
Massimo Fagioli, "La marionetta e il burattino

«Reazione, pulsione, vitalità, creazione, esistenza, tempo, capacità di immaginare.
Forza, movimento, suono, memoria, certezza che esiste un seno.
Percezione cosciente, fantasia, linea, senso, volto»
Massimo Fagioli sul n. 27/2016 di LEFT

«Una lotta, senza armi, soltanto rivoluzione del pensiero e parola»
Massimo Fagioli sul n°49/2008 di LEFT

«Una posizione personale di realizzazione umana completa nel senso di vivere una disponibilità per gli altri senza secondi fini di vantaggi materiali o di vantaggi psicologici».
Massimo Fagioli, Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.248

«Troppo difficile per loro la comprensione della dialettica, troppo pesante il conflitto di sentirsi cattivi nel momento del rifiuto.Troppo lontano, da loro, l’interesse per gli altri, troppo povero l’amore per volere una realtà degli uomini diversa dall’attuale».
Massimo Fagioli, Premessa alla quinta edizione di Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.43

«Origine materiale. Facile a dirsi. Poi, andando a fondo, si scopre che è difficile, difficilissimo nonostante più di 100 anni di materialismo storico ateo, più di 200 dall'illuminismo ugualmente ateo. È che accettare realmente, nell'inconscio, come realizzazione psichica profonda, e non soltanto come sbandieramento di un concetto astratto o come dovere di coerenza cosciente, l'origine materiale, innanzitutto la propria, significa subito accettare la fine di questa propria realtà materiale. Significa cioè rinunciare all'idea di eternità, spiritello maligno nascosto nella mente di tante persone.
Tutti vogliono restare, nessuno sa accettare di andarsene dopo essere stato ed aver fatto. L'annullamento della nascita, della prima e fondamentale separazione, conduce poi a non fare e non accettare più separazioni mai e da nessuno. Conduce a vivere come se il tempo non passasse, come se si fosse sempre nello stato di prima. Ogni novità, personale, sociale, storica, culturale, viene continuamente annullata. Perché la novità mette in crisi lo status, la norma, e lo rende passato. Lo mette da parte. E si scatena il conflitto e la lotta tra il nuovo e coloro che non sanno modificarsi. Coloro che non riescono ad aprirsi ad una recettività per rapportarsi a quanto prima non c'era.
L'uomo che non ha scoperto la nascita non riesce ad accettare nessuna nascita, resta sempre conservatore, reazionario, ovvero reagisce con l'annullamento di fronte ad ogni nuovo che compare. Non accetta neppure i propri nati, li distrugge, li fa impazzire».
Massimo Fagioli, in Bambino donna e trasformazione dell’uomo. Risposta alla Domanda n. 16

«E qui c'è la grande storia nostra, perché non c'è stata mai la differenza, non è mai stata fatta nella storia: occorre distinguere nettamente la figura del ricordo cosciente dalla creazione dell'immagine mentale»
dall'intervista a Massimo Fagioli contenuta in Attacco all'arte di Simona Maggiorelli, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2017, pag. 143

«Il tempo della vita umana che inizia con la nascita non è il tempo del feto che si forma nell’utero. Il tempo del movimento della realtà biologica rientra nella realtà dell’universo. Poi accade quanto detto: il giungere della luce sulla retina provoca la realizzazione di una realtà non materiale denominata pulsione. Una realtà non materiale che è la base del pensiero umano».
Left n°2/2017 

SEGNALAZIONI” è un weblog di informazioni segnalazioni e stralci dalla stampa e dal web. Per inviare un articolo una segnalazione un’informazione, per suggerimenti e richieste, scrivici un’e-mail al nostro indirizzo: SEGNALA.BOX@GMAIL.COM.
In questa pagina sono disponibili i post pubblicati più di recente. Per contenuti di periodi precedenti cerca negli Archivi - se conosci la data che ti interessa - altrimenti utilizza il box di ricerca di “Google” qui a sinistra.
Questo weblog è pubblicato nell’osservanza degli articoli 65 e 70 della Legge 633.41 e della Licenza Creative Commons (qui a sinistra). Le immagini e la grande maggioranza  dei testi sono state scaricati da Internet e quindi ritenuti di dominio pubblico. Se si desidera chiederne la rimozione è sufficiente scrivere alla redazione. Pagine ottimizzate per Firefox 56.0.2.

CHIUNQUE È LIBERO DI TRARRE DA “SEGNALAZIONI” MATERIALI DA PUBBLICARE SUI SOCIAL NETWORK COME FACEBOOK E SULLE PROPRIE PAGINE WEB O ALTROVE ED È ANZI INVITATO A FARLO. È RICHIESTO PERÒ CHE CHIUNQUE LO FACCIA CITI SEMPRE “SEGNALAZIONI” COME FONTE, E PUBBLICHI ANCHE UN LINK ALLA PAGINA ORIGINALE.

TUTTE LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE DI AVVISI E COMUNICAZIONI DI EVENTI CULTURALI CONCERTI MOSTRE SPETTACOLI INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI E SINGOLI COLLEGATI ALLA NOSTRA RICERCA - SEMPRE GRADITE - SONO GESTITE SEPARATAMENTE E COMPARIRANNO SU “SPAZI”. LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE VANNO INVIATE - ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA - ALL’INDIRIZZO: SPAZI.BOX@GMAIL.COM


GLI INDICI DEI PIÙ RECENTI ARRETRATI DI "IL SOGNO DELLA FARFALLA": QUI
FRANCESCA FAGIOLI AL TG 3 LINEA NOTTE
IL 9 OTTOBRE 2017


LIBRERIA FELTRINELLI APPIA DI ROMA 
IL 24 SETTEMBRE 2017



VENERDI 16 GIUGNO 2017
È STATA TRASMESSA IN DIRETTA STREAMING DA PIAZZA SAN COSIMATO IN ROMA
LA PRESENTAZIONE DEL NUMERO SPECIALE DI IL SOGNO DELLA FARFALLA
DEDICATO A MASSIMO FAGIOLI
LA REGISTRAZIONE INTEGRALE DELL'EVENTO È DISPONIBILE QUI DI SEGUITO
Il video è stato prodotto dall'Associazione culturale Amore e Psiche
Le riprese sono state realizzate da Mawivideo
(si ringraziano William Santero, Daniele Carlevaro, Arianna Rossini, Mario Cirillo, Matteo Bendinelli e Luciano Proia)
La diffusione sul blog e sul web è stata garantita dal team di "Segnalazioni"
Interventi inediti in occasioni pubbliche, scritti, interviste televisive. Selezionati dal 2010 a oggi. La rivista Il Sogno della Farfalla dedica un numero speciale a Massimo Fagioli, scomparso il 13 febbraio scorso, che verrà presentato venerdì 16 giugno 2017 in piazza San Cosimato, dalle ore 17.00 a Trastevere, dove nel grande studio di via Roma Libera, lo psichiatra dell’Analisi collettiva ha svolto “per quattro ore al giorno, quattro volte a settimana, per più di quarantuno anni”, quella particolare psicoterapia di centinaia di persone, libera e gratuita, iniziata nel 1975 e unica nel suo genere. Fondata nel 1992, Il Sogno della farfalla, rivista trimestrale di psichiatria e psicoterapia, diretta da Andrea Masini, con il contributo del comitato editoriale composto da oltre 150 psichiatri e psicoterapeuti, si è avvalsa, fin dagli inizi, della ricerca teorica e della prassi di Massimo Fagioli, autore della Teoria della nascita, pubblicando tra l’altro alcuni suoi articoli fondamentali, a partire dagli scritti del 1962. Il numero speciale dedicato a Fagioli, che aveva firmato il primo articolo della rivista, oltre a disegnare la prima e poi l'attuale copertina, creata per il ventennale nel 2012, costituisce “a nostro parere - scrivono nell’editoriale Francesca Fagioli e Andrea Masini -, un materiale prezioso da conservare perché altri, nel tempo, possano comprendere le sue idee”.
Comunicato stampa dell'Asino d'oro edizioni. A cura di Giovanni Senatore












Un nuovo movimento culturale, scientifico, umanistico.


DOMENICA 21 MAGGIO 2017, SALA 500 DEL LINGOTTO DI TORINO
OMAGGIO A MASSIMO FAGIOLI

Domenica 21 maggio 2017 in aggiunta alla Sala 500 del Lingotto di Torino sono state collegate in diretta streaming anche altre due sale attigue e lo stand dell'Asino d'oro edizioni.
La registrazione dell'evento è disponibile qui.
I collegamenti in diretta streaming con Torino sono stati più di undicimila.
Il video è stato prodotto dall'Associazione culturale Amore e Psiche
Le riprese sono state di Mawivideo
La diffusione sul blog garantita dal team di "Segnalazioni"

Venerdì 19 maggio 2017 torna nelle librerie "Istinto di morte e conoscenza",
il capolavoro teorico di Massimo Fagioli per L'Asino d'oro edizioni
Torna in libreria a distanza di 47 anni dalla prima edizione il capolavoro teorico di Massimo Fagioli, lo psichiatra dell’Analisi collettiva, di recente scomparso, che con Istinto di morte e conoscenza, scritto nel 1970 e nel 2010 pubblicato da L’Asino d’oro in una nuova edizione, ha rivoluzionato dalle fondamenta la conoscenza sulla mente umana, a partire dalla scoperta dell’origine biologica del non cosciente.
 
Il libro ha raggiunto in quasi cinquant’anni di esistenza una diffusione di decine di migliaia di copie, affermandosi come testo all’avanguardia della psichiatria moderna, in ambienti culturali e scientifici internazionali, oltreché sui mass media, in televisione e sui giornali.
 
Il volume contiene le idee e le scoperte fondamentali che Fagioli pone alla base dell’elaborazione della Teoria della  nascita, in seguito sviluppata e approfondita, nel 1974, in altri due volumi (La marionetta e il burattino e Teoria della nascita e castrazione umana) e poi completata nel 1979 da un quarto libro (Bambino, donna e trasformazione dell’uomo).
 
In Istinto di morte e conoscenza, Fagioli delinea la scoperta sull’origine del pensiero umano, come realtà non cosciente del neonato che inizia quando la luce, attraverso la retina, attiva la sostanza cerebrale e, in un attimo senza tempo, la pulsione contro la realtà circostante, con la vitalità, creano dal feto l’essere umano.
 
Uscito nel 2011 in lingua tedesca (Todestrieb und Erkenntnis), il libro è in corso di traduzione in inglese, in francese e in cinese. Una edizione del libro in portoghese sta per uscire in Brasile.
MASSIMO FAGIOLI
Medico, specializzato in neuropsichiatria, dopo diversi anni di lavoro come psichiatra che cercava una psicoterapia delle psicosi, propose nel 1971 il risultato delle sue esperienze e della sua formazione con il libro Istinto di morte e conoscenza che suscitò clamorose reazioni. Poi con La marionetta e il burattino (1974) e Teoria della nascita e castrazione umana (1974) e Bambino donna e trasformazione dell’uomo (1979) confermò tutta l’impostazione della Teoria. Dal 1975 al 2016 ha tenuto una particolarissima psicoterapia di gruppo nota come Analisi collettiva con migliaia di partecipanti e che, tra l’altro, ha formato centinaia di psichiatri e di psicoterapeuti. È autore di ventitré libri. Dal 2006 al 2017 ha firmato una rubrica sul settimanale “left”, le cui raccolte sono diventate una collana della casa editrice. Alcuni suoi corsi universitari sono raccolti nei volumi “Storia di una ricerca”, “Das Unbewusste. L’inconoscibile”, “Una vita irrazionale”, “Fantasia di sparizione”, “Il pensiero nuovo”, “L’uomo nel cortile”, “Settimo anno”, “Religione, Ragione e Libertà”, “L’idea della nascita umana” e “Materia energia pensiero”.
Comunicato stampa dell'Asino d'oro edizioni. A cura di Giovanni Senatore

CLICCA SULLE FRECCE PER FAR SCORRERE LE IMMAGINI DISPONIBILI
TORINO 2017






Venerdì 19 maggio Francesca Fagioli è stata ospite in diretta a Fatti e Misfatti, la rubrica di Paolo Liguori, direttore di Tgcom 24, per parlare della nuova edizione di Istinto di morte e conoscenza e dell'omaggio a Massimo Fagioli in programma domenica 21 maggio al Salone del Libro di Torino.
Un nuovo movimento culturale, scientifico, umanistico.
https://twitter.com/LasinoDoroEdiz

Domenica 21 maggio Francesca Fagioli è stata intervistata
da RaiNews24. L'intervista è andata in onda alle ore 22:45
dello stesso giorno.
 
si ringrazia Mario Cirillo


LEFT 46.2017, IN EDICOLA PER TUTTA LA SETTIMANA
LA REGISTRAZIONE DELL'INCONTRO DI VENERDI 27 CON FILIPPO FOCARDI E DAVIDE CONTI
DEL GRUPPO STORIA DELL'ASSOCIAZIONE AMORE E PSICHE SUL TEMA
"I CRIMINI NASCOSTI DELL'ITALIA FASCISTA" UNA MANCATA RESA DEI CONTI"
È ADESSO DISPONIBILE QUI DI SEGUITO
L'INCONTRO HA AVUTO LUOGO ALLA BIBLIOTECA NELSON MANDELA DI ROMA
VEDI ANCHE SU LEFT.40 "I CRIMINI NASCOSTI DELL'ITALIA FASCISTA" DI SONIA MARZETTI
 
I crimini nascosti del Fascismo. Incontro con F.Focardi e D. Conti 2017-10-27 from Maurizio Maturi on Vimeo.
RIPRESE E REALIZZAZIONE DI MAURIZIO MATURI 

L'IMPERDIBILE DOCUMENTARIO "FASCIST LEGACY" DI HISTORY CHANNEL
CON ALTRI ANALOGHI MATERIALI IN VERSIONE ITALIANA (2012)
È DISPONIBILE QUI
https://www.youtube.com/watch?v=2IlB7IP4hys
















IRENE CALESINI, FAGIOLI'S HUMAN BIRTH THEORY
AND THE POSSIBILITY TO CURE MENTAL ILLNESS:



Questo articolo di Irene Calesini, psichiatra psicoterapeuta, è uscito di recente su una rivista internazionale in inglese, si tratta del numero 3 del 2017 dell'International Journal of Environment and Health (rivista internazionale di ambiente e salute) edita da Inderscience Publishers. È una rivista molto diffusa e letta nel mondo scientifico interdisciplinare che già nel 2011 aveva pubblicato una recensione della stessa Autrice su Istinto di Morte e conoscenza in occasione della edizione con l'Asino d'oro del 2010 della quale avevamo a suo tempo dato notizia su Segnalazioni.
Vedi qui di seguito le pubblicazioni di Inderscience Publisherswww.inderscience.com/CATALOGUE
L'articolo di Irene Calesini è stato tradotto in inglese da Ilaria Rocchi e Francesco Troccoli.













PER "AVANCES" DI "SEGNALAZIONI"
PUBBLICHIAMO «UN EQUIVOCO»
DI ILARIA PALUZZI
DISPONIBILE QUI










RAI 3 PASSATO E PRESENTE
Anna Frank e la memoria negata una trasmissione anfata in onda il 25 ottobre è disponibile qui
si ringrazia Lorena Cipriani






"Pantheon" è una trasmissione radiofonica di Radio 3, che ha
programmato 10 puntate su "Il mondo di Gramsci".
Va in onda il sabato, alle ore 18 su Radio 3, i podcast sono
disponibili qui


Carla Nespolo nata a Novara nel 1943 è stata insegnante e parlamentare del Partito Comunista Italiano. Il giorno 3 novembre 2017 dopo esserne stata a lungo vice-presidente, è stata eletta Presidente nazionale dell'associazione Associazione Nazionale Partigiani Italiani, primo presidente eletto a questa carica senza essere stata partigiano combattente, e prima donna.
"UN OMAGGIO ALLE DONNE PARTIGIANE"
Cosa vuol dire essere il presidente Anpi senza aver fatto il partigiano e che ruolo ha l'Anpi nel 2017? Spiega Carla Nespolo: "Significa praticare la memoria del passato che agisca nell'oggi e quindi che sia in grado di combattere tutte le forme in Italia e in Europa dei risorgenti fascismi o delle nostalgie razzistiche".
"Essere antifascisti oggi - aggiunge la neo presidente Anpi - significa essere contro il razzismo, contro chi approfitta anche della crisi sociale per far regredire politicamente culturalmente moralmente il nostro Paese". "La mia nomina a presidente Anpi è anche un omaggio al contributo fondamentale dato nella Resistenza dalle donne sia in armi, sia come staffette, sia come sostenitrici nella società civile dei partigiani".


A ROMA ANCORA FINO A DOMANI:


Maria Mantello - Feuerbach a teatro, il mio secolo non mi fa paura
La recensione qui
IL MIO SECOLO NON MI FA PAURA - JOHANNA E LUDWIG
di Fulvio Iannaco
regia di Rossella Napolano, con Annachiara Mantovani, sax Pier Paolo Iacopini
voci off Pietro Longhi e Pierre Bresolin
TEATRO ANTIGONE di ROMA Via Amerigo Vespucci, 42 (Testaccio)
Dal 16 - 17 - 18 (pom)  - 19 novembre 2017
Info - Prenotazioni: 3805844086
da Micromega 5 novembre 2017
Le musiche di sono di DIMITRI NICOLAU cell  320.2177.964 e mail info.annachiaramantovani@gmail.com

si ringrazia Teresa Coltellese 
VEDI ANCHE LEFT 45 



LE RASSEGNE STAMPA DAL 22 AL 27 OTTOBRE COMPRESI STATE RECUPERATE
E SONO ADESSO DISPONIBILI QUI

UOMINI E PROFETI
"Narrazioni" - “La rivoluzione e l’iconostasi” Con Adriano Roccucci. Intervengono Gian Piero  e Antonella Salomoni


È iniziata il  5 novembre 2017, una nuova serie dedicata, nel centesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, alla rievocazione dei grandi sconvolgimenti della Russia dei Soviet. Qual era il quadro della Chiesa russa alla vigilia della Rivoluzione? Quali movimenti la attraversavano? Che conseguenze lasciò la fine dello zarismo? Quali offensive scatenarono i bolscevichi contro clero e credenti? Quale fu la risposta della Chiesa?
Nella prima puntata (5 novembre) lo storico Adriano Roccucci ci introduce al dramma vissuto in quegli anni dalla chiesa e dai fedeli ortodossi, con un intervento di Antonella Salomoni  docente di Storia contemporanea presso l'Università della Calabria.
Nella seconda puntata (12 novembre) lo storico Adriano Roccucci racconta come nacque la politica antireligiosa sovietica e come si sviluppò una mistica antireligiosa e iconoclasta in un paese fortemente radicato nella dimensione della fede. Il bolscevismo divenne una nuova religione? Quali simboli entrarono in  lotta? Mosca città sacra: un nuovo santuario? Letture di Diego Sepe
Le letture sono tratte da:
Il dottor Zivago, Boris Pasternak, Feltrinelli 1995
L.D.Trockij, Letteratura e rivoluzione, Einaudi 1973
Dal poema Cristo è risorto di Anrdej Belyj - Poeti russi del novecento a cura di Raffaella Belletti e Gabriele Mazzitelli, Lucarini 1990
da qui
La serie di trasmissioni continuerà la domenica mattina nelle prossime settimane sempre su RAI RADIO TRE
si ringrazia Noemi Ghetti





Corriere 17.11.17
Rivelazioni
Heidegger filosofo del Reich fino al 1942
Per otto anni partecipò a una commissione ufficiale presieduta dal criminale di guerra Hans Frank
di Antonio Carioti

Durante il Terzo Reich, anche dopo le sue dimissioni da rettore dell’Università di Friburgo il 27 aprile 1934, Martin Heidegger non rimase affatto estraneo al regime. Anzi partecipò per almeno otto anni, fino al luglio 1942, a una commissione per la filosofia del diritto che ebbe un ruolo di rilievo nella nazificazione del sistema giuridico. Un organismo presieduto dal famigerato Hans Frank, futuro governatore della Polonia occupata durante la guerra, di cui facevano parte figure come Alfred Rosenberg, ideologo antisemita, e il famoso giurista Carl Schmitt.
La circostanza non era ignota, ma ora un lavoro della studiosa tedesca Miriam Wildenauer sul nazismo degli accademici, in uscita il prossimo anno, approfondisce la questione. In particolare emerge che Heidegger era ancora membro della commissione (i cui verbali non sono stati reperiti) nell’estate del 1942, quando era già stata avviata la Soluzione finale del problema ebraico attraverso lo sterminio.
«Non si tratta di un dettaglio biografico, ma di una notizia molto rilevante», osserva Donatella Di Cesare, autrice del libro Heidegger e gli ebrei (Bollati Boringhieri), in cui denuncia l’orientamento antisemita del pensatore analizzando i suoi Quaderni neri , taccuini filosofici rimasti a lungo inediti. La coincidenza tra la stesura di quegli appunti e la partecipazione alla commissione, a suo parere, è assai significativa: «Non si può più descrivere Heidegger come un apolitico, perché emerge chiaramente che era coinvolto appieno nell’ambiente intellettuale da cui vennero elaborate le leggi razziali di Norimberga del 1935, premessa necessaria della Shoah. Le sue responsabilità non sono quindi minori rispetto a quelle di Schmitt, che a differenza di lui venne messo sotto accusa dopo la guerra».
Il problema, secondo Donatella Di Cesare, riguarda anche la storiografia: «Colpisce che un fatto così grave venga alla luce soltanto adesso: mi domando come mai in Germania per tanti anni nessuno abbia svolto ricerche sull’argomento».

il manifesto 17.11.17
Libera scelta in libera chiesa. Il Papa ridefinisce il fine vita
Vaticano/Italia. Sì alla sospensione dei trattamenti, autodeterminazione e ultima parola al malato. Bergoglio cambia la «prospettiva» sul biotestamento. I pro-life vanno in tilt ma la legge ancora attende.
di Eleonora Martini
qui

Repubblica 18.11.17
Monsignor Paglia “Interrompere le terapie è lecito ma mai la cura”
“Quella del Pontefice è una svolta di forma e sostanza. Guai se domina la tecnica”
di Paolo Rodari
CITTÀDEL VATICANO. «Nelle parole del Papa ho ravvisato toni nuovi non solo nella forma ma anche nella sostanza. Francesco sottolinea, infatti, che, di fronte a determinate situazioni può essere moralmente lecito interrompere il trattamento clinico. Mentre il Magistero diceva che si possono interrompere le cure, qui il Papa dice che se appare evidente che manca una proporzionalità è doveroso interrompere le cure. Dire doveroso non è poco». Così monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia accademia della Vita, nel giorno in cui ha concluso il convegno sul fine vita in Vaticano organizzato con la World Medical Association, a cui l’altro ieri Francesco ha mandato un messaggio che rappresenta una svolta sul tema.
La novità risiede nella liceità d’interrompere il trattamento medico?
«È rilevante il fatto che spetti al medico decidere ma sempre in una stretta relazione con il paziente. C’è un contesto di accompagnamento globale che comporta l’imperativo categorico di un accompagnamento che non interrompe mai la vicinanza. Insomma, possono terminare le cure ma mai la cura. Questo ha detto Papa Francesco ».
Tutto ciò resta in linea con il Magistero?
«Questo testo è in linea con il Magistero dei Papi e in particolare con Amoris Laetitia. È per questo che il tema del discernimento nel messaggio papale acquista un posto di particolare importanza, proprio perché lo sviluppo della tecnica velocissimo pone le questioni sul fine vita in termini sempre nuovi. In questo senso il Papa esorta a discernere casi o situazioni per evitare che non vi sia proporzionalità. È richiesto da una parte l’intervento medico e dall’altra l’intervento del malato, che ha la priorità nel giudizio dell’appropriatezza o meno. E tutto ciò richiede un indispensabile dialogo terapeutico tra medico, malato e i suoi familiari ».
Il Papa non chiede comunque la sospensione della cura.
«Esatto. Chiede in maniera chiara la liceità dell’interruzione di alcuni interventi clinici ma non della cura. E c’è una filosofia in questo: il rischio che la tecnica – da qualcuno definita la nuova religione – prenda il sopravvento sull’umano e persino sulla medicina stessa. Quindi l’accettazione del limite della morte come parte della vita può scardinare radicalmente quella che possiamo chiamare l’illusione dell’immortalità attraverso le macchine».
Francesco voleva anche appoggiare la legge sul fine vita ferma al Senato?
«Diciamo che il tema dell’alleanza terapeutica è un punto di cui qualsiasi legislazione dovrebbe tenere conto».

Affaritaliani 18.11.17
Alla confusa sinistra serve un'overdose di cultura azionista
di Carlo Patrignani
qui

ALCUNI SETTIMANALI

pagina 99 11.18.2017

Immagini di un delitto
Come si fa immaginare un delitto senza le sue immagini? O, in altri termini, il fantasma di JFK tormenterebbe ancora i sonni dell’America se i frammenti del filmato Zapruder non continuassero a scorrere nell’eterno loop della memoria collettiva? Il senso di colpa per l’affaire Moro sarebbe ancora annidato nella nostra coscienza civile se lo sguardo rassegnato dello statista rapito dalle BR non fosse arrivato fino a noi attraverso le infinite riproduzioni di una Polaroid?
Visioni | Wilma Montesi, JKF, Aldo Moro, Cogne. Casi emblematici dello stretto rapporto tra cronaca nera e fotografia. De Cataldo e Barrera indagano l’ambiguità di tale rappresentazione iconografica, tra valore documentale, proiezione soggettiva e abuso di potere
di Irene Alison
qui

pagina 99 11.18.2017
Il nemico ti ascolta
qui

pagina 99 11.18.2017
L’altra silicon valley
In Cina l’impresa tech è nelle mani delle donne
qui

internazionale 11.18.2017
La settimana
Casa
di Giovanni De Mauro
qui

internazionale 11.18.2017

Gli Stati Uniti sono più deboli in Asia
Durante la sua visita in Asia, Donald Trump ha fatto capire che l’impegno di Washington nella regione si limiterà agli aspetti militari. In questo modo potrebbe aiutare la Cina
di D. Nakamura e A. Parker, The Washington Post, Stati Uniti
qui

internazionale 11.18.2017

Dalla Cina
I nemici necessari
L’incontro tra Trump e Xi Jinping ha dimostrato che Pechino e Washington devono cooperare per essere influenti
Caixin, Cina
qui

internazionale 11.18.2017
I partiti femministi avanzano in Scandinavia
Secondo Feministiskt initiativ anche nella regione con la più elevata parità di genere al mondo c’è ancora molto da fare per raggiungere l’uguaglianza tra uomini e donne
di Anne Grietje Franssen, Trouw, Paesi Bassi
qui

internazionale 11.18.2017
Giappone
Stretta contro i suicidi
qui

internazionale 11.18.2017

L’economia è in ripresa ma i giovani vanno via
Dal 2008 un milione e mezzo di italiani si sono trasferiti all’estero, e anche gli stranieri se ne vanno dall’Italia. A lungo termine le conseguenze potrebbero essere molto gravi
di Valentina Romei, Financial Times, Regno Unito
qui

Bah... Davvero difficile la ricerca
internazionale 11.18.2017
Scherzi del cervello
Dimenticare per quale motivo siamo entrati in una stanza, ridere per una brutta notizia, non riuscire a dare un significato alle parole: sembrano comportamenti senza senso, ma in realtà sono il frutto di inciampi normali dell’attività cerebrale
di Helen Thomson, New Scientist, Regno Unito
qui

internazionale 11.18.2017
Non fiction
Giuliano Milani
Lavoro senza lavoratori

Marta Fana
Non è lavoro, è sfruttamento
Laterza, 173 pagine, 14 euro
qui

internazionale 11.18.2017

L’influenza dei giornali
Per valutare il peso dei mezzi d’informazione sull’opinione pubblica, un’équipe di ricercatori ha provato ad applicare i metodi usati nella ricerca medica
The Economist, Regno Unito
qui

internazionale 11.18.2017
Cina
Più stranieri nella finanza
qui 


SULLA STAMPA DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
La Stampa 19.11.17
Presunti abusi e rapporti omosessuali
Riaperto il caso sui chierichetti del Papa
di Domenico Agasso Jr.
qui

Corriere 19.11.17
Il Vaticano sul Collegio dei chierichetti «Ci furono rapporti omosessuali»
La nuova indagine ribalta le conclusioni precedenti. Ancora non si parla di abusi
di Fabrizio Caccia
qui

Repubblica 19.11.17
Pisapia e Pd, coalizione più vicina Al lavoro su una lista con Bonino
L’ex sindaco vede Fassino: “Percorso comune”. E chiede un garante dell’intesa Mdp resta fuori e oggi riunisce l’assemblea nazionale: verso il partito con Si e Civati
di Carmelo Lopapa
qui

Il Sole 19.11.17
Centrosinistra. L’ex sindaco di Milano: «Cambio di rotta già dalla legge di bilancio» - Sul tavolo superticket, lotta alla precarietà, Cigs e ius soli
Pisapia apre al Pd: dialogo avviato
Lunga telefonata Renzi-Prodi - Verso l’alleanza a tre: centristi, Pd e lista Campo progressista-Bonino
di Emilia Patta
qui

Repubblica 19.11.17
Casini: “Appello ai moderati per un’alleanza con i dem anche Alfano venga con noi”
t. ci.
qui

Repubblica 19.11.17
Anche Franceschini chiama il presidente del Senato per chiedergli di non correre contro i dem
E lui: “Non farò una Cosa rossa”
Prodi incontra Renzi e fa pressing su Grasso L’obiettivo finale è il ritorno di Bersani
di Tommaso Ciriaco
qui

Repubblica 19.11.17
Un partito democratico e aperto per fermare i populismi
di Eugenio Scalfari
qui

Corriere 19.11.17
«Dal governo niente. Sciopero? Solo il Parlamento può evitarlo»
Camusso: «Non è la Cgil ma il premier a favorire il voto per Salvini»
di Enrico Marro
qui

Il Fatto 19.11.17
Poliziotti ai seggi e tanta indifferenza Ostia torna al voto
Oggi il ballottaggio per il presidente del X municipio romano tra M5S e FdI: decisivi gli elettori di Pd, Sinistra e CasaPound
Poliziotti ai seggi e tanta indifferenza Ostia torna al voto
di Andrea Managò
qui

La Stampa 19.11.17
Tra degrado e impunità
Il “lungomuro” di Ostia dove muore il mare di Roma
Una scia criminale va dalla Magliana agli Spada e gli stabilimenti balneari fanno scudo alla spiaggia
di Mattia Feltri
qui

Il Fatto 19.11.17
Renzi riporta Pisapia a casa, Prodi vuole rompergli il Pd
Ulivi - Il professore torna a fare il mediatore per mettere all’angolo il segretario e fare un’alleanza con Mdp. Giuliano cambia di nuovo idea
di Wanda Marra
qui

Repubblica 19.11.17
Argentina.
Ufficiale di marina, con lei nel sommergibile disperso nell’Atlantico altri 43 uomini. Sette Paesi insieme per le ricerche
Eliana, prima donna dell’Armada in trappola a 300 metri sotto il mare
di Daniele Mastrogiacomo
qui

il manifesto 19.11.17
L’identità nuova con un microchip
Neurotecnologie. A che punto è la ricerca sull'interfaccia «cervello-computer». Un tempo, le onde cerebrali riguardavano solo psichiatri e neurologi, oggi fanno gola a molti e si concentrano su di loro diversi interessi, non ultimi quelli commerciali
di Andrea Capocci
qui

il manifesto 19.11.17
«Trotsky», il rivoluzionario diventa un’icona pop
Televisione. La serie di Alexander Kott è stata accusata di falso e di seguire la lettura putiniana della rivoluzione
di Yurii Colombo
qui

il manifesto 19.11.17
Plutarco, perché questo erudito moderato ci attrae
Classici antichi. Infinita varietà dei temi trattati, argomentazione pacata, stile gradevole, testi ricchi di aneddoti e citazioni colte: «Tutti i Moralia» tradotti per Bompiani da un’équipe guidata da Lelli e Pisani
di Carlo Franco
qui

Il Fatto 19.11.17
Massimiliano Bruno“Il mio mondo è ancora dei radical chic con il loro champagne e le tartine”
Regista, sceneggiatore e scrittore: “I maestri sono finiti, comanda il pubblico”
di Alessandro Ferrucci
qui

La Stampa 19.11.17
Dieci anni di kindle, biblioteca tascabile
di Gianni Riotta
qui

Corriere 19.11.17
L’abolizione del voto di condotta
La scuola deve insegnare anche il senso del dovere
di Giovanni Belardelli
qui

Corriere 19.11.17
Memoria Un libro di Pierluigi Vercesi (Neri Pozza) rievoca l’avventura del poeta e dei suoi «legionari» sulle sponde dell’Adriatico tra il 1919 e il 1920
Fiume , la sagra dei colpi di mano
D’Annunzio s’impadronì della città e la trasformò in un palcoscenico di sogni e fantasmi
di Antonio Carioti
qui

Corriere La lettura 19.11.17
Manicomi. Tra il 1968 e il 1977 Anna Maria Bruzzone è a Gorizia e ad Arezzo tra i malati psichiatrici dove registra decine di colloqui: E appunta sue riflessioni sulla rivoluzione di Basaglia
Il diario con dentro le voci dei matti
di Alessia Rastelli
qui

Repubblica 19.11.17
Alla scuola delle Frattocchie
Quando il Pci dava i voti
di Simonetta Fiori
qui

Il Sole Domenica 19.11.17
Verso il 25 novembre
Il lungo silenzio che ferisce le donne
La denuncia di violenze è stata messa a tacere nel corso della storia Solo da poco ha ottenuto uno spazio pubblico e un accenno di ascolto
di Elisabetta Rasy
qui

Il Sole Domenica 19.11.17
Evoluzione umana
Difficile diventare Sapiens
Il nostro percorso è stato molto complicato, non si è svolto in linea retta, ma attraverso prove ed errori: sono tante le forme umane che non hanno avuto successo
di Guido Barbujani
qui

Il Sole Domenica 19.11.17
Nina Coltart (1927 – 1997)
Vitalità della psicoanalista
di Vittorio Lingiardi
qui

Il Sole Domenica 19.11.17
Eva Cantarella
Il parricidio nell’antica Roma
di Mario Ricciardi
qui

HuffingtonPost 18.11.17
"La scienza sa di avere dei limiti da rispettare". Papa Francesco auspica più dialogo con la Chiesa
qui
Si ringrazia Franco Pantalei

SULLA STAMPA DI SABATO 18 NOVEMBRE



il manifesto 18.11.17
Le ragioni di una mostra
la mostra. "7 artisti con Gramsci a San Vittore" alla Fondazione Corrente di Milano
Ernesto Treccani "Profilo" litografia 1977
Fabio Francione
qui

il manifesto 18.11.17
Riina, un capo militare sconfitto su tutti i fronti
di Giuseppe Di Lello
qui

La Stampa 18.11.17
Grasso: “Lui aveva deciso che sarebbe toccato a me dopo Falcone e Borsellino”
Il presidente del Senato: “Mi ha salvato l’arresto di Riina. La mafia non finisce con lui, mai abbassare la guardia”
di Francesco La Licata
qui

il manifesto 18.11.17
«Non vogliamo passare da un inferno ad un altro»
Le testimonianze. Voci, foto, sogni e risate dei ragazzi africani e la solidarietà degli adolescenti veneti
di Ivan Grozny
qui

La Stampa 18.11.17
Le due sinistre e la frattura ormai irrecuperabile
di Marcello Sorgi
qui

Il Fatto 18.11.17
Il pro-quota spacca la sinistra sulle liste
Verso l’assemblea - Dal territorio nuove denunce di spartizione. Speranza (Mdp): tutte falsità
di Luciano Cerasa e Tommaso Rodano
qui

il manifesto 18.11.17
Con il Pd uniti si perde
di Antonio Floridia
qui

il manifesto 18.11.17
Come riprendere il percorso virtuoso del Brancaccio
Rocco Albanese, Marco Barbieri, Piero Bevilacqua, Sandra Bonsanti, Stefano Brugnara, Alberto Campailla, Anna Caputo, Luciana Castellina, Sergio Cofferati, Massimo Cortesi, Andrea Costa, Vezio De Lucia, Luigi Ferrajoli, Daniele Lorenzi, Giorgio Marasà, Federico Martelloni, Walter Massa, Filippo Miraglia, Andrea Ranieri, Bia Sarasini, Salvatore Settis, Francesco Silos Labini, Domenico Rizzi
qui

Repubblica 18.11.17
Biotestamento e Ius soli sei sedute per il sì alle leggi prima dello scioglimento
Le norme sul fine vita rischiano di finire fuori tempo massimo
di Giovanna Casadio
qui

Il Fatto 18.11.17
L’ipocrisia del cinema su Brizzi: lo scandalo è una bolla di sapone
Molestie - Dopo giorni di polemiche ci sono molte accuse anonime e nessuna denuncia. I grandi artisti tacciono: tutti devono lavorare
di Selvaggia Lucarelli
qui

Repubblica 18.11.17
Dare un nome alle cose è il segreto per ripartire
L’ultimo libro di Michela Marzano “ L’amore che mi resta” (Einaudi) indaga il legame tra una madre e la figlia adottiva
di Michela Marzano
qui

La Stampa 18.11.17
Le infezioni in ospedale uccidono due volte di più degli incidenti stradali
Le vittime sono 7 mila l’anno contro 3500 Viene colpito fino all’8 per cento degli assistiti
di Paolo Russo
qui

Il Fatto 18.11.17
“Una donna sposata non poteva avere interessi scientifici”
Il peso del diritto – Lorenza Carlassare
La cattedra vinta dieci anni dopo: “Sono stata il primo professore donna di Diritto costituzionale. E per molto tempo anche l’unica. Giuseppe Ferrari, che fu anche giudice costituzionale, mi disse: ‘Signora, si renda conto, lei sarebbe la prima. È una cosa gravissima’
di Silvia Truzzi
qui

il manifesto Alias 18.11.17
Twain, una storia della buonanotte
Everteen. «Il rapimento del principe Margarina», in Italia con Bompiani, è una storia che nasce da sedici pagine di appunti dello scrittore americano, ritrovate per caso. A finire la fiaba e a reinventarla sono stati i coniugi Stead, scrittura e illustrazione
di Arianna Di Genova
qui

il manifesto Alias 18.11.17
Undici tesi sul comunismo possibile
Il documento. La sintesi della "Conferenza di Roma" sul comunismo la cui potenza programmatica è stata raccolta dal collettivo C17 in undici tesi
Collettivo C17
qui

il manifesto Alias 18.11.17
Majakovskij e Gianni Toti
Il convegno. La Trilogia realizzata per la sperimentazione Rai e mai programmata è presentata giovedì 23 novembre a Roma Tre in occasione della manifestazione "Il progetto e le forme di un cinema politico a cento anni dalla rivoluzione d'ottobre"
di Sandra Lischi
qui

Corriere 18.11.17
«In rete rimonta l’ignoranza E non possiamo più tacere»
Burioni: la scienza merita fiducia perché si mette in discussione
di Roberta Scorranese
qui

Corriere 18.11.17
L’appuntamento
Galilei e Merisi, stesso destino. Con papa uìUrbano VIII l’illusione
di una libertà antidogmatica
A Padova una mostra sullo scienziato mette al centro la costante ricerca della verità, che influenzò pure molti artisti. Ma poi, nella Roma del potere, trionfò l’Inquisizione
primavera bruciata
di Francesca Bonazzoli
qui

Repubblica 18.11.17
Non solo ricercatori in fuga: preoccupa di più che nei nostri atenei non vuole venire nessuno
Tre regolette per attirare cervelli dall’estero
La mobilità nel Medio Evo era la regola: Anselmo d’Aosta a Bec e Canterbury, Tommaso d’Aquino a Colonia e a Parigi
Anticipiamo l’intervento di Maurizio Ferraris in chiusura del convegno “ Knowledge Based Migration”, oggi a Pavia, Associazione Italiana Alexander von Humboldt
di Maurizio Ferraris
qui

Repubblica 18.11.17
Un male corrode la democrazia lo chiamano “lupaggine”
Gherardo Colombo e Gustavo Zagrebelsky definiscono in questo modo la corruzione in “Il legno storto della giustizia”, un libro in forma di dialogo
di Liana Milella
qui

Repubblica 18.11.17
A Padova si inaugura oggi una mostra sul padre del metodo sperimentale: l’inventore, il letterato ma anche l’uomo che ha cambiato la visione dell’universo
L’altro Galileo, scienza e arte
Dipinti, video, oggetti e disegni in un viaggio lungo sette secoli Dopo di lui il cielo non fu più lo stesso, passammo dagli astrologi agli astronomi
di Raffaella De Santis
qui

Repubblica 18.11.17
Il filosofo Maurizio Ferraris
Se umanesimo, calcoli e web vanno a braccetto
di Maurizio Ferraris
qui

SULLA STAMPA DI VENERDI 17 NOVEMBRE

Corriere 17.11.17
Rivelazioni
Heidegger filosofo del Reich fino al 1942
Per otto anni partecipò a una commissione ufficiale presieduta dal criminale di guerra Hans Frank
di Antonio Carioti

Durante il Terzo Reich, anche dopo le sue dimissioni da rettore dell’Università di Friburgo il 27 aprile 1934, Martin Heidegger non rimase affatto estraneo al regime. Anzi partecipò per almeno otto anni, fino al luglio 1942, a una commissione per la filosofia del diritto che ebbe un ruolo di rilievo nella nazificazione del sistema giuridico. Un organismo presieduto dal famigerato Hans Frank, futuro governatore della Polonia occupata durante la guerra, di cui facevano parte figure come Alfred Rosenberg, ideologo antisemita, e il famoso giurista Carl Schmitt.
La circostanza non era ignota, ma ora un lavoro della studiosa tedesca Miriam Wildenauer sul nazismo degli accademici, in uscita il prossimo anno, approfondisce la questione. In particolare emerge che Heidegger era ancora membro della commissione (i cui verbali non sono stati reperiti) nell’estate del 1942, quando era già stata avviata la Soluzione finale del problema ebraico attraverso lo sterminio.
«Non si tratta di un dettaglio biografico, ma di una notizia molto rilevante», osserva Donatella Di Cesare, autrice del libro Heidegger e gli ebrei (Bollati Boringhieri), in cui denuncia l’orientamento antisemita del pensatore analizzando i suoi Quaderni neri , taccuini filosofici rimasti a lungo inediti. La coincidenza tra la stesura di quegli appunti e la partecipazione alla commissione, a suo parere, è assai significativa: «Non si può più descrivere Heidegger come un apolitico, perché emerge chiaramente che era coinvolto appieno nell’ambiente intellettuale da cui vennero elaborate le leggi razziali di Norimberga del 1935, premessa necessaria della Shoah. Le sue responsabilità non sono quindi minori rispetto a quelle di Schmitt, che a differenza di lui venne messo sotto accusa dopo la guerra».
Il problema, secondo Donatella Di Cesare, riguarda anche la storiografia: «Colpisce che un fatto così grave venga alla luce soltanto adesso: mi domando come mai in Germania per tanti anni nessuno abbia svolto ricerche sull’argomento».

il manifesto 17.11.17
Libera scelta in libera chiesa. Il Papa ridefinisce il fine vita
Vaticano/Italia. Sì alla sospensione dei trattamenti, autodeterminazione e ultima parola al malato. Bergoglio cambia la «prospettiva» sul biotestamento. I pro-life vanno in tilt ma la legge ancora attende.
di Eleonora Martini
qui

Repubblica 17.11.17
Beppino Englaro.
“Parole che scuotono fondamentalisti e portatori di verità assolute”
Il padre di Eluana “Il Papa è andato più avanti di tutti”
di Piero Colaprico
qui

il manifesto 17.11.17
Un duro colpo per i «più papisti del Papa»
Eutanasia. Le parole di Bergoglio non sono rivoluzionarie, ma sono comunque servite a rimuovere i residui alibi di chi blocca la legge per evitare contrapposizioni con il modo cattolico
di Marco Cappato
qui

Il Fatto 17.11.17
Il Papa ai medici (e alla Chiesa): basta giochini su chi muore
Non è una svolta - ma una conferma di un filo che parte dal 1923 e da Pio XI Francesco parla a chi, nella destra clericale, ancora specula sul fine vita
di Filippo Di Giacomo
qui

Corriere 17.11.17
Politica ed etica Francesco riapre il dibattito sul biotestamento. I senatori a vita: approvare la legge
Il Papa: lecito fermare le cure
«Insidioso insistere in trattamenti che non giovano al bene della persona»
di Gian Guido Vecchi
qui

Corriere 17.11.17
Domande & risposte
Qual è la differenza rispetto all’eutanasia e cosa significa sedazione profonda
di Margherita De Bac
qui

Repubblica 17.11.17
La dimensione della saggezza
di Alberto Melloni
qui




















Il Fatto 17.11.17
Donne, basta hashtag: andate in procura
di Luisella Costamagna
qui

Il Fatto 17.11.17
“Help”: l’email di Rossi cancellata due giorni dopo la sua morte
La rivelazione dell’allora segretaria dell’Ad: “Era destinata proprio a Viola, io la lessi al mio capo. Poi sparì dal server”
di Davide Vecchi
qui

Il Fatto 17.11.17
“Nessun contatto tra vertici della banca e massoneria”
qui

Il Fatto 17.11.17
Fassino finge sull’art. 18 la sinistra non abbocca
Il “pontiere” pranza con Prodi e apre sul tema lavoro, ma alla Camera il Pd chiude
di Luca De Carolis
qui

Repubblica 17.11.17
Quella sinistra divisa da programmi e poltrone
di Piero Ignazi
qui

La Stampa 17.11.17
Negato a 50 mila studenti il diritto a borse di studio
In Italia solo un misero 2% del totale riceve sostegno economico. Nel nuovo anno, aumentano del 10% gli “idonei non beneficiari”
di Nadia Ferrigo
qui

La Stampa 17.11.17
Atenei, la rivolta dei docenti a contratto
“Facciamo didattica pagati 3 euro l’ora”
Denuncia dei precari. La replica dei rettori: “Hanno un ruolo diverso dagli stabili”
di Fabrizio Assandri
qui

Repubblica 17.11.17
Patto per il Medio Oriente così Israele apre ai sauditi
Capo di Stato maggiore: pronti a condividere informazioni con Riad Intesa anti Iran, dopo incontri segreti e missioni del genero di Trump
di Francesca Caferri
qui

HuffingtonPost  16.11.17
Zero aborti in 5 anni, Crotone orgoglio di Forza Nuova. La storia di Fiorita all'Huffpost: "Trattata da peccatrice"
qui
Si ringrazia Franco Pantalei

DOMENICA 12 NOVEMBRE 2017 DALLA LIBRERIA FELTRINELLI APPIA DI ROMA
"SEGNALAZIONI" HA TRASMESSO LA DIRETTA STREAMING DELL'EVENTO
UNA PRODUZIONE MAWIVIDEO
VERSIONE IN ALTA QUALITÀ - SI RINGRAZIA WILLIAM SANTERO

VENERDI 10 NOVEMBRE 2017 DALLA LIBRERIA FELTRINELLI DI LATINA
ANORESSIA,  L'ASINO D'ORO EDIZIONI
 

...nonostante Canfora?
 
SULLA STAMPA DI GIOVEDI 16 NOVEMBRE
il manifesto 16.11.17
«Si sapeva che la Libia non rispetta i diritti umani»
Migranti. Minniti tira dritto nonostante l’Onu: «Tripoli non ha firmato la Convenzione di Ginevra»
di Adriana Pollice
qui

Corriere 16.11.17
Noi, l’Onu e la Libia
I migranti e le lezioni tardive
di Fiorenza Sarzanini
qui

il manifesto 16.11.17
«Fondi Ue per lo sviluppo usati per fermare i migranti»
Una ricerca di Oxfam. 400 milioni di euro in meno alla cooperazione per blindare le frontiere
di Carlo Lania
qui

il manifesto 16.11.17
Basta finanziare gli aguzzini, cancellare l’accordo
Migranti nel centro di detenzione Abu Salim a Tripoli, in Libia, il 15 agosto
di Francesca Chiavacci, Filippo Miraglia
qui

La Stampa 16.11.17
In Libia c’è chi soffia sul fuoco
di Stefano Stefanini
qui

La Stampa 16.11.17
Negli Usa Di Maio vede Parolin
Piano per il disgelo col Vaticano
Intervista al leader grillino: taglierò le tasse alle imprese come Trump
di Ilario Lombardo Andrea Tornielli
qui

La Stampa 16.11.17
Le ambizioni grilline crescono nonostante la Sicilia
di Marcello Sorgi
qui

La Stampa 16.11.17
Il popolo di centrosinistra chiede unità
E Grasso insidia Renzi come leader
Il sondaggio di Piepoli: due elettori su tre a favore della coalizione
di Nicola Piepoli
qui

La Stampa 16.11.17
Il Pd spera di giocarsi la carta Prodi
Ma Bersani chiude: “Uniti si perde”
Il presidente del Senato incontra Fassino: “Intese difficili”
di Carlo Bertini
qui

Corriere 16.11.17
Gli scenari post voto Berlusconi teme nuove fratture nel Pd e un asse con i 5 Stelle
di Francesco Verderami
qui

il manifesto 16.11.17
Boldrini e Grasso peccano di critica, disturbano la maggioranza
di Massimo Villone
qui

Il Fatto 16.11.17
Ma cosa c’entrano i radicali con Renzi?
di Daniela Ranieri
qui

Il Fatto 16.11.17
L’ultimo giorno di Gabanelli in Rai: “Proseguirò altrove”
qui

Il Fatto 16.11.17
Morte di Rossi, la Procura apre un nuovo fascicolo su Mps
di Davide Vecchi
qui

Il Fatto 16.11.17
L’imbarazzo di cercare Corbyn in Italia
di Francesca Fornario
qui

il manifesto 16.11.17
Frutto della scienza non della magia
Duecento anni fa veniva pubblicato «Frankenstein, o il moderno Prometeo». La forza del capolavoro di Mary Shelley sta nella sua ambiguità, nel suo prestarsi a interpretazioni diverse. Considerato il primo romanzo di fantascienza, è però dotato di atmosfere gotiche, e effetti visionari. L’autrice concepì la sua mostruosa creatura a diciannove anni, tra il 1816 e il 1817
di Andrea Colombo
qui

Il Fatto 16.11.17
Si alzi il sipario! Da Picasso a De Chirico: artisti all’Opera
Apre domani a Roma, al Museo di Piazza Navona, la mostra di scenografie e allestimenti del Teatro creati da grandi pittori e maestri dal 1880 a oggi
di Alessia Grossi
qui

Corriere 16.11.17
Terapia del dolore, cannabis gratuita Sarà a carico del Servizio sanitario
La norma nel decreto fiscale. Stanziati 2,3 milioni. Lorenzin: ne servono 350 chili all’anno
di Lorenzo Salvia
qui

Repubblica 16.11.17
Perché la lezione del Nobel francese è ancora così attuale
Albert Camus e l’amore ai tempi della peste
di Paolo Di Paolo
qui

Repubblica 16.11.17
C’era una volta Chiaromonte intellettuale straniero in patria
di Francesco Erbani
qui

HuffingtonPost.it 15.11.17
Questa giovane ricercatrice italiana è stata scelta dalla NASA per creare la prima città sostenibile su Marte. Intervista a Valentina Sumini che a soli 32 anni è stata scelta per ideare il primo insediamento umano e sostenibile sul Pianeta rosso
qui
Si ringrazia Franco Pantalei

SULLA STAMPA DI MERCOLEDI 15 NOVEMBRE














il manifesto 15.11.17
Gramsci e le sue letture intorno al 1917 russo
Un incontro a Bari in cui ci sarà un confronto sulle categorie politiche sue e di Lenin
di Guido Liguori
qui














il manifesto 15.11.17
Lili Brik, tra Majakovskij poesia e rivoluzione
In occasione del centenario della Rivoluzione d’ottobre Bordeaux riedita l’incontro di Benedetti con la «musa». Lucetta Negarville scrive un’accurata prefazione a questa intervista datata 1977
di Claudia Scandura
nell'immagine: Alexander Rodchenko, Portrait of Lilya Brik, 1924
qui

Repubblica 15.11.17
Il saggio di Massimo Recalcati svela le nuove forme di un rituale antico: dalla jihad alla finanza globale
Così spezzeremo le false catene del sacrificio
Contro il sacrificio di Massimo Recalcati (Raffaello Cortina, pagg. 140, euro 12). Da domani in libreria
di Roberto Esposito
qui

Repubblica 15.11.17
L’enigma primordiale che incanta gli studiosi
La storia della civiltà incomincia grazie al dono di Prometeo
di Marco Belpoliti
qui





il manifesto 15.11.17
Aste di schiavi a Tripoli, le prove in un video-scoop della Cnn
Vendiamo umani. La giornalista afro-americana commenta: «Mancano solo le catene»
di r. g.
qui

Corriere 15.11.17
Partner violento per 1 donna su 3
Allarme anche tra le bambine
qui

il manifesto 15.11.17
Vergogna Italia, l’accordo sui migranti con la Libia «è disumano»
L'Onu accusa l'Europa. L’Alto commissario delle Nazioni Unite attacca la politica Ue e il piano Minniti: «La sofferenza nei campi di detenzione è un oltraggio alla coscienza dell’umanità»
di Adriana Pollice
qui

Repubblica 15.11.17
“Migranti all’asta come schiavi” Libia, ecco l’ultimo video shock
Inchiesta della Cnn. L’Onu attacca la Ue: “Un patto disumano con Tripoli”
di Alessandra Ziniti
qui

Repubblica 15.11.17
Se questo è un uomo
Quei migranti in esilio ridotti in schiavitù ci riguardano
di Marco Belpolitiì
qui

La Stampa 15.11.17
Migranti come schiavi battuti all’asta in Libia
Video choc della Cnn, uomini venduti a 800 euro a testa La dura accusa dell’Onu: “L’accordo di Italia e Ue è disumano”
di Marco Bresolin
qui

La Stampa 15.11.17
“Si sapeva tutto da tempo. Quell’intesa è da rivedere”
Emma Bonino: “Le milizie lasciano entrare solo in pochi centri”
di Francesca Paci
qui

La Stampa 15.11.17
“Da mesi lo denunciamo
Si sta scendendo a patti con dei veri criminali”
di Fabio Albanese
qui

Corriere 15.11.17
Libia, l’Onu accusa l’Europa e l’Italia «Un orrore le prigioni per migranti»
Video su ragazzi venduti come schiavi. Tajani: inaccettabile, l’Europarlamento verificherà
di Ivo Caizzi
qui

Corriere 15.11.17
L’irritazione del governo: è anche merito nostro se oggi si fanno ispezioni
di Marco Galluzzo
qui

il manifesto 15.11.17

Italia-Europa, il disumano che è in noi
di Tommaso Di Francesco
qui

Il Fatto 15.11.17
L’Onu: “Europa e Italia disumane sui migranti”
“Dall’accordo con la Libia orrori inimmaginabili, offesa all’umanità”. Le Nazioni Unite bocciano anche la legge sulla tortura
di Giampiero Calapà
qui

il manifesto 15.11.17
Haftar denunciato all’Aja per crimini di guerra
Caos Libia. La sicurezza in Libia non migliora e la Guardia costiera di Tripoli ora dà forfait sullo stop ai migranti
di Rachele Gonnelli
qui

Il Fatto 15.11.12
La politica dello struzzo non paga
Emergenze elettorali - L’efficacia di aver demandato il controllo dei flussi si sta rivelando di breve durata
di Guido Rampoldi
qui

Reoubbica 15.11.17
La traversata verso il nulla
di Massimo Giannini
qui

Corriere 15.11.17
«Noi civici vittime dei partiti, c’è chi è contro l’unità»
di G. A. F.
qui

Repubblica 15.11.17
Anna Falcone
“Sciogliamo il gruppo del Brancaccio Con questi partiti non si può che litigare”
qui

Repubblica 15.11.17
Grasso e Boldrini contro gli attacchi Pd “Noi imparziali, basta vederci in aula”
Polemica sulla discesa in politica dei due presidenti. Rosato: “La seconda carica dello Stato deve essere super partes”. Orlando: “È un passaggio all’opposizione senza precedenti”
Mdp: “È una strana idea della democrazia pensare ai loro ruoli come esercizio notarile”
di Tommaso Ciriaco
qui

La Stampa 15.11.17
Alleanze elettorali e caso banche
Si complicano le sfide di Renzi
di Marcello Sorgi
qui

il manifesto 15.11.17
«Ciao, sono Piero». Alleanze, la mission impossible di Fassino
Democrack. L’ex segretario Ds manda sms a Civati, Mdp e Si per conto di Renzi In forse ancora l’incontro con Pisapia. Polemica su Grasso e Boldrini. C’è anche Prodi nell’agenda, così il mediatore spera di ottenere il sì dell’ex sindaco. Orlando corregge, non ha criticato i due presidenti: «Nessuna censura al loro operato». Ma il Pd li attacca
di Daniela Preziosi
qui

Corriere 15.11.17
Lo smarcamento dei presidenti rischia di aprire un nuovo fronte
di Massimo Franco
qui

Il Fatto15.11.17
Etruria Renzi sulla Banca d’Italia sapeva già tutto e non ha detto niente
risponde Giorgio Meletti
qui

il manifesto 15.11.17
Tavolo pensioni, la Cgil prepara già la piazza il 2 dicembre
Anche contro la Manovra. Il direttivo chiama alla «mobilitazione»: dal governo niente su giovani e donne. Landini: serve un decreto per bloccare l’età. La Cisl: trattare fino all’ultimo, serve un accordo. La Uil: valutare la via parlamentare
Una manifestazione della Cgil a piazza San Giovanni a Roma
di Massimo Franchi
qui

Il Fatto 15.11.17
La retromarcia del Kurdistan
Il governo della regione autonoma irachena torna sui suoi passi: lo “Stato” dei curdi, osteggiato anche dal vicino Iran, è durato un mese e mezzo
di Roberta Zunini
qui

Corriere 15.11.17
La nuova edizione di «Atlantide» su La7
Purgatori: affronto la Storia anche con la formula del talk
di Renato Franco
qui

RaiNews.it 15.11.17
Cambiato il Dna di un paziente per curare una grave malattia
qui
Si ringrazia Elisa Mariani e Franco Pantalei



SULLA STAMPA DI MARTEDI 14 NOVEMBRE:

RaiNews.it 14.11.17
Libia, Cnn: aste di migranti per 400 dollari.
Tajani: "Inaccettabile"
qui


Corriere 14.10.17
Naufragio con 300 vittime Il gip respinge l’archiviazione
di Ilaria Sacchettoni
qui

Repubblica 14.10.17
Svolta sul naufragio dei bambini “A processo gli ufficiali italiani”
Il gip nega l’archiviazione per la strage di migranti dell’11 ottobre 2013 Smentita la versione della Marina: “Non ordinò alla Libra d’intervenire”
di Fabrizio Gatti
qui

La Stampa 14.11.17
Violentato quando era bambino si vendica e accoltella il pedofilo
Pordenone, il 23enne accusato di tentato omicidio ha confessato
Il ferito, in gravi condizioni, era a processo per pedopornografia
di Lorenzo Padovan
qui

La Stampa 14.11.17
Quel passato che non è mai passato
di Ferdinando Camon
qui

La Stampa 14.11.17
“Non ce la facevo più
L’ho aggredito perché ero esasperato”
La giustificazione del giovane con i carabinieri Il difensore dell’uomo: “Ci sono motivi economici”
qui

il manifesto 14.11.17
I civici contro i partiti: «Lista unitaria non ci sono le condizioni, ci fermiamo»
Sinistra/ Sconvocata l'assemblea. Rifondazione: noi avanti con lo stesso spirito. Fratoianni: sulle liste nessuna spartizione. Quelli del Brancaccio: non possiamo garantire il confronto democratico. Accuse a Prc, Mdp e Si
di Daniela Preziosi
qui

Il Fatto 14.11.17
“Così non va, non cediamo ai nominati dalle segreterie”
Tomaso Montanari - Il leader dei Comitati per il No: “Hanno calato un leader dell’alto e pensano solo ai posti, è la fine del Brancaccio”
“Così non va, non cediamo ai nominati dalle segreterie”
di Luca De Carolis
qui

Corriere 14.11.17
Falcone e Montanari si bloccano
Niente raduno e documenti separati
qui

Repubblica 14.11.17
Mancava solo la scissione dei civici, eccola
Falcone e Montanari annullano la convention nazionale del Brancaccio e dicono no a Grasso e Bersani: “vecchi riti di partito”
qui

Corriere 14.11.17
Il gioco del cerino
di Antonio Polito
qui

Corriere 14.11.17
Un dialogo impossibile che anticipa la resa dei conti
di Massimo Franco
qui

Corriere 14.11.17
Bersani chiude la porta: troppo tardi per l’intesa anche se Matteo non c’è
«I padri nobili? Alla buon’ora, spieghino le sconfitte pd»
di Monica Guerzoni
qui

Corriere 14.11.17
Il confronto
Bonino lo vede: fate l’impossibile per lo ius soli
qui

Il Fatto 14.11.17
“Almeno per una volta evitiamo di dividerci”
Nicola Fratoianni - La replica al Brancaccio: “Andiamo avanti, non c’è nessuna trattativa sui seggi”
“Almeno per una volta evitiamo di dividerci”
intervista di Tommaso Rodano
qui

Il Fatto 14.11.17
Alleanza e visioni di “Repubblica”
qui

La Stampa 14.11.17
Mdp non si fida e prepara le liste
“Pronti i candidati per tutta l’Italia”
I fuoriusciti: “Dai dem nessun cambio sui contenuti, il tempo è scaduto” E anche Tabacci, fedelissimo di Pisapia, incalza: serve un nuovo leader
di Andrea Carugati
qui

La Stampa 14.11.14
Se la sinistra si sgretola in quattro
di Fabio Martini
qui

La Stampa 14.11.17
Ma nei collegi la sconfitta è vicina
di Marcello Sorgi
qui

Repubblica 14.11.17
I Democratici e la Sinistra
di Eugenio Scalfari
qui

Repubblica 14.11.17
A chi resta in mano il cerino del Nazareno
di Stefano Folli
qui

Repubblica 14.11.17
La mediazione di Fassino per il dialogo: sentirò tutti uno a uno. Gentiloni benedice la spinta di Renzi all’unità
Le due sinistre
Gli anti-dem avanti con Grasso
Franceschini: divisi perderemo
Una possibile carta estrema per favorire il riavvicinamento sarebbe l’approvazione delle leggi sullo Ius soli e sul biotestamento
di Tommaso Ciriaco
qui

Il Fatto 14.11.17
Franceschini, il boom dei musei è tutto fumo
di Vittorio Emiliani
qui

Repubblica 14.11.17
La distanza tra i Radicali e il Viminale sull’immigrazione non ferma l’intesa. Il ministro “soddisfatto”. La lista si chiama “+Europa”, incerta la corsa di Emma
Il leader Pd stringe il patto con Bonino ma difende Minniti: “I risultati ci sono”
di Goffredo De Marchis
qui

il manifesto 14.11.17
E sul congresso di Napoli scoppia lo scontro al vertice nazionale del Pd
Il candidato di una parte degli ex Ds, Oddati, contesta la regolarità del voto. La ratifica rinviata a oggi. Il vicesegretario Martina, che chiedeva un rinvio delle urne, finisce nel mirino di Lotti, Guerini e Boschi
di Adriana Pollice
qui

Il Fatto 14.11.17
“Ma c’è anche il reato di violenza privata”
L’avvocata: “Parliamo in generale di molestie ambientali”
“Ma c’è anche il reato di violenza privata”
di Silvia D’Onghia
qui

Repubblica 14.11.17
Intervista
“Demoni in Europa, la mia Polonia rischia la guerra civile”
Per l’ex presidente Lech Walesa le democrazie sono in pericolo “Bisogna davvero reinventare la politica”
di Andrea Tarquini
qui

Repubblica 14.11.17
Tangentopoli rumena nel cuore del potere
di Andrea Tarquini
qui

Corriere 14.11.17
Faide, narcos e anfetamine
Così Ciudad Juárez ritorna la capitale dei femminicidi
di Guido Olimpio
qui

La Stampa 14.11.17
I segreti tra Camus e l’amantenelle lettere ritrovate dalla figlia
Una storia lunga sedici anni con l’attrice Maria Casarèsparallela al matrimonio con Francine, finita solo con la morte
di Leonardo Martinelli
qui

Corriere 14.11.17
La solitudine degli avverbi Se l’inglese perde le sfumature
Le conseguenze dell’americanizzazione
di Luigi Ippolito 
qui

Corriere 14.11.17
L’indulgenza di Scipione
Un saggio di Gastone Breccia (in uscita per l’editore Salerno) traccia il profilo del militare romano che a soli ventisei anni comandava un esercito di quasi30 mila soldati. Fu detto l’«Africano» dopo la vittoria sui Cartaginesi a Zama
di Paolo Mieli
qui

SABATO 4 NOVEMBRE
MARIA GABRIELLA GATTI, STEFANIA MACCARI, LUCIA MASSI E MANUELA PETRUCCI A FIRENZE
E SIMONA MAGGIORELLI CON MATTEO CERIANA A CETONA DI SIENA,
HANNO PRESENTATO “DISMORFOFOBIA” E “ATTACCO ALL’ARTE”
ENTRAMBI I LIBRI SONO EDITIDA "L’ASINO D’ORO EDIZIONI"
VEDI QUI DI SEGUITO

Si ringraziano Rossana Cecchi e Alessandro Leonelli

LE RASSEGNE DELLA STAMPA FINO AL AL 13 NOVEMBRE 2017
SONO ORA DISPONIBILI QUI DI SEGUITO
CLICCANDO SU "POST PIÙ VECCHI" QUI IN BASSO A DESTRA