giovedì 15 novembre 2018








«È appena uscito il primo disco del gruppo NAUTHA
DOMANI Venerdì 16 saremo a RadioKaos per parlarne.
https://www.radiokaositaly.com/
La nostra proposta musicale si riallaccia alla scena progressive italiana degli anni 70 ma soprattutto i testi sono scritti da Antonio Montellanico e devono moltissimo alla nostra Ricerca comune e alla Teoria di Massimo Fagioli, citata in più punti sotto forma di una personale rielaborazione narrativa all'interno di un 'viaggio' onirico e musicale».
www.facebook.com/nauthaband
DOMANI IN ONDA SU RADIOKAOS DALLE 19 ALLE 21
https://www.musicraiser.com/projects/12529


























il manifesto 14.11.18
Mentre il mostro conta i voti parliamo di noi
Il partito della Ruspa. S’è toccato un fondo che non era facile toccare
di Ascanio Celestini

qui

ULTIM'ORA: 
Sul quotidiano della Conferenza Episcopale 
del 13 Novembre 2018... 
si cita Massimo Fagioli...
(clicca sull'immagine per ingrandirla)



Il Giornale 14.11.18
La (folle) teoria dello psichiatra: "I pazzi votano per i populisti"
Lo studioso Allen Frances sostiene che l'ascesa dei movimenti identitari è dovuta alla follia
di Franco Grilli

Lo sapevate per chi votano, di solito, i pazzi? Indovinate un po’, votano per le destre e i populisti.
È la strampalata teoria di Allen Frances, Professore Emerito presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze comportamentali della Duke University School of Medicine di Durham in North Carolina, che nel suo ultimo manuale sui disturbi mentali spiega il motivo dell’ascesa dei movimenti identitari. Il motivo, appunto, è la follia.
Insomma, chi dà il proprio voto per un partito di destra, identitario, sovranista e populista, deve essere un po' spostato di mente. Un po' come diceva lo psichiatra Massimo Fagioli (come ricorda Francesco Borgonovo per La Verità): "Una persona sana di mente non può non essere di sinistra". D’altronde sono anni che le sinistre di tanti Paesi etichettano come ignoranti, razzisti, stupidi in preda a paure e chi più ne ha più ne mette, tutti coloro che, appunto, non guardando e non votano a sinistra nel seggio elettorale.
Ci mancava solo, allora, il parere di uno dei più stimati psichiatri mondiali, che ha da poco pubblicato in Italia il suo nuovo libro "Il crepuscolo di una nazione", capace di scatenare una più che accesa polemica negli States.
Il succo del discorso e delle oltre trecento pagine nelle quali spiega che chi vota i populisti (in Francia, Gran Bretagna e anche in Italia) va considerato un folle, come ben spiega il giornalista del quotidiano, è riassunto nella frase di apertura del saggio: "Non è Trump a essere pazzo. Siamo noi". E poi:"Trump è sintomo di un mondo in difficoltà, non ne è l' unica causa. Rimproverarlo per i nostri problemi significa non vedere la ben più profonda malattia sociale che sta dietro e ha reso possibile la sua improbabile ascesa. Dire che Trump è un pazzo ci permette di non vedere la follia della nostra società. Se vogliamo tornare a essere sani di mente, dobbiamo innanzitutto capire noi stessi. Detta in due parole: Trump non è pazzo, ma la nostra società sì".

qui

QUI DI SEGUITO È DISPONIBILE LA VERSIONE ANCORA PROVVISORIA DELL'EVENTO CHE "SEGNALAZIONI" - CON "MAWIVIDEO"- HA TRASMESSO VENERDI 9 NOVEMBRE DAL PALLADIO DI ROMA 
DAL TITOLO: "NON SI MUORE PER AMORE"
LA VERSIONE COMPLETA E DEFINITIVA SARÀ DISPONIBILE AL PIÙ PRESTO 



Da lunedì 5 novembre alle ore 17.00 sarà possibile acquistare il biglietto per la prima giornata di studio della nuova stagione "Rivoluzione del pensiero". 
Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
24 Novembre 2018 dalle ore 11.00 alle ore 17.00
 
A cura di Ada Montellanico
con Valentina Carbini, Tony Carnevale, Francesca Fagioli, Paolo Tombolesi, Houman Vaziri.
Mozart, il bambino prodigio, artista straordinario e geniale, è considerato da molti il più universale tra i compositori occidentali.
Attraverso la sua vita e le opere più significative cercheremo di tracciare se e quale fu la sua rivoluzione in rapporto ai musicisti del suo tempo, al periodo storico e al grande movimento di idee dell’epoca.
Un viaggio che ci porterà ad interrogarci sull’arte più misteriosa e indefinibile che è la musica, sulle diverse espressioni artistiche nella cultura occidentale e orientale, sulla relazione tra compositore e interprete e sul ruolo che storicamente hanno avuto le donne in questo ambito.
Una ricerca affascinante e molto complessa che ha la sua centralità nel rapporto profondo con il suono.
“Poi, non so perché Mozart è riuscito a ricreare, non solo il linguaggio umano e non i suoni che emettono gli animali ma, forse il vagito della nascita: così l’immagine è suono e il suono è immagine“.
Massimo Fagioli, Left 2007 

IL NUMERO 4/2018 DE "IL SOGNO DELLA FARFALLA"
  www.ilsognodellafarfalla.it



«Reazione, pulsione, vitalità, creazione, esistenza, tempo, capacità di immaginare.
Forza, movimento, suono, memoria, certezza che esiste un seno.
Percezione cosciente, fantasia, linea, senso, volto»
Massimo Fagioli sul n. 27/2016 di LEFT

«Una lotta, senza armi, soltanto rivoluzione del pensiero e parola»
Massimo Fagioli sul n°49/2008 di LEFT

«Una posizione personale di realizzazione umana completa nel senso di vivere una disponibilità per gli altri senza secondi fini di vantaggi materiali o di vantaggi psicologici».
Massimo Fagioli, Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.248

«Troppo difficile per loro la comprensione della dialettica, troppo pesante il conflitto di sentirsi cattivi nel momento del rifiuto.Troppo lontano, da loro, l’interesse per gli altri, troppo povero l’amore per volere una realtà degli uomini diversa dall’attuale».
Massimo Fagioli, Premessa alla quinta edizione di Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.43

«Origine materiale. Facile a dirsi. Poi, andando a fondo, si scopre che è difficile, difficilissimo nonostante più di 100 anni di materialismo storico ateo, più di 200 dall'illuminismo ugualmente ateo. È che accettare realmente, nell'inconscio, come realizzazione psichica profonda, e non soltanto come sbandieramento di un concetto astratto o come dovere di coerenza cosciente, l'origine materiale, innanzitutto la propria, significa subito accettare la fine di questa propria realtà materiale. Significa cioè rinunciare all'idea di eternità, spiritello maligno nascosto nella mente di tante persone.
Tutti vogliono restare, nessuno sa accettare di andarsene dopo essere stato ed aver fatto. L'annullamento della nascita, della prima e fondamentale separazione, conduce poi a non fare e non accettare più separazioni mai e da nessuno. Conduce a vivere come se il tempo non passasse, come se si fosse sempre nello stato di prima. Ogni novità, personale, sociale, storica, culturale, viene continuamente annullata. Perché la novità mette in crisi lo status, la norma, e lo rende passato. Lo mette da parte. E si scatena il conflitto e la lotta tra il nuovo e coloro che non sanno modificarsi. Coloro che non riescono ad aprirsi ad una recettività per rapportarsi a quanto prima non c'era.
L'uomo che non ha scoperto la nascita non riesce ad accettare nessuna nascita, resta sempre conservatore, reazionario, ovvero reagisce con l'annullamento di fronte ad ogni nuovo che compare. Non accetta neppure i propri nati, li distrugge, li fa impazzire».
Massimo Fagioli, in Bambino donna e trasformazione dell’uomo. Risposta alla Domanda n. 16

«Il tempo della vita umana che inizia con la nascita non è il tempo del feto che si forma nell’utero. Il tempo del movimento della realtà biologica rientra nella realtà dell’universo. Poi accade quanto detto: il giungere della luce sulla retina provoca la realizzazione di una realtà non materiale denominata pulsione. Una realtà non materiale che è la base del pensiero umano».
Left n°2/2017


Il "Calendario 2019” di Massimo Fagioli può essere acquistato in anteprima
 presso la sede della casa editrice: via Ludovico di Savoia 2b - Roma,
dal lunedì al venerdì dalle ore 10,00 alle 18,00 (orario continuato).
CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA
Da dicembre il calendario sarà disponibile anche in tutte le librerie fiduciarie
e, dal 6 al 9 dicembre 2018,  presso la fiera “Più libri più liberi” a Roma,
 stand D41 (L’Asino d’oro edizioni).

LE PRESENTAZIONI DELL'ASINO D'ORO: 
FAI SCORRERE LE IMMAGINI DISPONIBILI NELLA GALLERY CHE SEGUE CLICCANDO A DESTRA O A SINISTRA DI ESSE
E CLICCA SU CIASCUNA DI ESSE PER INGRANDIRLE
Novembre 2018 2
QUI DI SEGUITO È DISPONIBILE LA VERSIONE ANCORA PROVVISORIA E PARZIALE DELL'EVENTO CHE "SEGNALAZIONI" - CON "MAWIVIDEO"- HA TRASMESSO VENERDI 9 NOVEMBRE DAL PALLADIO DI ROMA PROMOSSO DALLA "ASSOCIAZIONE CULTURALE AMORE E PSICHE".
LA VERSIONE DEFINITIVA SARÀ DISPONIBILE AL PIÙ PRESTO.
UNA PRODUZIONE DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE AMORE E PSICHE
UNA REALIZZAZIONE DI MAWIVIDEO
SI RINGRAZIANO DANIELE CARLEVARO E ANDREA VENEZIANI
si avverte che nella versione provvisoria per adesso disponibile qui di seguito il sonoro della registrazione comincia al minuto 52
 
progetti-eventi@psicoterapiamedica.org
clicca sull'immagine per ingrandirla


IL N. 46 DI LEFT NELLE EDICOLE


SEGNALAZIONI” è un weblog di informazioni segnalazioni e stralci dalla stampa e dal web. Per inviare un articolo una segnalazione un’informazione, per suggerimenti e richieste, scrivici un’e-mail al nostro indirizzo: SEGNALAZIONI.BOX@GMAIL.COM.
In questa pagina sono disponibili i post pubblicati più di recente. Per contenuti di periodi precedenti cerca negli Archivi - se conosci la data che ti interessa - altrimenti utilizza il box di ricerca di “Google” disponibilequi a sinistra.
Questo weblog è pubblicato nell’osservanza degli articoli 65 e 70 della Legge 633.41 e della Licenza Creative Commons (qui a sinistra). Le immagini e la grande maggioranza dei testi sono state scaricati da Internet e quindi ritenuti di dominio pubblico. Se si desidera chiederne la rimozione è sufficiente scrivere alla redazione. Pagine ottimizzate per Firefox 63.
CHIUNQUE È LIBERO DI TRARRE DA “SEGNALAZIONI” MATERIALI DA PUBBLICARE SUI SOCIAL NETWORK COME FACEBOOK E SULLE PROPRIE PAGINE WEB O ALTROVE ED È ANZI INVITATO A FARLO. È RICHIESTO PERÒ CHE CHIUNQUE LO FACCIA CITI SEMPRE “SEGNALAZIONI” COME FONTE, E PUBBLICHI ANCHE UN LINK ALLA PAGINA ORIGINALE.

PETTACOLI INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI E SINGOLI COLLEGATI ALLA NOSTRA RICERCA - SEMPRE GRADITE - SONO GESTITE SEPARATAMENTE E COMPARIRANNO ORDINARIAMENTE SU “SPAZI” E SULLE PAGINE SOCIAL CONNESSE O RIFERIBILI A "SEGNALAZIONI". LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE VANNO INVIATE - ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA - ALL’INDIRIZZO: SPAZI.BOX@GMAIL.COM.

DOMENICA 28 OTTOBRE A FIRENZE LA PRESENTAZIONE DI "ADOLESCENTI NELLA RETE. QUANDO IL WEB DIVENTA UNA TRAPPOLA" CON GLI INTERVENTI DI MARINA LONGO, MARTINA MONEGLIA E FERNANDO PANZERA
LA REGISTRAZIONE DELLA PRESENTAZIONE DI "ATTACCHI DI PANICO" CHE HA AVUTO LUOGO VENERDI 19 OTTOBRE A SCANDICCI È ADESSO DISPONIBILE QUI
LA REGISTRAZIONE DELLA PRESENTAZIONE DE "IL SOGNO DELLA FARFALLA CHE HA AVUTO LUOGO VENERDI 19 OTTOBRE È ADESSO DISPONIBILE QUI
LE REGISTRAZIONI DELLE GIORNATE DI STUDIO "VENTI SECONDI" CHE SI SONO SVOLTE DAL 13 GENNAIO AL 23 GIUGNO 2018 RESTANO DISPONIBILI QUI. TUTTI I CONTENUTI RELATIVI ALLA GIORNATA DEL 23 GIUGNO, "ALLE ORIGINI DELL'UOMO" SONO DISPONIBILI QUI. QUELLI RELATIVI ALLA GIORNATA DEL 9 GIUGNO, "LA POLITICA", PROMOSSA DALLA SOCIETÀ VENTISECONDI E QUELLI RELATIVI ALLA GIORNATA DEL 10 GIUGNO DA FIRENZE OLTRE CHE ALLA GIORNATA DEL 13 MAGGIO  SCORSO A TORINO SONO ADESSO DISPONIBILI QUI LO SPECIALE DI LEFT SUL 68 È DISPONIBILE QUI
La registrazione di “Prevenzione del disagio psichico e dispersione scolastica “ che ha avuto luogo all’Istituto Di Vittorio Lattanzio il 30 Maggio 2018  è adesso disponibile qui di seguito a questo link. La registrazione della presentazione della Teoria della nascita di Massimo Fagioli al Convegno AAPDPP del 3/5 è disponibile  qui. La presentazione a Firenze del 18 giugno a Firenze de Il flagello del neoliberismo e la presentazione del 15 giugno a Roma di Giallo Van Gogh, insieme alla presentazione della collana Adolescenza del primo Giugno scorso a Roma e la video registrazione della relazione presentata il 7-9 giugno a Amsterdam al Congresso mondiale di psicoterapia  sono adesso disponibili qui

mercoledì 14 novembre 2018

LA RASSEGNA INDIPENDENTE DELLA STAMPA DI «SEGNALAZIONI»:
QUI DI SEGUITO
NEL TEMPO DI UNA PERTINACE RESISTENZA:

Sergej Rachmaninoff - Piano Concerto No. 2 Hélène Grimaud e l'Orchestra sinfonica di Luzern
diretta da Claudio Abbado from SEGNALAZIONI.BOX on Vimeo.
Sergej Vasilevic Rachmaninov (Tenuta di Semenovo, 1º aprile 1873 – Beverly Hills, 28 marzo 1943) è stato un compositore, pianista e direttore d'orchestra russo naturalizzato statunitense, è considerato uno dei più grandi compositori e pianisti russi di sempre.
Il concerto per pianoforte n. 2 in do minore op. 18 fu composto tra l'autunno del 1900 e l'aprile 1901. Il lavoro completo è stato presentato per la prima volta, con il compositore come solista, il 9 novembre 1901. Rachmaninov aveva appena compiuto il suoi 27 anni.
Alla sua prima esecuzione del 1897, la prima sinfonia di Rachmaninoff era stata derisa fu derisa dalla critica contemporanea e Rachmaninoff era caduto in una depressione che sarebbe durata per diversi anni ma il suo secondo concerto per pianoforte confermò la sua guarigione dalla depressione e il concerto fu dedicato a Nikolai Dahl, il medico che aveva fatto molto per ripristinare la fiducia in se stesso dell’artista
All'inizio del quarto atto del romanzo di Ayn Rand del 1943 The Fountainhead (La fonte meravigliosa), il secondo concerto di Rachmaninoff è citato come una delle opere musicali in grado di sostenere il cammino dell'uomo versola propria riuscita.
CONOSCI E PARTECIPA ALLA NOSTRA STORIA, LEGGI QUI DI SEGUITO LA NUOVA SEZIONE DI "SEGNALAZIONI": "I REPRINT"!
("I REPRINT" SARANNO PUBBLICATI NON QUOTIDIANAMENTE, MA OGNI VOLTA CHE LA RASSEGNA DELLA STAMPA QUOTIDIANA O LE SEGNALAZIONI DEI LETTORI CE NE PROPORRANNO L'ESIGENZA: DUNQUE ASPETTIAMO I VOSTRI CONTRIBUTI DI MEMORIA E DI PENSIERO, SCRIVETECI QUI)

LA RASSEGNA STAMPA INDIPENDENTE DI "SEGNALAZIONI"
LA TROVI TUTTI I GIORNI QUI DI SEGUITO
CON I "REPRINT" PIÙ RECENTI O AL MOMENTO SIGNIFICATIVI













LE GENERAZIONI MITOLOGICHE
Pasifae, con il Toro, generò Minotauro, Echidna, con Tifone. generò Sfinge, Maria di Nazaret con Dio (aka "Lo Spirito Santo") generò Gesù. Poi, da loro nacquero - in un'innumerabile mostruosa progenie, e fra i tantissimi altri - Paolo di Tarso, Spinoza, Hegel, Freud, Heidegger, Foucault ...
Rai 3 TG 3 Linea notte del 23 ottobre 2015
Colloquio con Maurizio Mannoni
Il sogno della farfalla 2.2017
Massimo Fagioli: «Capita che io dico: “Voglio che diventiate depressi”, ma intendo la depressione reattiva, quella che è legata al rapporto, è legata all’invidia, all’odio eccetera, in modo che si può analizzare, si può interpretare e passa. Mentre da sempre noi abbiamo sopra una cappa millenaria, a partire dal peccato originale, dal male radicale di Kant, dall’animalità del logos occidentale, dal nulla della mistica ebraica: quella di avere dentro un male, una carenza, con cui si nasce. Questo è il falso totale! Il male che viene è per il rapporto interumano, soprattutto del primo anno di vita in cui il rapporto non funziona».

Ventuno parole che prima non esistevano, Massimo Fagioli
Trasformazione Left 30 luglio 2016
«Avrei detto, obbedendo alla Bibbia, al logos occidentale, al male radicale, al nulla ebraico che l’essere umano nasce con l’istinto di morte, che sarebbe l’unica realtà del bambino che non ha imparato a parlare. E non è vero. L’essere umano nasce con la reazione alla luce che giunge sulla sostanza cerebrale della rétina che è pulsione che, senza tempo, è insieme alla creazione della vitalità e della capacità di immaginare».
...
Le ventuno parole vennero...

Affascinante, Massimo Fagioli 50.2016
Trasformazione Left 10 dicembre 2016

«Sono quattro le piaghe purulente della mente umana, credere al peccato originale, alla naturale animalità, al nulla esistente nell’intimo di ogni essere umano, al Male radicale. Vidi che erano termini verbali senza nessun rapporto con la realtà umana.Vidi che la mente aveva perduto il pensare quando non riusciva a rendere inesistente la realtà non materiale del corpo umano».




























IL «NULLA EBRAICO», IL «PECCATO ORIGINALE», IL «MALE RADICALE» DI KANT, L’ANIMALITÀ DEL «LOGOS».

A PROPOSITO DELLA USCITA SULLA "LETTURA" DEL CORRIERE DELL'ARTICOLO  DI DONATELLA DI CESARE SULLA PUBBLICAZIONE DEI «QUADERNI NERI» DI HEIDEGGER DOMENICA 4 NOVEMBRE 2018
Corriere La Lettura 4.11.18
L’inversione della colpa
Heidegger dopo Hitler
Esce il volume dei «Quaderni neri» scritto dal 1942 al 1948, nella eccellente traduzione di Alessandra Iadicicco.
H. dopo la sconfitta del nazismo nel 1945, continua a difendere i tedeschi e bolla come una vergogna mondiale la politica avviata dagli Alleati per rieducare il suo popolo ai valori democratici
di Donatella Di Cesare

qui

«Se dico nascita, dico la resistenza ed il rifiuto continuo della stupidità violenta di Freud e con lui il pensiero di Heidegger che non pensa che la nascita umana non è quella animale. Incomprensibile è come abbia potuto rifiutare, adolescente e studente di medicina, i “giganti” del pensiero umano».
Massimo Fagioli in Left 5 settembre 2015 “Cattiveria, pazzia follia”

«Ma il pensiero criminale di Heidegger dice: biologia come quella animale che fa il destino della nascita che non c’è. La memoria fantasia fa l’esistenza del corpo.
Torna, solitaria, la mano che scrive. Ricreazione del rapporto mostruoso del cervello con la luce che è realtà inanimata».
Massimo Fagioli in Left 29 agosto 2015 “Tempi di vita vissuta”
n
«Tanti erano i gruppi di parole che, come nugoli di storni che oscuravano il sole parlavano di Heidegger.
Ricordo le parole: schizofrenico, antisemita e fervente nazista. Poi anche nazismo spirituale. Ricordo quando discutevano sulla ricerca della verità dell’accaduto nella storia con la parola: Vernichtung, annientamento. Ed io dissi: era annullamento dell’esistenza del corpo, è rendere non esistente la realtà materiale del mondo. Non era il misticismo che odia il corpo
(...)
Il pensiero di Heidegger sono parole non generate dal corpo. Il linguaggio articolato senza corpo umano porta la coscienza della veglia a vedere esistente soltanto il corpo e la coscienza. Era necessario rendere non esistente il corpo. Poi cercarono di modificare la realtà materiale del corpo per farlo diverso. Nazismo spirituale o meglio dissociazione mentale schizofrenica».
Massimo Fagioli in Left 12 dicembre 2015 “Scrittura è, come il volto, propria ed originale”











MARTIN HEIDEGGER: SEMPRE IN PRIMO PIANO IL NODO DELL'EGEMONIA DEL PENSATORE DI FRIBURGO SULLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA CHE È COME DIRE LA CENTRALITÀ DELLA QUESTIONE DELL'ANNULLAMENTO NELLA CULTURA OCCIDENTALE DEL NOVECENTO E QUINDI DELLA «FANTASIA DI SPARIZIONE», COME CERCHIAMO DI SOTTOLINEARE E DOCUMENTARE CON I NOSTRI «REPRINT»

il manifesto 8.11.18
Heidegger e il complicato abisso dei «Quaderni neri»
Il libro di Eugenio Mazzarella, edito da Neri Pozza, indaga il rifiuto della storia del pensatore e il nodo del rapporto con il regime nazista
di Alberto Giovanni Biuso

qui

I "REPRINT", OVVERO «SE LI CONOSCI LI EVITI»: LA LOTTA CONTINUA QUOTIDIANA CONTRO LE «QUATTRO PIAGHE» DELLE TEORIE STORICHE DOMINANTI E ALLE ORIGINI DELLA DEPRESSIONE

«Marzullo: Lei è un rivoluzionario?
Fagioli: Penso di si, anche se rispetto tutte le regole sociali, il Codice della strada, non ho mai avuto un incidente di macchina. Passo sempre col verde e non passo con il rosso, per questo poi mi ribello e combatto contro la stupidità del Sessantotto che fa la rivoluzione spaccando le vetrine. Non si fa la rivoluzione spaccando le vetrine»
Sottovoce del 10 ottobre 2005
l’intervista integrale è disponibile qui

ALTRI E NUOVI CONTRIBUTI PER
DI "SEGNALAZIONI" SONO ANCHE ADESSO IN PREPARAZIONE
E SARANNO PUBBLICATI APPENA POSSIBILE QUI

ADESSO NELLE EDICOLE:













COLOQUIO INTERNACIONAL GRAMSCI EN MÉXICO
26 y 27 de Noviembre
Facultad de Ciencias Políticas y Sociales (UNAM)
Auditorio Pablo González Casanova
Luis Tapia (Universidad Mayor de los Andes)
Comenta: Massimo Modonesi (FCPyS-UNAM)
IL PROGRAMMA QUI






Repubblica 13.11.18
L’Unità, Lele Mora: “Comprerò il giornale e farò rivoltare Gramsci nella tomba”
L'agente dei Vip insiste: vuole rilevare e dirigere lo storico quotidiano del Pci. "Sono mussoliniano, ma comunismo e fascismo sono morti". I proprietari della testata smentiscono: nessuna cessione a editori vicini all'impresario
di Goffredo De Marchis

qui
L’Arena 14.1.18
Lele Mora alla guida de l'Unità?
«Trattative in corso»
Lo dice a Un Giorno da Pecora a Rai Radio1 Lele Mora

qui
Il Fatto 14.11.18
Da rossa a Mora, ecco come sarà la nuova “Unità”
di Silvia Truzzi

qui

Il Fatto 14.11.18
Renzi sceglie i tesorieri e si assicura la cassa
Controllo - Bonifazi e Collina gestiscono buona parte dei finanziamenti pubblici destinati al Pddi 

di Wanda Marra
qui
LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI GIOVEDI 15








Corriere 15.11.18
Nuova presidente
La Commissione diritti alla leghista anti rom

La senatrice della Lega Stefania Pucciarelli è stata eletta presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani che nella precedente legislatura era stata guidata da Luigi Manconi. Per il centrosinistra la nomina è «inopportuna». Pucciarelli, in passato si è espressa contro i nomadi (dicendosi a favore delle «ruspe» salviniane) e gay. Mise un like al commento Facebook «la casa prima agli Italiani, agli stranieri un forno gli darei».














Il Foglio 14.11.18
Martin Heidegger, l’inquieto del pensiero
Nella “Introduzione” firmata da Costantino Esposito risaltano domande cruciali alle quali non è possibile sottrarsi. Dalla natura dei “Quaderni neri” alla “filosofia dell’abisso”, dal confronto con Nietzsche all’essenza metafisica della tecnica, il grande filosofo tedesco è ancora al centro del dibattito
di Davide D'Alessandro

qui

La Stampa 15.11.18
Gertrud e Karl
di Mattia Feltri

qui

La Stampa 15.11.18
Il governo verso l’accordo sull’Ici
Dalla Chiesa un miliardo di euro
di Michele Di Branco

qui

Repubblica 15.11.18
Chimica e bugie
Così la Cia studiò il siero della verità
Desecretato il Project Medication ideato nel 2002 dai servizi Usa Psicofarmaci per interrogare i terroristi islamici. Poi la rinuncia
di Elena Dusi

qui

Corriere 15.11.18
Ritorni Dal 13 febbraio a Milano «68 Un grande numero» a cura della Fondazione Isec con il sostegno di Comieco
Nel Sessantotto anno ribelle la protesta è (anche) di carta
di Ida Bozzi

qui

Corriere 15.11.18
Ecco BookCity 2018
Quattro giorni dedicati a libri e lettori

qui





La Stampa 15.11.18
Lo scatto che racconta la paradossale amicizia tra Hitler e una bimba ebrea

All’Alexander Historical Auctions di Chesapeake (Maryland, Usa) sono andate all’asta le foto originali e la dedica che Adolf Hitler ha scritto per Rosa Bernile Nienau, una bambina ebrea. L’uomo responsabile del genocidio di 6 milioni di ebrei aveva stretto un’affettuosa amicizia con una ragazzina che simboleggiava proprio ciò che lui odiava. «Con lei Hitler decise di ignorare le leggi razziali» ha detto Bill Panagopulos, il direttore della casa d’aste. Rosa, però, non è sopravvissuta alla guerra: morì di poliomielite all’età di 17 anni in un ospedale di Monaco nel 1943, un decennio dopo il suo primo incontro con Hitler. Per la prima sessione d’asta, si legge sul sito, non ci sono state offerte.
VEDI QUI E QUI


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 14
il manifesto 14.11.18
Mentre il mostro conta i voti parliamo di noi
Il partito della Ruspa. S’è toccato un fondo che non era facile toccare
di Ascanio Celestini

Quanto stiamo diventando cattivi? Come quelli che prendevano il caffè alla stazione quando partivano i treni pieni di ebrei e zingari? Come quelli che erano contenti dell’impero. Quando l’Amba Aradam era sinonimo di confusione?
Ecco, noi siamo cattivi come Salvini. Un signore che ci parla dal suo telefonino. Si riprende. Dice che è un papà. Vuole un po’ di ordine nelle nostre città. Conta i “like” sulla sua pagina facebook e imposta la politica del suo partito seguendo le indicazioni dei followers. Non è un politico. No. È un contatore.
Più ci penso e più credo che non serve molto parlare di immigrati, di stranieri. Dobbiamo parlare di noi. Dell’umanità che ci stiamo perdendo per strada.
Con lo sgombero dei poveri cristi del Baobab – una ferita per la città perché era una risorsa vera per i disperati di Roma – s’è toccato un fondo che non era facile toccare. Solo con questi personaggi disumani potevamo toccarlo.
Con questi che si circondano di mostri per essere sempre più mostruosi. Quanti like mi mettono se porto un mazzo di fiori per una sedicenne stuprata? E se ce ne aveva tredici?
Viviamo in una città nella quale bisognerebbe riparare le strade piene di buche, dare un alloggio a chi non lo ha, migliorare il trasposto pubblico e le scuole, la sanità, eccetera. Ma si prendono voti con questi argomenti? No, cari elettori.
Allora arrivano i blindati «l’avevamo promesso, lo stiamo facendo.
E non è finita qui. Dalle parole ai fatti» dice il mostro di Riace, quello che ha trattato come un malfattore il sindaco Mimmo Lucano che ha dato una casa ai migranti e un paese ai suoi paesani.
Il ministro che sta facendo a pezzi le nostre barricate di civiltà.
E noi?









Corriere 14.11.18
Perché pensiamo diverso Mega studio di Cambridge su 670 mila persone: «Uomini più razionali, donne più empatiche»
Ma le cause non sono chiare
E gli scienziati avvertono: il cervello si adatta alle condizioni sociali
di Candida Morvillo

qui














il manifesto 14.11.18
Comincia la stagione degli sgomberi. A Roma via il Baobab
di Carlo Lania

qui


Repubblica Roma 14.11.18
Dopo il Baobab altri 27 sgomberi Salvini scatenato sulla Capitale
Ruspe all’hub dove erano accampati in 200. La città in emergenza. Raggi: " Dal ministro m’aspetto 250 vigili in più"
Sono 117 i richiedenti asilo ricollocati in strutture temporanee dal Campidoglio. Altri 100 restano per strada
di Mauro Favale

qui

Repubblica 14.11.18
L’emergenza abitativa
Nei fortini degli occupanti in attesa delle ruspe
Da Tor Carbone a Montagnola, dalla Prenestina alla Tiburtina in 16 stabili 4.000 anime. Il vicepremier: "Poi via anche CasaPound"
di Luca Monaco

qui

il manifesto 14.11.18
Virginia Raggi «esautorata», Salvini detta legge a Roma
Polizia etnica. Da quando il leader leghista è ministro dell’interno, nella capitale sono raddoppiati gli sgomberi
di Giuliano Santoro

qui

La Stampa 14.11.18
“Per bucarmi bastano solo due euro”
Tra i ragazzi dello “zoo” di Milano
di Monica Serra

qui

La Stampa14.11.18
“In Italia 1,2 milioni di minori vivono in povertà assoluta”
di Flavia Amabile

qui

Corriere 14.11.18
Il rapporto
Quei bimbi in povertà e le periferie educative
di Paolo Di Stefano

qui

La Stampa 14.11.18
Caso Desirée
Riesame annulla accusa di omicidio per due arrestati
di Edoardo Izzo

qui
il manifesto 14.11.18
Cucchi, il film alla Camera. Senza parlamentari. Fico: «La verità fa sempre bene»
Montecitorio. La proiezione di «Sulla mia pelle» di Alessio Cremonini
di Eleonora Martini

qui

Il Fatto 14.11.18
Montecitorio vuoto per il film su Cucchi. E Ilaria punge Salvini

qui





Il Fatto 14.11.18
L’Ici del Vaticano. Per anni i governi italiani (e pure Bruxelles) hanno coperto i privilegi
risponde Carlo Di Foggia

qui

La Stampa 14.11.18
Recupero Ici sugli immobili religiosi
Il governo studia lo sconto sulle cartelle
Tra le ipotesi lo sconto sugli interessi o l’abbattimento del capitale. In ballo un tesoretto da 4,8 miliardi
di Michele Di Branco

qui




il manifesto 14.11.18
Perché la Tav non è soltanto un treno
Alta velocità. La «profezia» di giornali e tv: 40mila dovevano essere come al corteo che piegò gli operai della Fiat 40 anni fa, e 40mila sono stati. Senza nemmeno il bisogno di contarli
di Guido Viale

qui

Il Fatto 14.11.18
Altro che Tav, i veri interessi degli industriali in piazza
Le imprese locali chiedono fondi dopo la crisi dell’auto
di Stefano Feltri

qui
il manifesto 14.11.18
Roma, «100 anni dalla parte giusta»
Roma. La scuola Di Donato festeggia il partigiano Fiorentini
di Fabrizio Rostelli

«Vi hanno raccontato chi sono i partigiani?» domanda una donna al microfono? «Sì» risponde in coro il piazzale della scuola Di Donato di Roma, gremito di bambini e genitori in trepidante attesa. I ragazzi si rincorrono distribuendo delle spillette rosse con scritto «100 anni dalla parte giusta». Quel motto è rivolto proprio a lui, a Mario Fiorentini, che il 7 novembre ha compiuto 100 anni. Intellettuale, partigiano e matematico di fama internazionale: le «tre vite di Mario», come ama definirle lui stesso.
L’associazione dei genitori Di Donato ha organizzato un evento per celebrare la vita straordinaria del partigiano più anziano d’Europa. Qui dobbiamo limitarci nel ricordarlo come uno dei fondatori dei Gap centrali, ideatore ed esecutore di diversi attacchi contro i nazifascisti durante la resistenza romana, agente segreto per l’Oss.
Purtroppo da casa Fiorentini non arrivano buone notizie: Mario non si sente molto bene, l’appuntamento con i ragazzi però è solo rimandato, fa sapere. I festeggiamenti iniziano comunque e Ascanio Celestini apre la serata leggendo dei racconti che contribuiscono ad arricchire il valore simbolico ed evocativo dell’iniziativa. «Credo che le storie di Mario sulla guerra stiano in piedi perché dentro c’è lui, la sua vita» osserva Celestini.
Interviene anche il matematico Ennio Peres, che proprio con Fiorentini ha curato il suo ultimo libro «Zero uno infinito. Divertimenti per la mente». Nella premessa del libro, Fiorentini scrive: «Una delle tante gratificazioni della mia carriera matematica mi è sempre venuta dall’incontro con bambini e ragazzi, particolarmente svegli e intelligenti. Con alcuni di loro sono riuscito ad instaurare un rapporto di grande comprensione e credo di aver loro trasmesso la curiosità e l’amore per la Matematica».


La Stampa 14.11.18
La rabbia delle brigate e delle tribù
“La Libia non si aggiusta con i summit”
di Francesco Semprini

qui






il manifesto 14.11.18
«Valori traditi», Amnesty scarica Aung San Suu-Kyi
Rohingya e Myanmar. E all’Asean a Singapore contro la Lady anche il premier malese Mahatir
di Emanuele Giordana

qui






il manifesto 13.11.18
Giovani, marxisti e con gli operai ma il Pcc li reprime
Cina. In Cina spariscono altri attivisti che insieme ai lavoratori di Shenzhen da mesi chiedono di poter creare un sindacato
Gli studenti solidali con i lavoratori: «Liberate subito gli operai della Jasic arrestati ingiustamente»
di Simone Pieranni

qui




il manifesto 13.11.18
A Michele Giorgio la Colomba d’oro per la pace 2018
Archivio Disarmo. Il riconoscimento assegnato quest'anno al nostro corrispondente da Gerusalemme «per la capacità di diffondere un’informazione indipendente, critica e insieme rispettosa di tutti gli attori coinvolti nel conflitto» israelo-palestinese

qui







Repubblica 14.11.18
Il dibattito
“Una città non vive solo di turismo”
Se una città d’arte perde la residenza perde anche cò che la rende attraente per i visitatori
Residenti fuggiti e sostituiti da Airbnb. Il destino dei centri storici può essere lasciato in balia del mercato?
Dopo Cervellati e Cacciari, interviene Alessandro Leon
Intervista di Francesco Erbani

qui

La Stampa 13.11.18
In Ucraina il campo dove i bambini imparano ad amare le armi da fuoco
di Nadia Ferrigo

Capelli lunghi e maglietta rosa, pantaloni mimetici e kalashnikov. Così ancora non si va alla guerra, ma si impara a sparare. Per uccidere. Felipe Dana, fotografo brasiliano di Associated Press tra i vincitori del World Press Photo, racconta con i suoi scatti il campo estivo nascosto in una foresta vicino a Ternopil, nell’ovest dell’Ucraina. A organizzarlo è il partito nazionalista Svoboda, anche grazie ai soldi del governo. Il ministero della Gioventù e dello Sport a inizio anno ha stanziato quattro milioni di grivna - circa 150 mila dollari - per finanziare alcuni dei campi giovanili di estrema destra. Il più anziano dei campeggiatori ha diciotto anni, il più giovane appena otto. Secondo il ministro, armare la gioventù ucraina vale come «educazione nazionale patriottica». Si alternano esercitazioni pratiche e teoria, con due obiettivi: addestrare le nuove generazioni a difendere il Paese dalla Russia di Vladimir Putin e diffondere l’ideologia nazionalista.


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 13












Repubblica 13.11.18
Birmania
Amnesty revoca il premio a Suu Kyi "Tradisce gli ideali"

Amnesty International ha revocato il premio "Ambasciatore della coscienza" ad Aung San Suu Kyi, assegnatole nel 2009. La decisione è stata presa per il «vergognoso tradimento della leader birmana dei valori per i quali una volta si era battuta».
L’associazione ha espresso la sua costernazione per il silenzio di Aung San Suu Kyi sulle violazioni dei diritti umani commesse dal governo birmano, in particolare contro la minoranza musulmana dei Rohingya, e per aver apertamente sostenuto le leggi che limitano la libertà d’espressione nel Paese asiatico.













Il Fatto 13.11.18
“Salvini si può contestare o è uno Stato di polizia?”
Eleonora - Denunciata dopo aver fischiato il leghista: “È questa la sua idea di legalità”
di Tommaso Rodano

qui


Il Fatto 13.11.18
Giornalisti puttane, boomerang 5Stelle che serve solo alla Lega
di Antonio Padellaro

qui

Il Fatto 13.11.18
A Torino Forza Italia sulla cresta dell’onda, Confindustria spiana la strada a Crosetto
Il Partito degli Affari - Il mondo padronale dietro le proteste e i prossimi interessi elettorali
di Massimo Novelli

qui

Il Fatto 13.11.18
Marco Revelli
“In piazza una città perduta e tradita dagli imprenditori”
di Stefano Caselli

qui

Il Fatto 13.11.18
Prescrizione: il suicidio di Pd e Leu
di Lucrezia Ricchiuti

qui



Il Fatto 13.11.18
Quel che resta di Renzi fa più danni della grandine
di Andrea Scanzi

qui

Repubblica 13.11.18
Il caso
Scoppia la bagarre sul tesoretto dem "Quei soldi servono per gli ex dipendenti"
Il caso dopo la convention renziana a Salsomaggiore 

In ballo tre milioni rimasti nella cassa del gruppo al Senato. Zanda: "Ogni euro da ora va rendicontato"
di Goffredo De Marchis

qui

Repubblica 13.11.18
Atac in agonia ma non incassa 320 milioni
La lista dei debitori insolventi va da Palazzo Chigi allo stesso Comune E i creditori affilano i coltelli
di Daniele Autieri

qui

La Stampa 13.11.18
Il presidente della Romania:
“Non siamo pronti a guidare l’Ue”
di Emanuele Bonini

qui

 









Il Fatto 13.11.18
Altro che Hillary, è l’ora della candidata afro
Kamala Harris - Casa Bianca, la senatrice democratica potrebbe correre nel 2020 contro Trump
di Giampiero Gramaglia

qui
Corriere 13.11.18
L’anticipazione. L’autobiografia di Michelle
Esce oggi in tutto il mondo, in Italia per Garzanti
«Barack si accese una sigaretta e pensai: sarà solo il mio stagista»
«Ciò che mi colpì fu la sua sicurezza riguardo alla direzione che
avrebbe preso la sua vita. Era stranamente privo di dubbi»
di Michelle Obama

qui

Repubblica 13.11.18
"Becoming - La mia storia"
L’autobiografia di Michelle Obama
"Il potere è dare speranza Ma io non mi candiderò ho visto troppe cattiverie"
di Michelle Obama

qui



Il Fatto 13.11.18
Brexit e la strategia kamikaze di Corbyn
Labour divisi - Il leader vuole che il governo May si schianti per andare al governo, ma è contestato
di Sabrina Provenzani

qui

Il Fatto 13.11.18
Un Paese tutto destra e Chiesa
Intrecci. Il governo nazionalista di Kaczynski e Duda ha favorito una pericolosa collusione tra potere civile ed ecclesiastico imperniata su tradizione, identità e revisionismo di Stato sulla Shoah
di Filippomaria Pontani

qui

La Stampa 13.11.18
Israele, un treno per unire il Medio Oriente
Così la diplomazia su rotaia isola Teheran
di Rolla Scolari

qui












La Stampa 13.11.18
Trecento razzi lanciati da Gaza
Raid e carri armati alla frontiera
di Giordano Stabile

qui







Repubblica 13.11.18
Arresti negli atenei a Pechino
La stretta cinese sull’opposizione riparte dalla Meglio gioventù
Studenti al fianco di operai, regime preoccupato in vista dell’anniversario di Tienanmen
di Filippo Santelli

qui

La Stampa 13.11.18
La Treccani nel cestino, uno spreco senza alibi
di Marco Zatterin

qui













La Stampa 13.11.18
La (non) pace della Grande Guerra
Gli sforzi del presidente americano Wilson alla radice di cent’anni di conflitti in tutto il mondo
di Franco Cardini

qui
Corriere 13.11.18
La necropoli dei gatti
In Egitto scoperte tombe di animali che risalgono a tremila anni fa
«Ci sono scarabei mummificati»
La paura popolare e gli ex voto
Nel V secolo a.C. c’era un vero e proprio traffico di finte mummie vendute a caro prezzo
di Roberta Scorranese

qui

Corriere 13.11.18
Bonisoli: assumerò 160 restauratori
E nei musei voglio i custodi laureati
Il ministro al Corriere per il Bello dell’Italia: botta e risposta con gli operatori culturali
Il made in Italy? Il concetto di oggi non basta più.
Ci vuole più ambizione su quanto possiamo mostrare al mondo
di Alessandra Fulloni

qui

Corriere 13.11.18
Firenze
I ritrovamenti
La sala blindata del campanile di Giotto
di Marco Gasperetti

Una sala del tesoro, più altre tre stanze (una invisibile): per secoli enigmi architettonici, che ora, svelate, raccontano una storia curiosa e impensabile. Sono affiorate, dopo secoli e secoli di oblio, dal Campanile di Giotto. A scoprirle un gruppo di professori e ricercatori dell’università di Firenze e del Politecnico di Torino durante una campagna di analisi e studi, mai realizzata prima d’ora sul monumento, commissionata dall’Opera di Santa Maria del Fiore. I risultati, che saranno presentati giovedì e venerdì durante un convegno, sono eccezionali. La sala blindata, che si trova nell’attuale ingresso del monumento (in passato l’entrata era all’altezza del primo piano, vi si accedeva tramite un ponte dalla cattedrale) è la Sala del Tesoro, ambiente una volta protetto da una grata verticale, che cu-stodiva il patrimonio della cattedrale di Santa Maria del Fiore e dell’antica chiesa di Santa Reparata. Non è escluso che la sala fosse usata per custodire i tesori in periodi di guerre. Gli altri tre ambienti potrebbero essere servizi igienici. 
còicca sull'immagine per ingrandirla

Repubblica 13.11.18
Massimo Cacciari replica a Pier Luigi Cervellati
"La città non è utopia ha bisogno dei turisti"
Intervista di Raffaella De Santis

qui











Corriere 13.11.18
Gli ebrei cancellati
Georges Bensoussan, con un saggio controcorrente pubblicato da Giuntina, riporta l’attenzione su vicende tragiche che molti preferiscono non affrontareLa sua posizione gli ha attirato in Francia accuse di islamofobia e razzismo
di Paolo Mieli

qui


davvero una degna fine...
Corriere 12.11.18
Lele Mora vuole l’Unità «Ho trovato chi investe»

«l’Unità potrebbe ritornare nelle edicole o sul web». Lo hanno annunciato il manager dello spettacolo Lele Mora e Marcello Silvestri, rispettivamente direttore editoriale e fondatore del network dei quotidiani online retewebitalia.net. Mora, dopo una riunione a Varese con i vertici del gruppo editoriale, a cui ha preso parte anche il neo presidente Biagio Maimone, ha deciso di riportare in auge il quotidiano fondato da Antonio Gramsci. «Ho parlato con alcuni investitori in ambito europeo con interessi in Italia — ha spiegato — i quali sono interessati a finanziare l’operazione di acquisizione del quotidiano, la cui guida editoriale dovrebbe essere affidata al gruppo retewebitalia.net, che darebbe vita a un pool di giornalisti, con esperienza e autorevolezza , per divenire voce, opinione e “penna” di un segmento sociale non più rappresentato». 

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI DOMENICA 11 E DI LUNEDI 12 NOVEMBRE





Corriere 12.11.18
Lele Mora vuole l’Unità «Ho trovato chi investe»

«l’Unità potrebbe ritornare nelle edicole o sul web». Lo hanno annunciato il manager dello spettacolo Lele Mora e Marcello Silvestri, rispettivamente direttore editoriale e fondatore del network dei quotidiani online retewebitalia.net. Mora, dopo una riunione a Varese con i vertici del gruppo editoriale, a cui ha preso parte anche il neo presidente Biagio Maimone, ha deciso di riportare in auge il quotidiano fondato da Antonio Gramsci. «Ho parlato con alcuni investitori in ambito europeo con interessi in Italia — ha spiegato — i quali sono interessati a finanziare l’operazione di acquisizione del quotidiano, la cui guida editoriale dovrebbe essere affidata al gruppo retewebitalia.net, che darebbe vita a un pool di giornalisti, con esperienza e autorevolezza, per divenire voce, opinione e “penna” di un segmento sociale non più rappresentato».












Il Sole Domenica 11.11.18
Oltre il cervello
Non c’è un inconscio solo!
Molti inconsci per un cervello. Perché crediamo di sapere quello che non sappiamo
Il subcosciente ha un secolo di storia e ha molte declinazioni, dal cognitivoal freudiano. Nel libro di Paolo Legrenzi e Carlo Umiltà fa capolino anche quello artificiale
di Vittorio Lingiardi

Paolo Legrenzi, Carlo Umiltà Il Mulino, Bologna, pagg. 208, € 12,75
qui








La Stampa 12.11.18
Caso Desirée, arrestato pusher italiano di San Lorenzo
di Grazia Longo

qui

Corriere 12.11.12
Desirée, fermato uno spacciatore italiano
di Rinaldo Frignani, Fulvio Fiano

qui

Corriere 12.11.18
L’eroina che uccide i ragazzini
Dopo un decennio di calo costante, crescono le morti di overdose: una ogni due giorni
Nel 2017 il bilancio ha segnato un più 9,7% Vittime i «reduci» degli anni 80 e 90, ma anche gli adolescentiI più deboli per anagrafe: non sanno nulla dell’ecatombe di allora
di Gianni Santucci

qui

il manifesto 11.11.18
Da sessanta piazze. No al ddl Pillon. Da Bolzano a Lecce la protesta femminista
Diritti. La piazza romana preceduta dal flash mob di Non Una di Meno in Campidoglio. «Ci volete ancelle ci avrete ribelli» come nella celebre serie tv in cui le donne ridotte a macchine da riproduzione si alleano nella rivolta
di Shendi Veli

qui







il manifesto 11.11.18
Roma invasa, ma dagli antirazzisti
Uno, cento, mille Riace. Attese 20 mila presenze. Ma i manifestanti erano almeno il doppio
di Rachele Gonnelli

qui

il manifesto 11.11.18
Pullman bloccati, schedati migliaia di manifestanti
Manifestazione antirazzista a Roma. Leu: il governo riferisca in Parlamento sui controlli di massa dei manifestanti
di Rachele Gonnelli

qui

Repubblica 12.11.18
Decreto Salvini la stretta c’è già negato l’asilo a 3 migranti su 4
di Alessandra Ziniti

qui

Repubblica 12.11.18
Il corteo di Roma
Parla una delle promotrici
"Ma la piazza antirazzista con centomila persone dice che c’è un’altra Italia"
di Rory Cappelli

qui









è vero! la parola «PRIVATO» ha proprio a che fare con «PRIVARE»...
il manifesto 11.11.18
Privato vuol dire privare
Referedum Atac. Il trasporto pubblico è un bene comune. Il nostro giornale lo rivendica dai tempi della vittoria del Sì sull'acqua pubblica. Le stagioni di privatizzazioni hanno svenduto patrimoni di danaro, ricerca, consapevolezza: per questo siamo per il No.
di Tommaso Di Francesco

qui

















Corriere 12.11.18
Medici e reparti: il caos tirocinio
In tirocinio, ma nel reparto sbagliato. E così i giovani medici si possono ritrovare a coprire turni di servizio in settori diversi da quelli di indirizzo. Con possibili lacune sulle emergenze. Sono almeno 41 le scuole di specializzazione non a norma.
di Milena Gabanelli e Simona Ravizza

qui

Corriere 12.11.18
L’arte del governare una società complessa
di Giuseppe De Rita

qui







Il Fatto 11.11.18
Alexandria, neodeputata con sistemazione di fortuna
Senza il primo stipendio, Washington proibitiva - Usa
Alexandria, neodeputata con sistemazione di fortuna
di Giampiero Gramaglia

qui






Il Sole Domenica 11.11.18
Graham Allison
Xi e Trump, la lotta per la supremazia globale
Destinati alla guerra. Possono l’America e la Cina sfuggire
alla trappola di Tucidide?
di Massimo Teodori

qui

Il Sole Domenica 11.11.18
I prossimi esami per la Cina
Il processo di trasformazione che ha già cambiato il Paese dovrà prevedere la riforma del sistema bancario, lo sviluppo del terziario, ingenti spese per scuola e sanità e molto altro
di Romano Prodi

qui









Il Sole Domenica 11.11.18
Filosofia politica. La tesi di Carlo Daniel Lasa va al di là della lettura populista
Peronismo? Fascismo in salsa argentina
di Sebastiano Maffettone

qui



il manifesto 11.11.18
Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
Polonia. L’occasione è il centenario dell’indipendenza polacca. In piazza anche gli antifascisti. Il partito al governo «festeggerà» insieme a nazionalisti e Casa Pound
di Giuseppe Sedia

qui

La Stampa 12.11.11
Polonia
Anche le bandiere di Forza Nuova alla manifestazione dell’indipendenza

Migliaia di persone hanno sfilato ieri a Varsavia per celebrare i 100 dell’indipendenza della Polonia. Il presidente Duda, vicino al partito della destra populista PiS, ha evitato di salutare l’unico ospite giunto dall’estero, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, che aveva ribadito che l’indipendenza della Polonia ha due padri: Pilsudski e Lech Walesa, l’ex leader di Solidarnosc. Duda, invece, nel discorso di inaugurazione della nuova statua dell’ex presidente Lech Kaczynski, gemello del leader del PiS, ha affermato che quest’ultimo è «lo statista polacco più importante dopo Pilsudski». E ieri, tra le bandiere nazionali, sfilavano anche quelle dell’italiana Forza nuova.

Repubblica 12.11.18
Il reportage
I protagonisti
Ma c’è chi resiste la sindaca e il giudice piccoli eroi civili
La Polonia che si mobilita contro la deriva anti-democratica del governo Kaczynski
di Pietro Del Re

qui







La Stampa 12.11.18
Reportage. Viaggio in Argentina
Nei barrios di Buenos Aires dov’è nato il populismo
“Ora il Paese è nel baratro”
Nella capitale un terzo dei cittadini vive nella miseria, mancano lavoro e opere pubbliche
Il peronismo nato per dare diritti ha portato tirannia e corruzione fino al crollo economico
di Domenico Quirico

qui



Repubblica 12.11.18
Alexander von Humboldt, il genio che inventò l’arte del viaggio
Narratore brillante, inaugurò un genere letterario legato al partire: anche
Bruce Chatwin gli deve tanto
di Marco Belpoliti

qui

Repubblica 12.11.18
"Olga", il nuovo romanzo di Bernhard Schlink
Col sangue, col ferro e con l’amore indagine sulle radici del Male
di Susanna Nirenstein

qui
















La Stampa 12.11.18
Mary de Rachewiltz
“Mio padre Ezra Pound in paradiso con Mozart e Ovidio”
di Andrea Colombo

qui

 











La Stampa 12.11.18
Donatella Di Cesare
Quel che resta della vocazione politica della filosofia
di Federico Vercellone

qui
















La Stampa 12.11.18
Maya e Aztechi, il gioco fatale
Quando con la palla ci si giocava la vita
di Fabio Sindici

qui








Corriere La Lettura 11.11.18
La storia globale nacque in Messico
Con la conquista del Nuovo Mondo spagnoli e portoghesi imposero la visionde europea del tempo colonizzando la memoria indigena
Ma in seguito anche giapponesi e cinesi, rimasti indipendenti, adottarono quei criteri come parte essenziale della modernizzazione
Oggi bisogna puntare sulla lunga durata, incrociando sguardi locali e mondiali, per non rimanere appiattiti sul presente
di Michela Valente

qui

 












Corriere La Lettura 11.11.18
Il maestro d’amore a Roma
L’esilio di Ovidio è finito
Anniversari. Duemila anni da la morte dellautore delle Metamorfosi spedito sul Mar Nero da Augusto che mai ascoltò le sue implorzini di perdono
Dipinti e miti alle Scuderie del Quirinale
di Edoardo Sassi

qui

Il Sole Domenica 11.11.18
Parola di Ingmar Bergman
Gli scritti inediti. La Fondazione pubblica in lingua originale la seconda parte dei quadernidi lavoro, dal 1975 al 2001, assieme a una selezione di articoli e saggi del regista svedese
di Andrea Martini

qui

Corriere 12.11.18
Torna BookCity (e «la Lettura» lo racconta)

qui


SULL'ESPRESSO ADESSO NELLE EDICOLE














L’Espresso 9.11.18
The Huffington Post Usa. Ilhan Omar: «Io, somala, a Washington per costruire ponti»
Il razzismo. L’islam. L’impegno per l’uguaglianza. Parla la prima ex rifugiata a entrare al Congresso. «Sono donna, musulmana e nera. So cosa dicono di me. Per questo faccio politica. Per unire le diversità»
di Carol Kuruvilla

qui















L’Espresso 9.11.18
Depressione post-partum: un fenomeno anche maschile
di Chiara Simonelli

qui

L’Espresso 9.11.18
Scenari
La sinistra? Nel mondo si riunisce mentre in Italia continua a dividersi
L'ala socialista dei democratici americani di Sanders dialoga con il gruppo europeo di Varoufakis. Da noi invece continuano le scissioni
di Adriano Botta 

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 10 NOVEMBRE










il manifesto 10.11.18
Il figlio del secolo e la degenerazione della politica
Fascisti. Quel che esce bene dal libro, e che è importante ancora oggi, è la tiepidezza con la quale l’Italia, e non soltanto Facta, hanno permesso che il fascismo si sviluppasse
di Rossana Rossanda

qui




La Stampa 10.11.18
Germania, cresce l’onda neonazista
Mai così tanti militanti e attacchi
Raddoppiati gli attivisti pericolosi. A 80 anni dai Pogrom l’allarme di Merkel: antisemitismo in aumento
La commemorazione della Notte dei cristalli
di Walter Rauhe

qui




La Stampa 10.11.18
Srećko Horvat
“Il fascismo non è mai morto
La destra impone la cultura”
di Francesca Paci

qui

Repubblica 10.11.18
Il nuovo saggio di Alberto De Bernardi
Caro storico, quando è corretto usare la parola "fascismo"?
di Simonetta Fiori

qui



Il Fatto 10.11.18
A Trieste cacciamo i profughi: le prove
Dall’Italia alla Serbia. Pachistani e afghani avrebbero diritto all’asilo, vengono però riconsegnati al confine dalla nostra polizia a quella slovena. Da qui ripercorrono a ritroso la rotta balcanica. Obiettivo: respingerli dall’Ue. Ma è illegale
Non-persone. Gli abusi e le violazioni dei diritti fondamentali dei migranti all’interno delle frontiere europee sono stati più volte denunciati dalle ong. Questo reportage fotografico racconta uno dei tanti “campi profughi spontanei” nati in Serbia in edifici abbandonati – Ansa
di Gianni Barbacetto

qui

Repubblica 10.11.18
l sondaggio Demos
Salvini convince gli elettori grillini due su tre dicono no ai migranti
Oltre la metà degli italiani condivide i respingimenti delle navi. In dodici mesi atteggiamento ribaltato, soprattutto tra i ceti più esposti alla crisi. Ma ci sono anche motivi di ordine politico
di Ilvo Diamanti

qui

Il Fatto 10.11.18
“Desirée doveva andare in comunità: non c’era posto”
Il tribunale dei minori ha cercato invano un centro di recupero per la ragazza dopo che era stata sorpresa a spacciare. Le strutture però erano tutte piene
di Vincenzo Bisbiglia

qui

Repubblica Roma 10.11.18
“Niente comunità” Il no del giudice che segnò Desirée
di Maria Elena Vincenzi

qui






Corriere 10.11.18
L’umanità di Mozart
Muti: «il suo punto di vista siamo noi e ci guarda con un sorriso triste»
Il maestro apre la stagione del San Carlo di Napoli con «Così fan tutte», unico suo impegno operistico della stagione in Italia. La regia è della figlia Chiara. «La persona giusta per portare in scena il mondo di Amadeus con rispetto»
di Valerio Cappelli

qui

il manifesto 10.11.18
Boldrini: «Al governo una cultura retrograda. Ma è partita la riscossa: dalle donne»
Intervista. Contro il ddl Pillon «la voce della piazza deve alzarsi così forte da non poter essere ignorata dal parlamento. I 5 Stelle piegheranno la testa?»
di Daniela Preziosi

qui

il manifesto 10.11.18
«Indivisibili» contro il decreto sicurezza
No al razzismo. In piazza oggi a Roma sfila il Paese dell’accoglienza. In arrivo da tutta Italia, con il sindaco di Riace Domenico Lucano

qui
il manifesto 10.11.18
Referendum Atac, quorum difficile nonostante gli appelli
Trasporto Pubblico. Domani romani ai seggi: serve un terzo di votanti. Radicali e Pd fanno leva sui disagi, ma molti comitati pendolari sono per il No. Il blogger Mercurio: dal 2010 la politica ha tagliato 30% del servizio, ora va subito rilanciato
di Massimo Franchi

qui

il manifesto 10.11.18
Referendum Atac, perché voto no
Votare No, soltando cambiando politica cambia l'Atac. Le liberalizzazioni hanno fallito ovunque, servono persone capaci slegate dai partiti
di Paolo Berdini

qui

Repubblica 10.11.18
Chiara Tonelli sulle disuguaglianze in campo sanitario
Ridurre le spese per la ricerca è il primo peccato
di Valentina Della Seta

qui




Il Fatto 10.11.18
Hamas, i giorni della rabbia valgono 15 milioni di dollari
Confine turbolento - Il Qatar manda i soldi, l’organizzazione si impegna a tenere bassa la protesta, Fatah attacca: “Ha sfruttato la sofferenza”
di Fabio Scuto

qui

La Stampa TuttoLibri 10.11.18
Predrag Finc
Il filosofo bosniaco è rinato a Oxford ma rivuole il freddo dei suoi monti
di Andrea Marcolongo

qui

Repubblica 10.11.18
Prospettive
Progetti di pace in un mondo senza uguaglianza
di Laura Montanari

qui



La Stampa TuttoLibri 10.11.18
Nabokov: “Leggere è uno spreco di tempo
imparate a perdervi in questo magnifico lusso”
di Christian Raimo

qui

La Stampa TuttoLibri 10.11.18
L’Italia ha scelto il populismo ma non bisogna aver paura
Un saggio di Molinari per capire il terremoto elettorale che ha cambiato la scena politica e che può scuotere per sempre gli equilibri e l’anima dell’Europa (dis)unita
di Bernard-Henri Levy

qui
















La Stampa 10.11.18
Eia eia Mompracem!
Così Salgari, defunto, diventò fascista
di Mario Baudino

qui

Corriere 10.11.18
«La tv delle ragazze», nel guardare all’indietro c’è tutto da perdere
di Aldo Grasso

qui

can you remember?

Corriere 10.11.18
Verdiglione va ai domiciliari
Ok dei giudici
di Elisabetta Andreis

Armando Verdiglione, 74 anni, detenuto da due mesi (nel carcere di Opera prima e all’ospedale S.Paolo di Milano poi), è stato liberato ieri sera. Il Tribunale di sorveglianza ha negato allo psicanalista la richiesta di differimento della pena per motivi di salute ma ha accolto la richiesta di detenzione domiciliare per motivi anagrafici. Il professore è dunque in esecuzione della pena, informano i suoi legali Lucio Lucia e Michele Passione: sconterà 5 anni e 6 mesi nella sua abitazione, lì dove si trova anche la moglie.


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI VENERDI 9 NOVEMBRE
















il manifesto 9.11.18
Un’ingegneria sociale con presupposti biologici
«La scienza di nuovo incantata. L’olismo nella cultura tedesca da Guglielmo II a Hitler» di Anne Harrington
di Giovanni Carosotti




il manifesto 9.11.18
Strage a L.A., ex marine ammazza tredici persone
American Psycho. Le vittime sono in prevalenza ragazzi giovani. Il killer, Ian Long 28 anni, è morto. Nel 2018 308 episodi simili. Ma al midterm 88 candidati finanziati dalla Nra sono stati eletti
L’interno del Borderline Bar & Grill di Thousand Oaks prima dell’attacco
di Luca Celada

il manifesto 9.11.18
La guerra incivile americana
di Tommaso Di Francesco

La Stampa 9.11.18
L’ex marine tornato da Kabul con la sindrome del reduce
di Paolo Mastrolilli










La Stampa 9.11.18
Merkel: “Il nazionalismo porta alla guerra, fermiamolo”
di Amedeo La Mattina














Corriere 9.11.18
Gli Obama, due capi per l’opposizione
E su Donald si allunga l’ombra di Michelle
dal nostro inviato a New YorkAldo Cazzullo
Lei può vincere. È un’ipotesi, ma condiziona il partito
di Aldo Cazzullo

 




il manifesto 9.11.18
Internazionale   
Ahmed Sa’adat: «La Palestina sarà liberata dal popolo escluso dalle élite»
Intervista. Per la prima volta dopo oltre un decennio, il segretario generale del Fronte popolare per la Liberazione della Palestina parla con un giornale straniero dal carcere: «La via per la libertà: il ritorno dei rifugiati e la creazione di un unico Stato libero, democratico e laico. Per farlo dobbiamo ricostruire il nostro movimento nazionale, l’Olp»
di Stefano Mauro


La Stampa 9.11.18
La malaeducazione: gli studenti italiani tra i peggiori del mondo
di Federico Taddia

Corriere 9.11.18
La politica stia lontana dalla ricerca scientifica
di Carlo Rovelli

Repubblica 9.11.18
La ricerca e le risorse pubbliche
Scienza, non servono feudi dorati
di Elena Cattaneo












Repubblica 9.11.18
Eroe o vergogna nazionale le due guerre di Pétain
di Bernardo Valli








Corriere 9.11.18
Leggi razziali, misfatto europeo












PAOLO FIORI NASTRO
Radio Cusano Campus
Violenza invisibile (Fiori Nastro): “Regolare la distanza da queste persone”

qui
il podcast è disponibile qui

L'8 novembre Radio Cusano Campus ha intervistato in diretta sul tema la giornalista Adriana Pannitteri autrice del romanzo “Cronaca di un delitto annunziato”. La registrazione è adesso disponibile qui




LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI GIOVEDI 8 NOVEMBRE











MARTIN HEIDEGGER: SEMPRE IN PRIMO PIANO IL NODO DELL'EGEMONIA DEL PENSATORE DI FRIBURGO SULLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA CHE È COME DIRE LA CENTRALITÀ DELLA QUESTIONE DELL'ANNULLAMENTO NELLA CULTURA OCCIDENTALE DEL NOVECENTO E QUINDI DELLA «FANTASIA DI SPARIZIONE», COME CERCHIAMO DI SOTTOLINEARE E DOCUMENTARE CON I NOSTRI «REPRINT»
il manifesto 8.11.18
Heidegger e il complicato abisso dei «Quaderni neri»
Il libro di Eugenio Mazzarella, edito da Neri Pozza, indaga il rifiuto della storia del pensatore e il nodo del rapporto con il regime nazista
di Alberto Giovanni Biuso

qui














La Stampa 8.11.18
Weimar 1918-2018
Cent’anni dopo la sindrome tedesca torna d’attualità
di Gian Enrico Rusconi

qui








Repubblica 8.11.18
Ronald Inglehart "La teoria darwiniana di ogni populismo"
di Giancarlo Bosetti

qui






il manifesto 8.11.18
Non Una Di Meno, il 24 novembre corteo nazionale a Roma
Verso lo sciopero globale dell'8 marzo 2019. Da Bari a Palermo, da Milano a Napoli: tutte le piazze contro il Ddl Pillon convocate sabato 10 novembre. La rivendicazione del reddito di autodeterminazione contro la proposta leghista della "terra gratis in cambio del terzo figlio"
di Madi Ferrucci

qui





La Stampa 8.11.18
La Camera ai democratici
“È pronto l’impeachment”
La sinistra vuole sfruttare l’inchiesta sui rapporti del presidente con Mosca
di Paolo Mastrolilli

qui
La Stampa 8.11.18
Cento donne sui banchi del Congresso per innovare l’agenda politica dell’America
di Francesco Semprini

qui

il manifesto 8.11.18
L’onda rosa nelle fila democratiche che promette di cambiare il paese
L'invasione. Mai cosí tante donne si erano candidate, e mai cosí tante donne avevano vinto. Per la prima volta si tratta di un numero record: tra Camera e Senato a Capitol Hill il prossimo gennaio arriveranno 110 neo elette
di Marina Catucci

qui

La Stampa 8.11.18
Laboratorio di opposte rivoluzioni
di Maurizio Molinari

qui











il manifesto 8.11.18
Palestinesi in festa, eletta al Congresso Rashida Tlaib
Elezioni Usa. Entusiamo a Beit Ur al Fouka, il villaggio d'origine della neo parlamentare che assieme a Ilham Omar forma la coppia delle prime donne musulman nel Congresso
di Michele Giorgio

qui

Il Fatto 8.11.18
Desirée, “il giorno prima un italiano tentò di violentarla”
Roma - “Le diedi 10 euro, si comprò l’eroina”. Una testimone: “Era con lei nelle ultime 48 ore della sua vita Una donna voleva chiamare il 118 ma le offrirono cocaina”
di Vincenzo Bisbiglia e Valeria Pacelli

qui

La Stampa 8.11.18
Cade l’obbligo di riferire ai superiori per i poliziotti
di Grazia Longo

qui

Repubblica 8.11.18
Per chi indaga cade l’obbligo di riferire ai propri superiori" la Consulta dà ragione ai pm
La norma sulla polizia giudiziaria introdotta da Renzi. Il procuratore di Bari autore del ricorso: "Evitate fughe di notizie"
di Liana Milella

qui







Repubblica 8.11.18
Dopo secoli di contrasti
Grecia, storica pace tra Stato e Chiesa
di Ettore Livini

qui








Il Fatto 8.11.18
Le “Metamorfosi” di Picasso: più che all’antica, alla rinfusa
La mostra in corso a Palazzo Reale indaga il rapporto tra lo spagnolo e la civiltà greco-romana: è molto ricca (soprattutto di opere provenienti dal Louvre), ma disordinata
di Filippomaria Pontani

qui


 
Ludwig Van Beethoven - Sinfonia Eroica Symphony No. 3 in E-flat major, Opus 55 from SEGNALAZIONI.BOX on Vimeo.
La Stampa 7.11.18
Beethoven, esecuzione mai vista: geniale la Quinta Sinfonia animata
Un viaggio nella Quinta Sinfonia di Beethoven, seguendo le note sullo spartito attraverso i protagonisti in slittino. E' l'animazione, realizzata interamente a mano e pubblicata su YouTube dal canale DoodleChaos. ''Ci ho messo tre mesi'', ha spiegato Mark Robbins, l'autore del video, che ha utilizzato l'applicazione online Line Rider. ''L'animazione non copre l'intera Sinfonia", ha dichiarato, "credo che la mia salute mentale ne avrebbe risentito se fossi riuscito a terminarla''. Ecco un breve estratto del primo movimento, che Beethoven aveva definito come ''il destino che bussa alla porta''. video YouTube / DoodleChaos
(si ringrazia Francesco Giannelli)

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 7 NOVEMBRE
il manifesto 7.11.18
La Corte Ue: l’Italia recuperi l’Ici non pagata dal Vaticano
Casa e Chiesa. Il ricorso partito da una scuola privata appoggiata dai Radicali: si stimano 4-5 miliardi. Dal Lussemburgo arriva il dietrofront sui pareri della commissione dal 2006 al 2011
di Luca Kocci

qui

La Stampa 7.11.18
Gialloverdi al test della laicità
di Gian Enrico Rusconi

qui

La Stampa 7.11.18
Sospetti nel governo: “Manovra contro di noi
L’Ue sa che non chiederemo mai quei soldi”
di Federico Capurso

qui

La Stampa 7.11.18
“Danno erariale. Ora sentiremo la Corte dei conti”
di Andrea Carugati

qui

il manifesto 7.11.18
Sui migranti uno sfregio alla Costituzione
Dl sicurezza. Il decreto è una summa di incostituzionalità che potrebbe essere portato ad esempio di ciò che non può essere fatto in materia di migrazioni
di Gaetano Azzariti

qui

Il Fatto 7.11.18
Libertà e Giustizia contro il testo: “È incostituzionale”

Il decreto Sicurezza “lede basilari principi costituzionali”. Lo sostiene l’associazione Libertà e Giustizia, che in una nota firmata, tra gli altri, dal presidente Tomaso Montanari, da Nadia Urbinati, Lorenza Carlassare, Salvatore Settis e Sandra Bonsanti ha commentato la possibile approvazione del decreto Salvini. Secondo l’associazione, la misura viola principi cardine della Carta, come “la presunzione di non colpevolezza, il diritto di difesa, l’uguaglianza”, e “rischia ora di venire convertita in legge in assenza di un libero dibattito parlamentare di merito, causa l’imposizione della fiducia”. “Come se ciò non bastasse – continua l’appello – esponenti dell’esecutivo pretendono le dimissioni dei parlamentari della maggioranza che non accettassero di curvare la schiena e si ostinassero a esercitare il libero mandato seguendo i propri convincimenti, così come la Costituzione impone di fare”. Un comportamento che ricorderebbe alcune storture della scorsa legislatura: “Abbiamo denunciato il comportamento di chi pretese la sostituzione dei parlamentari non allineati nelle Commissioni. A maggior ragione, denunciamo il comportamento di chi vorrebbe imporre le dimissioni ai dissenzienti”.

il manifesto 7.11.18
Troppi silenzi, pubblici e privati
Femminicidi . La serialità, nello spettacolo come nella vita reale, ha il potere di spegnere sorpresa, emozione e, alla lunga, anche la voglia di pensare
di Lea Melandri

qui

Il Fatto 7.11.18
“Se si taglia la prescrizione i processi si accorciano”
“Basta bufale: solo in Grecia il sistema è simile al nostro. Per me lo stop dovrebbe partire anche prima”
di Gianni Barbacetto

qui







il manifesto 7.11.18
Antirazzisti a Roma, sabato contro il decreto Salvini
Decine di pullman e 400 adesioni alla manifestazione che si oppone al «dl sicurezza». Mobilitazione in 58 città e crowfunding. In piazza anche Mimmo Lucano
di Rachele Gonnelli

qui

il manifesto 7.11.18
Prescrizione, così si fa a pezzi il principio di non colpevolezza
Riccardo De Vito. Il presidente di Magistratura democratica: in nome dell'interesse dello stato viene violato l'articolo 27 della Costituzione. Così la proposta del M5S è sbagliata nel metodo e pericolosa nel merito. Meglio sarebbe stato attendere i risultati della riforma già fatta e concentrarsi sui tempi del processo
di Andrea Fabozzi

qui

il manifesto 7.11.18
Niente tagli alla cultura? Parole, parole…
Ri-Mediamo. Forse l’attuale compagine «gialloverde» non ha interesse per un incremento della consapevolezza di massa, figlia di istruzione e di diffusione dei saperi. Trionfa l’era della soggezione alla dittatura degli algoritmi su cui si reggono i social. È il momento di rilanciare gli obiettivi della giornata di mobilitazione del 6 ottobre. Contro la macelleria attuata dai governi presieduti da Berlusconi l’iniziativa si fece sentire. E ora?
di Vincenzo Vita

qui





La Stampa 7.11.18
Midterm, i democratici conquistano la Camera
I repubblicani si rafforzano al Senato. La corsa delle donne: Alexandra Ocasio a New York è diventata la più giovane deputata mai eletta al Congresso. Ilhan Omar, ex rifugiata somala, alla Camera per il Minnesota

qui

Corriere 7.11.18
Alexandria, la deputata più giovane, guida l’onda di volti nuovi
A ventinove anni Ocasio-Cortez conquista New York e si propone come portabandiera della sinistra liberal
di Massimo Gaggi

qui

Repubblica 7.11.18
Amy Chozick
"Donne alla carica Siamo ripartite dalla sconfitta di Hillary Clinton"
intervista di Anna Lombardi

qui




Repubblica 7.11.18
Isabel Wilkerson
"Eppure oggi i neri d’America lottano ancora per poter votare"
di A.L.

qui

Corriere 7.11.18
«La sinistra vince se punta sul patriottismo»
di Viviana Mazza

qui

il manifesto 7.11.18
“La nuova sinistra vuole Sanders alla Casa Bianca”
di Giulio Calella

La versione integrale di questa intervista è pubblicata dalla rivista Jacobin Italia in uscita il prossimo 15 novembre e pubblicata anche da www.jacobinitalia.it
qui

Il Fatto 7.11.18
“Non lasciamo il nazionalismo ai nazionalisti”
di Giuliano Battiston

Il testo integrale su Reset.it
qui
















il manifesto 7.11.18Grande guerra, tra i promotori del massacro i fabbricanti d’armi
Lutto, non festa. Le "celebrazioni" del Primo conflitto mondiale
 
Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa (Opal)
qui

 














Corriere 7.11.18
Ezio Mauro racconta l’Italia del 2018. Partendo da Macerata e da Luca Traini
Ne «L’uomo bianco» (Feltrinelli) il gesto solitario di un folle diventa strumento per capire come siamo cambiati
Metamorfosi di un Paese
di Marco Imarisio

qui

Repubblica 7.11.18
Treccani si lancia sul mercato Sarà sua metà scolastica Giunti
di Simonetta Fiori

qui

Il Fatto 7.11.18
“Avevo successo ma volevo solo buttarmi sotto la metro”
Domani in sala il film “Il ragazzo più felice del mondo” e una raccolta di storie di inizio carriera, “Boschi mai visti”. Il fumettista si racconta
di Stefano Feltri

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 6 NOVEMBRE













Il Fatto 6.11.18
Panebianco si scorda la Carta, noi no
di Tomaso Montanari

qui














Il Fatto 6.11.18
“Reddito minimo, guardate l’Egitto per evitare errori”
Intervista a Philippe Van Parijs. I consigli del più famoso sostenitore dell’intervento universale a favore di poveri: “Non diventi una trappola della dipendenza”
di Stefano Feltri  

qui







Cancellato il diritto d’asilo
La Stampa 6.11.18
“Respingete i migranti in Croazia”
L’ordine che imbarazza la Slovenia
I poliziotti di Lubiana che sorvegliano il confine non accettano più i richiedenti asilo
di Mauro Manzin

qui

il manifesto 6.11.18
L’alternanza con il lavoro cambia ma sarà comunque obbligatoria
Legge di bilancio. Cambia l’alternanza scuola-lavoro nella legge di bilancio, ma l’impianto della «Buona Scuola» resta.
di Mario Pierro

qui

il manifesto 6.11.18
Sgombero del liceo Virgilio, gli studenti: «Un’inutile prova di forza»
La staffetta delle occupazioni romane. I ragazzi promettono: «Dopo Mamiani e Virgilio ci saranno altre occupazioni e cortei contro quello che stanno facendo Lega e Movimento 5 Stelle».
di Giansandro Merli

qui

Repubblica 6.11.18
La prof presa a sediate "Nessun genitore mi ha chiesto scusa"
di Franco Vanni

qui

il manifesto 6.11.18
Referendum Atac, primi grillini si schierano per il No alla liberalizzazione
Domenica al Voto. A cinque giorni dalla consultazione i fronti pro e contro intensificano la campagna
di M. Fr.

qui

Il Fatto 6.11.18
Cucchi, nuovo interrogatorio sulle email sparite
Ascoltato in Procura il capitano Tiziano Testarmata, indagato per favoreggiamento: “Sono estraneo”
di Valeria Pacelli

qui

Repubblica 6.11.18
La svolta di Londra
Scarseggiano le reclute ora l’esercito britannico apre le porte agli stranieri
di Enrico Franceschini

qui








il manifesto 6.11.18
La rivoluzione ultragalattica
Il romanzo «Proletkult» del collettivo Wu Ming, pubblicato da Einaudi
nell’immagine L.V. Sayanskij, «Soon the Whole World Will Be Ours», 1919
di Giovanna Ferrara

qui







il manifesto 6.11.18
Ottobre russo, una partita a scacchi tra terra e cielo
Letture. «Proletkult»: il romanzo distopico dei Wu Ming sulla Rivoluzione, vista da un «marxista marziano» come Bogdanov e da una giovane aliena
di Girolamo De Michele

qui

Proletkut, Wu Ming
Stella Rossa, Alexandr Bogdanov















CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI LUNEDI 5 NOVEMBRE

Corriere 5.11.18
Così Santoro tratta per far ripartire «l’Unità»
di Claudio Bozza

In tv manca da quasi due anni, ma Michele Santoro potrebbe tornare alla ribalta. Con un colpo di scena e ripartendo dal suo primo amore: la carta stampata. Il giornalista sta infatti portando avanti una delicata trattativa per riaprire l’Unità, dove iniziò a fine anni 70, e riportarla in edicola. La pubblicazione del quotidiano fondato da Antonio Gramsci è cessata il 3 giugno 2017, con la società oppressa da circa 10 milioni di debiti. Santoro, da settimane, si sta confrontando con Guido Stefanelli, amministratore delegato della società editrice, per cercare un punto d’incontro. Tra le varie condizioni che il giornalista avrebbe posto ci sarebbe quella di non essere dipendente della società editrice, di cui vorrebbe bensì acquistare una parte di quote. Da tempo, infatti, il Pd (che deteneva il 20% delle azioni tramite Democratica Srl) ha ceduto le quote al gruppo Pessina, di cui Stefanelli è appunto rappresentante. Il piano editoriale di Santoro, in un momento di forte successo di Lega e M5S, confiderebbe nell’appeal di una linea di sinistra.

Corrriere 5.11.18
Dove sono i difensori della Carta
di Angelo Panebianco, Andrea Pertici

qui

Repubblica 5.11.18
Se il governo ha paura della cultura
di Dario Olivero

qui

Repubblica 5.11.18
Il militare che ha denunciato
Il carabiniere in sala per il film su Cucchi " Non potevo più tacere"
di Giuliano Foschini

qui



Repubblica 5.11.18 Cinque stelle al buio
di Piero Ignazi

qui

Il Fatto 5.11.18
Il populismo raccontato dai fatti senza giudizi né sentimenti
Maurizio Molinari analizza il vuoto lasciato dalle vecchie forze politiche
di Furio Colombo

qui

Il Fatto 5.11.18
Populismo, arriva la risposta delle élite: democrazia rigida
L’economista Dambisa Moyo indica dieci riforme per arginare il caos e garantire crescita: mandati più lunghi agli eletti, voto obbligatorio ma solo per chi se lo merita, argine ai finanziamenti privati
di Stefano Feltri

qui

La Stampa 5.11.18
I grillini del Nord in pressing su Di Maio
“La Lega ci porterà via tutti i voti”
di  I. Lomb.

qui

 


Il Fatto 5.11.18
“Siamo studenti, vogliamo la luna”
di Lorenzo Giarelli

qui

Repubblica Roma 5.11.18
L’occupazione
Virgilio, sgombero all’alba " Ma allarmi erano infondati"
Il liceo chiama la polizia d’accordo coi genitori. Studenti in piazza, tensione con gli agenti
di Lorenzo D’Albergo

qui

Repubblica Roma 5.11.18
I giovani all’attacco "Questa scuola è la nostra casa cacciati a causa del vento leghista"
di Marina de Ghantuz Cubbe

qui






Repubblica 5.11.18
Verso il referendum Atac
Al banchetto day i dubbi dei romani
Giornata di mobilitazione dei promotori per il voto di domenica
di Salvatore Giuffrida

qui

 








La Stampa 5.11.18
Per la rinascita del nazionalismo panrusso
Putin, la carta delle repubbliche fantasma per la rinascita del nazionalismo panrusso
di Gianni Vernetti 

qui

La Stampa 5.11.18
Da Torino a Varese
Il filo che unisce l’ultradestra a Mosca
di Andrea Palladino

qui

 










Il Fatto 5.11.18
Amare un tedesco era reato: la Norvegia chiede perdono
di Siri Nergaard

qui
Corriere 5.11.18
Il mistero della freccia del tempo
Lo scienziato Eugenio Coccia, rettore del Gran Sasso Science Institute«Einstein ci ha liberato da pregiudizi che erano passati inosservati per secoli»
Cosa c’è tra la teoria della relatività e la meccanica quantistica?
Nuove sfide nella terra di nessuno
di Giovanni Caprara

qui

Repubblica 5.11.18
Capolavori
Un viaggio all’inferno con la plebe di Belli
di Alberto Asor Rosa

qui

Repubblica 5.11.18
L’America che verrà, 
L’America che verrà, su La7 in esclusiva " Fahrenheit 11/ 9" di Michael Moore
qui







«Questa legge di Bilancio è la rappresentazione di come il governo non abbia la sanità tra le sue priorità – attacca Andrea Filippi, segretario della Fp Cgil medici»
il manifesto 3.11.18
Restano i tagli: confermato lo sciopero del 23
Sanità. «Il miliardo in più rispetto a Gentiloni è solo una briciola», protestano Fp Cgil e Annao Assomed

qui






Roma, oggi in Prima Pagina
CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA
















Repubblica 3.11.18
Lo studio dello psichiatra Boris Cyrulnik
Le zone del cervello in cui ha sede lo spirito religioso
di Massimo Ammaniti

qui
















Repubblica 3.11.18
Lo studio dello psichiatra Boris Cyrulnik
Le zone del cervello in cui ha sede lo spirito religioso
di Massimo Ammaniti

qui

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI DOMENICA 4 NOVEMBRE





Corriere La Lettura 4.11.18
L’inversione della colpa
Heidegger dopo Hitler
Esce il volume dei «Quaderni neri» scritto dal 1942 al 1948, nella eccellente traduzione di Alessandra Iadicicco.
Il grande pensatore, dopo la sconfitta del nazismo nel 1945, continua a difendere i tedeschi e bolla come una vergogna mondiale la politica avviata dagli Alleati per rieducare il suo popolo ai valori democratici
di Donatella Di Cesare

qui









Il Sole Domenica 4.11.18
La via italiana al marxismo
Itinerari filosofici. Marcello Mustè ricostruisce la storia della complessa vicenda del movimento operaio europeo che nel nostro Paese ha avuto un’assoluta unicità e identità
di Giuseppe Vacca

Marcello Mustè, Marxismo e filosofia della praxis. Da Labriola a Gramsci, Viella, Roma
qui










Il Sole Domenica 4.11.18
Psicologia. L’ultimo libro di Vittorio Lingiardi sull’alleanza medico-paziente
Quando la diagnosi è parte della cura
Un discorso che non si chiude con l’attribuzione di un nome a uno stato morboso
di Nicola Gardini

Vittorio Lingiardi, Diagnosi e destino, Einaudi, Milano
qui


La Stampa 4.11.18
Minacce social a Ilaria Cucchi
“Provengonoda carabinieri”
di Edoardo Izzo

qui

Corriere 4.11.18
Ilaria Cucchi e i social: «La mia vita sconvolta da minacce continue»
Un post di insulti sarebbe della portavoce del Sap
di Ilaria Sacchettoni

qui

Repubblica 4.11.18
Ilaria Cucchi,Virzì a "Che tempo che fa"
Un caso che è una ferita aperta per tutto il Paese.

Dopo le ultime vicende (le intercettazioni, le minacce ricevute sui social che sembrano arrivare da membri delle forze dell’ordine, le parole del comandante generale dei carabinieri che afferma che non vedremo mai più i colpevoli in divisa) Ilaria Cucchi, accompagnata dall’avvocato di famiglia Fabio Anselmo, torna a parlare della drammatica storia di suo fratello Stefano nel programma di Fabio Fazio Che tempo che fa (Rai1, 20.35).

Corriere 4.11.18
La signora che sgrida il razzista
«Non sono riuscita a stare zitta»
Insulti a un pachistano sulla Circumvesuviana, lei interviene: il video è virale
di Roberto Russo

qui

 






Il Fatto 4.11.18
Chi ha paura dell’antifascismo
di Furio Colombo

qui

il manifesto 4.11.18
Caustico pamphlet su Atene
Classici ritradotti e commentati. Di chi è la «Costituzione degli Ateniesi»? Edizione commentata di Giuseppe Serra per la Valla. Con un saggio di Canfora
di Carlo Franco

qui

il manifesto 4.11.18
Prescrizione, la bomba sulla maggioranza
Giustizia. Ministri contro. Giulia Bongiorno smonta la «riforma epocale» grillina piovuta per emendamento. Dai leghisti una pioggia di proposte provocatorie per smontare la legge anticorruzione. Il Guardasigilli Bonafede insiste e rivendica, mentre i grillini attaccano gli alleati e adesso possono minacciare la legittima difesa
di Andrea Fabozzi

qui

il manifesto 4.11.18
Diecimila antifascisti in piazza contro Casapound
Trieste. Serpentone plurale con tanti italiani e sloveni. Dura polemica con il Comune di destra
di Emily Menguzzato

qui





il manifesto 4.11.18
Millennials e donne, le speranze midterm per un’America post-trumpista
Trump di mezzo. Al termine della campagna paranoica della Casa bianca, si assiste a una riattivazione politica che martedì potrebbe cambiare gli Usa
Iniziativa in Wisconsin per registrara ail voto i giovani
di Luca Celada

qui

Il Fatto 4.11.18
Neri per Trump, la “Blexit” sulle elezioni di Midterm
Influencer e volti noti, gli afroamericani votati alla causa di The Donald
Neri per Trump, la “Blexit” sulle elezioni di Midterm
di Giampiero Gramaglia

qui

Il Sole 4.11.18
Elezioni di midterm. Un referendum su Trump
Martedì gli Stati Uniti rinnovano la Camera dei rappresentanti (favoriti i Democratici) e un terzo del Senato, che dovrebbe rimanere sotto controllo repubblicano. E un Congresso diviso viene visto come garanzia di stabilità
I Dem cercano la rivincita ma il risultato resta incerto
di Riccardo Barlaam

qui

Il Sole 4.11.18
La crisi dello spirito americano
Stati Uniti. È quella che, secondo Allen Frances, impersona Trump: inneggia alla grandezza della nazione ma agisce in modo opposto a quel che serve
di Massimo Teodori

Il crepuscolo di una nazione. L’America di Trump all’esame di uno psichiatra
Allen Frances Bollati Boringhieri, Torino
qui

Corriere 4.11.18
Cina, i diritti negati e il peso dei soldi
di Ernesto Galli della Loggia

qui


Corriere La Lettura 4.11.18
L’umanità non si misura
Che cosa definisce l’uomo
Discutono Guido Tonelli, fisico di fama mondiale, Peter Hunter, teologo di Oxford e Silvano Petrosino, professore di Teorie della comunicazione alla Cattolica di Milano
di Annachiara Sacchi

qui

Corriere La Lettura 4.11.18
Il futuro debole
Così siamo diventati prigionieri  di un presente senza prospettive
di Remo Bodei

qui

Corriere La Lettura 4.11.18
Il matematico partigiano
Il combattente antifascista più decorato d’Italia
di Andrea Angiolino

qui

 







Il Sole Domenica 4.11.18
Anatomia dei Romanov
Una mostra allo Science Museum esamina gli ultimi anni della famiglia imperiale e il suo destino dopo la morte: si possono ammirare foto inedite e oggetti mai usciti prima dalla Russia
di Nicol Degli Innocenti

The Last Tsar: Blood and Revolution
Fino al 24 marzo 2019 Science Museum, Londra
qui











Il Sole Domenica 4.11.18
Milano. Il Mudec (Museo delle culture) ospita una rassegna di lavori del grande maestro che evidenziano i suoi interessi per l’etnografia e per le civiltà preclassiche e anticlassiche
Le fonti «primitive» di Klee
di Ada Masoero

Paul Klee. Alle origini dell’arte. Milano, Mudec Museo delle Culture, fino al 3 marzo
qui



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 3 NOVEMBRE

Corriere 3.11.18
La Lega vola oltre il 34%
Salgono ancora i consensi per la Lega: adesso arrivano al 34,7%. Cala il M5S, soprattutto al Nord, e il 16% dei consensi perduti finisce proprio al partito di Salvini
Sondaggio cala il pd, risale Forza Italia
di Nando Pagnoncelli

qui

il manifesto  3.11.18
L’abbraccio tra sinistra progressista e sovranismo xenofobo
Sovranismi. La questione nazionale è sempre stata causa di conflitti interni e scissioni politiche nel mondo della sinistra. E’ accaduto con (e dopo) la Prima guerra mondiale
di Riccardo Petrella

qui

La Stampa 3.11.18
Se Mélenchon sdogana la violenza e spinge la sinistra francese alla ribellione
In una democrazia ci sono pochi gesti più violenti della minaccia di colpire un poliziotto
di Bernard-Henri Levy

qui

 








Il Fatto 3.11.18
Il governo m5s-lega e il barbiere di Lenin
di Piergiorgio Odifreddi

qui






il manifesto 3.11.18
Migranti spediti in Slovenia, denunciate infrazioni dei diritti umani al confine
Immigrazione. Un reportage descrive operazioni illecite condotte dalla polizia di frontiera al valico di Fernetti. La questura di Trieste con una nota nega le irregolarità
di Shendi Veli

qui

La Stampa 3.11.18
Il caso dei migranti riportati in Slovenia
La polizia: “Agiamo seguendo le regole”
La Questura di Trieste: sono riammissioni previste dalle norme Ue. Ma è giallo sui respingimenti a catena
di Francesco Grignetti

qui

La Stampa 3.11.18
“Respinti dopo una notte in questura
Non abbiamo potuto chiedere asilo”
“La polizia ci ha scaricato in Slovenia con in furgone”
Almeno altri venti casi simili. L’Italia viola il regolamento di Dublino
di Francesco Grignetti

qui

La Stampa 3.11.18
Il diritto e la sovranità nazionale
di Riccardo Arena

qui

Il Fatto 3.11.18
Emanuela, Elisa e le altre vittime della “lupara rosa”
Scomparse - Non si trovano, le loro famiglie finite nella trappola dell’attesa che non finisce più. Erano soltanto delle ragazze
di Federica Sciarelli

qui














Repubblica 3.11.18
Verso il MidTerm
Fenomeno Pressley
Ayanna, la prima afroamericana che corre per il seggio di JFK
di Anna Lombardi

qui

 















Repubblca 3.11.18
Il voto di Midterm
Se Trump è l’avversario di Trump
di Vittorio Zucconi

qui



il manifesto 3.11.18
Espulsa da Israele la scrittrice Susan Abulhawa
Medioriente. La scrittrice palestinese-americana ieri era in attesa di essere espulsa dopo essere stata fermata giovedì al suo arrivo all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. Era tra gli ospiti più attesi di «Kalimat», il Festival della letteratura palestinese che si apre oggi a Gerusalemme Est, Haifa e in tre città della Cisgiordania
di Michele Giorgio - Gerusalemme

qui

Corriere3.11.18
Antisemitismo, scatta l’indagine sui laburisti
di Luigi Ippolito

qui






il manifesto 3.11.18
Cina: più che la crescita preoccupano i consumi
Cina. Per la leadership al potere in gioco c’è molto più della stabilità economica. A rischio è il patto implicito con cui all’indomani del massacro di Tian’anmen Pechino ha promesso alla popolazione benessere in cambio di lealtà politica
di Alessandra Colarizi

qui












il manifesto 3.11.18
Il romanzo criminale della crisi brasiliana
Intervista. Parla lo scrittore britannico Joe Thomas, autore di "Paradise City"
di Guido Caldiron

qui







La Stampa 3.11.18
L’ascesa della premiata ditta Topf, i migliori forni crematori per le SS
Auschwitz: costruiti dalla Topf & figli dal 1940 al 1944
Non erano Nazisti della prima ora. Furono travolti, con i loro tcnici, dall’ambizione
di Mirella Serri

qui
Leggi anche qui

 





Corriere 3.11.18
Vittorio Veneto senza retorica
L’Italia alla prova in guerra e pace
1918-2018 Oggi con il quotidiano un libro di Silvia Morosi e Paolo Rastelli sul primo conflitto mondiale
di Antonio Carioti

qui










Il Fatto 3.11.18
Basta un verso di Ovidio. E il mito diventa arte
Una mostra alle Scuderie del Quirinale e il libro di Paolo Isotta restituiscono al Sommo la sua grandezza
“Ovidio. Amori, miti e altre storie” prosegue fino al 20 gennaio
di Pietrangelo Buttafuoco

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI VENERDI 2 NOVEMBRE













Repubblica Roma
Complesso del Vittoriano
Pollock e la scuola di New York

Complesso del Vittoriano, via S. Pietro in Carcere tutti i giorni dalle 9.30, tel. 06-8715111
Anticonformismo, introspezione psicologica e sperimentazione: al Complesso del Vittoriano l’action painting di Pollock e dei più grandi rappresentanti della Scuola di New York. Nell’Ala Brasini uno dei nuclei più preziosi della collezione del Whitney Museum di New York.















Repubblica 2.11.18
Il commento
La sinistra senza partito
di Nadia Urbinati

qui

Corriere 2.11.18
Per iniziativa del sindaco Vittorio Sgarbi
Cittadinanza a Lucano
Un caso a Sutri

Mimmo Lucano, il sindaco di Riace diventato un simbolo dell’accoglienza ai migranti e finito sotto inchiesta, oggi diventerà cittadino onorario di Sutri, in provincia di Viterbo, per iniziativa del sindaco Vittorio Sgarbi. Ma CasaPound non ci sta e ha annunciato sui social una manifestazione in piazza oggi pomeriggio dalle 14.30. E la cerimonia, a cui parteciperanno anche il governatore del Lazio Nicola Zingaretti e il filosofo e letterato Nuccio Ordine, sarà spostata in un Comune a pochi km da Sutri, Castel Sant’Elia. «Vedo — scrive il critico d’arte su Facebook — che disapprovano l’iniziativa di dare la cittadinanza onoraria a Lucano perché indagato. Non credo che si sarebbero preoccupati se avessi deciso di darla a Salvini».









Repubblica 2.11.18
Atlante politico
Il sondaggio di Demos - Repubblica
Salvini divora Di Maio il M5S arretra al 27,6% primo calo del governo
La fiducia nell’esecutivo resta alta ma scende di quattro punti in un mese. Il leghista considerato il vero capo, Draghi sorpassa Di Maio
di Ilvo Diamanti

qui


















il manifesto 2.11.18
25 aprile, 2 giugno feste divisive, teniamocele strette
di Angelo D’Orsi

qui

 


La Stampa 2.11.18
“Caricati a forza nei furgoni”. Così la polizia italiana riporta i migranti nei Balcani
Il racconto di due pakistani: «A Trieste ci hanno illuso sulla richiesta d’asilo ma ci hanno rimandati in Slovenia». Poi una nuova odissea fino alla Bosnia. «Le autorità croate ci hanno picchiato e lasciato nei boschi al confine»
Italia, una rotta segreta con Slovenia e Croazia per respingere i migranti
di Niccolò Zancan

qui

La Stampa 2.11.18
Elena Fattori. La senatrice grillina “Salvini punta a sostituirci con Meloni”
“Caro Di Maio, così diventi la stampella della destra”
di Maria Rosa Tomasello

qui

«La sinistra democratica in Europa è un grande campo di rovine. La città dell’utopia progressista è crollata»
Corriere 2.11.18
L’Europa, le idee
Lezioni dolorose a sinistra
di Paolo Lepri

qui

 


La Stampa 2.11.18
“Le ossa ritrovate sono compatibili con un’adolescente”
I primi esami sullo scheletro sotto la Nunziatura Il mistero della scomparsa della moglie dell’ex custode
di Edoardo Izzo

qui
Corriere 2.11.18
Chiesti al Vaticano i documenti sui restauri della Nunziatura
Caso Orlandi, via libera della segreteria di Stato alle indagini. Sentita l’ultima custode
di Fiorenza Sarzanini

qui

Repubblica 2.11.18
Le ossa nella Nunziatura
Orlandi, la polizia in Vaticano s’indaga sulla villa del mistero
Acquisiti gli atti sulla storia dei lavori. Negli anni Sessanta sparì la moglie del custode
di Maria Elena Vincenzi

qui

Repubblica 2.11.18
Svidercoschi
"Neanche Wojtyla credeva ai legami tra la scomparsa e il caso Agca"
di Paolo Rodari

qui

La Stampa 2.11.18I misteri di Roma
Il volto di Emanuela e l’eterna ragnatela dei misteri di Suburra
di Mattia Feltri

qui

La Stampa 2.11.18
“Milioni dai Caraibi”
Accusa di riciclaggio al nunzio apostolico
di Marco Grasso Matteo Indice

qui
il manifesto 2.11.18
Manovra, scuola e università sono i grandi assenti

qui
Repubblica 2.11.18
Chi minaccia l’unità della scuola
di Alberto Asor Rosa
qui
Repubblica 2.11.18
Il Festival dell’Economia di Trento a rischio
Trento, il crocevia tra gli economisti e la vita vera
Sbagliato definirlo "di sinistra". In 13 anni ha visto passare studiosi di ogni orientamento

di Tonia Mastrobuoni
qui

il manifesto 2.11.18
Atac, sindacati contro il Sì del Pd: disinformati e contro i lavoratori
Referendum. A dieci giorni alla consultazione a Roma sulla liberalizzazione della municipalizzata del trasporto pubblico Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt scrivono una lettera aperta al Partito Democratico. L'esempio di Cotral (risanata e rilanciata dalla Regione Lazio) e di Tpl (azienda privata che ha in appalto parte del servizio)
di Massimo Franchi

qui

Il Fatto 2.11.18
Il nuovo terrore Atomico di Trump
“Punizione preventiva”. Il presidente americano vuole eliminare qualsiasi possibilità di equilibrio, spaventare i nemici al punto di annullare ogni difesa anche legittima. Per questo punta sull’aumento degli ordigni nucleari
di Fabio Mini

qui

Corriere 2.11.18
La geopolitica dei muri
Trump, i miti del complotto
e la carovana dei migranti
di Donatella Di Cesare

qui
il manifesto 2.11.18
Bolsonaro conferma, l’ambasciata del Brasile presto a Gerusalemme
Israele/Brasile. Il presidente eletto in un'intervista ha promesso di trasferire al più presto l'ambasciata nella città santa. E assicura a Israele appoggio incondizionato all'Onu. Netanyahu pronto a stringere relazioni strette con il paese sudamericano
di Michele Giorgio

qui

La Stampa 2.11.18
I colpi di Stato senza militari che mettono alla prova la democrazia
di Juan Luis Cebrian

qui










Corriere 2.11.18
Tutta l’anima in un libro
Riflessioni «Il tuo sguardo illumina il mondo» (Solferino): una meditazione sulla morte, l’amicizia e il potere della poesia
La lettera di Susanna Tamaro a Pierluigi Cappello vista da un grande psichiatra
di Eugenio Borgna

qui






il manifesto 2.11.18
Nell’altro lato del vento, la libertà dell’immaginario
Cinema. Da oggi su Netflix «The Other Side of the Wind», il film incompiuto di Welles, finito da Bogdanovich
di Cristina Piccino

qui




il manifesto 2.11.18
La scoperta del mondo dallo schermo
Festival. Al Science+Fiction di Trieste «Stalker» di Tarkovskij, la fede nel cinema come rivelazione. In un repertorio di macerie, la disperazione del protagonista nella Zona riguarda la fine della civiltà attuale
di Luigi Abiusi

qui
















Repubblica Roma 2.11.18
A cinquant’anni dalla contestazione

'68, quelli che la rivoluzione l’hanno fatta al cinema
di Franco Montini

qui

Repubblica Roma 2.11.18
Intervista
Liliana Cavani "Una magnifica liberazione non solo politica"

qui

il manifesto 2.11.18
«Arrivederci Saigon», il film di Wilma Labate

qui


MARCO BELLOCCHIO SU "LA STAMPA":
"Sul set blindato del nuovo film di Marco Bellocchio Il traditore va in scena il dramma, eterno e universale, che lacera gli ex compagni di strada divenuti acerrimi nemici, gli ex-complici trasformati in avversari: «Tradire - dice Bellocchio - è quasi auspicabile. Significa rifiutare il proprio passato, i temi e i valori della propria educazione. Non è obbligatorio, ma a me è successo, e quindi il tradimento è qualcosa che riguarda la mia vita».
(...)
«Sono passato attraverso almeno tre rivoluzioni, anzi quattro. Ho rifiutato la mia educazione cattolica, tradendo mia madre e un certo tipo di formazione. Ho lasciato una certa ideologia comunista. Ho scelto l’analisi collettiva e il pensiero di Massimo Fagioli, per poi tornare in un’altra forma di contesto, e infatti adesso i fagioliani mi considerano un traditore. E poi dovrei includere i tradimenti sentimentali»"

LA CONVOCAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE ANTI RAZZISTA
PREVISTA PER SABATO 10 NOVEMBRE A ROMA:


















CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA













ULTIM'ORA:
La Stampa 1.11.18 
Santoro prepara un’offerta per acquistare “l’Unità” 
di Andrea Carugati
qui di seguito


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI GIOVEDI 1° NOVEMBRE
È DISPONIBILE QUI



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 21
il manifesto 31.10.18
A Roma manifestazione nazionale contro il razzismo
10 novembre. Per dire basta all’escalation razzista e al decreto Salvini
di Giuliano Santoro

«Uniti e solidali contro il governo, il razzismo e il decreto Salvini»: hanno aderito decine di sigle (quasi duecento) e tanti personaggi della cultura e dello spettacolo alla manifestazione nazionale del prossimo 10 novembre a Roma. «È il momento di reagire, mobilitarsi e unirsi contro gli attacchi del governo, a cui Minniti ha aperto la strada, contro l’escalation razzista e il decreto Salvini che attacca la libertà di tutte e tutti», recita il documento di indizione approvato nel corso dell’assemblea nazionale che si è tenuta a Roma lo scorso 14 ottobre.
Si partirà nel pomeriggio da piazza della Repubblica per raggiungere piazza San Giovanni.
La parola chiave della manifestazione è «Indivisibili», per sottolineare la volontà di non accettare nessuna separazione di diritti tra italiani e stranieri, donne e uomini (nella piattaforma c’è anche l’opposizione al ddl Pillon sulla genitorialità).
Ecco perché le rivendicazioni uniscono temi diversi e trasversali, mettendo al centro i diritti. Gli organizzatori fanno anche esplicito riferimento all’esperienza di Riace e all’attacco subito dal sindaco Mimmo Lucano ma anche alla grande manifestazione partita dal basso che nello scorso mese di febbraio attraversò Macerata, all’indomani della tentata strage contro i migranti. Ad aprire il corteo ci saranno i migranti del Baobab, il centro di accoglienza autogestito di Roma di recente oggetto dell’ennesima provocazione (è stato perimetrato da enormi inferriate) e i richiedenti asilo sotto sgombero e senza soluzioni alternative.













Repubblica 31.10.18
Rossanda
"Colpa nostra se vince Salvini, la sinistra ha deluso le speranze"
Intervista di Concetto Vecchio

qui

Repubblica 31.10.18
Corsi e ricorsi
Nominare (e sopportare) l’Italia invano
di Natalia Aspesi

qui














Repubblica 31.10.18
Camilleri "Come Tiresia la cecità mi rende più acuto"
Dal 5 al 7 novembre nei cinema lo spettacolo andato in scena in un’unica serata al Teatro Greco di Siracusa, regia di Roberto Andò. Protagonista lo scrittore
Intervista di di Silvia Fumarola

qui








Repubblica 31.10.18
L’inchiesta
L’ultima caccia alla materia invisibile
La tela oscura dell’Universo Dalla Nasa a Frascati, gli scienziati studiano la materia invisibile
di Elena Dusi

qui

Repubblica 31.10.18
È ora di centrare il bersaglio
Ecco perché, dopo trent’anni, ha senso continuare a cercare
di Gianfranco Bertone

qui







Terninrete 28.10.18
IVG, 40 esimo anniversario della legge 194 sull’aborto
Un incontro organizzato dagli studenti e sponsorizzato da "Mare Dentro"

qui

Nei prossimi giorni sarà disponibile il video dell’evento presso la piattaforma You tube e nella pagina Facebook qui






























l'Espresso 
Che cosa hanno visto gli occhi di Nebras
di Giuseppe Catozzella


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 30 OTTOBRE













Corriere 30.10.18
Il rifiuto di Togliatti
Stalin gli offrì la guida del Cominform ma il segretario del Pci si tirò indietro
Una biografia di Gianluca Fiocco (Carocci) mette a fuoco le scelte più rilevantidel leader comunista. Le aperture alla Dc, i contrasti con Krusciov, la decisionedi approvare l’invasione sovietica dell’Ungheria e l’impiccagione di Imre Nagy
di Paolo Mieli

qui

 




La Stampa 30.10.18
Sul set di Buscetta
Favino è il boss pentito per Marco Bellocchio: “Un’esperienza totale”
di Fulvia Caprara

qui

La Stampa 30.10.18
Così ho prestato occhi e orecchie al regista per fargli conoscere la malattia della “mafiosità”
di Francesco La Licata

qui










La Stampa 30.10.18
Sos depressione: troppi ne soffrono ma pochi lo sanno
di Nicla Panciera

qui



il manifesto 30.10.18
Brasile choc, Bolsonaro presidente. L’estrema destra si insedia al Planalto
La rimonta non basta. Alla fine hanno prevalso l’odio per il partito di Lula e il non voto, un misto di disincanto e indifferenza. Haddad staccato di circa 10 milioni di voti. Le contraddizioni di un Paese spaccato in tre: Psl, Pt e astensione
di Ariadna Dacil Lanza

qui

La Stampa 30.10.18
Austerità, armi libere e militari al potere
Ecco la ricetta di Bolsonaro per il Brasile
di Emiliano Guanella

qui

Il Fatto 30.10.18
Brasile, i militari in festa. Ora puntano al governo
Camionette e mitra nelle strade per salutare la vittoria di Jair Bolsonaro
di Giuseppe Bizzarri

qui

il manifesto 30.10.18
Il Brasile fa tremare le vene dell’America Latina
Democrazia in pericolo. "Fenomeno" Bolsonaro. Perché le classi dominanti si sono sbilanciate a favore di una sorta di neo fascista psicopatico. Dal Venezuela a Cuba, le conseguenze non si faranno attendere
di Roberto Livi

qui








il manifesto 30.10.18
Fine di un’era, Merkel verso l’addio alla politica
Germania. La cencelliera concluderà il mandato nel 2021, e non si ricandiderà. Ma già a dicembre lascerà la guida della Cdu. La storica decisione dopo la batosta alle elezioni in Assia, «il governo ha perduto credibilità»
di Sebastiano Canetta

qui










Il Fatto 30.10.18
Putin, caccia grossa. Ai teenager
I ribelli di Telegram - Accusati di terrorismo. I genitori in piazza: arrivano vicino all’ex Kgb
di Michela A. G. Iaccarino

qui







Il Fatto 30.10.18
Il Codice Da Vinci ricomposto. In 7 mila lastre le frasi perdute Fino al 20 gennaio 2019, per il 500° dalla morte, gli Uffizi espongono le 72 pagine Leicester sull’acqua. Il curatore Galluzzi: “Le parti ritrovate potrebbero essere rivoluzionarie”    
Tra ostacoli e battesimi – Nel Codice Leicester i disegni di macchine elevatrici e impianti di scavo e gli studi sulle deviazioni dell’acqua tra gli oggetti     
di Alessia Grossi
qui













Repubblica 30.10.18
La lunga strada verso la pace
Statue e tesori, rinasce il Museo di Damasco
di Paolo Matthiae

qui



















L'ASINO D'ORO SU "LA REPUBBLICA"
clicca sull'immagine per ingrandirla
Giovanni Senatore ufficio stampa


LA DISPERAZIONE DELLA "SINISTRA"

















il manifesto 27.10.18
Venerdì 26 ottobre 2018 Diego Bianchi ha trasmesso su Propaganda Live, il programma su La7, un’intervista a Rossana Rossanda realizzata qualche giorno prima. La puntata integrale è qui. Rossana compare dopo 1 ora e 55′ circa.
Pubblichiamo lo sbobinato della trasmissione per gentile concessione dell’autore
qui















Corriere 27.10.18
Quell’intellighenzia
che non ha nulla da dire
di Antonio Macaluso
SUL TEMA 
VEDI GLI ALTRI CONTENUTI QUI DI SEGUITO













La Stampa 27.10.18
Chiatti si scusa dopo 26 anni:
“Sono un’altra persona”
di Nicola Pinna
qui






Cfr. la relazione di Andrea Masini dal titolo «Normalità e follia: l'identità dello psichiatra» tenuta l'8 giugno 1996 al convegno «Fantasia di sparizione formazione dell'immagine idea della cura» tenutosi a Napoli dal 7 al 9 giugno 1996. atti pubblicati da in Strumenti della memoria NER Roma 1997 https://www.mclink.it/com/rcp/istinto/ita/index.htm
cfr anche:
Corriere 20.2.15
Luigi Chiatti «è pericoloso»
Ma non andrà (per ora) in un Opg
Annullata in appello, per una questione procedurale, la decisione con cui il magistrato di sorveglianza aveva imposto al cosiddetto «Mostro di Foligno», il ricovero in un ospedale psichiatrico. A settembre scatta il fine pena, potrebbe tornare libero
di Valentina Marotta
qui


 










il manifesto 28.10.18
Franco Fortini e i nostri «dieci inverni»
I comunisti. L'intransigenza di Fortini non è mai unidimensionale, è stato più che mai attento a non dimenticare il nemico - come invece i comunisti hanno scordato di fare nel 1989
di Rossana Rossanda

qui
Massimo Fagioli: «Il 20 settembre del 1975 Nicola Lalli mi chiamò dicendo: "Ma perchè non vieni a fare una supervisione all'università?".
E perché no? Perché no?
C'era stato in verità un precedente, per cui feci quasi un corso di lezioni all'Università di Siena, dal 1974 al 1975, dopo che avevo scritto i tre libri, perché appunto c'era, come adesso, da prendere questa cattedra di psicologia clinica. Ufficialmente, un certo Franco Fortini, grande poeta, che mi odiava a morte, decise che non me la doveva dare - Fortini, non una bella donna. E così la cosa si sgonfiò. Il motivo sembra fosse stata una riunione fatta verso marzo, mi pare, non mi ricordo più, in cui venne mezza Siena. Di norma all'Università di Siena alle lezioni andavano dalle tre alle cinque persone. Quando organizzammo questo dibattito sul Capitale di Marx, l'undicesimo e il dodicesimo capitolo del Capitale di Marx, vennero più di cento persone: l'aula, che era come questa, si riempì. Dopo di che il professor Rossi, che era di filosofia ed era un marxista notevole, e Fortini si misero d'accordo perché io dovevo essere eliminato. E così fu.»
sta in a: Fagioli M., Storia di una ricerca. Lezioni 2002
3. ed., L'asino d'oro, 2018
pp. 126-127

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI LUNEDI 29


































TROVA LE DIFFERENZE...










Repubblica 29.10.18
Rifondazioni
Libertà e sicurezza sono valori di sinistra
Nel nuovo libro di Marco Minniti che attraversa la politica non solo italiana: come fermare la deriva nazionalista, razzista e populista del governo?
La situazione attuale assomiglia a quella che portò alla marcia su Roma di Mussolini nel 1922
di Eugenio Scalfari

qui

Repubblica 29.10.18
La fidanzata di Traini " Luca e i suoi fantasmi la mia vita con lui sull’orlo della follia"
Intervista di Fabio Tonacci

qui















Il Sussidiario 29.10.18
Da Agostino ad Heidegger, perché è così difficile "pensare" il tempo?
Fin dai presocratici la filosofia ha cercato di "pensare" il tempo. I greci coniarono una mappa di cinque termini. Charles Péguy lo mise al centro di "Véronique"
di Stefano Arduini

qui











Corriere 28.10.18
Platone, il pensiero politico nei saggi di Adriana Cavarero
La raccolta pubblicata da Raffaello Cortina si concentra sui dialoghi
del pensatore che affrontano il delicato rapporto tra filosofia e polis
di Donatella Di Cesare

qui
Il Fatto 29.10.18
Desirée: dopo il solito spot di Salvini, destra all’attacco contro il divorzio
Cattolici tradizionalisti scatenati: il delitto della sedicenne è il frutto della “dissoluzione della famiglia”
di Fabrizio d’Esposito

qui

La Stampa 29.10.18
Caso Desirée,
“Morta perché nessuno ha chiamato il 118”
di Grazia Longo

qui

Repubblica 29.10.18
La solitudine di Desirée "Stava morendo e siamo scappati"
La ragazza di San Lorenzo tradita da tutti anche dalle donne che frequentavano il palazzo "Avevamo paura che la polizia accusasse noi"
di Maria Elena Vincenzi

qui

Corriere 29.10.18
Il commento di Lerner e lo scontro con Salvini

qui

Repubblica 29.10.18
L’analisi
Disuguaglianze e rancore
di Chiara Saraceno

qui

La Stampa 29.10.18
Assia, crollano i socialdemocratici e la Cdu
Trionfano i Verdi, governo Merkel a rischio
Batosta nel Land di Francoforte, l’Spd minaccia lo strappo: “Alleanza inaccettabile”. Vola la destra dell’AfD
di Walter Rauhe

qui

Corriere 29.10.18
La Sconfitta in Assia
Declini paralleli di Merkel e Spd
di Paolo Valentino

qui

Repubblica 29.10.18
Intervista allo scrittore ebreo-statunitense Nathan Englander
"Violenza, paura, razzismo dietro l’odio di Pittsburgh c’è un’America al collasso"
di Anna Lombardi

qui

Repubblica 29.10.18
La strage di Pittsburgh
L’uomo bianco semina l’odio
di Vittorio Zucconi

qui

La Stampa 29.10.18
Con la carovana di migranti in fuga da violenze e miseria
“Non siamo terroristi”
In diecimila partiti dall’Honduras si dirigono a piedi verso Città del Messico La meta sono gli Stati Uniti: “Non abbiamo paura dell’esercito di Trump”
di Paolo Mastrolilli

qui





Il Fatto 29.10.18
Gentile: il pavido tentativo di salvare Paul Kristeller
Alle preoccupazioni del 28enne tedesco già fuggito dal nazismo il professore replicava: “Vi esorto a non pensarci troppo”. Ma gli dispiaceva
Gentile: il pavido tentativo di salvare Paul Kristeller
di G. Me.

qui

Il Fatto 29.10.18
Gli studenti di Pisa ricostruiscono le vite dei prof ebrei nel ’38
La Sant’Anna e la Normale si sono messe alla ricerca della memoria perduta: i venti docenti cacciati da Mussolini per la difesa della “razza ariana” nei lavori degli allievi di oggi
di Giorgio Meletti

qui

Il Fatto 29.10.18
La lezione più bella di Nicolini, il docente che riempiva le piazze
Un libro e un film ricordano la sua “Estate romana” degli anni 70 e 80
di Furio Colombo

qui

Il Fatto 29.10.18
Vergogna firmata a San Rossore

qui

La Stampa 29.10.18
Via le pensioni agli ebrei vittime delle leggi razziali e ai perseguitati dal fascismo per motivi politici
di Andrea Carugati

qui







Corriere 29.10.18
Anticipazione Esce domani per Adelphi il nuovo volume dello scrittore e saggista
La sapienza di Browne
Un medico come guida tra i segreti degli Egizi
Ermetismo e geroglifici, il percorso tracciato da Roberto Calasso
di Emanuele Trevi

qui

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI  DOMENICA 28







Repubblica 28.10.18
Addio all’Irlanda ultracattolica. Dopo l’aborto sì all’abolizione del reato di blasfemia
di Enrico Franceschini

qui

La Stampa 28.10.18
Usa, strage in sinagoga: “Morte agli ebrei”
Pittsburgh, un suprematista bianco irrompe durante le preghiere del sabato: almeno una decina di morti
di Francesco Semprini

qui


 










il manifesto 28.10.18
Franco Fortini e i nostri «dieci inverni»
I comunisti. L'intransigenza di Fortini non è mai unidimensionale, è stato più che mai attento a non dimenticare il nemico - come invece i comunisti hanno scordato di fare nel 1989
di Rossana Rossanda

qui
Massimo Fagioli: «Il 20 settembre del 1975 Nicola Lalli mi chiamò dicendo: "Ma perchè non vieni a fare una supervisione all'università?".
E perché no? Perché no?
C'era stato in verità un precedente, per cui feci quasi un corso di lezioni all'Università di Siena, dal 1974 al 1975, dopo che avevo scritto i tre libri, perché appunto c'era, come adesso, da prendere questa cattedra di psicologia clinica. Ufficialmente, un certo Franco Fortini, grande poeta, che mi odiava a morte, decise che non me la doveva dare - Fortini, non una bella donna. E così la cosa si sgonfiò. Il motivo sembra fosse stata una riunione fatta verso marzo, mi pare, non mi ricordo più, in cui venne mezza Siena. Di norma all'Università di Siena alle lezioni andavano dalle tre alle cinque persone. Quando organizzammo questo dibattito sul Capitale di Marx, l'undicesimo e il dodicesimo capitolo del Capitale di Marx, vennero più di cento persone: l'aula, che era come questa, si riempì. Dopo di che il professor Rossi, che era di filosofia ed era un marxista notevole, e Fortini si misero d'accordo perché io dovevo essere eliminato. E così fu.»
sta in a: Fagioli M., Storia di una ricerca. Lezioni 2002
3. ed., L'asino d'oro, 2018
pp. 126-127












Repubblica 28.10.18
Giorgio Agamben
Uno dei più noti filosofi italiani
Il capitalismo è la nuova religione, la banca ha preso il posto della Chiesa, la democrazia è perduta. E lei, professore?
"La mia vita è una mappa costruita con gli stracci della Storia"
Colloquio con Antonio Gnoli

qui














il manifesto 28.10.18
Il Platone smascherato
Saggi di filosofia. Adriana Cavarero ha fornito per tutta la vita un’appassionata e originale lettura «di genere» del filosofo greco: ora i suoi saggi sono raccolti da Raffaello Cortina
di Fulvia de Luise

qui





la lettura cattolica della filosofia antica e classica
Il Sole Domenica 28.10.18
Ma che bella storia d’amore
Filosofia antica. Torna in libreria l’opera di Giovanni Reale: non è un arido manuale ma il resoconto di un’avventura, il diario di un’appassionata ricerca durata una vita
di Maria Bettetini

qui

Repubblica 28.10.18
Giordano Bruno remix
Perché il grande monaco nolano è stato messo al rogo quando era pronto a ritrattare? Quale minaccia politica celava il suo neoplatonismo? Che ruolo ebbero le chiese riformate e le lotte dinastiche di fine Cinquecento?
di Marco Bracconi

qui
















Il Sole Domenica 28.10.18
Neuroscienze
C’è qualcosa nella mente che non c’è nel cervello
di Francesca Rigotti

qui
Corriere La Lettura 28.10.18
La nascita delle (in)civiltà
James C. Scott, una controversia
Da sempre ci siamo abituati a credereche la formazione dei grandi regni agricoli sia stata un passo avanti verso il progresso.
Ma i popoli nomadi vivevano molto meglio delle masse di sudditi dediti a coltivare la terra, non di rado ridotti in schiavitù ed esposti alle epidemie
D’altronde lo scopo delle mura non era soltanto difendere gli imperi dai cosìdetti «barbari» ma anche trattenere dalla fuga i contadini sottoposti a una gravosa pressione fiscale
Nomadismo e migrazioni ridefiniscono la storia
di Alessandro Vanoli

qui

Corriere La Lettura 28.10.1
Senza Stato si sta meglio
La saggezza dei «barbari»
I cacciatori-raccoglitori erano prosperi e avevano molto tempo da dedicare alla socialità. Oggi ci sono popoli che non si adattano alla logica delle autorità costituite
di Adriano Favole

qui










Corriere La Lettura 28.10.1
Il quarto illuminismo
Edward G. Wilson, Le origini della creatività, a cura di Telmo Pievani
Ha fondatola sociobiologia
di Mauro Bonazzi

qui
Repubblica 28.10.18
Intervista a Ilaria Cucchi
"Da Nistri parole di cui avevo bisogno ma troverò pace solo con la verità"
di Maria Novella De Luca

qui

Il Fatto 28.10.18
Non essere cattiva, Desirée
La provincia dell’adolescenza
“Avevo un lato dolce… ma l’ho mangiato” – È uno dei post che Desirée ha scritto sul suo profilo Facebook
di Enrico Fierro

qui

il manifesto 28.10.18
San Lorenzo antifascista per Desirée
Roma. Una manifestazione lunga quattro giorni nel quartiere romano dove è stata stuprata e uccisa la ragazza sedicenne. Anche l’Anpi è scesa in piazza per fermare la strumentalizzazione delle destre
di Giansandro Merli, Giuliano Santoro

qui

Corriere 28.10.18
il branco ha impedito i soccorsi
Desirée, un italiano tra i ricercati
di Fulvio Fiano e Fiorenza Sarzanini

qui
















Corriere 28.10.18
Governo & opposizioni
L’irrealtà politica di un Paese sul baratro
di Ernesto Galli della Loggia

qui

La Stampa 28.10.18
Il calvario delle famiglie dei malati di mente tra la nostra indifferena e quella dello Stati
di Maria Corbi

qui
Corriere 28.10.18
«Le scuse mancate a chi soffre di autismo»
risponde Aldo Cazzullo

qui

Corriere Salute 28.10.18
La solitudine è una vera malattia
di Marco Trabucchi

*Associazione Italiana di Psicogeriatria
qui
La Stampa 28.10.18
Sánchez, l’anti-Salvini
“La mia Europa non sfrutta la paura”
di Francesco Olivo

qui

Il Sole28.10.18
A rischio la riforma dell’eurozona
Il futuro della Merkel appeso al risultato del voto in Assia
L’ascesa dei Verdi potrà minare la sopravvivenza della Grande Coalizione
di I.B.

qui

 















Corriere 28.10.18
Giordania, la frontiera
Un regno in posizione strategica amministrato da un sovrano illuminato, scopritelo con noi
di Antonio Ferrari

qui

Corriere La Lettura 28.10.18
Testimonianze Un patrimonio che include anche ballate preesistenti. Così l’italiano univa le truppe
Vittoria mutilata. Il mito dannunziano sotto processo
Contro la guerra e i comandanti
di Marco Cuzzi e Giordano Bruno Guerri
di Antonio Carioti

qui















Il Sole Domenica 28.10.18
Apollinaire tra versi e scherzi
Anniversari. Il 9 novembre 1918 si spegnevaa Parigi l’estroso poeta, amico di Picasso. Poco prima di morire urlò al medico: «Mi salvi! Ho ancora molte cose da dire!»
di Giuseppe Scaraffia

qui

Micaela Quintavalle
Corriere 28.10.18
Giletti torna sul caso Atac

Massimo Giletti torna sul caso Atac di Roma e poi si dedica a temi economici come lo scontro tra Italia e UE, e l’attacco di Di Maio a Draghi e BCE.
Non è l’arena La7, ore 20.35

Repubblica 25.10.18
La storia
Quando E.T. sbarcò nell’Urss di Iosif Stalin
Prolekult di Wu Ming, Einaudi
L’idea del collettivo di scrittori è mettere insieme il bolscevismo e la fantascienza, conditi di un oizzico di nostalgia trotzkista
di Wlodek Goldkorn


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 27












La Stampa 27.10.18
Chiatti si scusa dopo 26 anni:
“Sono un’altra persona”
di Nicola Pinna
qui






Cfr. la relazione di Andrea Masini dal titolo «Normalità e follia: l'identità dello psichiatra» tenuta l'8 giugno 1996 al convegno «Fantasia di sparizione formazione dell'immagine idea della cura» tenutosi a Napoli dal 7 al 9 giugno 1996. atti pubblicati da in Strumenti della memoria NER Roma 1997 https://www.mclink.it/com/rcp/istinto/ita/index.htm
cfr anche:
Corriere 20.2.15
Luigi Chiatti «è pericoloso»
Ma non andrà (per ora) in un Opg
Annullata in appello, per una questione procedurale, la decisione con cui il magistrato di sorveglianza aveva imposto al cosiddetto «Mostro di Foligno», il ricovero in un ospedale psichiatrico. A settembre scatta il fine pena, potrebbe tornare libero
di Valentina Marotta
qui
La Stampa 27.10.18
Più potere alla polizia: potrà fare blitz
nelle scuole
di Leonardo Martinelli

Il Fatto 27.10.18
Da quale pulpito viene il “bipolare”
di Maurizio Montanari

qui
Corriere 27.10.18
il letterato e le sue idee
Giù le mani da Pound: lui è la poesia
di Claudio Magris

Il Fatto 27.10.18
Gli anni orribili dei carabinieri che Salvini non vuole vedere
Cucchi e non solo - I depistaggi sul giovane pestato coinvolgono la catena di comando, per il ministro è “un eventuale errore di uno”
di Alessandro Mantovani e Antonio Massari

Corriere 27.10.18
Cucchi e i depistaggi del 2015
Indagato un capitano dei carabinieri
Favoreggiamento sulle relazioni manomesse. Nistri: pochi hanno perso la strada della virtù
di Giovanni Bianconi

il manifesto 27.10.18
Carla Nespolo
di Rachele Gonnelli

il manifesto 27.10.18
Predappio, la Prefettura autorizza il corteo fascista
Fascismi. Indignazione dell'Anpi: «Il corteo in questione viola il dettato della Costituzione e delle leggi Scelba e Mancino, e ciò anche con il supporto di quanto avvenuto negli scorsi anni, con l’aggravante che vi sia stato, nel tempo, il consenso delle autorità competenti»
di Mario Di Vito

Repubblica 27.10.18
l sindacato
Cgil, resa dei conti sulla successione a Camusso Oggi il direttivoLandini è il candidato della segretaria uscente ma Colla potrebbe avere maggiore consenso tra i membri del "parlamentino" confederale
Torino
di Paolo Griseri

il manifesto 27.10.18
L’internazionale riparte da Sanders e Varoufakis
Sinistra. L'appello per una nuova alleanza sovracontinentale e progressista sarà lanciato a New York il prossimo 30 novembre: «Chiunque abbia interesse a lottare contro la povertà ed è saldamente ancorato a una visione internazionalista è un nostro interlocutore», dice il leader di Diem25 al manifesto
di Graziella Durante, Giovanna Ferrara

Il Fatto 27.10.18
Crisi, la ricetta Varoufakis

Repubblica 27.10.18
Il reportage
Domani le elezioni nel Land
Verdi tedeschi, l’allegra avanzata ora il test Assia fa tremare Merkel
di Tonia Mastrobuoni


UN NUMERO MOLTO IMPORTANTE DI LIMES È NELLE EDICOLE































L'INDICE DI QUESTO NUMERO DELLA RIVISTA
È DISPONIBILE QUI



I saggi del professor Paolo Bagnoli, raccolti in un ampio arco temporale (2005-2016)
sono collegati da un'identica intenzione: leggere in termini storici, critici, dottrinari
aspetti della vicenda del Partito d'Azione e indagare il senso politico dell'azionismo.
Scrive l'autore: «La storia travagliata e complessa della nostra democrazia e in essa della sinistra [...]
ci conferma quanto una minoranza consapevole e preparata abbia dato al definirsi dell'identità nazionale [...]
Probabilmente ciò spiega perché a oltre mezzo secolo abbondante dalla scomparsa del PdA,
l'azionismo susciti ancora discussioni talora aspre» (*)
.








Corriere Fiorentino 25.10.18
Cyberbullismo e sexting, come evitare le trappole del web
di Antonio Montanaro

qui
si ringrazia Francesca Iannaco -clicca sull'immagine per ingrandirla


IL 2º CONVEGNO MONDIALE DELLA WADD
A  FIRENZE DAL 25 AL 27 OTTOBRE
IL PROGRAMMA COMPLETO È DISPONIBILE QUI DI SEGUITO
CON ESTRATTI DA SSCI E SCOPUS.
CHE SONO PURE DISPONIBILI CON GLI ABSTRACT E I TRE POSTER SELEZIONATI
DI EMANUELA ATZORI, LUDOVICA COSTANTINO E ILARIO RITACCO..È ANCHE PROPOSTA NEL PROGRAMMA
UNA PRESENTAZIONE ORALE DI EMANUELA ATZORI PER LA MATTINA DEL 25 OTTOBRE.



MARE DENTRO - Associazione Culturale di Promozione Sociale
Pillole di scienza: un dibattito sull'IVG e sulla Legge 194
 
Venerdì 26 Ottobre alle 14.00
nell'aula magna della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli studi di Perugia,
avrà luogo un convegno sul tema della Interruzione Volontaria di Gravidanza e della legge 194:
interverranno in tale sede Maria Sneider (psichiatra) Anna Pompili (ginecologa) Emanuela Lucarini (psichiatra)
che si riferiranno nei propri interventi alla Teoria della Nascita di Massimo Fagioli. 
LA LOCANDINA DELL'EVENTO È DISPONIBILE QUI
Grazie a Eleonora, Carmen, Valeria, Valentina, Chiara, Roberta e Sara
Aula Magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia Piazzale Gambuli 1 Perugia





LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI   VENERDI 26

La Stampa 26.10.18
Irlanda 
Referendum per decidere se legalizzare la bestemmia
di Vittorio Sabadin

La Stampa 26.10.18.
Monsignor Vincenzo Paglia
“Non tocca a noi fare il lavoro sporco della morte”
di Andrea Tornielli

La Stampa 26.10.18
Cocaina a 12 anni
La prima volta spaventa Torino
“E’ un’emergenza”
di Massimiliano Peggio

Repubblica 26.10.18
Tra i ragazzi torna l’eroina "Costa poco e si fuma ecco perché non è più tabù"
I Sert: il mercato è capillare e incontrollabile un fast food dello sballo, e il più pericoloso è quello virtuale
di Maria Novella De Luca

Il Fatto 26.10.18
Da quale pulpito viene il “bipolare”
di Maurizio Montanari

il manifesto 26.10.18
Scuola, sindacati contro Bussetti: «No alla regionalizzazione dei docenti»
Il nuovo corso del Miur sul reclutamento differenziato nelle regioni che hanno un peso politico sulla vita del governo, anche in prospettiva elettorale, potrebbe interessare fino a 200 mila cattedre. Camusso (Cgil): "Furia elettorale e ideologica". Sinopoli (Flc-Cgil): "Il sistema deve restare nazionale". Di Meglio (Gilda): si rischia "una scuola a due velocità"

il manifesto 26.10.18
Oggi primo sciopero generale contro il governo giallo-verde
Sindacati di Base. Cortei in 10 città, le manifestazioni principali per Cub, Sgb, SiCobas e Usi a Torino e Taranto
di Massimo Franchi

il manifesto 26.10.18
Contro il decreto Salvini in piazza sabato dalle suore ai cobas
Giornata del 27 ottobre. Tanti i cortei in tutt’Italia ma anche iniziative le più varie: festival in chiesa, raduni Lgbt. A Roma flash mob a Santi Apostoli e manifestazione di sindacati di base e studenti medi
di Rachele Gonnelli

Il Fatto 26.10.18
L’arma dell’Arma su Cucchi: trasferire e delegittimare
Depistaggio - Nelle carte della nuova inchiesta sulla morte di Stefano le pressioni della catena di comando per nascondere la verità
di Antonio Massari e Valeria Pacelli

Corriere 26.10.18
La falsa relazione su Cucchi «Firmai, ma mica l’ho fatta io»
Intercettato 15 giorni fa un carabiniere rivela che altri manipolarono le carte
di Giovanni Bianconi

Repubblica 26.10.18
L’inchiesta
I ricatti dentro l’Arma " Quelle carte su Cucchi sono il mio salvavita"
La congiura del silenzio mostrò fin da subito le prime crepe Perché molti nascosero le copie di documenti compromettenti
di Carlo Bonini

La Stampa 26.10.18
L’opzione del voto a febbraio
di Francesco Bei

Corriere 26.10.18
Francoforte e la spinta verso il compromesso con la Commissione: l’Italia non può crollare
dal nostro inviato Danilo Taino

il manifesto 26.10.18
Brexit, tensioni su tutta l’isola d’Irlanda per il nodo del confine
Il fantasma del conflitto. Nessuna delle parti in causa garantisce che non si torni a breve a una divisione materiale e militarizzata tra le due parti. Sull’argomento sono volate parole pesanti
di Enrico Terrinoni

La Stampa 26.10.18
La Lega vende la chiesa ai musulmani
Ex chiesa va all’asta, vincono gli islamici
“Sarà una moschea”
di Paolo Colonnello

Corriere 26.10.18
E la scienza divenne sperimentale
Un rivoluzionario atto di umiltà
Conoscenza La ricostruzione di Edoardo Boncinelli nel saggio «La farfalla e la crisalide» (Raffaello Cortina)
di Stefano Gattei

Repubblica 26.10.18
Cure omeopatiche per l’anima
Cercare la bellezza nonostante tutto
di Michela Marzano

Repubblica 26.10.18
La frattura tra élite ed elettori da cui nasce il populismo
di Stefano Folli

Repubblica 26.10.18
La chimica dell’amore
"La mia vita agra e senza tenerezza con Bianciardi"
Maria Jatosti racconta la tormentata relazione con il grande scrittore. Liti, separazioni, riconciliazioni e un finale drammatico "Prima di morire ucciso mi dedicò le sue ultime parole: è tutta colpa tua"
di Simonetta Fiori











Nella puntata di Atlantide de La7 con Andrea Purgatori - “La favola di Evita e l'illusione populista” di giovedì 17 ottobre sono state trasmesse anche alcune interessanti sequenze sulla vicenda delle “Nonne di Piazzadi Maggio” e sulla vicenda dei desaparecidos in Argentina
 le registrazioni sono disponibili qui
si ringrazia Licia Matticoli

Corriere dell Sera 17.10.18
Caro Papa, per ogni donna l’aborto è sempre un dolore
di Dacia Maraini
si ringrazia Angelo Titaterra

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI  GIOVEDI 25
dal Corriere della Sera di giovedi 25 ottobre
«Se uno vuole capire certe differenze, una vergogna nazionale italiana che sempre evitiamo di guardare:
Le librerie di Parigi sono diminuite di un terzo, ne restano «solo» 715...
SECONDO DATI DEL 2016 IN TUTTA ITALIA LE LIBRERIE SONO 811»







Insieme? Donatella Di Cesare e Nadia Urbinati... ?
Corriere 25.10.18
Il «Fronte» delle filosofe per dire no ai populismi
Le donne «molla del cambiamento», la sensibilità femminile come motore capace di aggregare un’opposizione vasta alle «nuove forme di populismo, razzismo e fascismo». Sono questi i concetti chiave della dichiarazione con cui Donatella Di Cesare e Francesca Rigotti hanno lanciato l’iniziativa, del tutto inedita in Italia, di un Fronte delle filosofe che intendono «prendere partito» ed esporsi nel dibattito pubblico, non «per creare consenso ma per invitare a riflettere». Numerose e qualificate le adesioni raccolte finora dalle due promotrici: Laura Bazzicalupo, Laura Boella, Caterina Botti, Annarosa Buttarelli, Adriana Cavarero, Simona Forti, Olivia Guaraldo, Enrica Lisciani Petrini, Michela Marzano, Francesca Nodari, Elena Pulcini, Caterina Resta, Elettra Stimilli, Nadia Urbinati, Nicla Vassallo.






il manifesto 25.10.18
Quel nesso tra letteratura e ideologia
Saggi. «Il presente di Gramsci», un volume a più voci, curato da Paolo Desogus, Mimmo Cangiano, Marco Gatto e Lorenzo Mari, per Galaad Edizioni
di Lelio La Porta
su "il manifesto" di oggi: a p. 11 la recensione di Lelio La Porta intitolata "Il presente di Gramsci" si dipana intorno al nesso letteratura-ideologia del volume curato da P. Desogus, M. Cangiano, M. Gatto e L. Mari Il presente di Gramsci. Letteratura e ideologia oggi (Galaad Edizioni, Teramo) nel quale, oltre ai contributi dei curatori, compaiono saggi di R. Dainotto, F. Marola, A. Tricomi, G. L. Picconi, G. Fichera, G. M. Gallerani e una Postfazione di M. Pala. Si ringrazia IGS












Repubblica 25.10.18
La storia
Quando E.T. sbarcò nell’Urss di Iosif Stalin
Prolekult di Wu Ming, Einaudi
L’idea del collettivo di scrittori è mettere insieme il bolscevismo e la fantascienza, conditi di un oizzico di nostalgia trotzkista
di Wlodek Goldkorn
il manifesto 25.10.18
La vocazione al suicidio delle classi dirigenti italiane
Il riformismo scolastico neoliberista. Da tempo si preparano i presupposti culturali per fornire al suicidio nazionale i mezzi più adatti a realizzarsi. Si pensi al bando della geografia nell'insegnamento scolastico o all'abolizione del tema di storia dagli esami della maturità, una vera mutilazione culturale decisa dal Miur
di Piero Bevilacqua

il manifesto 25.10.18
Mamiani occupato: «La scuola degli studenti è l’antidoto ai femminicidi»
Nel cortile del liceo classico di Prati ragazze e ragazzi discutono di politica. La palestra ospita un’assemblea cittadina con altre scuole romane. Obiettivo: scrivere un manifesto di proposte e linee guida per una mobilitazione contro il governo
di Giansandro Merli

Repubblica 25.10.18
La protesta
Al liceo Mamiani l’occupazione è “flessibile” e fino a sabato
di Alessandra Paolini

Repubblica Roma 25.10.18
La manifestazione
Roma dice basta “ In piazza con noi l’energia positiva degli studenti”
di Cecilia Gentile

il manifesto 25.10.18
La diseguaglianza si combatte migrando
Report. L’ultimo rapporto Fao studia le relazioni tra migrazioni, sicurezza alimentare e crescita economica. Dice che solo riconoscendo il diritto a migrare si può «aiutarli a casa loro»
di Rachele Gonnelli

il manifesto 25.10.18
I due paradossi di San Lorenzo
di Paolo Bernini

Il Fatto 25.10.18
San Lorenzo e il tempo perso con gli slogan
di Veronica Gentili

Corriere 25.10.18
La morte delle ragazze
Paura e violenza
Le voragini nelle nostre città
di Goffredo Buccini


il manifesto 25.10.18
Cucchi, «questa storia è costellata di falsi». Altri indagati nell’Arma
Processo bis. Il pm Musarò deposita gli atti dell’inchiesta sul depistaggio. Tra gli accusati anche il comandante del Gruppo carabinieri Roma. Il Guardasigilli Bonafede, in udienza, incontra Ilaria: «Giustizia presto»
di Eleonora Martini

Il Fatto 25.10.18
Cucchi, l’inchiesta si avvicina al comandante dei corazzieri
Falsi, indagato un altro colonnello: “Fece riscrivere gli atti”. Dipendeva da Casarsa, oggi al Quirinale. Un’intercettazione: “Ora tocca a lui e al generale Tomasone”
di Antonio Massari e Valeria Pacelli

Corriere 25.10.18
Indagato un colonnello
La frase choc su Cucchi: magari morisse
di Giovanni Bianconi

Il Fatto 25.10.18
La notte del pestaggio: “Magari muore”
Carabinieri - Le conversazioni del 2009 sull’arresto. E oggi sul film: “Lo guardiamo dopo mangiato”
di A.Mass. e Val.Pac.

Repubblica 25.10.18
Cucchi, l’ultimo depistaggio così l’Arma fece sparire la mail che provava il falso
Inchiesta sabotata fino al 2015. Il carabiniere: "Da Tomasone riunione tipo alcolisti anonimi" Indagato un altro colonnello. L’intercettazione in caserma: "Magari morisse, mortacci sua"
di Carlo Boning

Repubblica 25.10.18
L’agente scagionato
"Noi mandati al macello per coprire le colpe di altri"
di Maria Elena Vincenzi

il manifesto 25.10.18
Aiuto al suicidio, la Consulta scarica sul Parlamento
Dj Fabo, processo a Marco Cappato . La Corte costituzionale dà un anno di tempo al legislatore per modificare la norma contenuta nell'articolo 580 c.p. introdotto nel nostro ordinamento in epoca fascista
di Eleonora Martini

il manifesto 25.10.18
Eurispes: eutanasia, più se ne parla più crescono i favorevoli

Repubblica 25.10.18
Il caso dj Fabo
L’inferno della non vita
di Roberto Esposito

Corriere 25.10.18
Onida e Flick,
I dubbi degli ex Presidenti della Corte Costituzionale :
«Così si abdica»
di Luigi Ferrarella




Corriere 25.10.18
Elezioni decisive
Torna Joschka. E trascina l’onda verde
dall’inviato a Francoforte Paolo Valentino
A 13 anni dall’addio alla politica, Fischer riappare
sul palco nella sua Francoforte. E dà una mano alla nuova generazione, sempre più lanciata
di Paolo Valentino

Repubblica 25.10.18
Germania
Se il modello Merkel è alle corde
di Tonia Mastrobuoni




Repubblica 25.10.18
Khashoggi, i sicari venuti dal medioevo
di Bernardo Valli

Repubblica 25.10.18
Riad e il giornalista ucciso
Un assassinio che ricorda Matteotti
di Alexander Stille

Repubblica 25.10.18
Scontri al confine bosniaco
Il muro croato per fermare i migranti
di Andrea Tarquini













Repubblica 25.10.18
Il reportage
Nelle vie di Glasgow
Le nuove suffragette partono dalla Scozia
In sciopero da 48 ore, si battono per la parità di stipendi tra uomo e donna E promettono di dare battaglia dentro e fuori i confini nazionali
di Antonella Guerrera
Il Fatto 25.10.18
“Scusi, siamo pieni”: così Laterza mollò Pirandello
 Il Nobel e il fondatore – Luigi Pirandello, poco prima del successo con “Il fu Mattia Pascal”, scrisse a Giovanni Laterza, che si rifiutò di pubblicarlo
di Giorgio Nisini

Il Fatto 25.10.18
Il conformismo degli intellettuali durante la Grande Guerra
A parte rare eccezioni, come Zweig, poeti e filosofi gareggiarono nell’incitamento all’odio
di Paolo Isotta

Corriere 25.10.18
Domani Con Amato e Napolitano
Incontro a Roma per ricordare Alfredo Reichlin
di Antonio Carioti







Il Fatto 25.10.18
Psicofarmaci, gli effetti collaterali: dalla psicosi alle idee di suicidio. Ecco quando assumerli (o no) danneggia il cervello
Nel libro "La sospensione degli psicofarmaci" il medico e ricercatore Peter R. Breggin spiega tutti gli scompensi che benzodiazepine, litio e stimolanti possono provocare. Fino a un malfunzionamento cronico del cervello
di Elisabetta Ambrosi



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI   MERCOLEDI  24














ariecco sempre gli stramaledetti «cattocomunisti»... !!!
il manifesto 24.10.18
Un intellettuale della classe operaia, lucido e ironico
Il ricordo. Aris Accornero, scomparso nella notte tra domenica e lunedì a 87 anni, nelle parole di chi fu suo «compagno di lotta e di pensiero». «Faceva vera ricerca sul campo. Seguiva con passione le trasformazioni del mondo del lavoro. Ma mai dimenticava di guardarle dal punto di vista di classe, di parte»
di Mario Tronti

il manifesto 24.10.18
Aris Accornero
L’icona della sinistra mi accolse con un sorriso dolcissimo
L'incontro con Aris Accornero. Ragazzo appena post-sessantottino, lo ricordo così, la prima volta, sul divano di via Bormida 5. Intimorito da quell’incontro con un’icona del movimento operaio, mi accolse con un sorriso
di Mauro Calise

Il Fatto 24.10.18
La scelta di Sophia e i guai del compagno Mélenchon
Gauche in panne - Chikirou, ex direttrice della campagna elettorale di France Insoumise, accusata di aver gonfiato le fatture per 1,2 milioni di euro
di Luana De Micco

La Stampa 24.10.18
Il Papa: “Tutti i populismi nascono dall’odio”
L’appello di Francesco ai giovani e il riferimento al nazismo: “Studiate la storia, anche Hitler iniziò così”
Aggressioni odio mancaza di umanità: oggi è in atto la terza guerra mondiale a pezzetti
Il cimitero europeo si chiama Mediterraneo
La chiusura è l’inizio del suicidio
di Andrea Tornielli










il manifesto 24.10.18
Popolo costituente e migrante
Il diritto a emigrare ha radici antiche, teoriche e politiche, che si scontrano con la miseria xenofoba del presente. Uno stralcio tratto dall’ultimo numero di «Critica marxista»
di Luigi Ferrajoli

Corriere 24.10.18
Meglio non abusare della parola «popolo»
di Giuseppe De Rita


Il Fatto 24.10.18
CasaPound, gli unici neri che Salvini non sgombera
di Antonio Padellaro

il manifesto 24.10.18
Sgombero rinviato, la finanza grazia Casapound
Esquilino. I militanti dell'estrema destra negano di aver pronunciato la frase «Se entrate sarà un bagno di sangue»
Il palazzo occupato da Casapound in via Napoleone III, a Roma
di Mira Ceccarelli

Repubblica 24.10.18
CasaPound, minacce ai militari ed è lite sul blitz mancato
Stop all’ispezione della Finanza nella sede del movimento occupata da anni. Indagano i pm
di Lorenzo D’Albergo

il manifesto 24.10.18
Costituzione e clemenza, idee controcorrente
Fuoriluogo. L’Italia non è affatto il paese delle ricorrenti misure facili “svuotacarceri”. O meglio, non lo è più, come spiega il volume curato da Stefano Anastasia, Franco Corleone e Andrea Pugiotto
di Grazia Zuffa

Il Fatto 24.10.18
Dl Sicurezza, i ribelli M5S tengono. “Se resta così non lo votiamo”
Braccio di ferro sugli emendamenti

Il Fatto 24.10.18
I poveri sul divano: la strana distanza tra dibattito e realtà
di Silvia Truzzi

Il Fatto 24.10.18
Non solo Cucchi: il silenzio è di Stato
di Gian Giacomo Migone





il manifesto 24.10.18
Migranti d’America, la carica dei 7.500 sfida quattro governi
La ultima frontera. La carovana degli honduregni in Messico dopo 10 giorni di marcia. Destinazione Usa. Trump: «Emergenza». E c’è una seconda carovana in arrivo. La presenza dei media offre la protezione che di solito qui manca. Ma molti finiscono comunque in arresto
di Fabrizio Lorusso

il manifesto 24.10.18
Abbandonati da tutti, via dall’Honduras di John
La ultima frontera. Da cosa fugge la carovana dei migranti partita il 13 ottobre da San Pedro Sula, in Honduras, e arrivata domenica nel Chiapas, in Messico
di Claudia Fanti

Il Fatto 24.10.18
Paesi Baltici col fiato russo addosso, la Nato replica con i giochi di guerra
Trident Junction 18 - In Norvegia la simulazione di una invasione
di Giampiero Gramaglia











il manifesto 24.10.18
Pechino sta finanziando la medicina del futuro
Intelligenza Artificiale. La Cina usa i Big Data per esportare «robot chirurghi» e software capaci di modelli predittivi per diabete e malattie cardiovascolari
di Simone Pieranni











Corriere 24.10.18
Gli ultimi giorni del ribelle Jan Palach
di Paolo Mereghetti





Repubblica 24.10.18
Il combattente contro l’Asse
Addio a Rønneberg il partigiano norvegese che fermò l’atomica d’Hitler
Kirk Douglas lo impersonò nel film "Gli eroi di Telemark" Sabotò un impianto idroelettrico. È morto all’età di 99 anni
di Andrea Tarquini



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI  MARTEDI 23

il manifesto 23.10.18
Roma oggi è medaglia d’oro al valore militare
di Davide Conti

pressenza 7.10.18
Il coraggio di restare soli. Messaggio di Mimmo Lucano alla manifestazione di solidarietà

Repubblica 23.10.18
Il convegno al Senato
Così Vittorio Foa ci insegna a costruire una democrazia
di Simonetta Fiori

il manifesto 23.10.18
«Non voglio stare vicino a una negra»
Razzismo quotidiano. Un nuovo episodio di discriminazione. Insulti contro una ragazza sul Frecciarossa
di Shendi Veli

il manifesto 23.10.18
La fake democracy di Grillo
di Massimo Villone

il manifesto 23.10.18
Può saltare lo sbarramento alle europee
Legge elettorale. L'attesa sentenza della Corte costituzionale: può riaprire i giochi a sinistra e scatenare le tentazioni del governo gialloverde. Che davanti alla Consulta ha preso per buoni gli argomenti sollevati dall'esecutivo precedente
di Andrea Fabozzi

il manifesto 23.10.18
«Era meglio tenerci Martina». E fra i renziani spunta la fronda anti Minniti
Democrack/Congresso Pd. Sì solo da da quelli della «realpolitik», per togliere voti a Zingaretti. Ma 'mister Daspo urbano' parte male sul tema alleanze con l'associazionismo cattolico e la sinistra
di Daniela Preziosi

Repubblica 23.10.18
 Intervista
Occhetto
"Oggi la sinistra è ridotta in cenere o lo capisce o non rinascerà"
di Concetto Vecchio

Il Fatto 23.10.18
Le “manette agli evasori” ora possono attendere
Sparito l’aumento delle pene che doveva entrare nel decreto sul condono. I 5Stelle: “Intoppi giuridici, arriverà in aula”. Intanto nessuno ne parla più
Le “manette agli evasori” ora possono attendere
di Luca De Carolis e Carlo Di Foggia

il manifesto 23.10.18
Cucchi, indagato un ufficiale per il depistaggio nell’Arma
Giustizia. Accusato di falso, il tenente colonnello Luciano Soligo, allora comandante della compagnia Talenti Montesacro. Il pm indaga sulla riunione al vertice dove, secondo Repubblica, si decise come insabbiare il pestaggio
di Eleonora Martini

Il Fatto 23.10.18
Cucchi, ufficiale indagato: “Mai visti i verbali falsi”
L’inchiesta sulle coperture, il colonnello al Fatto: “I rapporti chiesti dal generale”
Cucchi, ufficiale indagato: “Mai visti i verbali falsi”
di Antonio Massari e Valeria Pacelli

il manifesto 23.10.18
Robert Faurisson, l’«inventore» della menzogna negazionista
Il personaggio. Scomparso a 89 anni a Vichy l’uomo che ha definito la strategia globale e il vocabolario dei nuovi antisemiti. Nel 1978 tentò di accreditare le sue tesi su «Le Monde». Poi, arrivò il sostegno dell’estrema destra internazionale e della Repubblica Islamica di Ahmadinejad
di Guido Caldiron

La Stampa 23.10.18
Faurisson, dove osano i negazionisti
La Soluzione Finale? “Un pacifico trasferimento di ebrei”. Le camere a gas? “Mai esistite”
di Elena Loewenthal

Repubblica 23.10.18
Faurisson una vita dedicata alla menzogna
di Wlodek Goldkorn

La Stampa 23.10.18
Una full immersion nel dramma delle leggi razziali
di Ugo Magri

Corriere 23.10.18
L’orrore in nome della razza
Dalle leggi del ’38 fino ai treni per Auschwitz
Una mostra al Quirinale. «Atto di riparazione»
di Paolo Conti

La Stampa 23.10.18
Cina, ingegneria e propaganda
Il mega ponte unisce le colonie
di  Francesco Radicioni

Repubblica 23.10.18
Dall’Honduras varcano il confine con il Guatemala La voce si è sparsa: ora arrivano anche dal Salvador e dallo stesso Guatemala. Fuggono dal "Triangolo della morte" dove comandano armi e gang
Partiti in 300, sono già 10mila
A piedi, in bici, sui carretti la lunga marcia dei disperati sfida il muro di Trump
di Daniele Mastrogiacomo

Repubblica 23.10.18
Allarme violenza
Il fight club del sabato in piazza convocato dai ragazzi sui social
Piacenza, 63 identificati nell’ultimo weekend: si ritrovano in centro e si sfidano a pugni dopo avere organizzato online luogo e orario. Appello del questore a genitori e insegnanti
di Maurizio Pilotti

Repubblica 23.10.18
di Toni Morrison l’arte di capire il razzismo
di Roberto Saviano



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI  LUNEDI 22

Il Fatto Millennium
Angelo D’Orsi
Addio all’etica della responsabilità
Oggi gli intellettuali di sinistra sono piazzisti di merci mediocri
di Roberto Casalini
si ringrazia Mariopaolo Dario
Repubblica 22.10.18
Corteo anti-camicie nere
A Predappio l’Anpi sbarra il passo al 28 ottobre fascista
di Silvia Bignami






Corriere 22.10.18
Anteprima
Nel buio della «notte politica» la sfida di una filosofia militante
Esce giovedì il nuovo saggio di Donatella Di Cesare (Bollati Boringhieri)
Un forte richiamo alla funzione pubblica del pensiero critico
di Luciano Canfora





Corriere 22.10.18
La collana
Un mondo affamato di profondità ha ancora bisogno dei classici greci
Parte domani con il quotidiano la nuova serie interdisciplinare «Letteratura. Storia. Civiltà»
di Daniela Monti

Corriere 22.10.18
Il primo volume
Epoche e civilizzazioni che hanno fondato l’Occidente








Repubblica 22.10.18
L’inchiesta
Il generale e gli ufficiali
Così i vertici dell’Arma depistarono su Cucchi
L’indagine della procura coinvolge la catena di comando di Roma
La manipolazione decisa in un summit negli uffici di Tomasone
di Carlo Bonini
Repubblica 22.10.18
La crisi demografica
Più over 60 che under 30 sorpasso nel Paese che invecchia
di Corrado Zunino

Il Fatto 22.10.18
L’uomo bianco che spara al nero oggi è l’eroe del momento
Ezio Mauro ripercorre in un reportage inedito la storia di Luca Traini
di Furio Colombo




Il Fatto 22.10.18
L’onda nera di Milano: i “nuovi” fascisti a caccia di comunisti e migranti
Tricolori e tartarughe. Un corteo organizzato da Casapound a Milano
Braccia tese al raduno del 29 aprile al cimitero Maggiore per i caduti di Salò
di Davide Milosa

La Stampa 22.10.18
Raid razzisti
Due ragazzi picchiati con bastoni
di Elisa Forte

La Stampa 22.10.18
Nel tunnel della crisi peggiore
L’assenza di valori unitari
di Franco Debenedetti

 
Corriere 22.10.18
L’intervista Steve Bannon
«L’Italia è un modello Ma il governo ora aggiusti il bilancio»
L’ex stratega della Casa Bianca: «Qui si ridefinisce la politica del XXI secolo. Alle Europee in molti guarderanno a Salvini»
intervista di Federico Fubini

Corriere 22.10.18
Trump riapre la corsa agli armamenti
Verso la fine dell’intesa. Il Pentagono: l’arsenale atomico Usa è da rafforzare. Mosca: molto pericoloso
di Giuseppe Sarcina

Corriere 22.10.18
Trump riapre la corsa agli armamenti
Verso la fine dell’intesa. Il Pentagono: l’arsenale atomico Usa è da rafforzare. Mosca: molto pericoloso
di Giuseppe Sarcina

Corriere 22.10.18
L’incubo degli euromissili e la paura (30 anni dopo) di un’escalation nucleare
A rischio l’accordo Reagan-Gorbaciov
Strappo di Trump sui missili nucleari Mosca: pericoloso
di Franco Venturini









Il Fatto 22.10.18
Alexandria Ocasio-Cortez (29 anni)
Usa, la nuova sinistra è socialista e donna
Si rinnova il Congresso e i democratici sono favoriti: potrebbero riprenderne il controllo, anche grazie ai candidati più radicali
di David Broder







Il Fatto 22.10.18
“Diamoci un taglio”: arriva Jacobin Italia nel paese orfano del Partito comunista
A novembre il primo numero del trimestrale

 




Corriere 22.10.18
La Giordania chiede a Israele le sue terre
di Davide Frattini

 










Corriere 22.10.18
Saggi Romanov, l’inferno in cantina
Nel 1918 fu uccisa la famiglia imperiale. Storici e scrittori chiedono un processo
Fabrizio Dragosei ricostruisce per Mursia lo sterminio eseguito su ordine di Lenin. Una lettera a Putin per fare giustizia
di Gian Antonio Stella


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI  DOMENICA 21










Il Sole Domenica 21.10.18
Martin Heidegger
Le frustrazioni di un nazionalista piccolo borghese
Dallo studio dei «Quaderni Neri» Eugenio Mazzarella mette in luce i nessi tra le posizioni teoriche e le scelte pratiche, tra la filosofia e la politica
di Michele Ciliberto













Il Sole 21.10.18
Evoluzione e cultura. Le abilità cognitive stanno diminuendo nel mondo occidentale per l’invecchiamento della popolazione e perchè le persone più istruite fanno meno figli
Il declino dell’intelligenza
di Gilberto Corbellini







Aurora dice di essere vergine.....
La Lettura del Corriere della Sera 21.10.18
Un sovranista da reality. I garbugli di Diego Fusaro
Un abile funambolo, spesso ospitato in tv, sdogana con un lessico pomposo le più banali teorie complottiste e le pulsioni autoritarie contro gay, femministe
e immigrati. Si presenta come un cultore di Marx ma blandisce i gruppi
di estrema destra, soprattutto CasaPound
di Donatella Di Cesare
















il manifesto 21.10.18
Nella letteratura l’inconscio a cielo aperto, nella psiche i procedimenti della narrativa
Saggi. Giancarlo Alfano e Carmelo Colangelo, «Il testo del desiderio», da Carocci
di Federico Leoni

il manifesto 21.10.18
Scrivere è proiettare la follia dell’Io nell’altro
Scrittori anericani. «Patrimonio», «Operazione Shylock», «Il teatro di Sabbath», «Pastorale americana»: quattro prelievi dalla parabola narrativa di Philip Roth
di Francesca Borrelli

Il Fatto 21.10.18
I “Forrest Gump” latinos in marcia spaventano Trump
Centroamerica - Verso gli Usa 4 mila “caminantes” da Honduras, El Salvador, Guatemala. Il Messico schiera l’esercito al confine sud
di Paolo Frosina

Repubblica 21.10.18
Usa-Cina sfida tra imperi su tech, infrastrutture e debiti
Sul settimanale che torna in una nuova veste: lo spread ci costerà 7 miliardi
di Eugenio Occorsio






Il Fatto 21.10.18
“Trump come Hitler e Salvini bigotto”: Moore ne ha per tutti
di Federico Pontiggia

Corriere 21.10.18
A Londra un oceano contro la Brexit «Vogliamo un nuovo referendum»
In 700 mila guidati dal sindaco Khan: i britannici decidano sull’accordo con l’Ue
di Luigi Ippolito

Italia, ebbene il Paese è questo....
Corriere 21.10.18
il sondaggio
Il 59% approva le misure
di Nando Pagnoncelli

il manifesto 21.10.18
Poveri noi tra il gatto e la volpe
di Norma Rangeri

La Stampa 21.10.18
Lo choc che serve al Pd
di Federico Geremicca
Repubblica 21.10.18
Lucano
“L’odio contro Riace la sta rendendo più viva i fondi privati ci salveranno”
Ci sono fondazioni che si sono fatte avanti offrendo aiuti e soldi Più colpiscono Riace più la rendono mitica, proprio come Troia Con i famosi 35 euro qui abbiamo creato laboratori artigiani, un asilo nido plurietnico, una scuola, presidi medici, un ristorante Certo che ho fatto errori ma è falso che sono metà cavaliere e metà bandito Il Lucano che raccontano non esiste: mi chiamo Mimì, non Mimmo
Intervista di Francesco Merlo

Repubblica 21.10.18
Viaggio nel sindacato
Riformisti contro massimalisti la Cgil si divide sul segretario
Camusso sostiene Landini, i pensionati preferiscono Colla. I dirigenti si lanciano accuse incrociate di eccessive simpatie ai Cinque stelle o collateralismo col Pd
Le categorie si stanno schierando
di Paolo Griseri







il manifesto 21.10.18
Potere al popolo in assemblea a Roma: i portavoce scelti dal voto via web
Cantieri della sinistra. Più di 500 i tavoli tematici, stamani la plenaria. In ballo lo strappo finale con Rifondazione
di Adriana Pollice

 







Il Fatto 21.10.18
Occhetto, testimone diretto dell’“eclissi” della sinistra
di Antonio Padellaro







Corriere 21.10.18
La Cina delle invenzioni lunari
Un satellite per riflettere i notte il sole, un radar per cambiare il meteo
Così a Pechino la scienza immagina il fururo
di Guido Santevecchi




il manifesto 21.10.18
L’aspirina dei Neanderthal
Pleistocene. Tracce di legno di pioppo ritrovate tra i loro denti lasciano supporre che fosse noto l'effetto analgesico dell'acido acetilsalicilico. Senza rudimenti di medicina, vista la loro sofferenza per ferite e traumi, più alta di altri animali predatori, non sarebbero potuti sopravvivere per duecentomila anni
di Andrea Capocci

Corriere La Lettura 21.10.18
Incognita India sospesa tra Usa e Cina
di Danilo Taino














Corriere La lettura 21.10.18
L’ordine del caos
di Guido Tonelli
Solo nell’edizione cartacea
la conferenza che Guido Tonelli tiene giovedì 25 ottobre a Torino (ore 18.30) presso l’Auditorium del grattacielo Intesa Sanpaolo (corso Inghilterra 3).

Il Sole Domenica 21.
I testi e i precetti
Ippocrate giustiziere di codardi e ciarlatani
di  Armando Torno
















Il Sole Domenica 21.
Milton Mayer
Così il Führer conquistò i tedeschi
di Beda Romano



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 20 











Lunedì a Roma
Un convegno di studi in ricordo di Vittorio Foa a dieci anni dalla morte
Coraggioso cospiratore antifascista di Giustizia e Libertà, condannato dal tribunale speciale e imprigionato sotto il regime, partigiano nelle file del Partito d’Azione, dirigente sindacale socialista della Cgil, coscienza critica della nuova sinistra, padre nobile dello schieramento progressista durante la Seconda Repubblica. Tutto questo è stato Vittorio Foa, nato a Torino nel 1910 e scomparso a Formia (Latina) dieci anni fa, il 20 ottobre 2008.
Per ricordare la sua figura e la sua opera si svolge a Roma dopodomani, lunedì 22, una giornata di studi organizzata dal Senato e dall’Archivio centrale dello Stato. All’incontro, che si terrà dalle 9.30 in poi alla Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, partecipano Marco Bresciani, Giuseppina Calcara, Chiara Colombini, Fabrizio Loreto, Federica Montevecchi, Andrea Ricciardi, Giovanni Scirocco. Il convegno sarà concluso da una tavola rotonda con Iginio Ariemma, Anna Foa, Bettina Foa, Romano Luperini e Pietro Medioli. (k.d’a.)

La Stampa 20.10.18
Fico tesse la rete a sinistra per ritagliarsi un ruolo futuro
di Fabio Martini

il manifesto 20.10.18
Rigenerare la sinistra, rifondare l’Europa
Congresso pd. Cambiare tutto e farlo in fretta, prima che sia troppo tardi. La risposta a Gianni Cuperlo
di Nicola Zingaretti
qui

 











il manifesto 20.10.18
«Nazionalizzare qui e ora», la manifestazione oggi a Roma
Il corteo. Parte da piazza della Repubblica alle 14, domani l'assemblea di «Potere al popolo»

qui















il manifesto 20.10.18
Gaza, Israele schiera i carri armati
Palestina. 30esimo venerdì della Grande Marcia del Ritorno
La colonna di carri armati israeliani schierata ieri intorno a Gaza
di Michele Giorgio

qui











La Stampa 20.10.18
Leggi razziali del 1938
Dagli schedari torinesi gli elenchi della vergogna
di Andrea Parodi

qui








Repubblica 20.10.18
Miriam Sylla
"Siamo andate oltre la paura c’è una musica che ci guida"
Adesso voglio ballare»

qui











Repubblica 20.10.18
In Messico è florida l’industria feroce dei sequestri. C’è un avvocato che sa come trattare con i rapitori. Nome in codice Javier, svela le tattiche dei clan e le risposte efficaci
di Tobias Kaufer

qui









Repubblica 20.10.18
Ma la misoginia è nella Bibbia o nell’occhio di chi la legge? La risposta di venti teologhe
di Andrés Allemand

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI VENERDI 19










Corriere 19.10.18
Non solo la favola di Evita: il peronismo spiegato da Purgatori
di Aldo Grasso

qui










Repubblica 19.10.18
Resistere resistere resistere
"Alzati e cammina" una resurrezione laica
di Massimo Recalcati

qui













Corriere 19.10.18
La politica, i diritti e il dominio della tecnica
Lo scopo del capitalismo è diverso da quello della tecnica, che è l’aumento della potenza
L’America e la Russia convergono nell’intento di mantenere l’Europa in posizione subordinata
di Emanuele Severino

qui

il manifesto 19.10.18
Ilaria Cucchi accusa: «Nistri vuole punire i carabinieri testimoni»
L'arma del delitto . La sorella di Stefano parla dell’incontro col comandante dell’Arma. La ministra Trenta smentisce (ma non del tutto)
di Eleonora Martini

qui

La Stampa 19.10.18
Ilaria Cucchi contro Nistri:
“Vuole colpire chi ha parlato”
di Grazia Longo

qui

Il Fatto 19.10.18
Ilaria: “Da Nistri attacchi ai tre che hanno parlato”
Cucchi - La sorella di Stefano contro il vertice dell’Arma: “All’incontro 45 minuti di sproloquio contro Tedesco, Rosati e Casamassima”
di Antonella Mascali

qui









Repubblica 19.10.18
Intervista  a Susanna Camusso
"Il condono è uno schiaffo ai lavoratori onesti e cancella le misure sociali"
Rispetto l’autonomia dei Cinquestelle ma consiglierei al movimento di riflettere sullo scarto tra promesse e fatti
di Roberto Mania

qui

Repubblica 19.10.18
La danza dei folli sul burrone
di Claudio Tito

qui

 






La Stampa 19.10.18
La Cina manda in orbita la sua Luna
Nasce la prima metropoli senza buio
La città di Chengdu dal 2020 itilizzerà un sistema di specchi per riflettere la luce del sole ed eliminare l’illuminazione notturna
I vantaggi energetici e i cantieri sempre aperti. Ma è allarme per gli animali che dovranno adattarsi alla mancanza di oscurità
di Vittorio Sabadin

qui

La Stampa 19.10.18
Usa e Cina accerchiano l’Europa
di Bill Emmott

qui















La Stampa 19.10.18
Lo spazio aereo reclamato da Pechino
Mar Cinese meridionale
Gli Usa mandano i B-52

qui





il manifesto 19.10.18
Canberra pronta a riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele
Australia/Medio oriente. L'annuncio fatto dal premier Scott Morrison, un cristiano evangelico alleato di Trump, rischia di mandare a monte l'accordo commerciale con l'Indonesia da 10 miliardi di euro e di rovinare le relazioni con i paesi asiatici a maggioranza islamica.di Michele Giorgio

qui

il manifesto 19.10.18
Pd, un congresso di riscatto o una conta feroce
Congresso dem. Il rischio reale è che chiunque vinca si ritrovi a guidare un partito senza più militanti e passione. Coinvolgere chi non si riconosce nel governo ma non si fida più di noi. Ne parliamo a Milano
di Gianni Cuperlo

qui







il manifesto 19.10.18
I patrioti della razza
Ucraina. Al congresso di Kiev dei neofascisti europei - presente per l’Italia Casa Pound - Greg Johnson, l’ideologo nazista statunitense, saluta l’avvento al potere «di Trump, Salvini e Kurz»
di Yurii Colombo

qui

il manifesto 19.10.18
Strage in Crimea, dubbi su ruolo di Pravy Sektor
Ucraina. Il 18enne autore del massacro nel ginnasio di Kerch in Crimea costato la vita finora a 21 studenti, poteva essere in contatto con formazioni dell’estrema destra ucraina
di Yurii Colombo

qui




La Stampa 19.10.18
Trump al Messico
“Fermate i migranti o mando l’esercito”
Migliaia in fuga verso gli Usa dalle violenze in Honduras Il presidente: basta aiuti per i Paesi del Centramerica
di Paolo Mastrolilli

qui

Il Fatto 19.10.18
“Rai, l’antidoto alle pressioni politiche è solo uno: dimissioni”
Pier Luigi Celli - L’ex direttore di Viale Mazzini racconta trent’anni ai vertici delle grandi aziende
di Carlo Tecce

qui

Il Fatto 19.10.18
Militari in Libano, no alla liberatoria
Stato maggiore - Censura alla “Garibaldi” dopo la denuncia del “Fatto”
di Antonio De Marchi

qui

Corriere 19.10.18
Kabul diciassette anni dopo
Afganistan
di Andrea Nicastro

qui

Repubblica 19.10.18
L’Afghanistan riparte da Kalemzai " Noi giovani al voto contro la violenza"
2.500 candidati al Parlamento, tre milioni di donne alle urne: sfida ai Taliban e agli attentati
di Giampaolo Cadalanu

qui

Il Fatto 19.10.18
L’islamizzazione avanza a colpi del nemico “cous cous”
Indigniamoci! - In due scuole, nei menù della refezione, inserita la pietanza sovversiva di origini maghrebine mentre sparisce la carne di maiale. C’è chi urla: attentato
di Selvaggia Lucarelli

qui










La Stampa 19.10.18
Il balcone di Hitler potrebbe essere demolito
di Letizia Tortello

qui

Corriere 19.10.18
La scelta del Canada
Lo spinello libero non è ribellione
di Carlo Rovelli

qui

Sabato 20 ottobre alle 14,30, a Firenze, 
al XX Convegno internazionale delle società di psicoanalisi (IFPS)
sarà presentata una relazione dal titolo
The ‘Invisible Violence’ in the Unconscious Relationship During the First Year of Life:
a Theoretical Basis for the Etiopathogenesis of Depression
 La nostra partecipazione è dovuta ad un invito ricevuto dall’associazione newyorchese
Aapdp (American Academy of Psychodynamic Psychiatry and Psychoanalysis) 
che ha organizzato i convegni di Toronto 2015, New York di quest’anno e ci ha invitato a Pistoia nel 2016
Si ringrazia Daniela Polese




il manifesto 10.10.18
I lemmi viventi della discordia
Per Gramsci non esisteva solo la classe operaia. Nato lontano dalle fabbriche torinesi, egli pensava a un blocco storico del proletariato industriale e contadino con gli intellettuali.
«per Gramsci il populismo è un atteggiamento culturale-politico inadeguato all’emancipazione delle masse popolari ma egli vede nel populismo elementi di interesse nella misura in cui si tratta pur sempre di una forma di avvicinamento degli intellettuali al popolo, in un panorama socio-culturale italiano storicamente deficitario in questo senso.
di  Salvatore Cingari

qui
Venerdì a Roma Tre
Dalle 14.30 alle 19.30, a Roma Tre, presso il dipartimento di Filosofia, comunicazione e spettacolo (di via Ostiense 236, aula Matassi, piano terra), avrà luogo il seminario della Igs Italia, «Gramsci e il populismo». Coordina Guido Liguori. Relatori: Salvatore Cingari, «Gramsci e il populismo: una introduzione», Raul Mordenti, «Popolo e populismo nei Quaderni», Pasquale Voza, «Gramsci e il populismo secondo Laclau». Interventi di Manuel Anselmi, Francesco Campolongo, Martin Cortes, Eleonora Forenza, Chiara Meta, Michele Prospero.

il manifesto 6.10.18
Il populismo, il totalitarismo e il lavoro
di Sarantis Thanopulos

qui
Istituto Gramsci della Sardegna
in collaborazione con Centro interdipartimentale GramsciLab e con il patrocinio della Università degli Studi di Cagliari
1º Ciclo di seminari introduttivi
Scuola Estiva di Alta Formazione Politica sugli Studi Internazionali Gramsciani
per le Scienze Politiche e Sociali
Stato, lavoro e capitale global. Le dinamiche del conflitto capitale-lavoro e il ruolo degli Stati
 

...si specula incoscientemente (...) sulla distinzione tra società politica e società civile e si afferma che l’attività economica è propria della società civile e la società politica non deve intervenire nella sua regolamentazione. Ma in realtà questa distinzione è puramente metodica, non organica e nella concreta vita storica società politica e società civile sono una stessa cosa. D’altronde anche il liberismo deve essere introdotto per legge, per intervento cioè del potere politico: è un fatto di volontà, non l’espressione spontanea, automatica del fatto economico.
Antonio Gramsci, Q4 §13






 



IL 17 OTTOBRE, SUL MANIFESTO,
CARLO GALLI E CARLO MARX:
il manifesto 17.10.18
Il dono dell’incompiutezza
Saggi. «Marx eretico» di Carlo Galli, pubblicato per Il Mulino
di Benedetto Vecchi

qui
il manifesto 17.10.18
Un umanesimo integrale
Karl Marx. Pubblichiamo un'anticipazione dall'intervento per la giornata di studi del 18 ottobre, dedicata da RomaTre al filosofo di Treviri
di Donatello Santarone

qui










Repubblica.it ha pubblicato la recensione/intervista su Adolescenti nella rete, legandolo all'attualità della uscita oggi del Manifesto per la creazione di una rete di ricerca a livello europeo dedicata ai temi del bullismo, del gambling, della pornografia e anche all'uso eccessivo dei social
qui





LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI GIOVEDI 18











La Stampa 18.10.18
Freud signore degli anelli
Ritrovati gli antichi sigilli che il padre della psicanalisi donava agli allievi più fedeli
di Ada Treves

qui

La Stampa 18.10.18
“L’analisi è utile anche nel mondo iperconnesso”
di Roselina Salemi

qui


















La Stampa 18.10.18
Orfani della politica sognando Pericle
Democrazia stanca, come nell’antica Atene
di Luciano Canfora

qui
















La Stampa 18.10.18
Quando i razzisti ce l’avevano con noi
La storia dell'immigrazione a Washington
Il festival delle letterature migranti
di Paolo Mastrolilli

qui

La Stampa 18.10.18
Studente spara a scuola, 19 morti
È la “Columbine” della Crimea
Come nella strage negli Usa, un 18enne apre il fuoco sui compagni e si uccide Poco prima aveva piazzato una bomba nella mensa. I testimoni: “Odiava tutti”
di Giuseppe Agliastro

qui

Il Fatto 12.10.18
Columbine-Crimea lo studente spara: 19 morti nel college
Al Politecnico di Kerch - Ordigni, colpi di fucile. Il killer poi si è ucciso “C’erano più uomini armati: corpi ovunque, sembrava Beslan”
Columbine-Crimea lo studente spara: 19 morti nel college
di Michela A. G. Iaccarino

qui










La Stampa 18.10.18
Gli negano l’asilo
Migrante del Gambia si uccide a 22 anni
Amadou Jawo aveva un permesso temporaneo Bracciante a Taranto, per il Viminale era depresso
di Grazia Longo

qui

La Stampa 18.10.18
Palazzo Chigi e la notte del thriller
di Francesco Bei

qui

il manifesto 18.10.18
Niente soldi per i medici e il rinnovo dei pubblici
Mancanze di Bilancio. Mancano 500 milioni per i camici bianchi (e le risorse per il nuovo contratto 2019-2021). La gaffe della ministra Grillo: «Il contratto è stato firmato col governo precedente»
di Massimo Franchi

qui
il manifesto 18.10.18
Analfabeti e iperconnessi: la democrazia a rischio social
Hacker's dictionary. Le persone sono sempre meno capaci di distinguere le notizie vere da quelle false, si distraggono continuamente, tendono a rinchiudersi in una comfort zone dove sanno che le loro idee non saranno verificate
di Arturo Di Corinto

qui

Repubblica 12.10.18
La metamorfosi politica
M5S, l’anima smarrita
di Piero Ignazi

qui

Repubblica 12.10.18
La manovra economica
Tasse, il taglio che non c’è
di Marco Ruffolo

qui






 




Corriere 12.10.18
L’intervista Walter Veltroni
«Alle Europee una lista aperta con il meglio della società non divisa tra le correnti pd»
L’ex segretario: «Ecologia e lotta alla precarietà per battere la destra»
di Aldo Cazzullo

qui














Il Fatto 18.10.18
“Israele applica leggi in base all’origine degli imputati”
Il regista palestinese di nazionalità israeliana è sotto processo per diffamazione per un suo film sui raid a Jenin
“Israele applica leggi in base all’origine degli imputati”
di Roberta Zunini

qui












Corriere 18.10.18
La carovana dei migranti in marcia dall’Honduras verso l’America di Trump
Il presidente Usa minaccia i Paesi che li fanno passare
di Rocco Cotroneo

qui

La Stampa 18.10.18
Svolta in Canada, fumare la marijuana diventa legale
di Francesco Semprini

qui

Corriere 18.10.18
La replica L’autore del libro dedicato a Mussolini risponde all’editorialista del «Corriere»
Raccontare è un’arte non una scienza Così è nato il mio «M»
Scurati: un romanzo ha obiettivi diversi da un saggio
di Antonio Scurati

qui

Corriere 18.10.18
La controreplica 

Lo studioso ribatte: chi legge deve poter distinguere realtà e finzione
Ma la licenza creativa non autorizza a tradire la verità della storia
Galli della Loggia: dopo Croce saccente, Stalin pacifista?
di Ernesto Galli della Loggia

qui

Repubblica 18.10.18
Letteratura in podcast
Il Duce smascherato da Paolini e Scurati
di Marco Belpoliti

qui

Repubblica 18.10.18
Dieci puntate per unire alle parole la magia della voce
Pagine da ascoltare e da cliccare

qui
















Repubblica 18.10.18
L’eterno ritorno di Pompei cantiere dei misteri
di Francesco Erbani

qui



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 17 

il manifesto 17.10.18
Il dono dell’incompiutezza
Saggi. «Marx eretico» di Carlo Galli, pubblicato per Il Mulino
di Benedetto Vecchi

qui

il manifesto 17.10.18
Un umanesimo integrale
Karl Marx. Pubblichiamo un'anticipazione dall'intervento per la giornata di studi del 18 ottobre, dedicata da RomaTre al filosofo di Treviri
di Donatello Santarone

qui

il manifesto 17.10.18
Se la narrazione amplifica la violenza dell’altro
«All’ordine del giorno è il terrore», un volume di Daniele Giglioli per il Saggiatore
di Massimiliano Guareschi

qui

Il Fatto 17.10.18
Allarme spoiler: vi sveliamo come finisce la serie sul Pd
di Marco Palombi

qui

La Stampa 17.10.18
Le nonne aiutano i giovani a battere la depressione
di Federico Taddia 

qui



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 16

Sul pianeta oggi ci sono più schede Sim che persone: 7,8 miliardi di sottoscrizioni alla telefonia mobile contro i 7,5 miliardi di abitanti. Noi italiani siamo i terzi al mondo per diffusione capillare del cellulare, con più di otto persone su 10 che ne hanno uno. Lo smartphone è qualcosa che ci rassicura, che ci tranquillizza e ci rende meno ansiosi. Le persone si svegliano durante la notte e per prima cosa guardano il telefonino. Poi si tranquillizzano e si rimettono a dormire. Il punto, dicono i neuroscienziati, è che stiamo allenando il nostro cervello a pensare esattamente nella stessa maniera in cui utilizziamo lo smartphone. Saltiamo da un pensiero all'altro così come saltiamo da un link all'altro. Tutto è diventato cliccabile, downloadabile. Ma quali sono le conseguenze sulla nostra capacità di capire davvero quello che leggiamo, di memorizzare? Cosa sta succedendo al nostro cervello?
qui

DA NON PERDERE!

Verso un nuovo Fascismo. Analfabetismo e propaganda - Presadiretta 16.10.18 from SEGNALAZIONI.BOX on Vimeo.















Repubblica 16.10.18
I Mondiali di pallavolo
Giovani, amiche e terribili il volo delle sorelle d’Italia
di Cosimo Cito

qui

Repubblica 16.10.18
Vorrei un’italia indifferente alle origini e alle radici
di Fiona May

qui



Il Fatto 16.10.18
I giovani in piazza hanno solo ragione
di Roberto Faenza

qui

Il Fatto 16.10.18
Niente asilo già per 5 bambini. E la sindaca non cambia linea
Non hanno portato da Benin, Togo ed Ecuador le carte chieste dal Comune finendo per dover pagare 570 euro. Ad altre 11 famiglie chiesti gli “arretrati” dell’anno passato
di Davide Milosa

qui

La Stampa 16.10.18
Un nuovo caso in Veneto: bonus libri a rischio per 7 mila extracomunitari
di Andrea Zambenedetti

qui

 






Il Fatto 16.10.18
Salvate “Save the children” dagli insulti
di Elisabetta Ambrosi

qui

La Stampa 16.10.18
Stretta sui clochard
Finisce in carcere chi dorme in strada
di Monica Perosino

qui

Corriere 16.10.18
Le sedie vuote dei due alleati per nascondere i contrasti
di Massimo Franco

qui

il manifesto 16.10.18
Lucano: «Il nuovo Sprar lo costruiamo noi e sarà autogestito»
Intervista a Domenico Lucano. «La solidarietà ricevuta mi inorgoglisce e mi spinge a non arretrare di un passo»
di Silvio Messinetti

qui




il manifesto 16.10.18
Cambia il clima in Baviera, successo dei Verdi in 10 punti
I Grünen conquistano il 17,5% con un programma di finanziamenti al sociale, energia pulita, mobilità sostenibile, api e nuovi alloggi popolari. La leader Katharina Schulze, 33 anni: «Nelle urne si vince non seguendo la destra»
di Sebastiano Canetta

qui

Repubblica 16.10.18
L’exploit elettorale
Perchè brilla il verde di Germania
Diritti, rifugiati e più Europa la lezione dei Verdi tedeschi
Pragmatismo, piccole e grandi battaglie, fiducia nell’immigrazione e in un Paese multiculturale. Così l’ex partito-movimento degli anni ‘70 ha trionfato in Baviera
di Tonia Mastrobuoni

qui

Repubblica 16.10.18
Invece
La crisi del pd senza nessuna speranza verde
di Stefano Folli

qui




il manifesto 16.10.18
I partiti tradizionali travolti da una frana
Germania. La lunga crisi dei tradizionali partiti di massa nella Repubblica federale premia gli ecologisti, una formazione composita e sfaccettata il cui successo è il segnale di una lenta metamorfosi
di Marco Bascetta

qui

Corriere 16.10.18
La sconfitta della Spd, l’amaro risultato di molti gravi errori
di Donatella Di Cesare

qui

Repubblica 16.10.18
Quei diritti da difendere
di Nadia Urbinati

qui

 







il manifesto 16.10.18
Comunali in Belgio: successo Ecolo, exploit dei marxisti del Ptb
Elezioni amministrative. Al voto 8 milioni di cittadini, una chiamata nazionale che ha visto il crollo dei partiti tradizionali, una progressione dei partiti della sinistra radicale nel sud del paese, di lingua francofona, e dei partiti d’estrema destra e nazionalisti nel ricco nord, di lingua fiamminga
di Gabriele Annicchiarico

qui













il manifesto 16.10.18
Collegio militare, il luogo della vergogna
16 ottobre 1943. Il rastrellamento degli ebrei a Roma. Un'intervista con lo storico Amedeo Osti Guerrazzi, collaboratore scientifico della Fondazione Museo della Shoah
di Lia Tagliacozzo

qui



Corriere 16.10.18
La Chiesa russa dà l’addio a Costantinopoli
di Fabrizio Dragosei

qui

Corriere 16.10.18
La storia esce allo scoperto
Da oggi in libreria un volume (Rizzoli) che rilancia la dimensione pubblica di una disciplina spesso trascurata
Recuperare il senso del passato, anche in tv: l’impegno civile di Paolo Mieli
di Aldo Grasso

qui

La Stampa TuttoSalute 16.10.18
“Niente esercizio”, è il cervello a spingerci sul divano
di Paola Mariano

qui
Corriere 16.10.18
Ovidio il valore dell’eros
L’amore come simbolo del destino instabile così augusto punì il suo essere diverso
Una mostra a Roma celebra il grande poeta che pagò con l’esilio la visione della vita espressa nelle Metamorfosi
di Nicola Gardini

qui

Corriere 16.10.18
Il rapporto con l’altro sesso
Amava (anche) le donne E fu il primo a parlare di orgasmo simultaneo nei versi dell’Ars Amatoria
di Eva Cantarella

qui

Repubblica 16.10.18
Ma che bello smarrirsi tra centinaia di titoli
di Marco Belpoliti

qui

Repubblica 16.10.18
Bravo chi legge
Almeno 80 libri la biblioteca perfetta dei sedicenni
Uno studio australiano collega il numero di volumi che si hanno in casa da ragazzi alle prestazioni da adulti
di Giuliano Aluffi

qui

Repubblica 16.10.18
Psichiatri a congresso
Così la depressione peggiora gli esiti di infarto e cancro
di Valeria Pini

qui

Repubblica 16.0.18
Medici in piazza: al governo non interessa la salute degli italiani
di Michele Bocci

qui


10 OTTOBRE 2018
Rai Radio
Tutta la città ne parla
Giornata mondiale della salute mentale

«Un ragazzo su sei soffre di disturbi, la depressione è una delle principali cause di malattia tra gli adolescenti e il suicidio è la terza causa di morte tra i 15 e i 19 anni.
Questo l'allarme lanciato dall'OMS per la Giornata Mondiale della Salute Mentale, che si celebra oggi e che quest'anno è dedicata ai più giovani. Quali sono le cause dell'aumento, ogni anno, del numero di ragazzi con problemi psichiatrici? Quali le ragioni del consumo di psicofarmaci, sempre in crescita?
Gli ospiti del 10 ottobre 2018
Santo Rullo, psichiatra, responsabile della struttura psichiatrica residenziale per minori a Roma
Ottavio Fattorini, preside del liceo scientifico "Antonio Labriola" di Ostia
Paolo Biasci, presidente della FIMP, federazione italiana medici pediatri di famiglia
Alessio Coser, foto giornalista, autore insieme a Jacopo Tomasi del progetto “Dove sono finiti i sogni di Basaglia? 40 scatti 40 anni dopo la legge che ha chiuso i manicomi”, esposto nell’ambito dell'iniziativa «Robe da Matti», la Settimana della Salute Mentale organizzata dalla Asl di Torino dall’8 al 14 ottobre. La mostra sarà esposta questa settimana a L’Arteficio Art Factory di Torino.
LA REGISTRAZIONE DELLA TRASMISSIONE È DISPONIBILE QUI
si ringrazia Maria Grazia Carmignami

Left 10.10.18
«Inaccettabili le parole del papa sull’aborto, che paragona medici e sicari», 
dice Filippi, Fp Cgil medici
qui







Corriere Fiorentino 9.6.17
Ma non dite che può capitare a chiunque
Intervista a Martino Riggio
di Antonio Montanaro

qui
si ringrazia Rita Rinaldi

Corriere Fiorentino 4.10.18
I bambini morti in auto
Bene i sediolini anti abbandono, ma continuiamo la ricerca sulle cause
Un essere umano non può essere dimenticato come un mazzo di chiavi o come un paio di occhiali, si deve parlare piuttosto di annullamento
di Martino Riggio

Psichiatra e psicoterapeuta
qui

VEDI ANCHE QUI DI SEGUITO







Articolo 21 13.10.14
“Dimenticare un mazzo di chiavi è amnesia, dimenticare un bambino è annullamento”. Intervista a Massimo Fagioli
di Elisa Finocchiaro

qui

Il Foglio 8.10.18
Emanuele Severino, lezioni eterne
Curato da Nicoletta Cusano, ecco l’ultimo “gioiellino” del grande filosofo italiano. Cinque incontri di due ore l’uno con gli studenti per discorrere di Ontologia e Occidente, di Contenuto dell’essenza del nichilismo, di Forma dell’essenza del nichilismo, dell’Apparire dell’essere, della Terra
di Davide D'Alessandro

qui

La Stampa 10.10.18
Vaticano
Francesco: abortire è come affittare un sicario
All’udienza generale dedicata al quinto comandamento, «non uccidere», ricorda la figura di Giovanni Paolo II: ha introdotto la Chiesa nel nuovo millennio
di Iacopo Scaramuzzi
qui

si ringrazia Anna Cuppone


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI LUNEDI 15

Corriere 15.10.18
New York
Moda e religione la mostra più vista del Met

Moda e religione, accoppiata vincente. Il Metropolitan Museum of Arts (il Met) di New York ha annunciato che sono stati ben 1.659.647 (in cinque mesi) i visitatori della mostra (conclusa lo scorso 8 ottobre) Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination che aveva occupato la sede sulla Fifth Avenue (1.430.000 visitatori circa) e i Cloisters nell’Upper Manhattan (oltre 228 mila). La mostra curata da Andrew Bolton e dedicata ai legami tra moda e religioni (nella foto: il mantello creato da Riccardo Tisci per la Madonna delle Grazie di Palagianello) è così diventata la più vista nella storia del Met davanti a quelle sul Faraone Tutankhamon del 1978 (1.360.957 ingressi) e sullo stilista Alexander Mc Queen del 2011 (666.509). (f. vi)




La Stampa 15.10.18
La Baviera è senza padroni
Stop agli alleati di Merkel
Frena l’AfD, boom dei Verdi
La Csu perde il 10% dal 2013, ma resta ampiamente il primo partito Flop Spd. Rebus coalizione: il ruolo chiave di liberali e Freie Wähler
di Walter Rauhe

qui

Repubblica 15.10.18
I veri vincitori
Tra ambiente e accoglienza per i migranti
La sinistra tedesca è sempre più verde Il capolavoro di Katharina Schulze
di Tonia Mastrobuoni

qui

Il Fatto 15.10.18
Il voto in Baviera terremota il governissimo della Merkel
Azzoppati - Gli elettori puniscono il leader regionale e ministro dell’Interno Seehofer. Probabile alleanza con la lista anti-europeista. Crollo della Spd e del partito gemello di quello della Cancelliera. Boom di Verdi e Afd
di Mattia Eccheli

qui

La Stampa 15.8.18
Katha, paladina delle donne
“Voglio ministre, non rose”
di Francesca Sforza

qui

Repubblica 15.10.18
Un vaccino anti-populista
di Andrea Bonanni

qui














Repubblica 15.10.18
Se l’Europa resta senza capi cresce il consenso di Putin e Trump
La cancelliera tedesca Angela Merkel rimane la più stimata dagli italiani (46%) Male Macron, Le Pen e Orban
di Ilvo Diamanti

qui

Corriere 15.10.18
Il chiarimento del Viminale
I migranti via da Riace soltanto se lo vorranno
Nessun trasferimento coatto ma lo stop ai finanziamenti potrebbe spingere molti a «scegliere» di andarsene «Dissi a Lucano: stai attento Era in una specie di delirio»
Morcone, capo di gabinetto con Minniti: il progetto va salvato
di Fiorenza Sarzanini

qui

La Stampa 15.10.18
I migranti di Riace: «Noi restiamo qui»
Il sindaco ai domiciliari: «Le persone non sono merci». L’idea di chiedere aiuto alla Regione
di Fabrizio Caccia

qui

 





Il Fatto 15.10.18
La libertà di stampa e la trave nell’occhio del giornalismo italiano
Non è certo tramite le comprovate competenze o il riconoscimento dei meriti che si arriva nel mondo dell’informazione
di Pietrangelo Buttafuoco

qui

Il Fatto 15.10.18
La res pubblica” romana e il reddito di cittadinanza
di Orazio Licandro

qui
















Il Fatto 15.10.18
Un prof italiano per Aleppo. “Così rinasce il minareto”
La tecnica di Gabriele Fangi, docente dell’ateneo di Ancona, per restituire alla città siriana martoriata dalla guerra uno dei suoi simboli storici
di Pierfrancesco Curzi

qui




Il Fatto 15.10.18
Euro, verso la stangata dopo l’addio alle monete da 1 o 2 centesimi
La Zecca non conia più i ramini e chi paga in contanti si vede arrotondare la somma
di Patrizia De Rubertis

qui









La Stampa 15.10.18
La Rivoluzione culturale di Mao, il “mondo nuovo” senza passato
di Madeleine Thien

qui













Il Fatto 15.10.18
Sant’Orsola abbandonata, ferita nel centro di Firenze

qui









La Stampa 15.10.18
La biografia di David N. Schwartz sullo scienziato italiano che fuggì negli Stati Uniti
Enrico Fermi, la fisica e nient’altro Il genio che non seppe farsi star
Era interessato soltanto alla sua materia, non alle implicazioni filosofiche delle proprie scoperte
di Paolo Virtuani

qui






Corriere 15.10.18
Guccini

«Senza vino, sigarette e donne mi consolo davanti alla tv Papà mai a un mio concerto»
Il cantautore: il mio successo? In realtà ho poca autostima
di Roberta Scorranese

qui






Repubblica 15.5.18
Effetto Alberto Angela Con "Ulisse" la Shoah nobilita la prima serata del sabato televisivo (e piace agli spettatori)
Il racconto della deportazione degli ebrei romani ottiene il 18% di ascolti e trionfa anche sui social
di Antonio Dipollina

qui

Repubblica 15.10.18
Angela sulla Shoah
La tv fa bene alla storia
di Roberto Esposito

qui







Repubblica 15.10.18
Vivere o sopravvivere? Chiedilo ai classici
di Ivano Dionigi

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI DOMENICA 14 Lodi, mense e scuolabus inaccessibili per gli stranieri. La sindaca leghista - "Applico la legge".mp4 from SEGNALAZIONI.BOX on Vimeo.

La Stampa 14.10.18
Addio al modello Riace. Salvini: via gli stranieri
Duecento immigrati trasferiti dal centro calabrese esempio di accoglienza Imbarazzo nel M5S. Il sindaco: vogliono distruggerci. Il Pd: deportazione
«Troppe irregolarità, sarà di esempio per altri, stop a tutti i progetti di accoglienza». Duecento immigrati saranno trasferiti dal centro calabrese
di Amedeo La Mattina

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
Il Fatto 14.10.18
“Irregolarità”, così il ministro Salvini sgombera Riace
Accoglienza - Approfittando dell’inchiesta sul sindaco, il Viminale dispone il trasferimento entro 60 giorni degli ospiti dello Sprar
“Irregolarità”, così il ministro Salvini sgombera Riace
di Lucio Musolino

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

La Stampa 14.0.18
Senza tregua l’offensiva dei populisti
di Massimiliano Panarari

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

Repubblica 14.10.18
Intervista
La Garante per l’infanzia
"A Lodi calpestati i diritti dei bambini stranieri fateli tornare in mensa"
di Maria Novella De Luca

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

Reubblica 14.10.18
I bambini umiliati a scuola
di Chiara Saraceno

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre








La Stampa 14.10.18
“Non narro solo il dolore dei neri ma quello di tutti”
Nata nel 1931 a Lorain, nell’Ohio, Toni Morrison è premio Nobel per la letteratura e nel 1988 con
Amatissima ha vinto il Premio Pulitzer. I suoi romanzi sono noti per i temi epici, il linguaggio raffinato e i complessi personaggi afro-americani. La scrittrice vive in una casa piena di sole vicino al fiume Hudson. «La mia scrivania non si affaccia sul fiume, altrimenti non farei nulla tutto il giorno, starei solo a guardarlo».
di Alain Elkann

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

il manifesto 14.10.18
Per mare e per terra migrare è un diritto non un reato
Enrica Rigo* e Alberto di Martino**

*Enrica Rigo coordina la clinica del diritto dell’immigrazione presso l’Università di Roma Tre;
** Alberto di Martino insegna diritto penale presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa
la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre












Il Fatto 14.10.18
L’amara sorpresa di Papa Francesco
di Furio Colombo

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
Il Fatto 14.10.18
Si cerca l’ufficiale che ordinò il falso verbale su Cucchi
Il nuovo filone - Il pm interrogherà il maresciallo della stazione in cui l’arrestato riferì di non riuscire a camminare. L’annotazione fu modificata in seguito
di Valeria Pacelli

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
Il Fatto 14.10.18
La denuncia del pestaggio in caserma non è mai entrata nel database dell’Arma
La carta n° 79 - Il sottufficiale ha spiegato che c’è un buco: “Mancano gli atti dal 74 all’84”
di A. Mass.

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
Repubblica 14.10.18
Che tristezza il capitale
di Marco Ruffolo

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
il manifesto 14.10.18
Baviera, Verdi pronti a detronizzare il governo monocolore
Germania. Oggi al voto per eleggere il parlamento regionale, con l’incognita delle future alleanze. Un test chiave per il governatore anti-immigrati. Nei sondaggi Csu in picchiata e Afd sotto le aspettative, ma di poco

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
Il Fatto 14.10.18
Csu in agonia, i verdi e la destra già ballano sulle spoglie
Oggi il voto in Baviera - Ambientalisti mai così popolari, l’AfD vuole sfruttare i temi anti immigrati per mettere Ko la Grande Coalizione
Csu in agonia, i verdi e la destra già ballano sulle spoglie
di Mattia Eccheli

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre















il manifesto 14.10.18
Tra i giovani Usa la politica ora è cool. E il loro voto vale
Stati Uniti. Elezioni di midterm, boom di registrazioni contro Trump e la lobby delle armi
di Marina Catucci

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

Corriere La Lettura 14.10.18
Usa-Cina La guerra (in)evitabile
Relegata in un ruolo minore e spesso umiliata dal Giapponee dai colonialisti europei, la Cina si è risvegliata con la vittoria di Mao nel 1949 e le riforme di Deng alla fine degli anni Settanta
Adesso aspira ad affermarsi su scala globale
di Sergio Romano

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
Il Sole 14.10.18
Le strategiedel Dragone
«Corporate China» in Italia: 641 aziende e 32.600 dipendenti
Dopo le ultime operazioni (le acquisizioni di Moto Morini e Candy) presenti oltre 300 gruppi cinesi con un giro d’affari di 22 miliardi - Marchi e manifattura ad alto contenuto tecnologico valorizzati con investimenti mirati
di Lello Naso

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
il manifesto 14.10.18
Tra potere e dolore, fenomenologia di possibili infelicità
Corpo e psiche. Istruito dalla lezione psicoanalitica e da quel sismografo dei terremoti morbosi che è la letteratura, Vittorio Lingiardi affronta il percorso tra «Diagnosi e destino»: da Einaudi
di Carmelo Colangelo

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre
Repubblica 14.10.18
Che male fa
di Vittorio Lingiardi

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre





Corriere 14.10.18
Stephen Hawking
Ecco il libro testamento dello scienziato dei buchi neri: «Ho attraversato l’intero universo, la mia vita è stata straordinaria» «A scuola non ero un genio»
«Ho dato il mio contributo alla comprensione dell’universo, ma esso sarebbe vano se non fosse per le persone che mi amano: senza di loro, ai miei occhi tutta la meraviglia perderebbe di significato»
di Stephen Hawking

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

 














Il Fatto 14.10.18
Vittorini fa l’“Americana” tra flirt e censura fascista
Le note di Cesare Pavese sulla Pivano e il regime
Vittorini fa l’“Americana” tra flirt e censura fascista
di Massimo Novelli

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre






Corriere 14.10.18
Riletture Considerazioni in margine a «M. Il figlio del secolo», da settimane in vetta alle classifiche
Il romanzo che ritocca la storia
Incongruenze, sviste e anacronismi per il Mussolini di Antonio Scurati
di Ernesto Galli della Loggia

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

Corriere La Lettura 14.10.18
Stati Uniti Psicologia
L’ossessione di proteggere i ragazzi li rende fragili
di Chiara Lalli

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

Il Sole Domenica 14.10.18
Chiavi di lettura
Dante debitore di Tommaso d’Aquino
di Armando Torno

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre

Il Sole Domenica 14.10.18
Leggi razziali. A 80 anni dalle infami misure contro gli ebrei, la lettera del medico Naftoli Emdin, espulso dall’università di Pisa, ai figli
Guardiamo al futuro con dignità
di Naftoli Emdin

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre










Il Sole Domenica 14.10.18
Michel Vovelle (1933-2018). Addio allo studioso che ha ricostruito e raccontato la Rivoluzione francese attraverso la storia delle mentalità
La fiamma del 1789
di Sergio Luzzatto

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre










Il Sole Domenica 14.10.18
La radice malata dell’estremismo
Lugano. La rassegna teatrale svizzera Fit, dedicata alle biografie, ospita un’interessante riflessione di Rifici sulla brigatista rossa Mara Cagol e un lavoro della coppia Deflorian-Tagliarin su «Deserto rosso» di Antonioni
di Renato Palazzi

la miscellanea degli articoli selezionati per la rassegna del 14 ottobre



LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 13




il manifesto 13.10.18
Corleone: «I malati psichici in carcere dimenticati dal governo»
Intervista. Digiuno di protesta del garante dei detenuti della Toscana, ex commissario per la chiusura degli Opg
di Rachele Gonnelli

qui

Coscienza e responsabilità
Corriere 13.10.18
Vernon il condannato a morte che non ricorda di avere ucciso
Ha la demenza: esecuzione sospesa in attesa della Corte suprema
di Michele Farina

qui

Il Fatto 13.10.18
Parte da Verona la nuova crociata
“Bisogna impedire alla donna di abortire per farle scoprire la sua vocazione: la maternità. Si deve abolire la legge 194 sull’aborto.
Ancelle di tutto il mondo Unitevi!
Dagli Stati Uniti al Costa Rica (a cui è dedicato il reportage), passando dall’Italia, i movimenti femministi che si rifanno al mondo della serie tv “Handmaid’s tale” tornano in piazza
di Martina Castigliani

qui

















La Stampa 13.12.18
“Vergini fino al matrimonio”
Il giuramento davanti ai padri
di Francesco Semprini

qui




il manifesto 13.10.18
I contenuti, non il metodo. Nel nome di Trentin
Congresso Cgil. Bruno Trentin è richiamato oggi con molta enfasi perché a differenza dell’attuale segretaria generale Susanna Camusso, non propose il suo successore ma mise in moto una consultazione vincolante di tutti i membri del direttivo. Sarebbe forse più opportuno che fosse evocato per i messaggi che lanciò con forza all’Assemblea di Chianciano del 1989 nella quale, con molto anticipo su tutti, pose il tema di come fare sindacato in un mondo del lavoro che si frammentava e si personalizzava
di Andrea Ranieri

qui

Corriere 13.10.18
La sfida della Cgil
Il dopo Camusso e il populismo
di Dario Di Vico

qui

La Stampa 13.10.18
Un patto sacro
di Mattia Feltri

La deposizione del carabiniere Francesco Tedesco ha chiarito, forse definitivamente, alcuni punti non ancora così nitidi. Primo, un ragazzo di 31 anni e 36 chili è stato massacrato di botte dallo Stato. Secondo, per nove anni lo Stato ha coperto i responsabili, oppure non ha capito, o non ha voluto capire, attraverso parti delle forze dell’ordine, della magistratura, della politica che credevano o speravano nell’oblio. Terzo, bisogna essere grati al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, che si è impegnato in prima persona perché il caso fosse riaperto e venisse restituita una dignità e una credibilità allo Stato medesimo. Quarto, la faccenda è di una tale enormità che non la si può scaricare interamente addosso ai colpevoli: riguarda ognuno di noi, chi si è battuto e poteva battersi di più, chi si è battuto poco, chi non si è battuto affatto, chi si è battuto per infangare la verità e reggere coda a uno Stato che rischiava la bancarotta morale: non uno di noi è estraneo a questa vergogna. Quinto, sarebbe ora che ci ficcassimo in testa una questione facile facile, e cioè che nessuno ha il diritto naturale di prelevare una persona e privarla della libertà; questo diritto è stato consegnato alle forze dell’ordine e alla magistratura da un patto sottoscritto da tutti noi a tutela di tutti, anche da e per Stefano Cucchi, e quel patto dovrebbe essere sacro, un patto secondo il quale chi riceve il diritto di privare della libertà una persona, ha anche il dovere di custodirla come fosse un figlio. Ficchiamocelo bene in testa, anziché infischiarcene del carcere, perché un giorno potrebbe toccarci.
La Stampa 13.10.18
Si indigni per l’omertà
di Mattia Feltri

Signor ministro,
lei disse: «Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello ma mi fa schifo. È un post che fa schifo». La precisazione non supera l’ambiguità e la violenza delle sue parole, ma un ministro va creduto e dunque mi scuso. Lei aggiunse che il carabiniere faceva bene a querelare, e Ilaria doveva vergognarsi e scusarsi. Qui pare che tutti dobbiamo chiedere scusa, tranne qualcuno. In quell’occasione Ilaria accusava un carabiniere ed è lo stesso carabiniere che, dopo nove anni di silenzio, giovedì finalmente ha parlato. Un po’ dell’indignazione che mi riserva, signor ministro, valuti se conservarla per altri, quando avrà capito perché già allora Ilaria sapeva, mentre buona parte delle istituzioni fischiettava. m. f.

il manifesto 13.10.18
Stefano Cucchi, altri carabinieri indagati per il depistaggio
Giustizia. Dopo la denuncia di Tedesco, la procura accusa di falso anche il comandante di Tor Sapienza. Nella lente i vertici dell’Arma
di Eleonora Martini

qui

Il Fatto 13.10.18
Cucchi, i buchi dell’Arma sul “rapporto Tedesco” mai arrivato in Procura
Il 22 ottobre 2009 una relazione di servizio che segnalava “l’aggressione subita dall’arrestato” nei locali dei carabinieri. Ma non si trova più. Chi la fece sparire?
Militari sotto accusa. Cinque carabinieri sono sotto processo a Roma per la morte di Stefano Cucchi
di Antonio Massari

qui

Il Fatto 13.10.18
“Finalmente nessuno può accusarmi di aver detto il falso”
Anna Carino. L’ex moglie di Raffaele D’Alessandro fu intercettata mentre parlava con il coniuge del pestaggio: “Mi sono tolta un peso”
di Antonella Mascali

qui
 



il manifesto 13.10.18
L’irruzione degli studenti: c’è vita fuori dalla bolla
Comincia la scuola. In settantamila sfilano in 50 città: chiedono di rifinanziare scuola e università, grandi assenti sulla scena politica del Def. La scuola, l'università, la cultura sono i grandi assenti nello scontro politico sulla manovra. Anche quest'anno i nove miliardi di euro tagliati nel 2008 da Berlusconi non sono recuperati. A Torino bruciati due manichini di Salvini e Di Maio. Il gioco delle parti politiche tra i vicepremier
di Roberto Ciccarelli, Giansandro Merli

qui
La Stampa 13.10.18
Gli studenti in piazza attaccano il governo
Anche Di Maio finisce nel mirino
di Flavia Amabile

qui

Repubblica 13.10.18
La mobilitazione dei giovani antisovranisti in 50 città
Gli studenti scendono in piazza è il primo sciopero anti-governo
A Torino in fiamme i manichini dei leader. Salvini: " Schifoso". Di Maio: " Porte aperte, niente denunce"
di Matteo Pucciarelli

qui

La Stampa 13.10.18
Roberto Saviano
Un’idra populista a due teste governa l’Italia
Abbiamo bisogno del coraggio degli scrittori
di Bernard-Henri Levì

qui
Il Fatto 13.10.18
La scomparsa della politica estera
di Mario Giro

*già viceministro degli Esteri 2016-2018
qui













La Stampa TuttoLibri 13.10.18
I muri non servono a niente, è la giovinezza che spinge i migranti
L’Africa è un continente troppo povero e troppo poco vecchio per “trattenere” i suoi abitanti due studiosi spiegano che cosa sta succedendo in Europa: con i numeri (e senza slogan elettorali)
di Marco Aime

qui






Il Fatto 13.10.18
La verità, vi prego, su Benigni (e l’amore)
di Nanni Delbecchi

qui
















La Stampa TuttoLibri 13.10.18
Aspettando le avanguardie la creatività si tinge di occulto
A Palazzo Roverella una mostra ripercorre la fascinazione per l’esoterismo che ha coinvolto l’Europa a cavallo tra l’800 romantico e la modernità del ’900
di Marco Vallora

qui







il manifesto 13.10.18
Sogni, immagini e parole. Il ’68 a Milano
Eventi. Un'esposizione - dove scorrono le immagini di Uliano Lucas - che è narrazione di quell’anno attraverso le forme di comunicazione utilizzate dai movimenti
di Antonello Catacchio

qui









La Stampa 13.10.18
1938, lo Stato italiano contro gli ebrei
Non solo Mussolini, il parlamento e il re ma anche i volenterosi carnefici del regime
di Vladimiro Zagrebelsky

qui





il manifesto 13.10.18
Le gesta e il pensiero di Xi in un quiz in prima serata
Cina. Il nuovo programma televisivo «Studiare Xi nella Nuova Era»: un quiz tutto incentrato sulla figura del leader
di Alessandra Colarizi

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI VENERDI 12 E QUELLA DI GIOVEDI 11 OTTOBRE SONO ADESSO DISPONIBILI A PARTIRE DA QUESTO LINK

l’espresso 7.10.18
Per uscire dal buio
Decalogo

Parole rifondative: di un progetto, un’identità, una speranza di futuro. Nelle prossime settimane si riuniranno in tanti, a sinistra o da quelle parti: si comincia questa domenica con la marcia della pace Perugia-Assisi, cinquant’anni dopo la morte di chi la sognò, Aldo Capitini, scomparso il 17 ottobre 1968. Seguiranno nel Pd la Piazza Grande del nuovo aspirante leader Nicola Zingaretti, a Roma il 14 ottobre; e la Leopolda dell’ex ma sempre incombente Matteo Renzi, una settimana dopo. E le manifestazioni del 13 ottobre in tutta Europa, comprese molte città italiane, «contro il nazionalismo, per un’Europa unita» (www.13-10.org). Si discuterà di nomi, sigle, contenitori, per provare a riempire il vuoto di presenza, il deserto di alternativa visibile. Quello che ancora manca è la battaglia di idee: una sida politica e culturale, popolare e non elitaria. Qualche settimana fa l’Economist ha offerto ai suoi lettori un manifesto per ripensare il liberalismo. L’Espresso, nel solco di questo dibattito italiano e europeo, ha chiesto ad alcune sue firme, diverse per cultura e esperienza, un decalogo di parole-chiave (altre ne seguiranno). Da “Noi e Tu” di Massimo Cacciari a “Tutti” di Francesca Mannocchi, il nostro alfa e omega. Un segno di luce, per uscire dal buio.
UNA SELEZIONE DI ARTICOLI SUL TEMA È DISPONIBILE QUI DI SEGUITO A PARTIRE DA QUI


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 10 OTTOBRE

Il Fatto 10.10.18
“Bibbia, altro che guida etica: è una raccolta di storie truci”
Ian McEwan - Al centro di “The Children Act”, film tratto da un suo romanzo, c’è il conflitto tra fede e diritto
di Camilla Tagliabue

qui

Corriere 10.10.18
Il vescovo ai fedeli Lgbt: «Vi riconosco»

«Vi riconosco fratelli». Lo ha detto Marcello Semeraro, vescovo di Albano, e segretario del C9 (il comitato scelto dal Papa), ai fedeli gay, lesbiche e transessuali riuniti sabato nel quinto Forum nazionale dei cristiani Lgbt ad Albano Laziale. Semeraro ha insistito anche sullo spirito di «accoglienza» della Chiesa ricordato più volte dal Pontefice. Il suo discorso alla comunità Lgbt — pubblicato poi per la prima volta sul sito della diocesi — al quale ieri ha dedicato ampio spazio anche il quotidiano della Cei Avvenire, è un ulteriore segnale di apertura nei confronti dei omosessuali e transessuali da parte del Pontificato di Francesco.

Repubblica 10.10.18
Dopo 500 anni il convento chiude e il priore si sposa
di Giampaolo Visetti

qui




Repubblica 10.10.18
L’intervento
Diamo un’anima alla bandiera Ue
di Bono

qui

Corriere 10.10.18
Raid nel centro per migranti Tre indagati

Una spedizione punitiva culminata con un attacco incendiario contro una palazzina che ospita alcuni richiedenti asilo della Costa d’Avorio. È successo a Bettola, un piccolo comune della provincia di Piacenza. Nel registro degli indagati, tre italiani di 28, 39 e 53 anni, tutti operai. Le accuse, a vario titolo: lesioni aggravate, tentato incendio, danneggiamento, violazione di domicilio. Il tutto con l’aggravante dalle motivazioni razziali.

Repubblica 10.10.18
"It will be chaos", la drammatica quotidianità dei migranti in fuga
di Antonio Dipollina

qui











Corriere 10.10.18
L’appello degli esperti
«Che errore abolire la Storia alla Maturità»
«Storia eliminata per ignoranza» L’ira degli studiosi
Tema di maturità, l’appello online a Bussetti
Serianni: traccia scelta dall’1% dei candidati
di Valentina Santarpia

qui

Repubblica 10.10.18
La polemica
Nessuno tocchi la nostra maestra Storia
di Ilaria Venturi

qui

La Stampa 10.10.18
Un polo italiano delle navi militari con Fincantieri e Leonardo unite
I due gruppi potenziano e rifondano la joint-venture Orizzonte Sistemi
di Luigi Grassia

qui

Corriere 10.10.18
Il carbone di Lenin
di Federico Fubini

qui

il manifesto 10.10.18
Fnsi: «Attacco inedito alla libertà di stampa e alla Costituzione»
Intervista . Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione nazionale della stampa, spiega perché è arrivato il momento di reagire alle minacce del governo
di Eleonora Martini

qui

Repubblica 10.10.18
La risposta all’offensiva M5S contro l’informazione
In piazza per la libertà di stampa
Appello e mobilitazione dei giornalisti dopo gli attacchi di Di Maio a "Repubblica" e ai giornali del gruppo" Aggressione mai vista a chi critica il governo gialloverde. Democrazia a rischio. Il vicepremier si scusi subito"
di Maria Berlinguer

qui
il manifesto 10.10.18
Camusso difende la sua scelta: «Landini è il meglio per la Cgil»
Video agli iscritti della segretaria, ma l’area riformista continua a puntare su Colla
di Massimo Franchi

qui

Il Fatto 10.10.18
Landini segretario, una felpa rossa per scuotere la Cgil
A sinistra - Leader sindacale e voce anti-Salvini
di Salvatore Cannavò

qui

Il Fatto 10.10.18
L’Ugl è roba sua: il sindacato si butta sulla Lega
Relazioni - C’erano una volta Polverini, Meloni ed ex An: adesso anche qui arrivano i verdi
di Gianluca Roselli

qui

La Stampa 10.10.18
Risparmi sugli stipendi e zero investimenti
La manovra del governo trascura la scuola
di Flavia Amabile

qui











il manifesto 10.10.18
In Brasile è tempo di «organizzare la speranza»
Intervista. Il dirigente del Movimento senza terra Ernesto Puhl: «Bivio drammatico tra civiltà e barbarie. Ma Haddad può ancora farcela»
Rio de Janeiro, sostenitori di Fernando Haddad con la «L» di Lula e lo smartphone con la scritta «Noi siamo la dimensione dei nostri sogni»
di Claudia Fanti

qui

La Stampa 10.10.18
Messico, bambini rapiti e donne fatte a pezzi per vendere reni e polmoni
di Emiliano Guanella

qui









Corriere 10.10.18
Il reportage: la rotta africana
Alle porte del Sahara
dalla nostra inviata a Agadez Alessandra Muglia

qui

Corriere 10.10.18
Ricorso al Tar per le motovedette libiche
di Monica Ricci Sargentini

qui








Corriere 10.10.18
«Questo è il tempo del coraggio»
Chimamanda Ngozi Adichie alla Buchmesse: al mondo serve una voce nuova
Francoforte Al via la 70ª edizione della fiera del libro tedesca. Presenti più di 7.100 espositori da oltre 100 Paesi
dalla nostra inviata Alessia Rastelli

qui


Repubblica 10.10.18
La strategia
Il colosso di Internet
Falle nel software e addio al Pentagono l’ora buia di Google
Il gruppo lancia il nuovo smartphone Pixel 3 ma pesano i problemi di sicurezza di Google+
di Alberto Flores d’Arcais

qui

La Stampa TuttoScienze 10.10.18
Il motore anti-Google
“Si chiama Qwant e rispetta la privacy di chi naviga”
di Bruno Ruffilli

qui

La Stampa TuttoScienze 10.10.18
L’app alternativa
Così il padre del Web Berners-Lee sfida i colossi digitali
di Vittorio Sabadin

qui

Repubblica 10.10.18
Musei, domeniche dimezzate ma raddoppiano i giorni gratis
di Antonio Ferrara

qui

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 9 OTTOBRE





La Stampa 9.10.18
Imbarazzo
Camicie nere celebrate sulla lapide

Imbarazzo a Savona dove sabato scorso sindaco e prefetto hanno scoperto la lapide voluta dall’Opera Caduti senza croce in ricordo dei caduti delle Forze Armate nella Seconda Guerra Mondiale. Tra alpini, finanzieri, fanti, aviatori, erano riportate anche le Camicie Nere. Che non facevano parte delle Forze Armate, ma erano membri delle Brigate Nere della Repubblica di Salò. Coloro che aiutavano le Ss a massacrare la popolazione civile italiana. L’Opera ha rivendicato la scelta. Il Comune ha cancellato la scritta con del nastro da pacchi.

















La Stampa 9.10.18
Quando i fanatici eravamo noi
I primi cristiani contro l’arte classica
di Giorgio Ieranò

qui
























nell'immagine a sinistra l'autoritratto del giovane filosofo, morto suicida nel 1910, a ventitre anni: una scheda qui
Repubblica 9.10.18
l ritrovamento
L’ultimo segreto di Carlo Michelstaedter
di Raffaella De Santis

qui



 













Corriere 9.10.18
It Will Be Chaos - Sarà il caos
Il documentario sui migranti in equilibrio tra racconto e attualità
di Aldo Grasso

qui





Corriere 9.10.18
Salvini e Le Pen, patto in Europa «A maggio sarà una rivoluzione»
Io e Matteo alleati, al potere cambieremo tutto
Il capo leghista: «Bruxelles sbanda perché è guidata male». Juncker: populisti stupidi
di Andrea Ducci

qui

Corriere 9.10.18
«Lega e M5S la prova che noi possiamo andare al potere»
La leader della destra francese: la Ue ha fallito
di Andrea Ducci

qui
m






Sul Corsera di oggi. Apologia di reato o incitamento a delinquere?
Corriere 9.10.18
Due agenti aggrediti da 50 migranti
Circondati e picchiati nel ghetto di Foggia per liberare un gambiano fuggito a un posto di blocco
di Fabrizio Caccia

qui













Corriere 9.4.18
Il boom della Lega
È al 48% nel Nord-Est e supera il 22% al Sud
di Renato Benedetto

qui

Repubblica 9.10.18
Stati Uniti
Se Fort Trump difende solo l’uomo bianco
di Vittorio Zucconi

qui


Repubblica 9.10.18
I treni per Lourdes sono sempre meno: il Santuario rischia di morire
Lourdes va in crisi. Viaggi interminabili e treni fatiscenti
Pellegrinaggi scesi da 130 a 30 in pochi anni "Rincari costanti e condizioni disumane"
di Paolo Rodari

qui

il manifesto 9.10.18
Camusso lancia Landini come suo successore
Cgil. Dalle assemblee congressuali arriva una forte indicazione per l'ex leader Fiom. Che in un anno da segretario confederale si è dimostrato più unitario di tutti

qui

il manifesto 9.10.18
Dalle acclamazioni ai fischi: Genova ha perso la pazienza
Buio pesto. Corteo contro «l’immobilismo» delle autorità e per ricordare le difficoltà - dal crollo del ponte Morandi - di oltre 50mila persone
di Giulia Mietta

qui

Il Fatto 9.10.18
In Europa i Cinque Stelle sono più affini al Pd che alla Lega
Campagna elettorale - Salvini è sempre più legato alle destre, mentre il M5S a Bruxelles guarda a sinistra e dovrà scegliere tra grande coalizione ed euroscettici
di Stefano Feltri

qui
il manifesto 9.10.18
Non Una di meno, la marea femminista torna in piazza il 24 novembre
Contro la cultura della violenza. Due giorni di confronto a Bologna. Il movimento femminista si mobilita contro il ddl Pillon il 10 novembre, punta sulla manifestazione nazionale a Roma il 24 e si prepara allo sciopero globale delle donne dell'8 marzo prossimo. Si inizia il 13 ottobre contro la mozione antiabortista di Verona
di Shendi Veli

qui

Il Fatto 9.10.18
Emma Bonino ironizza su Salvini: “Copre tutti i ministeri, gli altri possono andare a casa”
di Mauro Episcopo

“Fatta salva la libertà d’opinione e di stampa, consiglierei ai giornali di non seguire ogni sparata del ministro dell’Interno. Perché così si fa il suo gioco”. A dirlo è Emma Bonino, senatrice di +Europa, alla Feltrinelli di Galleria Alberto Sordi, a Roma, durante la presentazione di La Lega di Salvini. Estrema destra di governo di Gianluca Passarelli e Dario Tuorto. “Salvini ricopre tutti i ministeri, da quello della Salute a quello dell’Economia. Mi pare che gli altri possano andare tranquillamente a casa”.
un video qui

Il Fatto 9.10.18
Il candidato Richetti esattamente a metà tra Matteo e Renzi
di Andrea Scanzi

qui






il manifesto 9.10.18
La Romania diserta il referendum omofobo
Europa. Vota solo il 20,4% degli aventi diritti, sonora sconfitta per la Chiesa ortodossa e per il governo socialdemocratico che volevano inserire in Costituzione una definizione di famiglia piuttosto ristretta: solo matrimonio e solo tra sessi opposti

qui








il manifesto 9.10.18
Brasile, le forze democratiche ora non hanno più scelta
Caccia ai voti. Fernando Haddad, il "candidato di Lula", si prepara al ballottaggio del 28 ottobre: «Vogliamo unire tutti coloro che hanno a cuore la democrazia e si preoccupano per i più poveri, per realizzare la giustizia sociale». Nuovo Congresso dominato da maschi bianchi. Dilma Roussef esclusa dal Senato
di Claudia Fanti

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI LUNEDI 8 OTTOBRE
















Il Fatto 8.10.18
Africa, contro i vecchi tiranni l’urlo dei nuovi Lumumba
Dall’idolo trash pop Bobby Wine che canta “Freeee Uganda” in faccia al presidente Museveni alla pasionaria rwandese Diane Rwigara: il continente prova a ribaltare il potere
di Michela A. G. Iaccarino
qui










Il Fatto 8.10.18
Attenzione, attraversamento migranti sull’autostrada
Il cartello commissionato dalla California, feticcio per i collezionisti, mette i messicani in fuga sullo stesso piano dei cervi: irresponsabili e pericolosi per gli automobilisti. Un’immagine che rivela molto di noi
di Salvatore Settis
qui

La Stampa 8.10.18
Tentazioni illiberali sull’aborto
di Vladimiro Zagrebelsky
qui














Il Fatto 8.10.18
Non avrai altro Dio all’infuori della Pasta
Venerano il Prodigioso Spaghetto Volante, il loro Paradiso è un vulcano che erutta birra, indossano uno scolapasta come copricapo: è la Chiesa pastafariana in cerca di un riconoscimento e dell’8 per mille
di Lorenzo Giarelli
qui
















Corriere 8.10.18
L’anomalia italiana
La sinistra e il popolo «tradito»
di Ernesto Galli della Loggia
qui



Il Fatto 8.10.18
Tra Padre Pio e l’ulivista Scoppola, Conte si proclama bergogliano
L’intervista di “Famiglia Cristiana” al premier: il dossier Viganò è un “vile e meschino attacco” al papa
di Fabrizio d’Esposito
qui

Il Fatto 8.10.18
Qualche consiglio personale a chi farà la fiction tv sul Duce di Scurati
Il successo del progetto della casa di produzione Wildside potrebbe dipendere dal ruolo che si darà al revisionismo storico
di Pietrangelo Buttafuoco
qui

Il Fatto 8.10.18
Ospedali: servono 20 mila medici
Codice rosso - A causa dei pensionamenti e della mancata programmazione del futuro le previsioni sono sempre più negative. Introvabili anche anestesisti, pediatri, ginecologi
di Chiara Daina
qui





Il Fatto 8.10.18
“Orbán ci sta comprando, è come prima del 1989”
Il primo ministro sta spingendo oligarchi amici all’acquisto di quanti più media possibile: hanno già cambiato proprietà 550 giornali, 20 canali televisivi e 11 radio. E chi non si adegua ha problemi
di Cosimo Caridi
qui








Il Fatto 8.18.18
“Il Vesuvio universale”, vivere e soffrire insieme al vulcano
Il ritratto di una terra che brulica di vita e non ha intenzione di arrendersi
“Il Vesuvio universale”, vivere e soffrire insieme al vulcano
di Furio Colombo
qui

Corriere 8.10.18
Aveva perso la potestà genitoriale Butta la figlia di 6 anni dal terzo piano
Taranto, la vendetta dopo uno scontro con la moglie. Ferito anche il primogenito
di Michelangelo Borrillo
qui










Repubblica 8.10.18
Norvegia divisa
Breivik vuole finire gli studi universitari a spese dello Stato
di Andrea Tarquini
qui

Repubblica 8.10.18
Strategie elettorali
Il Labour per vincere propone la settimana lavorativa di 4 giorni
di Enrico Franceschini
qui
















Repubblica 8.10.18
Falsi miti
I dolori e i rancori del giovane Hitler uomo senza qualità
di Pietro Citati
qui

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI DOMENICA 7 OTTOBRE


Corriere La Lettura 7.10.18
I bambini di Asperger, Marsilio editore
Asperger aiutò i nazisti ma anche la psichiatria
È giusto denunciare, come fa Edith Sheffer, la complicità del medico austriaco con le pratiche eugenetiche del Terzo Reich. Ma bisogna
riconoscere che i suoi studi sull’autismo si sono dimostrati validi
Non si possono ridurre le scienze della mente al contesto storico in cui nascono né condannarle in blocco come figlie di un atteggiamento autoritario che schiaccia l’individuo verso una supposta norma
di Giancarlo Dimaggio

qui







Corriere 7.10.18
Le 10 scritture (più una) che nessuno capisce
Tavolette, iscrizioni, incisioni sono state trovate in tutto il mondo, ma le forme per trascrivere le parole pronunciate sono nate da quarreo focolai; Cina, Egitto, Mesoamerica, Mesopotamia. Alcune restano un rompicapo
Un bando eeuropeo per studiare  le origini dell’alfabeto e della comunicazione non verbale
di Silvia Ferrara

qui

Il Sole Domenica 7.8.18
Linguistica. Le controverse tesi dello studioso in un testo chiaro e aggiornato
Iniziazione a Chomsky in tre brevi saggi
di Lorenzo Tomasin

qui

il manifesto 7.10.18
Non Una Di Meno: stato di agitazione permanente
Incontro nazionale a Bologna. «Questo è un movimento maturo, che riconosce la violenza maschile come strutturale, capace di ricollegare i nessi tra sfruttamento, sessismo e razzismo, e che punta a una liberazione di tutte le soggettività oppresse. I migranti, e ancora di più se donne, lesbiche, trans e queer, sono oggi i più colpiti dalla torsione nazionalista e neoconservatrice che sta investendo l'Italia e il mondo»
di Shendi Veli

qui

il manifesto 7.10.18
Il Pd di Verona sfiducia la capogruppo pro-life
Mozione contro l'aborto. «L’aborto non è un diritto, è un abominevole delitto. Fosse per me la legge 194 non dovrebbe esistere. Sono contrario all’aborto, come il ministro Fontana»
di Giulia Siviero

qui

Repubblica 7.10.18
La mozione di Verona votata con la Lega
Il Pd si divide sull’espulsione della consigliera anti aborto
La sfiducia del gruppo dem: Padovani non ci rappresenta più. E c’è chi chiede di cacciarla
di Giampaolo Visetti

qui

Repubblica 7.10.18
La mozione di Verona votata con la Lega
Il Pd si divide sull’espulsione della consigliera anti aborto
La sfiducia del gruppo dem: Padovani non ci rappresenta più. E c’è chi chiede di cacciarla
di Giampaolo Visetti

qui

il manifesto 7.10.18
Potere al popolo si scinde sullo statuto. Rifondazione se ne va
Sinistra. Oggi il voto on line. Ma il Prc non partecipa. Sullo sfondo lo scontro sulle europee
di Adriana Pollice

qui

Repubblica 7.10.18
Il balcone peronista dei grillini
di Piero Ignazi

qui


il manifesto 7.10.18
Rom ed ebrei, la memoria delle memorie
Oggi si tiene la marcia della Pace Perugia Assisi, è un’occasione ideale per chiedere il cambio della titolazione ’giornata della memoria’ in ’giornata delle memorie’ e per chiedere la prossima attribuzione del Nobel per la pace a Rom e Sinti
di Moni Ovadia

qui

il manifesto 7.10.18
In Romania referendum contro i matrimoni gay
Romania. Ben tre milioni di cittadini hanno firmato una petizione con la richiesta di emendare la carta costituzionale

qui

La Stampa 7.10.18
La sinistra orfana di Lula tenta l’argine all’ultradestra
di Emiliano Guanella

più tardi qui




Corriere 7.10.18
Santa sede e diplomazia
Vaticano-Cina, i dubbi Usa
di Massimo Franco

qui

Corriere La Lettura 7.10.18
Lenin bloccato sul più bello. Il sogno americano della Russia
Storia controfattuale. Cosa sarebbe successo se la rivoluzione d’Otofe fosse fallita e l’Urss non fosse mai nata
Proponiamo tre altre ipotesi di situazioni importanti nelle quali gli eventi avrebbero potuto prendere un corso differente
di Antonio Carioti

qui


 





Il Sole Domenica 7.10.18
A colloquio con Pepe Musica. Il modello sociale dell’ex presidente dell’Uruguay
Don Chisciotte truccato da Sancho Panza
di Roberto Da Rin

qui












Il Sole Domenica 7.10.18
Karl Kraus. Con questo autore la tradizione della satira incontra quella del sublime, dando forma a una comicità apocalittica
Fenomenologia del filosofo-scrittore
di Alfonso Berardinelli

qui







 


Il Sole Domenica 7.10.18
Nelson Mandela. Nei 27 anni di carcere ha scritto alla famiglia, agli amici, allo Stato: un prezioso epistolario che ci restituisce l’autentico Madiba
Militanza vergata nelle lettere
di Tommaso Munari

qui













 

Il Sole Domenica 7.10.18
I nuovi confini della conoscenza
Nel fondo dei buchi neri la risposta ai misteri dell’universo
di Gian Francesco Giudice
Direttore del Dipartimento di Fisica Teorica del CERN

qui



































LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 6 OTTOBRE
 
Bella ciao from Corinne Dardé on Vimeo.

La Stampa 6.10.18
La storia siamo noi
di Mattia Feltri
Il ministero ha deciso di sopprimere il tema di storia dall’esame di maturità perché in dieci anni soltanto il tre per cento degli studenti ha deciso di affrontarlo. È un peccato che i ragazzi trascurino la materia più bella che c’è (parere personale) e che il ministero si adegui, facendone un soprammobile dell’istruzione. Forse è inevitabile se si pensa alla vicenda di Roberto Matatia raccontata ieri dal Foglio. Matatia è un imprenditore di Faenza che ha scritto un libro sulla sua famiglia sterminata ad Auschwitz, e per parlarne era stato invitato da una professoressa di un liceo classico del foggiano. Dopo qualche settimana, però, la professoressa si è scusata con Matatia: purtroppo non se ne fa nulla, altri insegnanti si sono opposti, a scuola niente politica, hanno detto. Ora l’incidente pare rientrato, a Matatia dovrebbe essere stato rinnovato l’invito, ma a questo punto che lo accetti o meno è secondario. Piuttosto risalta la bizzarria che insegnare ai ragazzi che cosa furono le leggi razziali (oggi, ottant’anni fa, il Gran consiglio del fascismo pubblicò la Dichiarazione sulla razza), e quali ne furono le conseguenze, sia derubricato a una bagatella politica. Specialmente nell’accezione infelice che si dà oggi al termine, desolante a ora tarda in birreria, figuriamoci in un liceo classico dove senz’altro sanno che politica deriva da Polis, le città in cui tutti erano chiamati a partecipare all’amministrazione della cosa pubblica e a soggiacere alla medesima legge. È nella Polis che nasce l’idea occidentale di democrazia. Ma se abbiamo questa considerazione della storia, non possiamo che avere questa politica.

La Stampa 6.10.18
“Niente politica a scuola”
No al dibattito sulle leggi razziali
di Elisa Forte

Tutto inizia con il no alla sua partecipazione a un incontro con gli studenti del «Fiani-Leccisotti» di Torremaggiore, in provincia di Foggia. «A scuola non si fa politica»: con questa motivazione alcuni docenti del liceo pugliese avrebbero bocciato la proposta di una loro collega di Lettere che aveva invitato lo scrittore ebreo Roberto Matatia per parlare delle leggi razziali emanate 80 anni fa dal fascismo. Ma non era storia quella degli ebrei italiani messi in ginocchio dalle leggi razziali del 1938? Sarà. «Sono stato contattato da un’insegnante del liceo classico Fiani-Leccisotti di Torremaggiore, in provincia di Foggia – ha scritto lo scrittore sul sito ufficiale della comunità ebraica di Milano, Mosaico Bet Magazine - per andare a parlare, come faccio sempre, della mia famiglia e degli ebrei durante il fascismo. Ho accettato con entusiasmo. Non avendo più notizie, ho chiamato la docente che, con profondo imbarazzo, mi ha detto che l’iniziativa, che pure aveva ricevuto il plauso del preside, era stata rifiutata da altri docenti perché, a dir loro, invitare a relazionare un ebreo è una scelta politica e, a scuola, non si fa politica».
Le polemiche
Un no che ha scatenato polemiche e una bufera mediatica che inizia a spegnersi solo in serata con il tramonto del venerdì quando, per gli ebrei, inizia fino al sabato, il tempo dedicato al Signore. Dopo il comunicato del preside che rinnova l’invito a Matatia, lo scrittore dichiara «chiuso il caso» e i suoi estimatori – sollevati – su Facebook gli scrivono «Shalom Shabbat Roberto». Pace fatta. Il riposo e il tempo del Signore può iniziare per Matatia, imprenditore tessile di Faenza, scrittore dal 2014 da quando con «I vicini scomodi» (di Mussolini) ha raccontato in un libro la vita dei suoi familiari inghiottiti dall’Olocausto.
La versione della scuola
Il preside Giancarlo Lamedica spiega che «si è trattato di una incomprensione, nessuno voleva annullare l’incontro. Ma siamo ancora in fase di programmazione delle attività», dice. «Occorre opporre strenua resistenza, attraverso la cultura e la comprensione della storia, alla banalizzazione e alla dimenticanza» sottolinea la professoressa di Storia della filosofia dei diritti umani Francesca Romana Recchia Luciani che per conto dell’Università di Bari dal 10 ottobre inaugura la VII edizione del Corso di Storia e Didattica della Shoah. «È rivolto a studenti e docenti – spiega –parteciperanno Michele Sarfatti e Jadwiga Pinderska. Non mollo».


Repubblica 6.10.18
L’intervento
Che cosa va difeso
Il conflitto dentro il quale ci troviamo, non è politico, e neanche ideologico-culturale: è epocale
Sull’Europa si concentra l’attacco alla democrazia
Ecco perché dobbiamo resistere e lottare contro la dissolzione
di Alberto Asor Rosa

Il conflitto dentro il quale ci troviamo, senza sapere, almeno all’apparenza, come uscirne, non è politico, e neanche, tout court, ideologico-culturale: è epocale. E cioè prevede che due "sistemi", con la loro complessità più o meno evidente e dichiarata, si fronteggino, e che ognuno dei due non possa vincere e sopravvivere senza la totale sconfitta e il deperimento più o meno rapido e sostanziale dell’altro.
Questo, di cui parliamo qui, è un conflitto epocale, cioè "sistemico". Non sono possibili mediazioni fra i due – di natura politica, ovviamente – né una reciproca comprensione intellettuale, cioè ideologico-culturale. O sopravvive l’uno, o sopravvive l’altro. Insisto, torno a insistere, come ho già fatto altre volte. La materia del contendere, su uno dei due corni del dilemma, è in questa fase storica (tornerò su questa precisazione) la "democrazia rappresentativa". Per capirsi bisogna entrare un po’ di più nel merito. La "democrazia rappresentativa" non è, come in molti tentano di far credere, un governo isolato e arroccato nelle aule parlamentari.
È un sistema estremamente complesso, nel quale al privilegio delle aule parlamentari di promulgare leggi valide per tutti si affiancano in maniera strutturale la separazione dei poteri, l’autonomia organizzativa delle forze sociali e culturali, e l’intangibilità, se non con processi di mutamento assolutamente meditati e legali, degli apparati dello Stato. In un certo senso, ai nostri avversari preme di più combattere e distruggere tutto il resto che la contestazione della preminenza del voto nelle aule parlamentari. Dov’è che l’attacco al sistema democratico rappresentativo, così come noi lo intendiamo, attualmente più si concentra? Anche su questo non avrei dubbi: è l’Europa. Come mai? Ma perché l’Europa in questo momento è il luogo nel mondo in cui il sistema democratico rappresentativo, nonostante enormi difficoltà, resiste e si oppone alla propria dissoluzione. Altrove, pressoché ovunque, con qualche rara eccezione, il sistema democratico rappresentativo è in crisi da anni, quando non sia già sommerso dai flutti. La Russia di Putin è un caposaldo del non-democratico rappresentativo. Gli Stati Uniti, che hanno rappresentato dalle origini, insieme con l’Europa, l’altro caposaldo del sistema, sotto l’impulso prepotente di Donald Trump, spingono anche loro nell’altra direzione. Non è difficile arrivare a una conclusione, per quanto sommaria: difendere l’Europa e difendere la democrazia rappresentativa, così come l’abbiamo definita all’inizio, sono oggi la stessa cosa.
Naturalmente, nessuno può pensare che questo basti per impostare e vincere le battaglie politiche e ideologico- culturali, che devono necessariamente scaturire dalla battaglia epocale. Ma la battaglia epocale comporta parole d’ordine, alleanze, obiettivi, che possono prescindere magari provvisoriamente da parole d’ordine, alleanze, obiettivi, che sono o appaiono più specifici delle battaglie politiche e ideologico-culturali. Se non si vince, o magari, più semplicemente, non si decide di iniziare e combattere la battaglia epocale, non ci saranno più né battaglie politiche né battaglie ideologico-culturali. Ovviamente, a questo punto bisognerebbe cominciare a dire come si fa a difendere il sistema democratico rappresentativo dagli attacchi assassini interni ed esterni. Per ora penso si possa dire questo. "Sovranismo" e "populismo" rovesciano contro il sistema democratico rappresentativo la "massa" che il sistema democratico rappresentativo, negli ultimi decenni, non si è curato di allevare, educare,promuovere... e anche accontentare e soddisfare. Il sistema democratico rappresentativo si è invece rinchiuso, autoprotettivamente, nel cerchio delle sue certezze elementari – neoliberismo, autonomia estrema, anche rissosa e prepotente, del proprio ceto politico, chiusura elitaria nei confronti dei bisogni elementari della gente – e ha deciso in un certo senso, più che di essere sconfitto, di suicidarsi (del resto è sempre così che accade quando crolla un sistema, basti pensare appunto all’avvento del fascismo e del nazismo in Italia e in Germania).
Dal suicidio, com’è noto, è difficile tornare indietro. Ma altrimenti non c’è via d’uscita. O si cambia registro o siamo nella peste. Infatti, come ho già detto, con il "sovranismo" e il "populismo" non c’è mediazione: si può soltanto lavorare per spazzarli via, se non si vuole (o si cerca, anche questo, ahimé, è apparso possibile) essere spazzati via.


La Stampa TuttoLibri 6.10.18
Jelinek: “Odiare senza alcun motivo è un morbo che continua a infettarci”
“L’odio senza motivo è un morbo invincibile”
Esce “Gli esclusi”, un crudo e profetico ritratto di giovani senza valori che credono solo nella violenza “La nostra Europa è in pericolo, riemergono vecchie tentazioni fasciste come ai tempi di Mussolini e Dollfuss”
di Mirella Serri

qui

Corriere 6.10.18
il sondaggio
Calo M5S, Lega vicina al 34%
di Nando Pagnoncelli
 
qui


 




Corriere 6.10.18
Centrosinistra, tra parrocchie e associazioni nasce Demos
di D. Mart.

Ci saranno anche l’ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e l’ex ministro Andrea Riccardi al battesimo di Demos- Democrazia solidale, il movimento che compie i primi passi oggi al Seraphicum di Roma con l’obiettivo — «se le condizioni lo consentono» — di diventare soggetto politico in vista delle amministrative e delle europee del 2019. Parrocchie, esperienze civiche, ong, associazioni legate al mondo protestante e a quello ebraico, consiglieri regionali e comunali (Piemonte, Veneto, Lazio, Marche e Campania), l’Azione cattolica, la Cisl, Alleanza democratica: «È la rete delle periferie — spiega l’ex viceministro degli Esteri Mario Giro che si è fatto le ossa alla scuola della comunità di Sant’Egidio — che condivide i problemi delle persone ma è anche la rete delle periferie della società civile tenuta ai margini dai partiti». L’area è il centro sinistra ma Democrazia solidale ritiene che molti temi siano bipartisan: le case popolari, l’immigrazione, le famiglie con malati cronici e terminali in casa, l’abbandono scolastico, gli anziani e l’Alzheimer. Davanti a questo «vissuto quotidiano, aggiunge Giro, non abbiamo il tempo di attendere le elucubrazioni nella battaglia tra capi e capetti del Partito democratico». E il discorso che oggi Gentiloni terrà per Democrazia solidale? «Gentiloni ha lo sguardo lungo e largo e sa che il Pd ha bisogno di alleati».

Il Fatto 6.10.30
Soldi agli anti-abortisti. A Verona c’è un sì del Pd
Approvata la mozione del Carroccio, a favore anche la capogruppo democratica
di Andrea Tornago

qui

La Stampa 6.10.30
Legge 194
Quarant’anni fa veniva legalizzato l’aborto in Italia
di Flavia Amabile

Era il 22 maggio 1978 quando , dopo anni di aspre battaglie fu approvata la legge 194 che riconosce alle donne il diritto di interrompere volontariamente la gravidanza. Prima l’aborto era considerato un reato, le donne che avevano necessità di non portare avanti una gravidanza dovevano rivolgersi a strutture clandestine, con seri rischi per la propria vita.
Quarant’anni dopo la legge ha raggiunto alcuni dei suoi obiettivi. Le interruzioni volontarie di gravidanza, sono più che dimezzate. Ma è aumentata la pressione dei movimenti antiabortisti, il numero di medici obiettori che ha raggiunto la cifra record del 70% rendendo del tutto impossibile in alcune regioni esercitare il diritto di effettuare un aborto. La legge 194 si presenta quindi sempre meno applicata e sta di nuovo aumentando la richiesta di aborti clandestini.


Repubblica 6.5.18
L’analisi
Se Verona diventa città anti aborto
di Michela Marzano

qui

Il Fatto 6.10.30
Il ritiro dei soldati? Fatti, non annunci
Difesa - Il ministro Trenta replica al “Fatto” (che risponde) sulle missioni all’estero
di Elisabetta Trenta

ministro della Difesa
qui

il manifesto 6.10.30
Nadia e Denis: il Nobel contro la guerra sui corpi delle donne
Pace. Il premio alla vittima yazida Murad e al ginecologo congolese Mukwege. Da anni impegnati contro la violenza sessuale e l’uso dello stupro nei conflitti: lui ha curato 50mila vittime, lei si batte per la tutela del popolo yazidi
di Chiara Cruciati

qui

il manifesto 6.10.30
Camusso spingerà Landini: Cgil pop per allargare la base
Corsa al vertice, lunedì l’investitura
Camusso spingerà Landini: Cgil pop per allargare la base
di Salvatore Cannavò

qui

Repubblica 6.10.18
A sinistra vive un finto Keynes
di Marco Ruffolo

qui

Repubblica 6.10.18
Gli ultimimarxisti-leninisti d’Europa
In Portogallo la notizia della morte del Partito comunista è quantomeno esagerata: il Pcp resta fedele alla linea
Stiamo per compiere 98 anni e non abbiamo mai rinunciato ai nostri ideali poilitici
Bisogna adottare le armi migliori in base alla propria realtà
di Javier Martin Del Barrio

qui

Il Fatto 6.10.18
Scuola, i sindacati: poche risorse per gli insegnanti

qui
















Corriere 6.10.18
No ai domiciliari per Verdiglione «Fatemi tornare a scrivere libri»
Milano, il filosofo ha perso 24 chili in un mese
di Elisabetta Andreis

qui














La Stampa 6.10.18
Un’altra meraviglia a Pompei: sotto la lava e i lapilli un giardino incantato
di Emanuela Minucci

qui










La Stampa 6.10.18
Gianni Pacinotti “Gipi”
“Il fumetto è una magia solitariama il cinema mi fa stare benecome se fossi in gita scolastica”
di Gianmaria Tammaro

qui











 

Repubblica 6.10.18
L’identikit del gruppo
Rabbia e colori da Rothko a de Kooning
di Chiara Gatti

qui

Repubblica 6.10.18
Al Complesso del Vittoriano di Roma
Così Pollock guidò l’America alla conquista dell’Europa
di Fabrizio D’Amico

qui









Repubblica 6.10.18
Perché Pasolini aveva ragione sui figli del ’68
Nella celebre lettera "Il Pci ai giovani!" il poeta si schierava dalla parte dei poliziotti
di Massimo Recalcati

qui













Repubblica 6.10.18
È la legge del desiderio a farci amare la creatività

di Elio Franzini
Rettore dell’università Statale di Milano

qui

 

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI  VENERDI 5 OTTOBRE






Il Fatto 5.10.18
Barbara Spinelli: “Il razzismo è ben più allarmante dei conti”

Barbara Spinelli è intervenuta nella sessione plenaria del Parlamento europeo in seguito alle dichiarazioni di Consiglio e Commissione europea su “Emergenza umanitaria nel Mediterraneo: sostenere le autorità locali e regionali”. “La Commissione si allarma – ha detto l’europarlamentare italiana – per il possibile deficit spending in Italia (ricordo che i poveri assoluti sono nel mio paese cinque milioni) ma approva una legge sulla sicurezza che decurta i permessi umanitari, toglie certezza legale ai richiedenti asilo, elimina fondi per le strutture municipali di accoglienza migranti. Dice Draghi che ci sono parole che creano danni alle imprese, ma le parole di Salvini sul sindaco di Riace, arrestato ieri per favoreggiamento dell’immigrazione e irregolarità minori, sono benevolmente ignorate. ‘Sei uno zero’, ha detto il ministro di chi, con fondi in diminuzione, ha salvato un intero villaggio dallo spopolamento integrando i profughi.
Non parlo solo dell’Italia: arresti e violenze contro chi facilita accoglienza e integrazione si moltiplicano. Cédric Herrou, Diego Dumont, il sindaco Mimmo Lucano: la lista si sta allungando, Commissario Oettinger, e vorrei sapere se questo allarma anche lei”.









Corriere 5.10.18
Psiche In «Diagnosi e destino» (Einaudi) Vittorio Lingiardi indaga sulle conseguenze della presa di coscienza del paziente
Noi, di fronte al male
Tormenti e difesa: così la mente reagisce alla scoperta della malattia
Gli effetti di una prognosi possono rivelarsi più dolorosi della patologia in sè
Parlando al malato ci sono parole che i medici non dovrebbero mai dire
di Eugenio Borgna

qui






Corriere 5.10.18
Alda Merini e la «follia benefica»
di Ida Bozzi

qui

Il Fatto 5.10.18
“Io rispetto la Costituzione più di altri”
Riace - Il sindaco Mimmo Lucano, ai domiciliari, ascoltato dai magistrati di Locri
“Io rispetto la Costituzione più di altri”
di Lucio Musolino

qui

Repubblica 5.8.18
Durante lo sgombero degli Spada a Ostia
Io, insultata dalle donne del clan per impedirmi di fare la cronista
di Federica Angeli

qui

Repubblica 5.10.18
Il reddito di cittadinanza
Una certa idea di povertà
di Chiara Saraceno

qui













Corriere 5.10.18
Trump conquista i sindacati Usa
di Massimo Gaggi

qui

















Il Fatto 5.10.18
Scrittori e giornalisti, il premio è l’ergastolo
La sentenza - Condanne a vita confermate per il tentato golpe ad Ahmet Altan e il fratello
di Roberta Zunini

qui

La Stampa 5.10.18
Il capo di Hamas apre a una tregua
“Non voglio più guerre con Israele”
di Davide Lerner

qui

Repubblica 5.10.18
Ma il negoziato su Gaza è bloccato e Israele rafforza l’esercito al confine
di Vincenzo Nigro

qui

Repubblica 5.10.18
Sinwar (Hamas)
“Basta guerre, è ora di cambiare”
Intervista di Francesca Borri

qui

Repubblica 5.10.18
La proposta di tregua a Israele
La mossa del falco di Hamas
di Gigi Riva

qui










il manifesto 5.10.18
La Nobel e Wikipedia, la scienza femminile è invisibile
Donna Strickland, professore associato alla University of Waterloo (Ontario, Canada) e vincitrice del Nobel 2018 per la fisica festeggia con studenti e colleghi il 2 ottobre scorso
di Luca Tancredi Barone

qui








il manifesto 5.10.18
Gli sguardi sulla Storia nelle foto della Guerra civile spagnola
Mostre. Al Teatro dei Dioscuri al Quirinale l'esposizione «Fu la Spagna!» curata da Daniela Aronico e Andrea Di Michele e organizzata dall'Istituto Luce-Cinecittà indaga il ruolo e la prospettiva fascista nel conflitto
Il miliziano fascista Arconovaldo Bonacorsi a Palma di Maiorca nel 1936
di Giovanna Branca

qui


 










Repubblica 5.10.18
"Il regno dell’Uroboro", la raccolta di saggi di Michele Ainis
Siamo monadi digitali e lavoriamo (gratis) per i signori dell’algoritmo
di Maurizio Ferraris

qui





Il Fatto 5.10.18 
Happy hour sì ma nel weekend. Lo diceva Platone
Dall’Atene di Platone all’Inghilterra di oggi: il vino abbatte i nostri freni inibitori. L’importante è non ricordarsene
Happy hour sì ma nel weekend. Lo diceva Platone
di Laura Pepe

qui

Il Fatto 5.10.18
A lezione di filosofia con Eschilo e Oreste
di Camilla Tagliabue

qui












La Stampa 5.10.18
L’idolo arcaico sembra un Modì
Com’è moderna la scultura di 6 mila anni fa
di Maurizio Assalto

qui






LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI GIOVEDI 4 OTTOBRE È DISPONIBILE SU QUESTA PAGINA

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 3 OTTOBRE




 Corriere 3.7.18
Cuneo
Assegnato il premio Paraloup-Nuto Revelli a Carlo Smuraglia

Carlo Smuraglia ha vinto il Premio Paraloup-Nuto Revelli destinato a persone che «si siano distinte nel campo della cultura intesa come impegno civile e strumento di riscatto sociale». La cerimonia di consegna del riconoscimento avverrà venerdì 5 ottobre, alle ore 18, nel Salone d’onore del municipio di Cuneo, la città dove nacque e morì Nuto Revelli (1919-2004), scrittore, ufficiale e partigiano, autore, tra l’altro, della Guerra dei poveri, del Mondo dei vinti, del Disperso di Marburg. Carlo Smuraglia, «partigiano, giurista, scrittore, testimone esemplare della storia migliore del nostro Paese», dice la motivazione del premio creato dalla Fondazione Nuto Revelli, «non ha mai rinunciato a battersi per le ragioni della libertà (...). In giovinezza nella Resistenza, nella maturità come avvocato e docente universitario al servizio della giustizia, in Parlamento come garante della memoria e soprattutto come combattivo custode della Costituzione». Consegnerà il premio Marco Revelli, figlio di Nuto, mentre Corrado Stajano presenterà il vincitore. (ma. b.)

La Stampa 3.7.18
Scuola, il colloquio con i professori è più veloce se paghi 3 euro
di Nicola Pinna

qui

 




Il Fatto 3.10.18
Libertà e Giustizia contro le “strettoie legali” anti-migranti
di Libertà e Giustizia

Nella drammatica vicenda che ha investito il sindaco di Riace, al di là di ogni valutazione di merito (a partire dalla severità della misura cautelare adottata), di pertinenza della magistratura, due elementi spiccano sugli altri.
Il primo è l’oscena soddisfazione ostentata da attori istituzionali di primissimo piano, che, con cinismo senza pari, gongolano nel veder minata un’esperienza di accoglienza presa a modello in tutto il mondo.
Il secondo è la strettoia che si è venuta a creare nell’ordinamento giuridico con riguardo alla possibilità di accedere legalmente nel nostro Paese, al di là delle ipotesi di protezione internazionale sancite dalla Costituzione. Come se fosse possibile negare per legge l’esistenza di un fenomeno epocale, peraltro, almeno in parte, frutto di squilibri internazionali da noi stessi alimentati.
In questo momento chi ha a cuore la costruzione di una legalità coerente con la Costituzione sente di condividere profondamente le battaglie civili del sindaco Mimmo Lucano.

La Stampa 3.10.18
Luigi Zoja
“Lo straniero ci fa paura Solo conoscendolo potremo accettarlo”

qui

Corriere 3.10.18
Amore e salute

Il neurologo Rosario Sorrentino indaga con un romanzo (Mondadori) gli attacchi di panico
Nella prigione della malattia scoprire che la libertà è a un passo
di Carlo Baroni

qui

Corriere 3.10.18
Decreto sicurezza
Uno strappo alle regole e le sue pericolose ricadute
di Luigi Ferrarella

qui

il manifesto 3.10.18
Arrestato il sindaco di Riace, con accuse «vaghe e generiche»
Pericolo pubblico. Dalla truffa aggravata alla malversazione, il gip rigetta sette capi di imputazione e ridimensiona l’inchiesta: «Errori grossolani»
A Riace la raccolta differenziata dei rifiuti si fa con gli asini
di Silvio Messinetti

qui
















COLLEGATI QUI
siringrazia Barbara Calvetta


Il Fatto 3.10.18
Una sfida allo spirito dei tempi
di Francesco La Licata

qui

Corriere 3.10.18
L’inchiesta  le carte
«Gestione opaca dei fondi e matrimoni combinati Ma non voleva arricchirsi»
di Fiorenza Sarzanini

qui

Il Fatto3.10.18
Il paese si divide su Domenico “u curdu”
Tanta solidarietà dai concittadini, ma c’è anche chi sputa veleno: “Cazzi suoi”
Il paese si divide su Domenico “u curdu”
di Lucio Musolino

qui

La Stampa 3.10.18
Nel borgo travolto dall’inchiesta
I profughi in lacrime: “Non è giusto”
La difesa del fratello: “Non ha intascato un soldo. Se ha sbagliato era in qbuona fede”

di Nicolò Zancan
qui

Corriere 3.10.18
Mimì Capatosta che batteva moneta «Amo più la giustizia della legalità»
La solidarietà della sua gente e il ruolo della compagna etiope, anche lei indagata
dall’inviato Goffredo Buccini

qui

La Stampa 3.10.18
Sfida alla Ue e scadenze elettorali
di Marcello Sorgi

qui













Il Fatto 3.10.18
Dopo le due piazze c’è vita a sinistra? Sì, ma troppo poca
di Silvia Truzzi

qui

il manifesto 3.10.18
Alla sinistra del Pd, ma ciascuno a casa propria
di Antonio Floridia

qui

Il Fatto 3.10.18
Fondi per la sanità: i conti non tornano
di Chiara Daina

qui

La Stampa 3.10.18
Madre a 14 anni
“Troppo giovane” E l’Inps le nega il bonus bebè
di Barbara Morra
qui

 






Corriere 3.10.18
Il libro, l’elenco
E lo Stato si piegò alla razza
L’espulsione dei dipendenti pubblici ebrei nel 1938 fu la tomba del diritto
Hanno un nome gli statali ebrei buttati fuori dal lavoro nel ’38
Memoria Ottant’anni dopo, un libro di Giorgio Fabre e Annalisa Capristo con l’elenco delle persone cacciate (il Mulino)
di Gian Antonio Stella

qui

Il Fatto 3.10.18
L’Opera fantasma e i lavoratori invisibili Le Fondazioni a picco
Dagli archivisti ai musicisti, agli attori: sabato a Roma la prima manifestazione unitaria : “Siamo professionisti, non guitti”
di Alessia Grossi

qui

 





il manifesto 3.10.18
Occupazioni a prova di infelicità
«Bullshit Jobs», un volume dell’antropologo e attivista statunitense David Graeber per Garzanti. L’autore non ha mai nascosto il suo anarchismo, ma è vicino a Max Weber, Gabriel Tarde e Marx. Un programma di reddito minimo eliminerebbe l’ossessione del lavoro: offrirebbe un ragionevole livello di vita. Il singolo può poi decidere se cercare di guadagnare ancora
di Benedetto Vecchi

qui


Il Fatto 3.10.18
Belle da morire: chi uccide le influencer d’Iraq?
Serial killer - Una blogger, un’attivista, una chirurga e un’imprenditrice eliminate in poche settimane
di Michela A. G. Iaccarino

qui

La Stampa 3.10.18
L’urlo disperato di Miss Iraq
“Vogliono ucciderci tutte”
di Giordano Stabile

qui

Repubblica 3.10.18
Tara Fares e le altre vittime
Morire di odio al tempo di Instagram
La modella uccisa per le vie di Bagdad è solo l’ultima Come lei, molte giovani donne finiscono nel mirino per la voglia di rappresentare sui social un futuro laico e più libero per i loro Paesi
di Francesca Caferri

qui

Repubblica 3.10.18
L’esecuzione di Zeinab
Giustiziata in Iran la sposa bambina che uccise il marito

I numerosi appelli per la sua liberazione non sono serviti.
All’alba di ieri è stata eseguita in Iran la condanna a morte di Zeinab Sekaanvand, la ventiquattrenne curdo-iraniana arrestata nel 2011 per l’omicidio del marito che era stata costretta a sposare all’età di 15 anni. Dopo gli abusi fisici e psicologici, la donna si era fatta giustizia da sè.
L’esecuzione della sposa bambina è avvenuta nel carcere di Urmia, nel Nord-ovest del Paese. «Non solo Zeinab era minorenne al momento del reato, ma il suo processo era stato gravemente irregolare. Aveva avuto assistenza legale solo nelle fasi finali del procedimento, nel 2014, quando aveva ritrattato la confessione, resa a suo dire dopo che agenti di polizia l’avevano picchiata», ha denunciato Amnesty International.
L’Iran è rimasto l’unico Paese al mondo a mettere a morte minorenni al momento del reato.


















Corriere 3.10.18
Non lasciamo soli i curdi iracheni, divisi e irrilevanti
di Lorenzo Cremonesi

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 2 OTTOBRE















un problema esclusivamente locale del Cile... 0 no?
Repubblica 2.10.18
Il documento
L’imbarazzante appello ai sacerdoti del vescovo cileno
di Paolo Rodari

Città del Vaticano. È stato tolto dal sito dell’arcidiocesi di Santiago del Cile, per ragioni probabilmente di opportunità, l’appello ai sacerdoti firmato dal cardinale Ricardo Ezzati, attuale arcivescovo di Santiago in proroga, affinché evitino delle condotte improprie come «pacche sui glutei, toccare l’area dei genitali o delle mammelle, baciare sulla bocca» oppure «sdraiarsi o dormire insieme a bambini, bambine o adolescenti». Il testo rientrava fra i documenti ufficiali della diocesi cilena. Era intitolato "Orientaciones que fomentan el buen trato y la sana convivencia pastoral" (Orientamenti per fomentare il buon rapporto e la sana convivenza pastorale) e nelle scorse ore aveva provocato non poche critiche tra i fedeli sempre più scottati dalle coperture concesse ad alcuni preti pedofili.












il manifesto 2.10.18
Il potere politico delle armi
L'arte della guerra. Si discute della finanziaria in deficit, ma si tace sul fatto che l’Italia spende ogni anno miliardi a scopo militare
di Manlio Dinucci

più tardi qui

La Stampa 2.10.18
Afghanistan e Iraq
Ritiro col contagocce dei soldati italiani
Cento militari in meno a Kabul, in 50 lasceranno Mosul Vertice sulla Libia: verso il cambio dell’ambasciatore
di Francesco Grignetti

più tardi qui
Corriere 2.10.18
Usa, Cina, populisti, Brexit
L’uragano che minaccia lo scenario internazionale
di Antonio Armellini

più tardi qui

Il Fatto 2.10.18
Mercati spiazzati, crolla la Borsa e sale lo spread
Precipitano le banche che hanno investito in titoli di Stato Incertezze sulle prospettive di crescita e sull’andamento del debito
di Stefano Feltri

più tardi qui

Il Fatto 2.10.18
Molti Paesi d’Europa hanno deficit più alti del nostro, ma il problema rimane l’Italia
La svolta - Dopo anni di sforzi per ridurre l’indebitamento, ora lo lasceremo salire
di Ste. Fel.

più tardi qui










Repubblica 2.10.18
La grande illusione dei partiti leggeri
Un saggio degli americani Frances McCall Rosenbluth e Ian Shapiro
di Nadia Urbinati


La Stampa 2.10.18
Ponte Morandi, mail e chat furono cancellate dopo il crollo
Lo svela l’esame dei telefoni, indagato un altro dirigente Mit. Resta il nodo del commissario
di Tommaso Fregatti e Matteo Indice

più tardi qui


il manifesto 2.10.18
Susanna Camusso lancia la sua candidatura alla segreteria
Sindacato Mondiale. L'avversaria è l'australiana uscente Burrow. La scelta a Copenhagen a inizio dicembre

Parte ufficialmente la candidatura di Susanna Camusso per la segreteria dell’Ituc, la confederazione sindacale internazionale. Camusso si confronterà con la segretaria uscente, l’australiana Sharan Burrow. La lotta a due è una contrapposizione tra i sindacati anglofoni che appoggiano Burrow e quelli europei, sud americani e asiatici favorevoli a Camusso. La scelta avverrà a Copenhagen nel congresso dell’Ituc dal 2 al 7 dicembre. Sempre che non si arrivi ad un accordo unitario prima, possibilità accreditata dall’entourage di Camusso.
Da ieri è on line il sito che appoggia la candidatura (www.susannacamusso.info) in cui Camusso ringrazia i tanti «sindacati che mi appoggiano e mi voteranno» e propone «un Ituc che abbia i denti per sfidare il capitalismo globale», «per mettere pressione e far cambiare politica alle istituzioni finanziarie internazionali».











il manifesto 2.10.18
Macedonia, smacco per la Nato (e per la Ue)
Lontani dal quorum. Bassa l'affluenza, ferma al 37%. Ma sarà il parlamento a decidere se ratificare lo storico accordo con la Grecia sul cambio del nome, e il premier Zaev non ha la maggioranza
di Tommaso Di Francesco

più tardi qui

 

il manifesto 2.10.18
La cellula dell’ultradestra pronta a colpire, 6 arresti a Chemnitz
Germania. In manette i neonazisti dell’organizzazione «Revolution», pianificavano un'azione per domani, nel giorno in cui si celebra la festa della Riunificazione
di Sebastiano Canetta

più tardi qui

La Stampa 2.10.18
Pianificavano attentati contro gli stranieri
In cella 6 neonazi
di Walter Rauhe

più tardi qui


























il manifesto 2.10.18
La notte del sabba va al museo
Mostre. «Arte e magia. Il fascino dell'esoterismo in Europa», una rassegna a Palazzo Roverella di Rovigo a cura di Francesco Parisi
Paul Sérusier, «L’Incantation», 1891-92 Quimper, Musée des Beaux-Arts
di Arianna Di Genova

più tardi qui



il manifesto 2.10.18
La forza della verità nonostante il voyeurismo
Asia Argento. La lunga intervista dell'attrice e regista a «Non è l'arena»
di Mariangela Mianiti

più tardi qui

il manifesto 2.10.18
Sanità, è pronta la legge per la devoluzione regionale
Servizio nazionale. Le Regioni tuteleranno solo i propri residenti, e il diritto alla salute non sarà più un diritto assoluto, uguale per tutti, come dice l’articolo 32 della Costituzione
di Ivan Cavicchi

più tardi qui
La Stampa 2.10.18
Autismo
I disturbi del neurosviluppo che riguardano 500 mila famiglie
di Fabio Di Todaro

I disturbi dello spettro autistico sono disturbi del neurosviluppo che impattano sulle interazioni sociali e che possono comprendere un’ampia gamma di problemi comportamentali: anomalie nella comunicazione, comportamenti ripetitivi o compulsivi, iperattività, ansietà, difficoltà ad adattarsi ai cambiamenti, disturbi sensoriali e disabilità intellettiva. I sintomi possono essere molto eterogenei e, soprattutto in età precoce, sfumati. Per questo motivo è spesso difficile ottenere una diagnosi certa prima di 24-36 mesi di età. Le cause di questi problemi - in Italia riguardano 500 mila famiglie - sono ancora poco chiare. Mentre in un terzo dei casi possono essere genetiche, per la restante quota si ritiene possa esserci una combinazione di fattori ambientali, mutazioni multiple e varianti genetiche rare. Non esiste una cura, ma esistono trattamenti riabilitativi che migliorano la qualità di vita.

La Stampa 2.10.18
Il bambino di 4 anni è autistico, disertata la festa di compleanno
Modena, si è presentato soltanto uno dei 18 compagni di classe invitati
di Franco Giubilei

più tardi qui

Repubblica 2.10.18
La Casa Bianca e l’immigrazione
Deportati di notte nel deserto texano I bambini stranieri scuotono gli Usa
In centinaia, svegliati e caricati sui bus dal Kansas e New York per raggiungere le tendopoli al confine con il Messico. E i piccoli "detenuti" aumentano
di Federico Rampini

più tardi qui








Corriere 2.10.18
Si può colorare la storia
L’intervento sulle immagini della Grande Guerra nel nuovo film di Peter Jackson (Signore degli Anelli)
Gli studiosi: «Se il messaggio è onesto si può»
di Roberta Scorranese

più tardi qui







Corriere 2.10.18
Le trincee del medioevo
Lo scontro fra goti e bizantini in italia fu anche una lunga guerra di posizione
Un volume a più voci, curato da Paolo Grillo e Aldo A. Settia (il Mulino), passa in rassegna una serie di assedi e battaglie. Molto astuti e bellicosi si mostraronogli Ungari, capaci di prevalere sul campo a dispetto della inferiorità numerica
di Paolo Mieli

più tardi qui


ALCUNI SETTIMANALI

l’espresso 30.9.18
Manifesto di un’ ideologia feroce
Il decreto Salvini nega diritti sanciti dalla Costituzione. E opera discriminazioni fra i cittadini come mai era accaduto nella storia della Repubblica
Di Marco Damilano

qui

l’espresso 30.9.18
C’è una politica che da tempo indica nello straniero il “nemico pubblico”. In comune con il passato c’è l’indifferenza
La deriva razzista diventa legge
di Aboubakar Soumahoro

qui

l’espresso 30.9.18
Per batterli serve una “nuova Europa”
Di Gianni Cuperlo

qui

l’espresso 30.9.18
Le parole del presente/5 IDENTITÀ
Dissento dunque sono
colloquio con Ágnes Heller
di Wlodek Goldkorn

La libertà di giudizio costa molto cara. Persino accuse di tradimento. Ma è l’unica forza in grado di opporsi al Male. Così dice la grande filosofa
qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI LUNEDI 1° OTTOBRE



























Il Fatto 1.10.18
L’esperimento del mondo condotta dal visionario Mauri
L’omaggio di Marramao a uno dei massimi esponenti dell’avanguardia
di Furio Colombo

qui














Il Fatto 1.10.18
L’uomo nero fra spie e Fiat che uccise i fratelli Rosselli
Roberto Navale, carabiniere e agente del servizio segreto militare, poi ingaggiato dal Lingotto, viene condannato per ricettazione fallimentare. La fece franca, invece, per l’assassinio dei due anti-fascisti
di Massimo Novelli

qui
















Corriere 1.10.18
Elzeviro Ricordi un po’ instabili
Gorkij su Lenin un ritratto accomodato
di Luciano Canfora

qui

Il Fatto 1.10.18
La cittadinanza e i diritti umani nell’antica Roma
di Orazio Licandro

qui




La Stampa 1.10.18
Tre strategie diverse per la manovra
E anche Tria parla di “scommessa”»
di Stefano Lepri

qui

Il Fatto 1.10.18
Crescita e investimenti, le tre manovre diverse di Tria, Conte e Savona
Cifre che non tornano - Premier e ministro dell’Economia più cauti sull’impatto positivo sul Pil
di Stefano Feltri

qui

Corriere 1.10.18
Economia e politica
Le risorse contese tra i Poteri
di Ernesto Galli della Loggia

qui

Corriere 1.10.18
I numeri e i dubbi
Crescita, una scommessa con quattro punti critici
di Federico Fubini

qui

Il Fatto 1.10.18
Pd, “unità” in piazza e veleni nel retropalco
Roma, Renzi si agita per intestarsi l’iniziativa. Martina pensa a candidarsi
di Wanda Marra

qui

Il Fatto 1.10.18
In Piazza del Popolo erano così pochi che poi sono andati tutti a cena da Calenda
www.forum.spinoza.it

Repubblica 1.10.18
Il Pd respira ora servono porte aperte
di Stefano Cappellini

qui

Il Fatto 1.10.18
Fondi per la sanità: i conti non tornano
di Chiara Daina

qui



La Stampa 1.10.18
Le mani delle coop nere sul business dei migranti
di Andrea Palladino

qui

La Stampa 1.10.18
Simone Andreotti esperto di aiuti ai migranti
“Servono appalti trasparenti e la modifica dell’automatismo dei 35 euro a ospite”
A.P. R.Z

qui







La Stampa 1.10.18
Travolti da una rabbia cieca che uccide
di Pierangelo Sapegno

qui

Repubblica 1.10.18
Delitti e vicini di casa
La rabbia nel cortile
di Elena Stancanelli

qui






Il Fatto 1.10.18
“Marzabotto, dolore e profonda vergogna”

Una ferita che è ancora lì quella della strage nazifascista di Marzabotto. Ieri in occasione della 74ª commemorazione dell’eccidio del ‘44 che costò la vita a 770 persone, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha detto: “Con profondo dolore e grande vergogna che mi inchino davanti alle vittime e ai loro familiari. Si tratta di crimini commessi da tedeschi che ancora oggi ci lasciano senza fiato per la loro efferatezza e crudeltà: 770 persone uccise che non dimenticheremo mai”.

Il Fatto 1.10.18
Il bestiario della scuola: ridere per non piangere
di Gianmarco Perboni

qui

 
















Il Fatto 1.10.18
La réclame della banca
Luci e ombre – il murales “Parthenope” di Francisco Bosoletti, rione Materdei

qui

La Stampa 1.10.18
Angela Merkel è diventata un’anatra zoppa
di Michele Valensise

qui







Corriere 1.10.18
La star curda dei social e le altre Strage di donne indipendenti in Iraq
Tara Fares uccisa al volante della sua Porsche a Bagdad. L’ombra degli estremisti
di Marta Serafini

qui





Repubblica 1.10.18
La giovane attivista
Israele scende in campo contro il Real Madrid per la palestinese Ahed
L’omaggio alla pasionaria in tour in Spagna scatena la dura reazione: "È una terrorista"
di Alessandro Oppes

qui








Corriere 1.10.18
Nuova autarchia la campagna di Xi
«Riso cinese in scodelle cinesi»
La propaganda mostra il leader tra contadini e operai
Pechino risponde sul fronte interno alla guerra dei dazi
di Guido Santevecchi

qui






Repubblica 1.10.18
Il boom del merchandising
Peppa Pig power la maialina fa ricchi i falsari cinesi
Il personaggio dei cartoni è diventata cult attirando le aziende di contraffazione
di Filippo Santelli

qui

La Stampa 1.10.18
La Macedonia vota “no” all’Europa
Referendum sul nome, manca il quorum Si complica il cammino verso Nato e Ue
di Marta Ottaviani

qui





Il Fatto 1.10.18
Alla fiera dell’Est: “pizzini” e fucili per zittire la stampa
La nuova destra - In Croazia licenziato l’anchorman Zovko
Il bavaglio polacco. I fondi tagliati ai giornali anti-Orbán
di Roberta Zunini

qui













Corriere 1.10.18
Carteggi
Il cuore potente, e innamorato, di Gentile
La corrispondenza del filosofo idealista con la fidanzata e futura moglie Erminia in un volume edito da Le Lettere
di Alessandra Tarquini

qui


TUTTI I CONTENUTI ARRETRATI DI "SEGNALAZIONI" RELATIVI AL PERIODO CHE VA DALL'8 AGOSTO 2018 AL 30 SETTEMBRE 2018 COMPRESO SONO ADESSO INTEGRALMENTE CONSERVATI E LIBERAMENTE CONSULTABILI NELLA SEZIONE CHE HA INIZIO A QUESTO LINK