lunedì 18 giugno 2018

Francamente... c'è davvero poco da scherzare.




Salvini, questa sera: "Faremo il censimento dei rom, quelli italiani purtroppo ce li dobbiamo tenere...
Gli irregolari li espelliamo"
 «Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
    e fui contento, perché rubacchiavano.
    Poi vennero a prendere gli ebrei
    e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
    Poi vennero a prendere gli omosessuali,
    e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
    Poi vennero a prendere i comunisti,
    ed io non dissi niente, perché non ero comunista.
    Un giorno vennero a prendere me,
    e non c'era rimasto nessuno a protestare».
La Stampa stasera: «La Lega primo partito l’attuale alleato di governo, il Movimento 5 stelle, perde il 2,5% di consensi in una settimana: è quanto emerge da un sondaggio realizzato da Swg per il tg de La7 e in onda stasera». 

LUNEDI 18 GIUGNO "SEGNALAZIONI" È STATO AGGIORNATO ALLE 20:40
TUTTI I CONTENUTI DELLA RASSEGNA STAMPA DI "SEGNALAZIONI" - ANCHE PREGRESSI -
SONO DISPONIBILI QUI DI SEGUITO A INIZIARE DA QUESTO LINK
QUI DI SEGUITO SEGNALIAMO IN PRIMO PIANO
IL RICORDO DI DIMITRI NICOLAU IL 20 GIUGNO ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE DI ROMA
LA PRESENTAZIONE DE "IL FLAGELLO DEL NEOLIBERISMO" OGGI A FIRENZE
LA REGISTRAZIONE DI QUELLA DI "GIALLO VAN GOGH" DEL 15 GIUGNO SCORSO A ROMA
E GLI EVENTI PROPOSTI DALLA "SOCIETÀ VENTI SECONDI"
- QUELLO DEL 9 GIUGNO SCORSO, GIÀ TRASCORSO, E IL PROSSIMO, DEL 23 GIUGNO DA REALIZZARSI -

Scrivi a segnala.box@gmail.com

"SEGNALAZIONI" - DAL 2001 - PROPONE TUTTI I GIORNI UNA PROPRIA RASSEGNA INDIPENDENTE DELLA STAMPA.
PER PROSEGUIRE IL PROPRIO LAVORO DI INFORMAZIONE “SEGNALAZIONI” HA SCELTO ADESSO UNA FORMULA EDITORIALE PIÙ LEGGERA: IN PRIMO PIANO SULLA HOME PAGE VENGONO MANTENUTI ESCLUSIVAMENTE I CONTENUTI PIÙ RECENTI CONNESSI ALLA RICERCA PSICHIATRICA, DI NORMA COMUNQUE NON ANTERIORI A UNA SETTIMANA DALLA LORO PUBBLICAZIONE E SOLO PER IL TEMPO STRETTAMENTE NECESSARIO A DIFFONDERNE L'INFORMAZIONE PUBBLICA PERCHÈ SEGNALAZIONI È UN QUOTIDIANO (E NON UNA "BACHECA") SUL QUALE, INEVITABILMENTE, I CONTENUTI SUCCESSIVI, SPESSO ANCHE RILEVANTI, DEVONO OBBLIGATORIAMENETE SCORRERE PER LASCIARE SPAZIO AI SUCCESSIVI E VIA VIA PIÙ ATTUALI.
TUTTE LE INFORMAZIONI SU NOVITÀ EDITORIALI E SU ALTRI EVENTI CHE PRECEDENTEMENTE APPARIVANO ANCHE IN HOME PAGE SARANNO INVECE ADESSO DISPONIBILI - DI NORMA - SOLAMENTE SULLE PAGINE SOCIAL DI “SEGNALAZIONI” ALLE QUALI RINVIAMO I LETTORI.


LA RASSEGNA STAMPA DI LUNEDI 18 GIUGNO
È ORA DISPONIBILE QUI DI SEGUITO 
I SOLI TESTI SCELTI PER LA RASSEGNA DI OGGI
SONO INSIEME, IN UN'UNICA PAGINA, A QUESTO LINK
ULTIMO AGGIORNAMENTO ORE 20:40
GLI ARRETRATI DI "SEGNALAZIONI" SONO DISPONIBILI NELL’INDICE O SI POSSONO COMUNQUE TROVARE IMPOSTANDO
UNA PROPRIA RICERCA PERSONALIZZATA E MIRATA CON PARTENZA DA QUI
SEGNALAZIONIè un weblog di informazioni segnalazioni e stralci dalla stampa e dal web. Apparso come newsletter già negli anni precedenti, esiste come pagina on line quotidiana a partire dal 2001. Collabora con l'Associazione culturale Amore e Psiche fin dalla fondazione di questa, a far data cioé dal 2007. Per inviare un articolo una segnalazione un’informazione, per suggerimenti e richieste, scrivici un’e-mail al nostro indirizzo: SEGNALA.BOX@GMAIL.COM.
In questa pagina sono disponibili i post pubblicati più di recente. Per contenuti di periodi precedenti cerca negli Archivi - se conosci la data che ti interessa - altrimenti utilizza il box di ricerca di “Google” qui a sinistra.
Questo weblog è pubblicato nell’osservanza degli articoli 65 e 70 della Legge 633.41 e della Licenza Creative Commons (qui a sinistra). Le immagini e la grande maggioranza  dei testi sono state scaricati da Internet e quindi ritenuti di dominio pubblico. Se si desidera chiederne la rimozione è sufficiente scrivere alla redazione. Pagine ottimizzate per Firefox 59.0.2.

CHIUNQUE È LIBERO DI TRARRE DA “SEGNALAZIONI” MATERIALI DA PUBBLICARE SUI SOCIAL NETWORK E SULLE PROPRIE PAGINE WEB O ALTROVE ED È ANZI INVITATO A FARLO. È RICHIESTO PERÒ CHE CHIUNQUE LO FACCIA CITI SEMPRE “SEGNALAZIONI” COME FONTE, E PUBBLICHI ANCHE UN LINK ALLA PAGINA ORIGINALE.
TUTTE LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE DI AVVISI E COMUNICAZIONI DI EVENTI CULTURALI CONCERTI MOSTRE SPETTACOLI INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI E SINGOLI COLLEGATI ALLA NOSTRA RICERCA - SEMPRE GRADITE - SONO GESTITE SEPARATAMENTE E COMPARIRANNO SU “SPAZI” E SULLE PAGINE SOCIAL CONNESSE A "SEGNALAZIONI" E NON QUINDI SU QUESTE PAGINE DEDICATE D'ORDINARIO ESCLUSIVAMENTE ALLA NOSTRA RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA. LE RICHIESTE DI PUBBLICAZIONE VANNO INVIATE - ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA - ALL’INDIRIZZO: SPAZI.BOX@GMAIL.COM


a
a




«Reazione, pulsione, vitalità, creazione, esistenza, tempo, capacità di immaginare.
Forza, movimento, suono, memoria, certezza che esiste un seno.
Percezione cosciente, fantasia, linea, senso, volto»
Massimo Fagioli sul n. 27/2016 di LEFT

«Una lotta, senza armi, soltanto rivoluzione del pensiero e parola»
Massimo Fagioli sul n°49/2008 di LEFT

«Una posizione personale di realizzazione umana completa
nel senso di vivere una disponibilità per gli altri
senza secondi fini di vantaggi materiali o di vantaggi psicologici».

Massimo Fagioli, Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.248

«Troppo difficile per loro la comprensione della dialettica, troppo pesante il conflitto di sentirsi cattivi nel momento del rifiuto.

Troppo lontano, da loro, l’interesse per gli altri, troppo povero l’amore per volere una realtà degli uomini diversa dall’attuale».
Massimo Fagioli, Premessa alla quinta edizione di Istinto di morte e conoscenza, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, pag.43

«Origine materiale. Facile a dirsi. Poi, andando a fondo, si scopre che è difficile, difficilissimo nonostante più di 100 anni di materialismo storico ateo, più di 200 dall'illuminismo ugualmente ateo. È che accettare realmente, nell'inconscio, come realizzazione psichica profonda, e non soltanto come sbandieramento di un concetto astratto o come dovere di coerenza cosciente, l'origine materiale, innanzitutto la propria, significa subito accettare la fine di questa propria realtà materiale. Significa cioè rinunciare all'idea di eternità, spiritello maligno nascosto nella mente di tante persone.
Tutti vogliono restare, nessuno sa accettare di andarsene dopo essere stato ed aver fatto. L'annullamento della nascita, della prima e fondamentale separazione, conduce poi a non fare e non accettare più separazioni mai e da nessuno. Conduce a vivere come se il tempo non passasse, come se si fosse sempre nello stato di prima. Ogni novità, personale, sociale, storica, culturale, viene continuamente annullata. Perché la novità mette in crisi lo status, la norma, e lo rende passato. Lo mette da parte. E si scatena il conflitto e la lotta tra il nuovo e coloro che non sanno modificarsi. Coloro che non riescono ad aprirsi ad una recettività per rapportarsi a quanto prima non c'era.
L'uomo che non ha scoperto la nascita non riesce ad accettare nessuna nascita, resta sempre conservatore, reazionario, ovvero reagisce con l'annullamento di fronte ad ogni nuovo che compare. Non accetta neppure i propri nati, li distrugge, li fa impazzire».
Massimo Fagioli, in Bambino donna e trasformazione dell’uomo. Risposta alla Domanda n. 16 

Dimitri Nicolau (1946-2008) "l’immagine interiore della musica"
 Mercoledì 20 giugno 2018 ore 17.00 (inaugurazione mostra ore 16.00)
Biblioteca Nazionale - Sala Conferenze, Viale Castro Pretorio 105 - Roma

Organizzato da Istituto di Bibliografia Musicale e Biblioteca Nazionale Centrale di Roma
LEGGI TUTTO QUIQUI E QUI  

OGGI A FIRENZE

SABATO 23 GIUGNO
La società "Venti secondi" comunica che
è possibile acquistare il biglietto d'ingresso e la diretta streaming per la sesta giornata di studio“Alle origini dell’uomo” di sabato 23 giugno dalle ore 11.00 alle 17.00 in Via Roma Libera 23, Roma.
Tutte le info su ventisecondi.it/

SABATO 9 GIUGNO A ROMA
LA REGISTRAZIONE DELL'EVENTO È DISPONIBILE
Tutte le info su ventisecondi.it

TUTTI I CONTENUTI RELATIVI ALLA GIORNATA DEL 9 GIUGNO, "LA POLITICA"
PROMOSSA DALLA SOCIETÀ VENTISECONDI
E ALLA GIORNATA DEL 10 GIUGNO DA FIRENZE
OLTRE CHE ALLA GIORNATA DEL 13 MAGGIO  SCORSO A TORINO
SONO ADESSO DISPONIBILI QUI
La registrazione di “Prevenzione del disagio psichico e dispersione scolastica “
l’evento che ha avuto luogo all’Istituto Di Vittorio Lattanzio il 30 Maggio 2018 su iniziativa della
Associazione “La scuola che non c’è” è adesso disponibile qui di seguito a questo link
La registrazione della presentazione della Teoria della nascita di Massimo Fagioli
al Convegno AAPDPP del 3/5 è disponibile  qui


COMUNICATO DELLA
ASSOCIAZIONE CULTURALE "AMORE E PSICHE"
PER LEGGERE IL COMUNICATO CLICCA QUI




IL NUMERO 26 DI LEFT È NELLE EDICOLE

1968
FU SOLO UN INIZIO
sul tema cfr. anche:
"Le notti dell'isteria" di Massimo Fagioli 
sta in: Il sogno della farfalla 1999 n°1 pag.5 (qui)

"Cura, formazione e ricerca" e "Depressione" di Massimo Fagioli
stanno in: Il sogno della farfalla 2002 n°1 pag.5 (qui) L'Asino d'oro edizioni PER RICHIEDERE  LE COPIE ARRETRATE DELLA RIVISTA 
"IL SOGNO DELLA FARFALLA" SI PUÒ RIVOLGERSI QUI

L'Asino d'oro ha iniziato a pubblicare il sogno della farfalla dal 2010; nel 2012 è cambiata la copertina e il formato. 
 La rivista è pubblicata dall’Asino d’oro solo dal 2012
i precedenti numeri sono disponibili anche presso la sede dell'Associazione culturale Amore e Psiche.
L’intero inventario è pubblicato sul sito dell'Associazione, qui.
L’Associazione dispone nella propria sede anche dei numeri dal 1992 al 1997 editati dalla Wichting Editore Milano.

 

IL 15 LUGLIO SCORSO A ROMA
LA RASSEGNA QUOTIDIANA DELLA STAMPA  DI «SEGNALAZIONI»
QUI DI SEGUITO LA RASSEGNA DI OGGI LUNEDI 18
IL COMUNICATO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE "AMORE E PSICHE":
PER LEGGERE IL COMUNICATO CLICCA QUI


LA COPERTINA DELL'ESPRESSO E QUELLA DI INTERNAZIONALE
ENTRAMBE NELLE EDICOLE ADESSO
CLICCA SULL'IMMAGINE QUI SOPRA PER RENDERLA PIÙ LEGGIBILE
FONTE: LIMES. ADESSO NELLE EDICOLE









AlgaNews 17.6.18
Socialismo o barbarie: il nuovo volto del fascismo moderno
di Carlo Patrignani

qui







Il Piccolo di Trieste 14.6.18
I quattro stregoni del ’900
Wolfram Eilenberg indaga pensiero e vita di Wittgenstein, Cassirer, Heidegger, Benjamin
di Federica Manzon

qui

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI LUNEDI 18 GIUGNO

























La Stampa TuttoLibri 16.6.18
Ai tempi della fisica quantistica che bisogno c’è di un Assoluto?
Per la prima volta in italiano il testo sul “determinismo” che Kojève scrisse negli Anni 30 un geniale tuffo ermeneutico nell’universo paradossale teorizzato dalla scienza moderna
di Marco Filoni

qui























Repubblica 18.6.18
Colm Tóibín “Solo la tragedia greca spiega le radici di tutto questo odio”
Agamennone, Oreste, Clitennestra, Ifigenia: lo scrittore irlandese si affida a Euripide per raccontare questi tempi di “fratello contro fratello”
di Leonetta Bentivoglio

qui

La Stampa 18.7.18
Spagnoli brava gente
di Domenico Quirico

La brava gente, quella che si commuove, che prova la compassione depurata di ogni secondo fine, che rifiuta di umiliare e di lasciarsi umiliare, che dice «sì, è fatica e pena, non è facile, eppure così bisogna fare e così faremo», ieri, a cercarla, la trovavi sul molo di Valencia Spagna Europa Occidente. La brava gente… quello che noi italiani eravamo. Perché c’è ancora, c’è sempre la brava gente, ferma su quel filo, aggrappata a quel filo che più forte di un cavo di acciaio, afferrata con le mani e con i denti a quel filo che è volontà di guardare a occhi aperti la sciagura dell’Altro, di resistere, di credere, di piangere con lui, di amare il suo dolore. Che è anche, sempre, un poco o tanto, il tuo.
Ce lo siam portati dietro per secoli, noi, questa definizione «brava gente»; ed era la medaglia più grande, le parole da scriver sulla bandiera. Infatti qualcuno, gli arroganti, i decisionisti, i mascelluti, che anche quelli ci son sempre e qualche volta sembrano maggioranza, lo bestemmiava come il marchio della debolezza nazionale: italiani brava gente! E inveiva a seppellirla, la nomea di «zerbini», sotto cumuli di violenze e di soperchierie.
Non so: forse le nazioni e i popoli non hanno anima. Ma se c’è, quella era la nostra anima di popolo provato dalla Storia e che sapeva da quel dolore suo capire e compatire.
Adesso altri se lo calano addosso, con orgoglio, un marchio di dignità e di appartenenza, la grande Lega universale della pietà, senza spadoni twitter e bugie.
Sì. I migranti ci hanno rivoltati come un guanto, hanno imposto con la loro sola presenza l’obbligatorietà di una domanda: chi siamo? Cosa vogliamo essere? Ci hanno tolto i veli della ipocrisia, della retorica, ci hanno obbligato a dividerci fisicamente: di qua o di là, non c’è remissione. Finalmente!
Gli xenofobi, quelli che hanno immancabilmente paura di qualcosa, vivono assediati da qualche pericolo, i negri i gialli i giudei i maomettani i capitalisti i boches la perfida albione… sono una razza, da Drumont in avanti, sempre e soltanto uguale. Esiste un universo del rifiuto, fermo, cristallizzato come una specie per cui la fase della evoluzione si è chiusa. Ebbene di fronte a loro il manicheismo è permesso, obbligatorio. Possono camuffarsi con ragionamenti economici, affidarsi al cavillo leguleio, ma in fondo sono sempre quello, un mondo soggettivamente insensibile, nessun margine di fluidità, tremendamente, nello stesso tempo, forte e debole, prigioniero della propria natura. Sono chiusi, per loro i giochi sono eternamente fatti. Di fronte a tutto questo bisogna a un certo punto esimersi dallo sforzo di interpretare, capire, modificare. Si può solo, risolutamente, passare dall’altra parte.
La Migrazione li ha fatti emergere, con strepiti e urla. Loro di là. E di qua gli altri, quelli che aspettavano la nave «Acquarius» con i suoi naufraghi e le altre caravelle delle «crociere» disperate che verranno. Non per inveire, ma per aiutare e servire. E quelli che lavorano nelle organizzazioni umanitarie: per la mia generazione era un sogno e un dovere, oggi sembra un reato da codice e manette. Quelli che credono, obbligatoriamente, nell’unico diritto che non è sminuzzabile in codicilli, che non si può diluire con l’acqua degli azzeccagarbugli: il diritto dell’uomo astratto, di sopravvivere, di fuggire, di essere libero. L’espressione spaziale di questa tensione morale è il desiderio di scavalcare frontiere come se non ci fossero. La brava gente è quella che sente ogni violazione del diritto universale come un pezzo della propria condizione di uomo che salta via come una scheggia. Non i buoni o i buonisti, i debolucci, i professionisti del piagnisteo. No, gente dura, implacabile, determinata che sa che la sofferenza altrui mi coinvolge e mi condanna, che non ho il diritto di voltargli le spalle. Ieri erano sul molo di Valencia: purtroppo non a Lampedusa o a Catania. Non perché non esistano anche qui. Perché l’hanno vietato.










La Stampa 18.6.18
Calzolai, professori e bambini
Il popolo dell’Aquarius è a Valencia
di Francesco Olivo

qui

La Stampa 18.6.18
Maria e Mostafa, quell’esercito di irregolari
di cui l’Italia non può più fare a meno
di Karima Moual

qui

Corriere18.6.18
Fenomenologia del leader leghista
Il buonismo era logoro. Ma il cattivismo è meglio?
di Antonio Polito

qui







Repubblica 18.6.18
La forza della Lega
Così la Lega ha oscurato il non-partito
di Nadia Urbinati

qui








Il Fatto 18.6.18
Benvenuti al capolinea dei migranti-fantasma
È nei centri di transito dell’Onu che finisce la fuga di chi non riesce a entrare in Libia. E i 500 militari italiani “allertati” un anno fa non sono mai arrivati
di Pierfrancesco Curzi

qui











Il Fatto 18.6.18
“Io, baby-soldato agli inferi per i soldi di Boko Haram”
Fra i giovani detenuti nel carcere minorile della capitale Niamey
di Pfc

qui

















La Stampa 18.6.18
Turchia, la tratta delle rifugiate siriane
Vendute ai ricchi come “seconde mogli”
di Marta Ottaviani

qui








Corriere 18.6.18
Furio Colombo sfata gli stereotipi 

Un’enciclopedia contro le falsità
Polemica Una raccolta di scritti edita da La nave di Teseo mette in scacco le mistificazioni del razzismo
di Corrado Stajano

qui

Il Fatto 18.6.18
Per capire la cultura del Male prima e dopo la Shoah
La spiritualità segreta dei “marrani” nelle campagne antisemite in Spagna
di Furio Colombo

qui


























La Stampa TuttoLibri 16.6.18
Il “j’accuse” di Pareto dall’Italia dell’800: la Casta è al servizio solo di se stessa
Una feroce analisi dell’era Crispi nelle lettere che l’economista scrisse per una rivista anarchica americana dalla cialtroneria della classe politica, alle trappole dell’ignoranza e del populismo, alla fede liberale
di Ugo Magri
.
qui

La Stampa TuttoLibri 16.6.18
Non si muore di troppo dolore: i greci ce lo insegnano da 3mila anni
Dopo la scomparsa della moglie un uomo perde la forza di andare avanti e occuparsi del figlioletto ma una studentessa, innamorata dei poeti antichi, gli fa dimenticare “il mare color del vino”
di Andrea Marcolongo

qui







Repubblica 18.6.18
Le nomine
Le mire dei Cinquestelle su Raitre
Sindacato giornalisti, spunta la lista sovranista e fa il pieno. Per la direzione dei Tg Salvini punta sull’amico Sangiuliano
di A.Cuz.

qui

Repubblica 18.6.18
Intervista a Zoro
“Al potere un’estrema destra che governa a colpi di propaganda. Danni incalcolabili”
di Concetto Vecchio

qui












Repubblica 18.6.18
Primo sì alla legge che vieta di filmare i militari israeliani
di Marco Ansaldo

qui





























LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI DOMENICA 17 GIUGNO
ALCUNI QUOTIDIANI, VENETI E NON SOLO, E IN PARTICOLARE STAMPA E REPUBBLICA OGGI SONO IN SCIOPERO.
il manifesto 17.6.18
Il papa pro life che parla come il ministro Fontana
Vaticano. Bergoglio riceve il forum delle associazioni famigliari cattoliche e fa un discorso in linea con le posizioni chiuse dei predecessori: gli aborti selettivi sono come i nazisti in guanti bianchi. E sapete perché non si vedono più nani in giro?
di Luca Kocci

le nostre scelte di oggi

Il Fatto 17.16.18
“Nazisti coi guanti bianchi”. Bergoglio torna a fare il Papa
Dopo la legge sull’interruzione di gravidanza in Argentina Francesco difende la famiglia: “Solo tra uomo e donna” e critica l’aborto
di Guido Gazzoli

le nostre scelte di oggi

























il manifesto 17.6.18
La massima infelicità è un passatempo da ragazzi
Tempi presenti. Un percorso di lettura, tra psicologia e sociologia, sui ventenni americani. Tra IPhone, social e depressione. Figli dei Millennials, detti anche Generazione Y, che erano nati tra inizio anni Ottanta e il 1996. Hanno paura dei sentimenti, del sesso, rifiutano il dissenso sociale. E aumenta il numero di suicidi
di Teresa Numerico

le nostre scelte di oggi











Corriere Domenica 17.6.18
Istruzioni per sopravvivere: via dai social e diventate gatti
Ci stiamo disumanizzando
Chiudere l’account di Facebook, niente Twitter né foto su Istagram: la soluzione è drastica ma necessaria
«Non dobbiamo essere docili, ma felini ribelli»
di Federica Colonna 

sul Corsera di oggi
















Corriere 17.6.18
Fascismi vecchi e nuovi
Quel baratro aperto tra «sinistra» e «popolo»
di Luciano Canfora

sul Corsera di oggi









il manifesto 17.6.18
La guerra dentro. Ovvero, vincere la sfida della disumanità
Migranti/Sinistra. Rischiamo di avere oggi «socialisti senza umanità» (quelli che squassano la sinistra in Europa, fin dal cuore della Linke tedesca) e «umanitari senza socialità» (senza solidarietà sociale)
di Marco Revelli

le nostre scelte di oggi












il manifesto 17.6.18
L’Italia vittima predestinata di una crisi epocale
Populismi/sinistra. È in corso la prima sperimentazione di due soggetti, con tratti comuni a tutti i populismi, ma con radici territoriali, sociali, demografiche diverse. Se questo incontro si consolida, come sta accadendo, sotto la guida travolgente della destra leghista, esso è destinato a produrre uno smantellamento di assetti istituzionali e di valori
di Aldo Carra

le nostre scelte di oggi

il manifesto 17.6.18
In ventimila a Roma contro il governo: «Prima gli sfruttati»
Il corteo. Corteo Usb per la «giustizia sociale». Abo Soumahoro: «La pacchia è finita per Salvini». Ricordato Soumaila Sacko ucciso in Calabria. In piazza, tra gli altri, Potere al Popolo, Eurostop, Rifondazione Comunista. A Padova manifestazione Adl Cobas.
di Roberto Ciccarelli

le nostre scelte di oggi

Il Sole 17.16.18
Politica migratoria: la solidarietà non basta
di Sergio Fabbrini

le nostre scelte di oggi













Il Fatto 17.6.18
Gli ordini di Salvini e il silenzio dei 5S
di Furio Colombo

le nostre scelte di oggi

Il Fatto 17.6.18
Matteo Due, la barzelletta che fa ridere soltanto lui
di Antonio Padellaro

le nostre scelte di oggi





il manifesto 17.6.18
Valencia, accoglienza senza autorità. Sánchez offre il permesso di un mese, e poi?
Spagna. Una manifestazione darà il benvenuto ai 630 migranti messi in salvo sull'Aquarius. Il governo opta per il soggiorno straordinario, ma finito il tempo sarà espulsione o Cie. La Francia collabora: una squadra di esperti valuterà i casi per il diritto d’asilo
Conferenza stampa del sindaco di Valencia Joan Ribo con la vicepresidente della regione Monica Orta e un membro della Croce rossa
di Luca Tancredi Barone

le nostre scelte di oggi



















il manifesto 17.6.18
Salvini, scontro con le ong: «Non venite qui». «Fascista»
Intanto la Francia apre ai migranti dell'Aquarius. Il ministro leghista continua la sua battaglia contro le organizzazioni. E il M5S si accoda
di Leo Lancari

le nostre scelte di oggi

Il Fatto 17.6.18
I dem tagliano, la Fondazione raccoglie
Doppi ruoli - Bonifazi è tesoriere del partito e presidente del think tank renziano
di Wanda Marra

le nostre scelte di oggi

Il Sole 17.6.18
Atene volta pagina e archivia Grexit
Giovedì l’Eurogruppo per sancire l’uscita dal bailout. Il Paese esce provato dall’austerity ma non rinnega euro e Ue. E l’economia dà segnali di ripresa
di Stefano Carrer

le nostre scelte di oggi








il manifesto 17.6.18
Usa-Messico: duemila bambini separati dai genitori
American Psycho. Ma Trump non si ferma: prossima settimana sarà votata la legge che finanzia il muro
di Simone Pieranni

le nostre scelte di oggi










il manifesto 17.6.18
Henry Miller, carosello infoiato a Parigi
Miller, sesso e disperazione. «Giorni tranquilli a Clichy», Adelphi, composto a New York dopo il soggiorno francese, uscì nel ’56 per Olympia Press, con le foto di Brassaï
di Pasquale Di Palmo

le nostre scelte di oggi 











il manifesto 17.6.18
Monet e gli americani
A Parigi, Musée de l'Orangerie, "Nymphéas. L’abstraction américaine et le dernier Monet", a cura di Cécile Debray
di Jolanda Nigro Covre

le nostre scelte di oggi

Il Fatto 17.6.18
Isola d’Elba, ritrovata la biblioteca perduta di Napoleone in esilio

le nostre scelte di oggi











Il Sole Domenica 17.6.18
Oltre le crisi
Fascino e debolezza del gioco democratico
di Paolo Pombeni

La democrazia e i suoi limiti di Sabino Cassese Nuova edizione, Mondadori, Milano, pagg. 134, € 13
le nostre scelte di oggi

Il Sole Domenica 17.6.18
Paolo Matthiae.
Le scoperte, che bellezza!
L’archeologo italiano che ha riportato in luce la città di Ebla racconta le più clamorose campagne di scavo effettuate dall’Ottocento a oggi tra Egitto e Mesopotamia
di Marco Carminati

le nostre scelte di oggi










Corriere La Lettura 17.6.18
Età del Bronzo
Nella Sassonia di quattromila anni fa la più antica rappresentazione

sul Corsera di oggi

Corriere La Lettura 17.6.18
1380 circa a.C./ Diciottesima Dinastia
Il disco simbolo di Ra (e del colosso petrolifero)

sul Corsera di oggi















Corriere La Lettura 17.6.18 
Antica Grecia
Helios corre a perdifiato trainato dai cavalli divini
sul Corsera di oggi















Corriere La Lettura 17.6.18
Le analisi dello psicologo sociale John Bargh
A tua insaputa
La mente ibconscia che guida le nostre azioni
Il caffè è caldo? Siamo clementi Il caffè è freddo ? Siamo severi
di Giancarlo Dimaggio

sul Corsera di oggi

Corriere La Lettura 17.6.18
1380 circa a.C./ Diciottesima Dinastia
Il disco simbolo di Ra (e del colosso petrolifero)

sul Corsera di oggi











Il Sole Domenica 17.6.18
Julia Kristeva
De Beauvoir. Quando la donna diventò soggetto

di Francesca Rigotti
le nostre scelte di oggi
  
Il Sole 17.6.18
Un nuovo filone di ricerca per neurologi, cardiologi e dermatologi
È l’euforia naturale firmata «dopamina»
di Nicoletta Carbone

le nostre scelte di oggi












Il Sole Domenica 17.6.18
Astrochimica in Italia
Normale di Pisa: nuove ricerche sull’origine della vita
Scienza e ricerca hanno intrapreso un viaggio senza precdenti. Anche l’Italia protagonista
di Vincenzo Barone

Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa
(nell’immagine: la distribuzione della densutà gasssa all’interno di una galassia)
le nostre scelte di oggi








Il Sole Domenica 17.6.18
A colloquio con Amos Oz. Il «bisturi» dei letterati è la curiosità e il sapersi immedesimare negli altri
Gli strumenti di un grande scrittore
di Giulio Busi

le nostre scelte di oggi
 











Il Sole Domenica 17.6.18
In fuga dal tempo arido e mediocre
Saggistica. Omero, Cicerone, Virgilio. Oppure Corneille, Racine, Moliére. Sono gli amici intimi di Marc Fumaroli, esule volontario nella «Repubblica delle lettere», animato da un dichiarato rigetto verso i miti della modernità
di Lina Bolzoni

le nostre scelte di oggi











Il Sole Domenica 17.6.18
Misticismo
Simone Weil e il Dio che abdica al divino
di Armando Torno

le nostre scelte di oggi










Il Sole Domenica 17.6.18
E la bellezza diventò politica
Toni Morrison. Un Meridiano celebra la scrittrice afroamericana che ha saputo usare la grande letteratura come strumento di denuncia della condizione dei neri senza snaturarla
di Lara Ricci

le nostre scelte di oggi

Il Sole Domenica 17.6.18
Francesco Malgaroli
Tra i vivi e i non morti, raccontare l’ictus
di Raffaele Liucci

le nostre scelte di oggi















Il Sole Domenica 17.6.18
La mutevolezza dell’essere
Michel de Montaigne. Un libro pieno di sapienza: Nicola Panichi esamina il pensiero che conferma l’«imaginativa», l’alterità e l’altrove dello spirito umano tra bizzarria e bellezza
di Carlo Ossola

le nostre scelte di oggi

Il Sole Domenica 17.6.18
Gianni Vattimo. Le geniali provocazioni d’un ottantenne dall’indomabile spirito
Vade retro sionista di un metafisico!
di Maria Bettetini

le nostre scelte di oggi










Il Sole Domenica 17.6.18
Incroci di civiltà. Repubblica culturale arabo-europea
Tra il Cinquecento e il Settecento i musulmani furono una presenza costante nel Vecchio continente. Tra loro figuravano raffinati intellettuali che, con grande rigore, operarono per avvicinare l’Europa ai capolavori della letteratura araba
di Franco Giudice

le nostre scelte di oggi

Il Sole Domenica 17.6.18
Tutta «colpa» del cervello
Adolescenza. Oggi riusciamo a spiegare dal punto di vista neuroscientifico come molti dei tipici comportamenti dell’età dipendano da un processo di sfoltimento sinaptico
di Vittorio Lingiardi














Il Sole Domenica 17.6.18
Filosofia della scienza. Un viaggio da forme di vita elementari fino ai robot
Evoluzione della mente tra andata e ritorno
L’intreccio tra competenza senza conoscenza e la coscienza
di Paolo Legrenzi





LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 16 GIUGNO









Repubblica.it 16.6.18
Il Papa: "Famiglia immagine di Dio è solo uomo-donna. Aborto selettivo come nazismo. Infedeltà, mogli siate pazienti"
Il Pontefice ai delegati del Forum delle Famiglie: "Anche se non credenti, se si amano e uniscono in matrimonio sono a immagine e somiglianza di Dio"

qui
si ringrazia Stefano Viali 












Repubblica 16.6.18
Memorie dal sottosuolo
Così il cervello riscrive i brutti ricordi
Il segreto svelato studiando i topi: il trauma iniziale registrato dai neuroni viene modificato ma non cancellato
Prima e dopo In verde i neuroni attivi con il ricordo del trauma.
In rosso gli stessi neuroni quando il ricordo non è più traumatico
di Giuliano Aluffi

qui

 












il manifesto 16.6.18
 Rapporti armonici della vita cercati con parole e note
«La vendetta di Dioniso». Il saggio di Marco Maurizi mette alla prova l’estetica del filosofo Theodor Adorno
Emma Parker, «A book about being broken»
di Gianpaolo Cherchi

qui













Repubblica 16.6.18
Storia di Milena la Musa di Kafka che cambiò il ’ 900
di Melania Mazzucco

qui




il manifesto 16.6.18
Elettrochoc da strada
Pistole 2.0. Sfruttando il caso di Genova, si accelera la sperimentazione del taser, senza approfondire i casi etichetatti come «sindrome da delirio eccitato». Finirà che le forniranno agli psichiatri...
Esemplari di Taser, pistole elettriche
di Piero Cipriano

qui

























il manifesto 16.6.18
In tre mesi già 169 casi di violenza razzista in Italia
Dossier di Lunaria. Il rapporto individua due cause della diffusione del senso comune xenofobo e destrorso: la deriva securitaria del governo precedente e la cassa di risonanza dei media
di Rachele Gonnelli

qui



il manifesto 16.6.18
 


«In piazza nel ricordo di Sacko, uniamoci contro il razzismo»
Intervista a Aboubakar Soumahoro . Il sindacalista che guida i braccianti Usb: come i rider vogliamo paga dignitosa. Un tessuto sociale è stato costruito dalla Turco– Napolitano passando per la Minniti–Orlando fino al contratto di questo governo. Il tessuto legislativo fa cultura. È la legge Bossi-Fini col vincolo lavoro-permesso che impone di accettare lo sfruttamento, creando uno stato di ricattabilità che trascina verso il basso l’insieme dei lavoratori
di Fabrizio Rostelli

qui
La Stampa 16.6.18
Arriva l’Aquarius
Prima ancora di arrivare l’Aquarius ha già fatto un piccolo miracolo: cambiare la fama di Valencia, basta corruzione, ora è il momento della solidariet
A Valencia è l’ora della solidarietà
di Francesco Olivo

su La Stampa di oggi: qui

La Stampa 16.6.18
Cure sanitarie

Il governo socialista di Pedro Sanchez procede con la media di un annuncio al giorno. Ieri è stata la volta della sanità universale per tutti. L’estensione riguarda anche gli immigrati non in regola con il permesso di soggiorno, esclusi da una riforma del 2012 dell’esecutivo di Mariano Rajoy. Di fatto, si tratta della prima misura ufficiale dell’esecutivo di sinistra, nato con la mozione di sfiducia ai danni del Partito Popolare. Nonostante la legge lo impedisse, molte regioni spagnole avevano continuato a dare assistenza ai migranti senza i documenti, così il governo non prevede costi eccessivi per finanziare questa misura. «È una questione di decenza e di giustizia», scrive in un tweet il premier Pedro Sanchez. fra. oli.

La Stampa 16.6.18
Macron, schiaffo a Salvini
“Io parlo solo con Conte”
L’irritazione del ministro dell’Interno: perché il premier non mi ha difeso?
di Ilario Lombard

su La Stampa di oggi: qui







il manifesto 16.6.18
«Norme non applicate, e i migranti minorenni spariscono»
Se questa è Europa. Intervista a Giulia Capitani che ha realizzato il rapporto Oxfam: «In un anno e mezzo la Francia ha respinto 19mila minori. E sono ormai molti gli irreperibili, spesso finiti nelle mani di trafficanti»
di Adriana Pollice

qui

Repubblica 16.6.18
Il rapporto Oxfam
L’atto d’accusa su Ventimiglia “ La polizia francese maltratta i bimbi”
Paolo G. Brera

qui







il manifesto 16.6.18
Via Almirante, l’ignoranza della storia genera mostri
Campidoglio. Gli eletti 5Stelle di Roma votano una mozione di Fratelli d'Italia. Possibile che nessuno di loro abbia un vago sentore di chi sia stato Giorgio Almirante?
di Angelo d'Orsi

qui






Il Fatto 16.6.18 
Mambro, quella brava ragazza. L’ultimo oltraggio a Bologna
Le balle in aula di Fioravanti - 2 agosto ’80
Profondo nero. Fioravanti e Mambro
di Loris Mazzetti

qui
  
Repubblica 16.6.18
Mi attaccano perché sono donna »
Quella frase pericolosa
di Michela Marzano

qui












Repubblica 16.6.18
Partito democratico
Scontro nel Pd sui conti i dipendenti sono in cassa Scatta la caccia ai morosi
Il tesoriere Bonifazi presenta il bilancio chiuso con 500mila euro d’avanzo Decreti ingiuntivi per 60 parlamentari, tra questi l’ex presidente Grasso
di Maria Berlinguer

qui
Sopra e sotto, la vita è una ruota
«chi si somiglia si piglia»









La Stampa 16.6.18
Il costruttore trattava col M5S per conto della Lega
“Un premier terzo, poi voi vi spartite i ministeri”
Interrogatorio parallelo tra Lanzalone e Raggi...
di Francesco Grignetti Edoardo Izzo

su La Stampa di oggi: qui

il manifesto 16.6.18
Parità di diritti uomo-donna in Tunisia, il tabù dell’eredità
di Giuliana Sgrena

qui













il manifesto 16.6.18
Trump vuole il football in ginocchio
Stati Uniti. La lunga lotta tra il presidente e i Philadelphia Eagles, campioni dello sport nazionale americano. The Donald ha annullato la loro visita alla Casa Bianca dopo le proteste dei mesi scorsi
di Nicola Sellitti

qui


La Stampa 16.6.18
“Azzurro è stato il mio Sessantotto
Cinquant’anni passati in un lampo”
di Michela Tamburrino

su La Stampa di oggi: qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI GIOVEDI 14 GIUGNO

















Corriere 14.6.18
In un anno solo 458 mila neonati È il record negativo dall’Unità d’Italia
Il dossier dell’Istat: il calo in atto da dieci anni. Anche gli stranieri fanno meno figli
di Alessandra Arachi

qui














Corriere 14.6.18
L’emergenza sbarchi
I due cadaveri trovati abbracciati «Sono morti di stenti sul gommone»
Catania, a terra i naufraghi salvati dalla nave Diciotti. «Ci servono medicine»
di Giusi Fasano

qui
Si ringrazia Antonio Pilichi














il manifesto 14.6.18
I corpi dei migranti indifesi ridotti a ostaggi
di Raffaele K. Salinari

qui
















Il Fatto 14.6.18
Zig zag, sudore zero e il niet a B.: dove va l’aplomb di Giggino
di Pino Corrias

qui



Il Fatto 14.6.18
Da Zawya a Bengasi, i predoni libici in attesa di nuovi affari
Spada di Damocle. Chi sono i capi-banda (tra faide e alleanze) con i quali trattare lo stop dai traffici
di Nancy Porsia

qui

il manifesto 14.6.18
Macron contro l’estrema destra (e non contro l’Italia)
Aquarius. Annullata la visita di Tria a Bercy (ma con Le Maire si vedranno "tra qualche giorno"). Il presidente francese replica all'offensiva di Salvini, "li conosciamo, abbiamo gli stessi". Per l'Eliseo la visita di Conte resta in agenda venerdì. Divisioni dentro En Marche sulla politica migratoria
Anna Maria Merlo

qui


il manifesto 14.6.18
A Roma si erano accesi tutti gli allarmi ma nessuno ha voluto vedere
Un rendering del progetto dello Stadio della Roma a Tor di Valle
di Paolo Berdini

qui

Il Fatto 14.6.18
Salvini dia indietro i 250 mila euro
Il consiglio. Rispedisca così i fondi ricevuti: “Grazie, ma sono troppi e la gente mormora”
di Antonello Caporale

qui

La Stampa 14.6.18
Il partito degli affari scavalca la giunta


Così il Movimento ha perso la sua verginità
di Fabio Martini

qui

Corriere 14.6.18
La nuova inchiesta corrotti il copione si ripete
di Giovanni Bianconi

qui

Corriere 14.6.18
Il sistema di regali e favori
di Fiorenza Sarzanini

qui

Repubblica 14.6.18
Stadio della Roma, ecco perché Virginia Raggi deve dimettersi
Il consigliere più stretto ai domiciliari. Il capogruppo in consiglio comunale indagato, insieme ad altri esponenti del M5S. Di fronte a tale sfacelo politico la sindaca eletta dopo aver giurato "onestà" rimetta il mandato
di Sergio Rizzo

qui

 









Repubblica 14.6.18
L'urbanista Berdini: “Non mi piegai e mi cacciarono, questa storia peggio di Mafia Capitale”
Ex assessore della giunta Raggi fino al febbraio 2017, fu allontanato per frasi ritenute offensive alla sindaca. "Ma mi avrebbero mandato via per lo stadio", disse ai giornalisti
intervista di Mauro Favale

qui

Repubblica 14.6.18
Stadio Roma, Salvini difende il costruttore che finanziava la Lega: "Parnasi persona perbene"
Il ministro dell'Interno sull'impenditore arrestato: "Spero possa dimostrare la sua innocenza". Raggi: "Se il progetto è regolare, va avanti". Martina: "Colpo pesante per l'amministrazione capitolina". Toninelli: "Chi sbaglia, paga". E Di Maio invoca i probiviri
di Giovanna Vitale

qui

Il Sole 14.6.18
La credibilità dei 5 stelle e le differenze con la Lega
di Lina Palmerini

qui

Corriere 14.6.18
Salvini: per me nessun limite al contante
Il vicepremier: la flat tax nel 2018, cedolare secca anche per i negozi. Niente Imu per quelli sfitti
di Andrea Ducci

qui



Repubblica 14.6.18
 

Pagare senza lasciare traccia
Il governo e la pazza voglia di contanti ma così aumentano evasione e reati
Il titolare dell’Interno dice che non ne limiterebbe l’uso,  Bankitalia che aiuta la criminalità. I grillini in silenzio
di Marco Ruffolo

qui

Corriere 14.6.18
L’isolamento e la necessità di una strategia di lungo termine
di Massimo Franco

qui

Repubblica 14.6.18
Poche donne il cambiamento è rinviato
di Chiara Saraceno

qui




Repubblica 14.6.18
Austria e Seehofer (Cdu) pro Salvini
Tedeschi divisi Merkel nel mirino dell’asse nero
di Tonia Mastrobuoni

qui

Repubblica 14.6.18
Nasrin Sotoudeh
Arrestata in Iran l’avvocatessa dei diritti umani
di Francesca Caferri

qui


















Corriere 14.6.18
Il dono del  che salverà Gaza
L’arte di riparare il mondo
di Yaniv Iczkovits

qui













il manifesto 14.6.18
Emily Dickinson, il mistero della poesia
Al cinema. «A Quiet Passion»,il nuovo film di Terence Davies, ripercorre la vita e le scelte della poetessa tra emancipazione e moralismo. Cynthia Nixon dà il volto a una figura femminile chiusa nella solitudine e nell’insuccesso dei suoi versi
di Beatrice Fiorentino

qui
 











Corriere 14.6.18
I pregiudizi (nel diario privato) di Einstein sui cinesi
di Giulio Giorello

qui




LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 13 GIUGNO














Dolores Delgado, Ministro della Giustizia del governo guidato da Pedro Sanchez: "Non è una questione di generosità ma di diritto umanitario. Ci possono essere responsabilità penali internazionali per la violazione dei trattati sui diritti umani”









































il manifesto 13.6.18
Umani in cerca di autore
Paleoantropologia. «Mio caro Neandertal. Trecentomila anni di storia dei nostri fratelli» di Silvana Condemi, paleoantropologa e direttrice di ricerca al Cnrs di Aix-Marseille, insieme al giornalista scientifico François Savatier, per Bollati Boringhieri. Un indizio: negli stessi anni in cui, nelle terre occupate dai Neandertal, arriviamo noi, Homo sapiens, i primi scompaiono
di Andrea Capocci

qui


LA NEBULOSA AQUILA (M16 _ The Eagle Nebula) from SEGNALAZIONI.BOX on Vimeo.
La Stampa 13.6.18
Mille verità invisibili si nascondono in ogni immagine
di Marco Pivato

qui


































il manifesto 13.6.18
Parigi: «Italia da vomito». Scontro totale sui migranti
Delitto d'asilo. Lezioni ipocrite»: palazzo Chigi valuta l’annullamento del vertice Conte-Macron di venerdì. Alza il tiro anche la Spagna. La ministra della giustizia Delgado ipotizza «responsabilità penali internazionali». Merkel: «Se la Ue non riesce a rispondere in modo unitario sull’immigrazione esplode»
di Andrea Colombo

qui

Il Fatto 13.6.18
Macron attacca sui rifugiati pensando a banche e Libia
“Vomitevole”. Il portavoce del partito del presidente e poi quello dell’Eliseo stroncano le mosse del governo sul caso Ong per indebolire l’Italia in Ue
di Stefano Feltri

qui

il manifesto 13.6.18
La Spagna contro Salvini: «Quale buonismo, l’Italia rischia azioni penali»
Aquarius. La ministra della giustizia Dolores Delgado mette in guardia: violati i trattati internazionali
di Luca Tancredi Barone

qui

Repubblica 13.6.18
Intervista a Attal (portavoce En Marche)
“Ho detto ‘linea vomitevole’ perché con le vite non si gioca”
di a.g.

qui

La Stampa 13.6.18
Il sovranismo genera i conflitti
di Gian Enrico Rusconi

qui

Corriere 13.6.18
La tela strappata
di Paolo Lepri

qui

Corriere 13.6.18
La polemica sui migranti ricompatta l’esecutivo
di Massimo Franco

qui

Corriere 13.6.18
Lo scontro (perdente) tra la sovranità e l’umanità dell’Italia
di Donatella Di Cesare

qui

Repubblica 13.6.18
Le reazioni di Parigi
La paura del contagio
di Andrea Bonanni

qui

Reupbblica 13.6.18
Dalla Francia un regalo per la Lega
di Stefano Folli

qui

Il Fatto 13.6.18
“Ma se salgono sulle nostri navi sono in Italia”
L’ammiraglio Vittorio Alessandro. “A norma del trattato di Dublino il nostro è il Paese di prima accoglienza”
di Stefano Caselli

qui

Il Fatto 13.6.18
Spinelli: “Illegale negare il porto ma Roma è vittima di iniquità”

qui

Il Fatto 13.6.18
Non solo Aquarius, la tragedia continua è in territorio libico
di Peter Gomez

qui
Il Fatto 13.6.18
Latina, il clan rom Di Silvio accusato di mafia faceva campagna elettorale per il candidato di Salvini
di Marco Pasciuti

qui

Il Fatto 13.6.18
Lega e soldi dal Lussemburgo: i pm cercano a Bolzano i milioni del Carroccio rientrati in Italia
Caccia - Una segnalazione di Bankitalia innesca i pm di Genova: una rogatoria per capire se si tratta dei rimborsi per cui sono stati condannati Bossi e Belsito
di Valeria Pacelli e Ferruccio Sansa

qui

La Stampa 13.6.18
Sospetti fondi della Lega dal Lusseburgo, blitz della Finanza alla Sparkasse di Bolzano
Gli inquirenti sono alla ricerca di prove. Nel mirino il presunto riciclaggio di parte dei rimborsi fuorilegge che il partito ha incassato dal Parlamento fino al 2013
di Matte Indice

qui











il manifesto 13.6.18
Vienna prepara una mega esercitazione anti-migranti
Isteria austriaca. Più di mille agenti e soldati mobilitati al confine con la Slovenia. Che non gradisce e protesta
di Angela Mayr

qui

Repubblica 13.6.18
Intervista a Felix Klein
“Così in Germania combatto l’antisemitismo sempre più esibito”
di Tonia Mastrobuoni

qui

La Stampa 13.6.18
Scontro su Copasir e Vigilanza
Il Pd potrebbe restare a secco
di Carlo Bertini

qui












Il Fatto 13.6.18
Terni, la parabola d’acciaio del fu Pd
di Daniela Ranieri

qui













il manifesto 13.6.18
Balibar: «Ora il Mediterraneo prende la dimensione di genocidio»
Intervista a Etienne Balibar. «Sui migranti tutti i Paesi Ue adottano politiche ipocrite, ripugnanti e si fanno paravento con il gruppo di Visegrad». Per il filosofo, «La tecnocrazia europea, preferisce i populismi alle spinte democratiche di sinistra, li vede come un minor male di fronte alla crescita del risentimento popolare»
A bordo dell’Aquarius, sotto Etienne Balibar
di Anna Maria Merlo

qui













il manifesto 13.6.18
Contro lo straniero e contro le élite due populismi diversi
Sinistra / governo. Questo nuovo governo nasce da una parziale convergenza tra due diverse forme di discorso populista. Difficile dire quanto stabile si rivelerà, ma in ogni caso, è su questa linea di frattura che dovrebbe insinuarsi un discorso democratico alternativo
di Antonio Floridia

qui






il manifesto 13.6.18
Cartolina dal futuro nazionalpopulista
Trump-Salvini. Una nazione ostaggio dei propri governanti, nel segno della demagogia e del rancore. L’esperienza americana degli ultimi 18 mesi può essere letta come un triste pronostico per l’Italia
di Luca Celada

qui













il manifesto 13.6.18
Primarie aperte, scegliamo il candidato presidente
Primavera europea. La lista transnazionale lanciata con il movimento europeo DiEM25, nasce come sforzo di unione tra le forze progressiste. Pensiamo si debba arrivare alle elezioni europee del 2019 con una visione chiara, un programma e un candidato comune alla Presidenza della Commissione
di Janis Varoufakis

qui


il manifesto 13.6.18
Nuovo assetto, ci guadagna la Cina
Pax asiatica. A Pechino serve un’Asia che non sia turbolenta per il suo sviluppo economico, per la Nuova via della Seta, per la vendita anche all’estero di robotica e prodotti legati all’intelligenza artificiale
di Simone Pieranni

qui
 
il manifesto 13.6.18
La via cinese al mondo contemporaneo
Saggi. «Il socialismo prospero» di Fabio Massimo Parenti, edito da Nova Europa
Sun Jiaxin, Skin change
di Mauro Trotta

qui

Il Sole 13.6.18
Storico incontro tra Kim e Trump ma il vero vincitore è il cinese Xi
di Stefano Carrer

qui

il manifesto 13.6.18
Dopo Singapore, nel mirino di Trump c’è l’Iran
Washington/Tehran. Chiuso per ora il dossier nordcoreano, adesso l'Amministrazione Usa può dirigere tutta la sua aggressività in politica estera contro l'Iran, con il pieno sostegno di Israele e Arabia saudita.
Il presidente ira
di Michele Giorgio

qui

La Stampa 13.6.18
Pechino ora ha paura di restare ai margini
“Bisogna rivedere le sanzioni americane”
di Carlo Pizzati

qui




il manifesto 13.6.18
Uno spartiacque nel potere costituito
Edgar Morin. «Maggio 68. La Breccia», del filosofo francese per Raffaello Cortina
di Alessandro Santagata

qui

il manifesto 13.6.18
Uno spartiacque nel potere costituito
Edgar Morin. «Maggio 68. La Breccia», del filosofo francese per Raffaello Cortina
di Alessandro Santagata

qui







Corriere 13.6.18
Il debutto di «Conversazione su Tiresia»
Camilleri: di nuovo in scena perché voglio capire l’eternità
di Emilia Costantini

qui















il manifesto 13.6.18
I sette remi e le stelle dei naviganti
Arte pubblica. A Piazza Copernico, nel quartiere Pigneto di Roma, fino al prossimo 30 giugno si può vedere il Monumento di Davide Dormino, un invito a superare i muri e le barriere e un omaggio ai migranti
di Nicolas Martino

qui













Repubblica 13.6.18
Internet e diritti
Eravamo persone ora siamo solo dati
Il valore umano viene stabilito da algoritmi che studiano le abitudini in Rete E questo ha dei riflessi anche sulla nostra identità, sul nostro senso di precarietà, sulla nostra psiche
di Michele Ainis

qui



il manifesto 13.6.18
L’Oms sdoganerà la cannabis medica?
Fuoriluogo. Oggi, dato il diffuso uso medico della sostanza e dei suoi derivati, l’inclusione nella tabella IV risulta ancor meno giustificabile di 57 anni fa
di Marco Perduca

qui

Repubblica 13.6.18
Nuovi business
La cannabis light dilaga nelle città (e ora diventa doc)
Oltre 500 punti vendita già aperti Ecco perché non è considerata una droga
di Michele Bocci

qui








il manifesto 13.6.18
Termini, le stazioni del capitale
Esempio di spazio assediato dalle merci, non esistono pareti, solo vetrine. Ci si può ancora sedere su una panchina, ma solo se si è fortunati. Anche i bagni sono a pagamento
di Piero Bevilacqua

qui



PAGINA DI MASSIMO FAGIOLI
PUBBLICATA PER LA PRIMA VOLTA IL 25 AGOSTO 2009



































LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 12 GIUGNO
Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, dal Quirinale ieri
«Fate che il volto di questa Repubblica sia umano. Ricordatevi - dice usando le parole senza data di Saragat - che la democrazia non è soltanto un rapporto tra maggioranza e minoranza, ma è soprattutto un problema di rapporti fra uomo e uomo. Dove questi rapporti sono umani, la democrazia esiste; dove sono inumani, essa non è che la maschera di una nuova tirannide».
citato da Li.P. sul Sole di oggi





















il manifesto 12.6.18
Populismo e trasformismo, la lezione di Gramsci
di Fabio Vander

qui














La Stampa 12.6.18
“Ci vuole più emozione che ragione per convincere gli altri”
di Paola Mariano

qui









Repubblica 12.6.18
Psichiatria
Nostalgia. E la nostra storia diventa terapia
Il nuovo libro di Eugenio Borgna. Un’indagine sui modi in cui il passato riesce a farci affrontare il presente
di  Valeria Pini

qui

Repubblica 12.6.18
Laura non vuole più mangiare chissà perché
di Elena Bozzola

Pediatra, membro segreteria naz Sip
qui









Corriere 12.6.18
Emergenza prof
di Massimo Gramellini

qui







Il Fatto 12.6.18
Chiesa e pedofili, non basta la denuncia
di Marco Marzano

qui

Il Fatto 12.6.18
Abusi sessuali in Cile, il Papa accetta le dimissioni di 3 vescovi

qui

Corriere 12.6.18
Attacchi choc a Ravasi che twitta il Vangelo
di Luigi Accattoli

qui
















Repubblica 12.6.18
Chiesa e sinistra, a Brescia il Pd resiste
Del Bono: “Abbiamo vinto perché non siamo arroganti”. Salvini striglia i suoi: non avete fatto tutti il vostro dovere
di Oriana Liso

qui












il manifesto 12.6.18
Destra mutante, M5S sotto schiaffo, Sinistra in apnea
di Norma Rangeri

qui

il manifesto 12.6.18
La Fortezza Europa ringrazia Salvini
di Guido Viale

qui











il manifesto 12.6.18
«La Spagna è un porto sicuro», Sánchez offre Valencia
Immigrazione. Il nuovo governo nel segno della solidarietà: «La nave Aquarius venga da noi». Per l’accoglienza dei profughi si sono già fatti avanti Paesi baschi, Navarra, Baleari, Extremadura, Madrid e Barcellona
di Luca Tancredi Barone

qui












il manifesto 12.6.18Nespolo, presidente nazionale dell’Associazione partigiani: avvilenti i 5 Stelle a rimorchio del razzismo
Il blocco navale del governo gialloverde. «L'odio verso i deboli di Salvini era noto. I grillini hanno meno voti della Lega ma sono subalterni anche al linguaggio violento. A questo punto si facciano sentire i loro elettori. Toninelli dice che con il nuovo esecutivo c'è un vento nuovo? E' il vento vecchissimo dell'egoismo, gli italiano lo hanno già sconfitto una volta»
di Andrea Fabozzi

qui
















il manifesto 12.6.18
Aquarius, scaricabarile Europa. E la destra affila le armi
Ue. La debolezza delle politiche comuni sui migranti apre alle «soluzioni» sovraniste di Austria ed Est. Domani dibattito al parlamento europeo in plenaria su proposta di Verdi e Socialisti
di Anna Maria Merlo

qui

il manifesto 12.6.18
La Guardia costiera libica cita e incoraggia il ministro Salvini
Caos Libia. Un comandante della stessa Guardia costiera, di Zawia, colpito la scorsa settimana, insieme ad altri 5 libici e eritrei, da sanzioni Onu come boss del traffico di esseri umani
di Rachele Gonnelli

qui

Corriere 12.6.18
La rottura dell’isolamento
di Goffredo Buccini

qui













Il Fatto 12.6.18
Ecco perché Salvini ha vinto anche se ha torto (ma perderà)
di Antonio Padellaro

qui

La Stampa 12.6.18
La politica dei piedi nel piatto
di Marcello Sorgi

qui

Repubblica 12.6.18
L’attracco negato è un atto illegale
di Carlo Bonini

qui

La Stampa 12.6.18
Un’azione umanitaria che non significa solidarietà con l’Italia
di Vladimiro Zagrebelsky

qui





























il manifesto 12.6.18
Frontiere aperte, alta tensione. Alla fine la Linke sigla una tregua
Germania. Il congresso di Lipsia si è chiuso con un compromesso sul tema dei migranti: una commissione approfondirà la questione in cerca di una sintesi. Ma il clima nel partito resta tesissimo
di Jacopo Rosatelli

qui

Il Sole 12.6.18
La «pista austriaca»: frontiere mobili e hotspot in Kosovo
La strategia della prossima presidenza Ue in caso di disaccordo a fine giugno
di Gerardo Pelosi

qui

Corriere 12.6.18
Un esecutivo dominato dall’agenda di Salvini
di Massimo Franco

qui
Il Sole 12.6.18
Le «praterie» di Salvini e le spine di Di Maio
di Lina Palmerini

qui

Il Sole 12.6.18
Osservatorio Politico
Dalle politiche alle comunali i grillini perdono il 70% dei voti
di Roberto D’Alimonte

qui

Corriere 12.6.18
Fico ringrazia la Spagna: «È la strada giusta»
La visita alla tendopoli di San Ferdinando: «Garantire i diritti di tutti i braccianti»
di E. Bu.

qui

Corriere 12.6.18
I malumori della sinistra M5S Di Maio minimizza la frenata
Allarme anche per la crescita leghista. Ma il leader: noi Davide contro Golia
di Alessandro Trocino

qui

Repubblica 12.6.18
L’equilibrio spezzato fra M5s e Lega
di Stefano Folli

qui

il manifesto 12.6.18
Se le élites sono economiche e non culturali
di Carlo Freccero

qui

Repubblica 126.18
Il futuro dell’Unione
L’inerzia di Macron e Merkel
di Thomas Piketty

qui

il manifesto 12.6.18
Toscana, duello finale fra Pd e Lega
Comunali 2018. Tutte al ballottaggio le sei città più popolose. Risultati in bilico a Pisa, dove la destra a trazione leghista è il lieve vantaggio su democrat e alleati, e anche a Siena, dove sarà decisivo il 20% dell'ex sindaco diessino Piccini. Sinistra alternativa ok sotto la Torre Pendente, con i Diritti in Comune di Auletta che sfiorano l'8%, e a Campi Bisenzio con il 6%.
di Riccardo Chiari

qui

Corriere 12.6.18
Ucciso al semaforo
La rabbia di Firenze, blitz al campo rom
Interviene la polizia. Salvini: «Verrò in città»
I due arrestati accusati di omicidio volontario
di Marco Gasperetti

qui

Corriere 12.6.18
La Terni operaia diventa leghista Il leader celebra i «dati commoventi»
In Umbria al 29%, a Pisa sopra il 24. Maroni: ridisegnati i rapporti dentro il centrodestra
di M. Cre.

qui






Il Fatto 12.6.18
Sfida atomica Kim-Trump: guerra o pace hollywoodiana
Il faccia a faccia tra il nordcoreano e l’americano negli Universal Studios: per gli Usa un’intesa “prendere o lasciare”
di Giampiero Gramaglia

qui

Il Sole 12.6.18
Donald Trump e Kim Jong-un
Un dossier da non banalizzare
di Ugo Tramballi

qui

Il Fatto 12.6.18
Le associazioni umanitarie ricordano che Pyongyang è una prigione a cielo aperto: oltre 100 mila nei lager
Quella “bagattella” dei diritti umani fantasmi al vertice
di Andrea Valdambrini

qui













Repubblica 12.6.18
Il romanzo di Mary Lynn Bracht
“Ecco la guerra segreta delle coreane diventate schiave del Giappone”

intervista di Filippo Santelli
qui





Repubblica 12.6.18
La polemica
Ai Tony Awards
“Donald, vaffa...” e De Niro conquista due standing ovation
L’attore contro il presidente in diretta tv “Sono tempi pericolosi, andate a votare”
di Alberto Flores D’Arcais

qui



Corriere 12.6.18
Gli archibugi del papa
Un saggio di Giampiero Brunelli (Salerno) ricostruisce le imprese del generale Giovan Francesco Aldobrandini, che affrontò gli ottomani in terra magiara alla fine del XVI secolo nonostante la posizione incerta dei sovrani asburgici
I pontifici contro i turchi in Ungheria al comando del nipote di Clemente VIII
di Paolo Mieli

qui












La Stampa 12.6.18
La (resistibile) prevalenza dell’uomo in bermuda nei centri delle città
di Chiara Beria di Argentine

qui


Ulisse il piacere della scoperta
Sabato 16 giugno, Ulisse racconterà il processo della crescita, nello splendido e dolcissimo mondo dei bambini, alle ore 21:15, su Rai3.
https://www.facebook.com/worldsline/photos/pcb.1784692804946130/939542349503583/?type=3

Galileonet.it
Le idee di Gramsci sulla scuola

si ringrazia Giovanni Senatore
https://www.galileonet.it/2018/06/idee-gramsci-scuola/



LUNEDI 12 GIUGNO
LA SPAGNA SOCIALISTA E ATEA DI  PEDRO SÁNCHEZ
HA DECISO DI ACCOGLIERE I MIGRANTI DELL'AQUARIUS IN SPAGNA !
I RICATTI FEROCI DI SALVINI  DI MAIO TRAVAGLIO E COMPARI
SONO STATI FORTEMENTE RIFIUTATI DA UN PENSIERO DIFFERENTE SIMILE AL NOSTRO


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI LUNEDI 11 GIUGNO




















La Stampa 11.6.18
Salvini respinge la nave dei disperati
Dopo il no di Malta ai 629 migranti dell’Aquarius, il ministro chiude i porti. Conte: l’Italia è sola
L’imbarcazione di Sos Méditerranée e Medici senza Frontiere naviga da ieri nel Canale di Sicilia in attesa di poter sbarcare il suo carico di profughi in un porto sicuro
I tre rischi della prova di forza
di Stefano Stefanini

qui

La Stampa 11.6.18
Il vicepremier libico
“Assieme a Roma blindiamo i confini”
Il vicepremier di Tripoli Ahmed Omar Maetig: «Entro fine mese sarò in Italia per discutere con il nuovo governo

qui

Corriere 11.6.18
La rabbia dei 5 Stelle vicini a Fico
«La Lega rischia di risucchiarci»
di Giuseppe Alberto Falci

qui

NELLE EDICOLE:































PIÙ TARDI PUBBLICHEREMO ALCUNI MATERIALI DI QUESTO NUMERO DI "INTERNAZIONALE"












Il Fatto 11.6.18
Fanno il saluto fascista nella foto di classe, il preside li giustifica: “In storia sono arrivati solo al 1922”

www.spinoza.it







Repubblica 11.6.18
L’antifascismo senza “se” vince la “ lotta” tra gli storici
di Simonetta Fiori

qui

Repubblica 11.6.18
L’analisi
La doppiezza del contratto
di Gustavo Zagrebelsky

qui








Repubblica 11.6.18
Il personaggio
Iniziò con il blog di Grillo
Il conflitto di interessi di Dettori l’uomo forte di Rousseau che ora punta a Palazzo Chigi
di Annalisa Cuzzocrea e Matteo Pucciarelli

qui






















Il Fatto 11.6.18
Aldo Masullo

“Questo è un governo di selvaggi, ma il Pd doveva parlare coi 5stelle”
Il filosofo ex parlamentare del Pci: “Almeno il premier ha modi curati. Adesso i grillini rischiano di esser divorati dalla Lega”
“Questo è un governo di selvaggi, ma il Pd doveva parlare coi 5stelle”
di Antonello Caporale

qui

Il Fatto 11.6.18
Caro Battista, gli odiatori web lasciamoli nelle loro latrine
Rete - Gli insulti ad Asia Argento sui social
Caro Battista, gli odiatori web lasciamoli nelle loro latrine
di Antonio Padellaro

qui

La Stampa 11.6.18
Centri per l’impiego il fallimento è sicuro
Hanno dato lavoro al 3% dei disoccupati
di Elisabetta Pagani

qui















La Stampa 11.6.18
La battaglia dei cieli fra Israele e Hamas
Droni contro aquiloni incendiari a Gaza
di Giordano Stabile

qui












Repubblica 11.6.18
Il summit Usa-Corea del Nord
Gli ultimi 800 metri poi Kim e Trump si stringeranno la mano
I leader hanno dormito in due hotel nel centro blindato di Singapore Domani lo storico incontro per avviare la denuclearizzazione
di Filippo Santelli

qui









Repubblica 11.6.18
Intervista a Ian Bremmer
“Summit inutili in questo GZero vince solo la Cina”
di Antonello Guerrera

qui








La Stampa 11.6.18
1918, i Mas che fecero l’impresa
Così a Premuda osarono l’inosabile per affondare la corazzata austriaca
di Fabio Pozzo

qui















La Stampa 11.6.18
Jane Fonda a 80 anni
“Non tornerei mai indietro nel tempo. Uomini? Basta, direi di aver finito”
di Lorenzo Soria

qui













Repubblica 11.6.18
 Anniversari
“Mio marito Solgenitsyn a cena con Putin”
Cent’anni fa nasceva il grande scrittore russo di “ Arcipelago Gulag”
La moglie Natalia racconta le persecuzioni, l’esilio, il Nobel, il rientro in patria E gli incontri con il leader del Cremlino, da lui molto apprezzato
Intervista di Rosalba Castelletti

qui

Il Sole 11.6.18
L’accesso
Per i medici praticantato durante il corso di studi
di Antonello Cherchi

qui



DOTT.SSA MARZIA FABI - PSICOTERAPEUTAFACEBOOK: BIOS PSYCHÈ - ADOLESCENZASITO WEB: www.lasinodoroedizioni.it

ALCUNI SETTIMANALI

internazionale 8.6.18
Attualità
La democrazia è poco importante per i moderati
Di David Adler
, The New York Times, Stati Uniti
qui

internazionale 8.6.18
Argentina
Il grido delle donne

qui

internazionale 8.6.18
L’era di Mariano Rajoy si è chiusa
Il governo conservatore, da tempo screditato, avrebbe potuto essere sfiduciato molto prima se la sinistra avesse avuto più coraggio, sostiene l’editoriale del sito spagnolo Ctxt
, Spagna
qui

internazionale 8.6.18
Giappone
Una riforma discutibile

qui

internazionale 8.6.18
India
Il silenzio di Bollywood
Outlook, India
qui

internazionale 8.6.18
Le opinioni
Con Pedro Sánchez la Spagna torna a sperare
Di Manuel Castells

qui

“Il desiderio di un marxismo umanista che state reprimendo, l’impulso verso la liberazione individuale, in realtà sono già in Marx e aspettano solo di essere scoperti. Perciò dipingete quello che volete, amate chi volete. Al diavolo il partito. Il vero soggetto rivoluzionario è l’io!”.
internazionale 8.6.18
In copertina
Il messaggio dimenticato di Karl M Marx
A duecento anni dalla nascita, il filosofo tedesco è ancora studiato in tutto il mondo. Ma più che per l’analisi dei processi storici, nell’era dell’automazione il suo pensiero è attuale soprattutto per la sorprendente fiducia nell’individuo
Di Paul Mason
, New Statesman, Regno Unito
qui

internazionale 8.6.18
L’opinione
Il punto di vista dell’Economist
Intuizioni da rivalutare
Le idee di Marx sulle contraddizioni del capitalismo sono ancora utili, scrive il settimanale liberale britannico

qui

internazionale 8.6.18
Scienza
La forma dei numeri
Da millenni i matematici cercano una teoria che unifichi l’aritmetica e la geometria. Ora un giovane matematico tedesco, Peter Scholze, potrebbe aver trovato la soluzione
Di Gilead Amit
, New Scientist, Regno Unito
qui

internazionale 8.6.18
Jacinda Ardern
Successo inatteso
La premier neozelandese è la più giovane leader di governo del mondo e tra poco avrà il suo primo figlio. Sa ascoltare e interpretare i bisogni dei cittadini, ma è anche una politica scaltra e pragmatica di Jamie Smyth
, Financial Times, Regno Unito
qui

internazionale 8.6.18
Dalla Spagna
La letteratura non ha genere
El País
qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI DOMENICA 10 GIUGNO








































Il Fatto 10.6.18
Andrea Orlando: “Ormai il Pd non esiste più in gran parte d’Italia”

qui di seguito

in queste mani...
























Corriere 10.6.18
Vaticano, Capella rinviato a giudizio

II Giudice Istruttore presso il Tribunale dello Stato della Città del Vaticano ha rinviato a giudizio monsignor Carlo Alberto Capella, consigliere di nunziatura. II reato che gli viene contestato è quello di pedopornografia, detenzione e scambio di materiale pedopornografico, con l’aggravante dell’ingente quantità. Il Giudice Istruttore ha ritenuta la giurisdizione dell’Autorità giudiziaria vaticana, perché il reato contestato riguarda fatti commessi da un pubblico ufficiale, anche se all’estero. Fino all’agosto scorso, infatti, Capella — di origini emiliane, ma appartenente al clero di Milano — era secondo segretario alla Nunziatura di Washington. Poi il Vaticano lo aveva fatto rientrare e, ad aprile, lo aveva arrestato. La prima udienza del processo è fissata per il 22 giugno.

Il Fatto 10.6.18
Orlando: “Ormai il Pd non esiste più in gran parte d’Italia”

qui

Il Fatto 10.6.18
Pride 2018 romano in tono minore. Ma si rivede il Pd
In piazza - Sfilano anche i partigiani, i carri “diplomatici” di Canada e Gran Bretagna, i leader di dem, LeU e Cgil. Tutti contro Fontana
di Giulia Marchina

qui

Repubblica 10.6.18
Il corteo a Roma
Il Pride canta Bella Ciao “ Resistenza per i diritti”
La Brigata Arcobaleno: “ Siamo 500mila”. Fischi al governo dopo le parole sulle famiglie gay. Cori per l’assenza della sindaca Raggi
di Caterina Pasolini

qui










Corriere 10.6.18
Antifascismo 

Svolta al centro studi sulla Resistenza. Lo sconfitto De Bernardi: scelta che guarda indietro
Pezzino alla testa dell’Istituto Parri 

Una presidenza più vicina all’Anpi
di Antonio Carioti

qui

Il Fatto 10.6.18
Storia d’Italia: ora non c’è ritorno
di Furio Colombo

qui
















il manifesto 10.6.18
Flat Tax, il nuovo che avanza fa un regalo fiscale ai ricchi
Ricette Legastellate. Dopo 10 anni di crisi aumenteranno a dismisura le diseguaglianze
di Claudio Mezzanzanica

qui
Il Fatto 10.9.18
La scuola violenta. “Prof, non la passerai liscia”. Un lungo anno di aggressioni
L’ultima campanella - Da settembre a oggi, trenta casi di docenti picchiati da genitori e alunni. Tuttoscuola stima siano il triplo
di Virginia Della Sala

qui

Il Fatto 10.6.18
Il focus: le colpe dei maestri

qui

Repubblica 10.6.18
La prof aggredita
“Picchiata per un 4 a quella madre dico non regalo voti a chi non lo merita”
intervista di Enrico Ferro

qui

Aetnascuola.it 10.6.18
Alternanza Scuola-Chiesa (parrocchia, diocesi, oratorio, santuari) / l’impegno della Chiesa in un dossier
di Vincenzo Pascuzzi

qui


Il Fatto 10.6.18
La Casaleggio dà il via al tour per portare i cittadini su Rousseau
di A. Giamb.

qui











Corriere 10.6.18
Quel surplus di ferocia per la donna dell’eccesso Asia linciata sul web dai nuovi inquisitori
Il pubblico assiste sbigottito a questa moderna caccia alle streghesenza limiti
di Pierluigi Battista

qui




La Stampa 10.6.18
Dai boss per affogare”
Ad Al-Hammah tra i parenti degli scomparsi nel naufragio del 3 giugno verso l’Italia: «Mio figlio doveva restare a spaccare pietre». Il dolore infinito del padre di Ammar: «Quei mafiosi sono venuti a promettergli il paradiso, il nostro governo non ha fatto nulla»
di Niccolò Zancan

qui

Il Fatto 10.6.18
I “dimenticati” nell’inferno dei lager libici
“Non lasciamoli soli” - Due giornalisti raccontano le storie dei migranti diretti in Italia
di Daniele Erler

qui

Corriere 10.6.18
Il governo si muova contro la vergogna dei nuovi schiavi nel mezzogiorno
di Ernesto Galli della Loggia

qui

Repubblica 10.6.18
Il sindacalista dei migranti
“Ho studiato Di Vittorio ma io come Soumayla qui in Italia sono uno schiavo”
intervista di Paolo Griseri

qui












Il Sole 10.6.18
Yunos
«Siamo imprenditori per natura» parola di capitalista riluttante
A tu per tu. Il Premio Nobel per la Pace e inventore del microcredito, il bengalese Muhammad Yunus, ha una fede sconfinata nel talento umano, ma quello dei tycoon della Silicon Valley inizia  preoccuparlo
di Marco Masciaga

qui

il manifesto 10.6.18
La Linke spaccata sulle frontiere aperte. C’è aria di scissione
Germania. Si chiude oggi il congresso di Lipsia. Riconfermata la segretaria Kipping, ma la fronda capeggiata dalla capogruppo Wagenknecht e da Lafontaine rema contro la linea no-borders
Per una significativa parte del partito il principio deil’apertura incondizionata vale solo per i perseguitati che chiedono asilo.
di Jacopo Rosatelli

qui

il manifesto 10.6.18
Ucraina, pogrom di Stato contro la comunità rom
Kiev. Un'altra azione di pulizia etnica, nel parco Goloseyevsky, della squadraccia di veterani neonazisti della Guardia Nazionale
Il pogrom dei rom nel parco Goloseyevsky di Kiev
di Yurii Colombo

qui

il manifesto 10.6.18
Il nuovo disordine mondiale di Usa, Russia e Cina
G7 in declino. Al tavolo che conta gli europei sono i camerieri. Intanto l’economia-mondo, quella che fa veramente paura a Washington, si riunisce nella città costiera cinese di Qingdao,
di Alberto Negri

qui







il manifesto 10.6.18
La Palestina all’Onu: indagate e proteggete i civili da Israele
Dopo il «Venerdì di Gerusalemme». Ieri i funerali delle ultime quattro vittime
di Michele Giorgio

qui







La Stampa 10.6.18
Le radici ebraiche del fumetto made in Usa
di Stefano Priarone

qui












Corriere La Lettura 10.6.18
Socrate tradito da Platone
La sconfitta. Il destino del pensatore condannato a morte dimostra che gli uomini rifiutano gli argomenti razionali
Lìallievo, impressionato dalla sirte del maestro teorizzò l’uso delle emozioni e dei miti in campo politico
Inefficacia. Un discorso costruito su concetti ben meditati di solito non funziona quando bisogna otterere il consenso delle masse
Polemica. Karl Popper condannò l’autore  dei Dialoghi perché coglieva i gravi rischi insiti nell’appello alle passioni umane
di Mauro Bonazzi

qui




Il Sole Domenica 10.6.18
Italiani sull’orlo della guerra civile
Prove tecniche di rivoluzione. L'attentato a Togliatti, luglio 1948
Fuori dalla leggenda. A 70 anni dall’attentato a Togliatti, documenti inediti dei servizi segreti dell’epoca fanno luce sulla reale consistenza dell’apparato paramilitare clandestino del Partito comunista
L’esame critico delle “forze” comuniste rivelò una consistenza inferiore alle attese
di Giuseppe Pardini

qui

Il Sole Domenica 10.6.18
Controcorrente. I dialoghi filosofici di Mauro Ceruti con Walter Mariotti
Il destino dell’uomo tra identità e diversità
di Michele Ciliberto

qui














Il Sole Domenica 10.6.18 
Il vero Robespierre
Rivoluzione francese. È lui che si processa per lo spargimento di sangue, è nel suo nome
che si vuole combattere contro le ingiustizie: la biografia di Martin gli restituisce autenticità
di Luigi Mascilli Migliorini

qui





Il Sole Domenica 10.6.18
Marrani. L'altro dell’altro, di Donatella Di Cesare
Marrani. Nel 1492 in Spagna si decretò l’espulsione o la conversione forzata degli ebrei. Costretti a ripudiare la fede, vissero scissi in un sé duale rappresentando «l’altro dell’altro»
Quelle anime in esilio
di Remo Bodei

qui














Corriere La Lettura 10.6.18
Pericoli 

Un’antologia di testi di George Orwell sembra parlare profeticamente dell’era della rete
Disprezzare l’autorità senza credere alla libertà
di Giulio Giorello

qui












Corriere La Lettura 10.6.18
La razza è solo un inganno. Ma troppi ancora ci credono
di Paolo Valentino

qui







Corriere La Lettura 10.6.18
Eracle è una donna «È la mia rivincita»
Emma Dante porta in scena al Teatro Greco di Siracusa la tragedia di Euripide, il drammaturgo forse più misogino tra gli autori classici
intervista di Emilia Costantini

qui

Corriere La Lettura 10.6.18
Riformatore o corruttore? Giolitti ancora sotto inchiesta
Sergio Bucchi: era pronto a ogni compromesso per restare al potere
Fulvio Cammarano: fu il difensore delle istituzioni rappresentative

qui












il manifesto 10.6.18
Jörg Rüpke sulla religione romana, cautele e distanza
Storia antica. Dall’età del ferro al cristianesimo, lo studioso tedesco scrive una «nuova» storia della religione a Roma e nel Mediterraneo: densa, «correct», talvolta opaca
Piccolo altare (arula) votivo, IV-II secolo a.C., da Roselle, Grosseto, Museo archeologico e d'arte della Maremma
di Carlo Franco

qui

















La Stampa TuttoLibri 9.6.18
Mettiti nudo davanti a Omero: solo così puoi capire gli eroi greci
di Andrea Marcolongo

qui














il manifesto 10.6.18
Quel che li divise fu il ruolo dell’Altro
Lettere. Maestro e allievo si incontrano sulla compenetrazione di vita e filosofia, contro la distaccata scientificità di Husserl: Il «Carteggio 1919-1973», da Ets
La biblioteca di Friburgo
di Stefano Petrucciani

qui















il manifesto 10.6.18
Savinio, naufragio e apparizioni a Soho
"Alberto Savinio" al Cima di New York, mostra a cura di Laura Mattioli . Al contrario del fratello, De Chirico, Alberto Savinio ha avuto scarsa fortuna oltreoceano. A rimediare, 25 opere selezionatissime, fra ritratti e paesaggi. Disseminate giocosamente fra le tele (1927-primi anni ’30) le tracce di numerosi maestri
di Eloisa Morra

qui








il manifesto 10.6.18
Delacroix imprigionato dall’analisi del colore
Al Louvre "Delacroix", a cura di Sébastien Allard e a Côme Fabre. Una mostra aperta, che lascia a ciascuno di cercare il suo Eugène Delacroix. Più che il mito romantico celebrato da Baudelaire, è stimolante l’«archetipo» della pittura a venire, nei pregi ma anche nei limiti
di Federico De Melis 

qui

Corriere 10.6.18
Archivi Acquisito per 125 mila euro dalla Biblioteca Nazionale di Roma un fondo di appunti e corrispondenze messo all’asta dagli eredi
Grazie Ungaretti, fratello maggiore
Un corpus di 630 carte autografe e 170 lettere. Così i giovani autori scrivevano al poeta
di Paolo Di Stefano

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 9 GIUGNO

Corriere 9.6.18
il sondaggio
Il 49% apprezza il governo
di Nando Pagnoncelli

Le nostre scelte di oggi

Repubblica 9.6.18 
Le scelte dei partiti
Se la sinistra dimentica il socialismo
di Nadia Urbinati

Le nostre scelte di oggi

il manifesto 9.6.18
Imola ultima corsa per il Pd smarrito
Amministrative . Nell’ex roccaforte dell’Emilia «rossa» test sull’onda grillina. LeU divisa, Mdp fuori gara
di Giovanni Stinco

Le nostre scelte di oggi

il manifesto 9.6.18
Le élites che Freccero non vede
di Alessandro Dal Lago

Le nostre scelte di oggi

il manifesto 9.6.18
Il nanismo della sinistra e il gigante populista
di Antonio Gibelli

Le nostre scelte di oggi

il manifesto 9.6.18
Il nanismo della sinistra e il gigante populista
di Antonio Gibelli

Le nostre scelte di oggi

Repubblica 9.6.18
Veltroni: “La sinistra c’è ma servono nuovi leader ”
A Bologna confronto su “dov’è finita la politica”. Mauro: “Rilanciare l’uguaglianza”
di Eleonora Capelli

Le nostre selte di oggi

Repubblica 9.6.18
L’altro summit
Ma Putin vola dal grande amico Xi. Per fare affari
di Filippo Santelli

Le nostre scelte di oggi

Repubblica 9.6.18
Direttiva segreta
Mosca distrugge le schede sui detenuti nei Gulag– Rosalba Castelletti– Rosalba Castelletti
di Rosalba Castelletti

Le nostre scelte di oggi

Il Fatto 9.6.18
“Alzati e uccidi per primo”. Tutto il sangue del Mossad
Occhio per occhio - Un libro spiega ricostruisce i metodi dei servizi segreti dal Dopoguerra a oggi
di Andrea Valdambrini

Le nostre scelte di oggi

 il manifesto 9.6.18
Tre filosofi e una capanna
Mostre. Le diverse «Machines à penser» della Fondazione Prada, nella sua sede di Venezia. Un'esposizione, inauguratasi in contemporanea con la Biennale di architettura, indaga i rifugi intellettuali di tre filosofi: Heidegger, Adorno, Wittgenstein
di Arianna Di Genova

Le nostre scelte di oggi

La Stampa 9.6.18
Benefici e insidie della Torah
Cardine dell’identità ebraica, ma anche trappola
di Abraham B. Yehoshua

Le nostre scelte di oggi

La Stampa 11.6.18
Biennale Democrazia oltre la luce che acceca per imparare a vedere
di Lidia Catalano

Le nostre scelte di oggi

Repubblica 9.6.18
Caterina la sanguinaria e la notte che divise la Francia
di Benedetta Craveri

Le nostre scelte di oggi


affaritaliani.it 8.7.18
Sinistra confusa nel catto-comunismo: ha smarrito la sua ragion d'esser
di Carlo Patrignani

qui

AlgaNews 7.7.18
Galli: la sinistra e’ in crisi ma esiste come il socialismo
di Carlo Patrignani

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI VENERDI 8 GIUGNO
AVVISOAI LETTORI
In questi giorni il molto tempo che dobbiamo dedicare al lavoro di recupero di molti contenuti andati persi in un crash informatico che abbiamo subìto ci ha impedito di dedicare quello necessario alla ricerca di immagini a commento dei contenuti che scegliamo di pubblicare quotidianamente. Ce ne dispiace, ma riprenderemo al più presto a occuparci anche di questo aspetto






Repubblica 8.7.18
Come un romanzo
Così Weimar diventò il ring dei filosofi Ludwig Wittgenstein, Martin Heidegger, Walter Benjamin, Ernst Cassirer.
di Angelo Bolaffi

qui

Il Fatto 8.7.18
Lettera a Conte sulla Costituzione
Da chiarire - Crede che il suo accenno a scuole e atenei “in grado di formare eccellenze assolute” sia sufficiente? Il governo continuerà con i tagli all’istruzione pubblica e finanziamenti a quella privata?
di Salvatore Settis

qui

il manifesto 8.7.18
Un divieto per ogni cosa. I ddl della maggioranza
Parlamento. Stop ai medicanti e carcere per chi ricorre all’estero alla maternità surrogata
di Carlo Lania

qui

il manifesto 8.7.18
Carceri, il ministro Bonafede studia la riforma in veste giallo-verde
Giustizia. Al vaglio del neo Guardasigilli le possibilità di riscrivere l’intera legge o il primo decreto attuativo che scade il 3 agosto. Il presidente della Camera Roberto Fico incontra il Garante nazionale dei detenuti Mauro Palma
di Eleonora Martini

qui

il manifesto 8.7.18
La pena, signor ministro, per i detenuti è certissima
Vecchie ricette. La giustizia secondo il nuovo governo giallo-verde
di Patrizio Gonnella

Presidente Antigone
qui

Corriere 8.7.18
Carcere e regole, i 5 stelle non si fidano più dei giudici
di Luigi Ferrarella

qui

La Stampa 8.7.18
Il piano per togliere gli irregolari dalle strade
“Controlli più rapidi e aiuti Ue per i rimpatri”
Il ministro Salvini vuole una stretta sui richiedenti asilo che delinquono e potenziamento dei Centri per l’espulsione
di Francesco Grignetti

qui

La Stampa 8.7.18
“Giusto reintrodurre il servizio militare ”

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, conversando con i giornalisti ha lanciato la proposta di ripristinare il servizio militare obbligatorio. «Personalmente sono per reintrodurre il servizio militare», ha detto. Sempre nella giornata di ieri Salvini ha voluto fare una foto di gruppo con Polizia e Carabinieri per sottolineare il rispetto e la fiducia che ripone nelle forze dell’ordine contro la criminalità, ma quando ha twittato i ringraziamenti il vicepremier si è scordato di menzionare i carabinieri generando non poco malumore tra i militari. Salvini ha poi cercato di rimediare su Facebook postando la stessa foto ma facendo un riferimento più generico alle «forze dell’ordine».

Repubblica 8.7.18
Prodi
“Un governo di destra basato su idee inconciliabili L’alternativa? Non la vedo”
intervista di Silvia Bignami

qui

Il Sole 8.7.18
I feudi Pd a rischio sotto la spinta Lega-M5S
Sfida. Su 170 giunte politiche uscenti i Dem ne hanno 120, ma domenica alle comunali sono in pericolo persino Pisa, Massa, Siena e Ancona
Centro-destra. Carroccio e Fi ancora insieme in 15 capoluoghi su 20 ma Salvini punta a sbaragliare Berlusconi anche nelle città del Sud
di Barbara Fiammeri, Andrea Marini

qui

Corriere 8.7.18
Italia superata da Atene sui titoli di Stato E a maggio 38 miliardi sono usciti dal Paese
Il rendimento greco a 9 mesi ora è più basso
di Federico Fubini

qui

La Stampa 8.7.18
I presidi bocciano oltre 1200 scuole:
“I loro risultati sono insufficienti”
Gli esiti dell’autovalutazione dei dirigenti inviati al Miur Troppe in difficoltà, ma 757 hanno prestazioni eccellenti
di Raphael Zanotti

qui

La Stampa 8.7.18
La foto di classe si fa di spalle contro il divieto della preside
di Antonio Boemo

qui

Repubblica 8.7.18
Scuola
Rivolta delle maestre laureate “Il ministro parte male una beffa sanare le diplomate”
di Corrado Zunino

qui

La Stampa 8.7.18
Vienna sfida l’Italia: avanti con i passaporti per gli altoatesini
di Francesco Olivo

qui

il manifesto 8.7.18
Il primo atto del Psoe: formazione dei giudici in violenza di genere
Martedì al Congresso. È una delle 122 misure previste dal Patto di Stato contro la violenza maschile. La portavoce dei socialisti: la decisione è nella direzione intrapresa dal presidente Pedro Sánchez, che ha appena formato un «governo femminista»
di Marina Turi

qui

il manifesto 8.7.18
Il «consiglio delle ministre», la Spagna si aggiorna
La cerimonia. Nessun Crocifisso ma una laica «promessa» sulla Costituzione, al via il governo Sánchez. Malumori da Podemos: «C’è gente che piace a Ciudadanos e al Pp, ma nessuna figura vicina a noi. In 24 ore si è dimenticato di chi lo ha fatto presidente», commenta Pablo Iglesias
di Jacopo Rosatelli

qui

Il Fatto 8.7.18
Il mondo dei sogni che affama i lavoratori
Disney poverty - Il “senatore rosso” Sanders difende gli impiegati del parco dei divertimenti Usa
Il mondo dei sogni che affama i lavoratori
di Michela A. G. Iaccarino

qui

Il Fatto 8.7.18
Hamas e il sacrificio palestinese nel venerdì di sangue di Gaza
Israele si prepara all’ennesima manifestazione al confine, mentre la popolazione araba appare sempre meno convinta delle linea intransigente dei suoi leader
di Fabio Scuto

qui

La Stampa 8.7.18
I martiri antinazisti della Rosa Bianca, fiore simbolo di amore spirituale
di Anna Peyron

qui

Repubblica 8.7.18
Il catalogo delle paure
Dracula, Frankenstein & co. a ogni epoca il suo mostro
di Stefano Massini

qui

ALCUNI SETTIMANALI

internazionale 1.6.18
La settimana
ordine
Di Giovanni De Mauro

qui

internazionale 1.6.18
Dear Daddy
Di Claudio Rossi Marcelli
Senza controllo

qui

internazionale 1.6.18
Caos italiano
Uniti
La crisi politica a Roma è diventata un problema per tutta l’Europa. A rischio ci sono l’euro e la stabilità dell’economia del continente. E quindi l’intera architettura politica dell’Unione
Di Steven Erlanger, The New York Times, Stati

qui

L’opinione
Il presidente ha sbagliato
Di Diogo Queiroz De Andrade, Público, Portogallo

La scelta di Mattarella
Ex democristiano e giudice della corte costituzionale, il presidente della repubblica ha gestito bene i colloqui per cercare di formare il governo, scrive lo Spiegel
Di Hans Jürgen Schlamp, Der Spiegel, Germania

qui

internazionale 1.6.18
L’Irlanda ha ascoltato la voce delle donne
Al referendum del 25 maggio più di due terzi dei votanti hanno sostenuto il diritto all’aborto. Un risultato che mette ine a decenni di sofferenza, scrive una giornalista irlandese
Di Ciara Kelly, The Irish Independent, Irlanda

L’opinione
I meriti del governo
The Irish Times, Irlanda

qui

internazionale 1.6.18
In Europa
Un’occasione storica
Nei paesi europei dove il diritto all’aborto è limitato, il referendum irlandese ha riacceso il dibattito

qui

internazionale 1.6.18
La rivolta del Camerun parte da un’università
I leader dei gruppi separatisti nelle regioni anglofone si sono formati all’università di Buea. Il risentimento verso la maggioranza francofona è maturato tra gli studenti
Africa News, Congo

qui

internazionale 1.6.18
Stati Uniti
Il partito delle donne

qui

internazionale 1.6.18
Stati Uniti
Vietato protes
tare
qui

internazionale 1.6.18
La nascita di una lingua tra i sordi in Nicaragua
Negli anni ottanta in una scuola di Managua, gli studenti sordi non potevano parlare a gesti. Ma nonostante il divieto crearono una loro lingua dei segni
Di Dan Rosenheck, 1843, Regno Unito

qui

internazionale 1.6.18
Nuovo impero
La Cina sta investendo miliardi per far rinascere la via della seta. Davide Monteleone ne ha seguito un tratto fino al Kazakistan
Di Davide Monteleone

qui

“In Cina esistono due diverse idee di “copia”. Il fangzhipin e fuzhipin. (…)Il concetto di fuzhipin non ha alcuna connotazione negativa e ha portato a molti fraintendimenti e discussioni tra la Cina e i musei occidentali (…) La stessa idea orientale d’identità è molto ambigua”
internazionale 1.6.18
La copia è l’originale
Di Han Byung-chui

qui

internazionale 1.6.18
Cortesie tra esseri umani e assistenti digitali
“Alexa, apri il gioco!”, diranno un giorno gli adolescenti. E il dispositivo intelligente eseguirà il comando. Ma è questo il modo giusto per comunicare con le macchine?
Di Ken Gordon, The Atlantic, Stati Uniti

qui

l’espresso 3.6.18
«Ho visto le parole d’odio trasformarsi in dittatura. E poi in sterminio. Vorrei non vederle mai più»
La democrazia finisce piano piano
colloquio con Liliana Segre
di Marco Damilano

qui

l’espresso 3.6.18
La Grande Crisi
Qualcosa di irrimediabile è già avvenuto: la fine del linguaggio proprio del confronto. Siamo tornati a un pensiero infantile, incapace del linguaggio proprio del confronto. incapace di discussione pubblica
Al punto di non ritorno
di Massimo Cacciari

qui

L’Espresso, inchiesta “I conti segreti di Salvini”.
l’espresso 3.6.18
Più Voci, donatori segreti

qui

l’espresso 3.6.18
Le tre parole che non contano più
Di Bruno Manfellotto

qui

l’espresso 3.6.18
Giustizia per ricchi
Prescrizione per i reati economici, privatizzazione dei processi, costi legali inarrivabili. Così in Italia i vip restano impuniti
di Paolo Biondani

qui

“In Italia si lavora il 20 per cento in più rispetto alla Germania (1.725 ore, pro capite contro 1.371), ma si produce il 20 per cento in meno e si guadagna molto meno dei tedeschi”
l’espresso 3.6.18
Il futuro dell’occupazione
Lavorare meno lavorare tutti
Distribuire i posti riducendo gli orari. Di fronte ai cambiamenti tecnologici è l’unica strada. Ma l’Italia fa il contrario
di Gloria Riva

qui

l’espresso 3.6.18
Le idee
Leonardo d’Arabia
Come un quadro mette in discussione il tabù islamico delle immagini
di Angiola Codacci-Pisanelli

qui

l’espresso 3.6.18
Grandi incontri
Cultura
colloquio con Andrea Camilleri
Quello che vedo
La cecità dà libertà, dice lo scrittore siciliano. Che qui parla di teatro, di affetti, di politica. Del gusto di far risuonare le parole nel buio. Come Tiresia
Di Roberto Andò

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI  GIOVEDI 7

 














Repubblica 7.6.18
Le lettere di Corrado Augias
La scuola si riforma ridando prestigio ai prof
risponde Corrado Augias

qui
Giovanni Senatore, Ufficio Stampa L'Asino d'oro

La Stampa 7.6.18
Il parto della donna è opera d’arte: la nascita umana raccontata in cere e terracotte del 700

qui

il manifesto 7.6.18
Sottoscrizione per la famiglia di Sacko Sumayla

La sera di sabato, 2 giugno, a San Calogero, vicino Rosarno, è stato assassinato Sacko Soumayla. Veniva dal Mali, aveva 29 anni e un regolare permesso di soggiorno. Lavorava nei campi della piana di Gioia Tauro dieci ore al giorno per pochi euro, era un sindacalista e si batteva per i diritti, contro lo sfruttamento dei braccianti e la schiavitù del caporalato. Viveva nella tendopoli di San Ferdinando, sorta dopo la rivolta dei ghetti di Rosarno, dove a gennaio scorso un incendio aveva tolto la vita una donna.
Sacko e due suoi compagni sabato sera erano andati in capannone abbandonato, in cerca di lamiere per ricostruire le baracche, renderle un poco più sicure. Da una panda bianca, a molti metri di distanza, un uomo ha esploso contro di loro quattro colpi di lupara. I due sono stati feriti, Sacko è stato colpito alla tempia. È morto poco dopo, lasciando una giovane moglie e figlia di cinque anni.
È una storia di sfruttamento, di razzismo, forse di mafia. È la dignità di un uomo e l’assenza di uno Stato di diritto. In queste ore, abbiamo riempito le nostre bacheche del suo volto, ci siamo commossi e indignati ripensando alla sua morte, e soprattutto alla sua vita. A tutto quello che qualcuno ha chiamato «pacchia».
Vi chiediamo qui, ora, un contributo di solidarietà, da inviare ai suoi compagni di lotta, anche solo per aiutare la moglie a venire in Italia e dare l’ultimo saluto al suo Sacko.
https://www.paypal.me/sinistraannozero

il manifesto 7.6.18
Lo schiavismo 2.0 in agricoltura
Saggi. «Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo», una inchiesta curata da Stefania Prandi sul lavoro dei braccianti nei paesi del Mediterraneo
di Gennaro Avallone

qui

La Stampa 7.6.18
Lega e ultradestra
A Fiumicino nasce il patto nero-verde
di Maria Corbi Inviata A Fiumicino

qui

La Stampa 7.6.18
Insulti e minacce a Liliana Segre
L’ultima vergogna negazionista
di Francesca Paci

qui

il manifesto 7.6.18
Pinotti compra altri 8 caccia F35 all’insaputa delle nuove Camere
La denuncia dell'Osservatorio Milex sulle spese militari. 150 milioni di euro l’uno: è il costo medio reale calcolato per gli F35 dall’ultima relazione della Corte dei Conti. Ma da 22 jet entro il 2021, ora si passa a 30 velivoli
di Rachele Gonnelli

qui

il manifesto 7.6.18
Sanità privata in crescita e pubblico sempre più fragile
Rapporto Censis. Quaranta miliardi di spesa annuale, i più colpiti sono i redditi bassi. Per gli operai va via un’intera tredicesima: 1100 euro di cure familiari. Cittadini arrabbiati per le lunghe lista di attesa e le raccomandazioni
di Mirco Viola

qui

La Stampa 7.6.18
L’ex ministra senza trono
“Sono abituata alle montagne russe”
intervista di Francesca Schianchi

qui

Repubblica 7.6.18
L’Authority nel mirino
Il pm anticorrotti in bilico paga la nomina del Pd
di Liana Milella

qui

il manifesto 7.6.18
Unidos Podemos, il dialogo è aperto. Con prudenza
Sinistra. Pablo Iglesias ha dimostrato sia nel dibattito parlamentare che ha cacciato Rajoy, sia in questi primi giorni di definizione del nuovo governo, di muoversi con molta prudenza, pur di far avanzare l’unità con i socialisti
di Massimo Serafini

qui

Repubblica 7.6.18
La svolta Sánchez dopo Rajoy
Così la Spagna socialista sarà governata dalle donne
Dall’Economia alla Difesa, 11 ministre di peso e solo sei uomini. In squadra due gay
di Omero Ciai

qui

il manifesto 7.6.18
L’Albiceleste mostra il cartellino rosso a Israele
Calcio. Lio Messi e le altre stelle della nazionale argentina rinunciano alla partita a Gerusalemme con Israele. Proteste rabbiose del governo Netanyahu. I palestinesi applaudono: ‎«Israele deve organizzare e giocare a calcio solo ‎all'interno di frontiere riconosciute».
Un cartellone a Hebron invita l’Argentina di Messi a boicottare il match con Israele: «Attenzione, stai entrando in un territorio occupato»
di Michele Giorgio

qui

Corriere 7.6.18
Salta l’amichevole con Israele Messi & C: no a Gerusalemme
di Davide Frattini

qui

La Stampa 7.6.18
Nel villaggio indiano dove il sanscrito
è tornato a essere la lingua del popolo
di Carlo Pizzati

qui

Corriere 7.6.18
L’evento In mostra da domani al 12 settembre 175 opere
Alberto Giacometti si riprende il Guggenheim
L’omaggio di New York allo scultore svizzero
dal nostro inviato Stefano Bucci

qui

Repubblica 7.6.18
La casa Russia del sergente Rigoni Stern
di Paolo Cognetti

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MERCOLEDI 6 GIUGNO
La Stampa 6.6.18
Non siamo Stato noi
di Mattia Feltri

Permettete il riassuntino: sabato sera Luigi Di Maio presenta alla piazza galvanizzata un imprenditore fallito per l’insolvenza dello Stato. La piazza rumoreggia e Di Maio la placa: «Non fischiate, adesso lo Stato siamo noi» (e si badi all’uso di «adesso»). Una blasfemia. Lo Stato non siamo noi che abbiamo vinto le elezioni, noi al governo: lo Stato siamo noi tutti quanti. Lo Stato siamo noi, come la intende Di Maio, declinata al plurale, è roba da Re Sole, che la declinò al singolare. Bene, il giorno dopo salta su Carla Ruocco, simpatica pasionaria, e ci dà delle capre, siccome quella di Di Maio era «una citazione in onore di Piero Calamandrei, uno dei nostri padri costituenti»; e posta la copertina di un libro di Calamandrei il cui titolo è, appunto, «Lo Stato siamo noi». Solo che dei libri non bisogna leggere la copertina e basta, sennò si rischia di cadere in equivoco. Bisogna leggere anche tutte quelle parole fitte fitte che vengono dopo, sebbene occupino tante tante pagine. Se la nostra Carla lo avesse fatto, avrebbe scoperto due cose. Prima: Calamandrei non ha mai detto né scritto «lo Stato siamo noi», quello è il titolo applicato a una raccolta definitiva e postuma dalla editrice Chiarelettere. Seconda: l’idea di Calamandrei, ben spiegata nell’introduzione del professore Giovanni De Luna, era l’opposto di quella di Di Maio, inclusiva e non esclusiva: nessuno è lo Stato, tutti devono essere lo Stato, un caposaldo della religione civile repubblicana. Però, visti i tempi, non avevano ragione né il Re Sole né Calamandrei ma, parafrasandolo, Caparezza: «Non siamo Stato noi».

il manifesto 6.6.18
I paradisi artificiali del cambiamento
di Norma Rangeri

qui

il manifesto 6.6.18
La sinistra ridotta a pensiero unico delle élites
Populismo. Sono stupefatto di vedere che il buonismo di sinistra si limita all’accoglienza ma non si pone mai il problema delle cause. Perché ci sono oggi tanti migranti? Perché siriani e libici che fino all’intervento dell’Occidente godevano di un tenore di vita elevato, sono oggi profughi in terra straniera?
di Carlo Freccero

qui

il manifesto 6.6.18
Il ministro Salvini tra false emergenze e razzismo crescente
di Filippo Miraglia

vicepresidente nazionale Arci
qui

Il Sole 6.6.18
Migranti, Ue spaccata sulla nuova Dublino
Roma-Visegard. No di Italia, Spagna, Austria, Romania, Ungheria, Slovenia e Slovacchia alla revisione che disciplina il diritto d’asilo
Il ministro Salvini. «È una vittoria per noi, sono molto soddisfatto. Significa che non è vero che non si può incidere sulle politche Ue»
di Beda Romano

qui

Il Fatto 6.6.18
Migranti, Salvini come Minniti. Vuole chiudere i porti alle Ong
Impossibile moltiplicare i rimpatri, le Regioni non vogliono i Cpr (ex Cie). Il ministro e i prefetti al Viminale studiano come negare l’attracco in Italia alle navi umanitarie
di Alessandro Mantovani

qui

La Stampa 6.6.18
Nella Slovenia a profughi zero dov’è nato il patto dei sovranisti
di Niccolò Zancan

qui

La Stampa 6.6.18
Sovranismo, muri e il flirt con la Russia
L’Ungheria di Orban che piace a Salvini
di Monica Perosino

qui

La Stampa 6.6.18
Nella Slovenia senza profughi dove trionfa la xenofobia
di Niccolò Zancan

qui

Corriere 6.6.18
Noi e l’Unione
L’Ungheria di Orbán , L’alleato sbagliato
di Franco Venturini

qui

Il Fatto 6.6.18
Il silenzio infastidito del Pd di fronte alla parola “mafia”
di Peter Gomez

qui

il manifesto 6.6.18
Liliana Segre: mi opporrò alle leggi contro i rom
In aula. Duro intervento della senatrice che ha risposto all'appello del professor Alberto Melloni su Repubblica
di Liliana Segre

qui

Il Fatto 6.6.18
Segre: “Mi opporrò a leggi speciali”. Salvini: “Paure infondate”

qui

Il Fatto 6.6.18
Per gli F-35 sono 1,3 miliardi. Che faccio ministro, lascio?
Acconto - Il 25 aprile Roma paga un piccolo anticipo per un nuovo lotto dei Caccia Usa. La nuova responsabile della Difesa confermerà l’acquisto?
di Enrico Piovesana

qui

Il Fatto 6.6.18
Il silenzio infastidito del Pd di fronte alla parola “mafia”
di Peter Gomez

qui

Repubblica 6.6.18
I nuovi profeti di Israele
di Amos Oz

qui

Repubblica 6.6.18
Homi K. Bhabha “Ibridi e cosmopoliti così sfideremo l’onda populista”
Intervista di Giancarlo Bosetti

qui

Il Sole 6.6.18
Starbucks perde il suo presidente Howard Schultz sarà l’anti-Trump
di Riccardo Barlaam

qui

Repubblica 6.6.18
Perché la poesia ha scelto di non cedere al successo
Riflessioni sull’ultima raccolta di Enrico Testa
di Alberto Asor Rosa

qui

Il Fatto 6.6.18
Bob Kennedy, la faccia morale dell’America finita nel sangue
Le lotte contro la segregazione razziale e le marce per i diritti dei latinos
di Furio Colombo

qui


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI MARTEDI 5 GIUGNO
SOUMAILA SACKO

Corriere 5.6.18
l migrante del Mali
Soumaila Sacko era un eroe 

Proviamo a dirlo
di Pierluigi Battista

qui

Il Fatto 5.6.18
La rivolta dei braccianti: “Ammazzati come animali”
La marcia - Sciopero degli stagionali il giorno dopo l’assassinio di Soumayla Sacko: “Ucciso in un contesto politico. C’è chi ha detto ‘è finita la pacchia’”
di Lucio Musolino

qui

Il Sole 3.5.18
Mattarella: «Paese coeso e affidabile»
Conte alla parata: tenete duro, ora passiamo ai fatti - Salvini distensivo: sentirò ministri Ue, no a litigi
di Emilia Patta

qui

il manifesto 5.6.18
«Ora lo Stato siamo noi». A Roma la festa della repubblica grillina
Il disordine nuovo. Migliaia in piazza per festeggiare l’approdo al governo. Sul palco Grillo, Casaleggio, Di Maio e i ministri M5s. Ma non c’è Conte. Convocata la settimana scorsa contro Mattarella, la giornata ha cambiato segno dopo la pace col Colle
di Giuliano Santoro

qui

Repubblica 5.6.18
Intervista a Emma Bonino
“Euro e migranti da Cinquestelle e Lega un disegno eversivo”
di Giovanna Casadio

qui

La Stampa 5.6.18
E Salvini si schiera con Orban
“Insieme cambieremo l’Europa”
di Amedeo La Mattina

qui
  
Repubblica 5.6.8
Il reportage
Sul confine blindato
Il filo spinato ungherese muro del sovranismo reale

qui

Repubblica 5.6.8
Frontiera Ungheria - Serbia
di Andrea Tarquini

qui

La Stampa 5.6.18
Putin punta sui populisti europei
Da Salvini a Strache rete anti-sanzioni
di Giuseppe Agliastro

qui

il manifesto 5.6.18
Sánchez non «giura» ma «promette», senza bibbia e crocifisso
Spagna. Il nuovo esecutivo sarà un monocolore Psoe, composto in numero uguale da uomini e donne. Si è insediato anche il governo catalano, in solidarietà con «i prigionieri politici e gli esiliati»
di Luca Tancredi Barone

qui

Il Fatto 4.5.18
Croazia, italiani e minoranze “cacciati” dai nuovi populisti
Xenofobi e conservatori. Zeljka Markić, leader del partito di destra: “La gente decide”ì
di Ferruccio Sansa

qui

Il Fatto 4.6.18
C’è una Goretti pro-aborto che lotta in Nord Irlanda
Dopo la vittoria dei “cugini” di Dublino il fronte si allarga all’Ulster, che non gode, infatti, della legislazione di Londra. E per interrompere le gravidanze bisogna volare in Inghilterra
di Sabrina Provenzani

qui

il manifesto 5.6.18
Gaza trasformata in cimitero piange uno dei suoi «angeli»
Gaza. Razan al Najjar, in prima fila per medicare i feriti, ammazzata da un cecchino israeliano
di Michele Giorgio

qui

La Stampa 5.6.18
Su Gaza e Israele le parole feriscono
di Anna Masera

qui

La Stampa 5.6.18
Porti, business e ferrovie
Così la Cina sfida l’America e domina i mari da Gibuti
di Francesco Semprini

qui

il manifesto 2.6.18
Picasso 1932, una mano dipinge l’altra esplora
a Londra, Royal Academy, "Picasso 1932: Love, Fame, Tragedy". A Olga si affianca Marie-Thèrese, e la bigamia si traduce sulla tela in una teoria di immagini sdoppiate... Con oltre cento opere divise mese per mese, la mostra fotografa un anno spartiacque, che «contiene» già tutto Picasso
di Stefano Jossa

qui

Corriere 5.6.18
Lettera sulla scuola
Cattedre più alte per i prof
di Ernesto Galli della Loggia

qui

il manifesto 31.5.18
Cézanne 1907, quella pittura è una muraglia
"Paul Cézanne e Rainer Maria Rilke. Quadri da un'esposizione", Jaca Book. Bettina Kaufmann ha trovato traccia certa di 42 delle 56 opere del maestro di Aix esposte nella storica mostra tenutasi nel 1907, l'anno dopo la sua morte, al Grand Palais: visitatore folgorato Rilke, che ne riferì. Vi si rivelò uno sguardo totale, «un morire per rinascere alla realtà» (André Pératé). Anche il Cézanne ultimo era molto ben rappresentato
di Giuseppe Frangi

qui

Il Fatto 5.6.18
Raffaello e Michelangelo. I geni tornano a parlarsi
Uffizi. Nella nuova sala le opere dei due grandi del Rinascimento sono vicine
di Alessia Grossi

qui

Corriere 5.6.18
1918-2018 Cento anni fa nasceva il grande economista, premio Nobel nel 1985, che fu costretto all’esilio dalle leggi razziali di Mussolini
È viva la lezione di Modigliani
Il primato della lotta alla disoccupazione contro l’arido monetarismo dominante
di Giorgio La Malfa

qui

Repubblica 5.6.18
L’anniversario
Rossi-Doria e Revelli la voce dei vinti
Nuto Revelli e  Manlio Rossi- Doria
Trent’anni fa moriva l’intellettuale che aveva dedicato i suoi studi alle condizioni del Mezzogiorno, condividendo con l’amico Nuto l’interesse per “gli ultimi”. Pubblichiamo un carteggio inedito tra i due del 1977

qui

Repubblica 5.6.18
L’appello di manlio alle “forze giovani”
di Francesco Erbani

qui

Il Sole Domenica 3.5.18
Goethe: «Sono nato quasi morto»
L’«Autobiografia», redatta dal 1809 al 1832, copre l’infanzia, l’adolescenza, la giovinezza e la prima maturità. Mentre la scrive, lo scrittore diviene un mito
di Piero Boitani

qui

Il Sole Domenica 3.5.18
Legge 180
Le parole di Franco Basaglia
di Massimo Bucciantini

qui

Il Sole Domenica 3.5.18
Neuroscienze
Un’omeostasi tutta da capire
Antonio Damasio, Lo strano ordine delle cose , Adelphi. Milano, pagg. 352, € 29
di Arnaldo Benini

qui








Repubblica 1.6.17
Gli hikikomori
Il ragazzo del buio “La mia vita in una stanza”
Paolo, 16 anni, e la scelta di isolarsi dal mondo “Oltre le finestre c’è gente che non mi piace”
di Maria Novella De Luca

la pagina collettanea di oggi

http://www.hikikomoriitalia.it/


LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI SABATO 2 GIUGNO











Repubblica 2.s.18
Spagna, Sánchez giura da premier. E per la prima volta non c'è la Bibbia
Durante la cerimonia con il re era presente anche il presidente uscente Rajoy. Per la prima volta nella storia della democrazia iberica, il capo del governo non aveva in mano il testo sacro e nella sala non c'era neppure il crocefisso
di Omero Ciai

qui

AlgaNews 2.6.18
L’auspicio possibile di oggi in Spagna domani in Italia
di Carlo Patrignani

qui

Il Sole 2.6.18
Piazza Affari +1,49%, spread a 233

Dal voto virtualmente perso un miliardo al giorno
I mercati «aprono» all’Esecutivo

Reazioni positive dai mercati al varo del governo: sfuma il rischio di un esecutivo a tempo e di nuove elezioni. Piazza Affari sale dell’1,49% e azzera le perdite da inizio anno; lo spread BTp-Bund è sceso a 233 punti. Intanto si fa il bilancio della crisi politica e dei rischi in prospettiva: nei tre mesi trascorsi dal voto perso valore per quasi un miliardo al giorno tra titoli di Stato e Borsa.


La Stampa 2.6.18
Italia, la crisi che inquieta le democrazie
Quel vuoto nel cuore della politica che mostra le debolezze dell’Italia
di Bill Emmott

la pagina collettanea di oggi

il manifesto 2.6.18
Il populismo senza popolo al potere
Disordine nuovo. È il prodotto della fine di tutte le precedenti aggregazioni socio-politiche. Non ci sono più il «popolo di sinistra», né il «popolo padano», né più quello del «vaffa»
di Marco Revelli

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto 2.6.18
Quel “contratto” e i pirati della carta
Dal premier “esecutore” a Savona - Le ultime torsioni di una “fantacostituzione”: ora bisognerà vigilare sul nuovo governo. A partire dalla difesa “sempre legittima” propugnata da Salvini
di Salvatore Settis

la pagina collettanea di oggi

Repubblica 2.6.18
La festa della Repubblica
2 giugno, italiani contro italiani
di Michele Ainis

la pagina collettanea di oggi

La Stampa 2.6.18
Salvini: pronti a fermare l’assalto dei migranti
“Proveranno a mettermi in ginocchio subito Ma non uso la ramazza, il Viminale funziona”
di Amedeo La Mattina

la pagina collettanea di oggi

Corriere 2.6.18
La linea sui rimpatri è unirsi ai falchi Ue I dubbi al Viminale: non si può fare tutto
di Marco Cremonesi e Fiorenza Sarzanini

la pagina collettanea di oggi




La Stampa 2.6.18
Fontana, il ministro della Famiglia
“Purtroppo nel Contratto la stretta sull’aborto non c’è”
di Alberto Mattioli

la pagina collettanea di oggi

Corriere 2.6.18
«Le famiglie gay? Non esistono Ora più bambini e meno aborti»
di Alessandra Arachi

la pagina collettanea di oggi

Repubblica 2.6.18
Lorenzo Fontana
Su gay e aborto l’ombra di proclami neofascisti
di Paolo Berizzi

la pagina collettanea di oggi

La Stampa 2.6.18
Salvini: “Esiste solo la famiglia tradizionale”. La preoccupazione della comunità gay: “Chi ci difenderà?”
In una lettera Gianni Reinetti lancia un appello al presidente Mattarella e alla sindaca Appendino: «Preoccupati per i nostri diritti con questo governo»
di Letizia Tortello

qui














Il Fatto 2.6.18
Trenta e l’ombra dei contractor: la prof. guerriera
Carriere - Insegna Intelligence alla Link e lavora per gli Esteri e la Cooperazione: i legami con società che usano mercenari
di Stefano Feltri e Carlo Tecce

la pagina collettanea di oggi




La Stampa 2.6.18
Passa la mozione della Lega: a Savona Tari più alta per chi affitta appartamenti ai migranti
Il Comune ha già fatto partire il censimento degli alloggi. Artico (Arci): proposta intimidatoria
di Elena Romanato

qui

Repubblica 2.6.18
Marco Bussetti ministro alla Istruzione
Il nodo dei precari poi l’assalto alla Buona scuola
Laureato in Scienze motorie, punta a dare più risalto alla ginnastica anche alle primarie: “Pari ruolo con le altre materie”
di Corrado Zunino

la pagina collettanea di oggi












Repubblica 2.6.18
Il partito di Putin esulta
Russia Unita rilancia l’asse con la Lega
di Rosalba Castelletti

la pagina collettanea di oggi





Repubblica 2.6.18
Pessimismo e frecciate Da Germania e Austria più agenti al Brennero
di Roberto Brunelli

la pagina collettanea di oggi

Corriere 2.6.18
La Lega al 28,5% tallona il Movimento
Il Carroccio guadagna 11 punti rispetto al 4 marzo, il M5S scende al 30,1
Forza Italia ancora in calo, è al 9 per cento. Pd in lieve crescita (19,2%)
di Nando Pagnoncelli

la pagina collettanea di oggi

La Stampa 2.6.18
Tomaso Montanari
“Alla sinistra serve una stagione di semina”
di Domenico Agasso Jr

la pagina collettanea di oggi

Repubblica 2.6.18
Ci vuole un altro stile per fare opposizione
di Nadia Urbinati

la pagina collettanea di oggi


Il Fatto 2.6.18
Marine Le Pen, la donna che voleva essere Salvini Il Front sognava il governo ma ha fallito: ora diventa Rassemblement National
di Luana De Micco

la pagina collettanea di oggi

il manifesto 2.6.18
Il governo passa a Sánchez, verso il monocolore socialista
Spagna. Battuto Rajoy: con 180 Sì, 169 No e un’astensione, per la prima volta nella storia del Paese passa una mozione di sfiducia. Stamattina l’incarico, in contemporanea con l’esecutivo catalano. Sinistre in cerca di nuovi equilibri politici
di Luca Tancredi Barone

la pagina collettanea di oggi
















Repubblica 2.6.18
Duecento milioni per quattrocento vittime
Preti pedofili, la Chiesa paga maxi risarcimento negli Usa
di Paolo Rodari

la pagina collettanea di oggi











La Stampa 2.6.18
La pista dell’unico serial killer
La procura riesamina gli atti. Lo storico pm dell’indagine: “Un depistaggio”
di Marco Menduni

la pagina collettanea di oggi

Corriere 2.6.18
I tre minori che hanno violentato la 12enne
Fermati ieri a Napoli. La vittima tradita dal suo amico che l’ha portata in trappola. I video dello stupro
di Titti Beneduce

la pagina collettanea di oggi










Corriere 2.6.18
I docenti under 30 che insegnano il latino ad Amman
Roma, l’accordo tra un centro studi e l’università giordana. «Niente inglese, si userà solo la lingua classica»
di Paolo Conti

la pagina collettanea di oggi














Repubblica 2.6.18
Ricorsi
I fantasmi dei due imperi eredi di Roma
Per conoscere l’origine degli scontri di potere nella regione euroasiatica bisogna risalire alla storia di Bisanzio e di Mosca
di Silvia Ronchey

la pagina collettanea di oggi

MicroMega 4/2018
“Potere Vaticano. La finta rivoluzione di papa Bergoglio” - Presentazione e sommario
qui
si ringrazia Teresa Coltellese

LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI VENERDI 1º GIUGNO

















Repubblica 1.6.18
“La politica è cultura” La scuola secondo Gramsci
Il filosofo: “Tutti devono avere la possibilità di diventare uomini”
di Simonetta Fiori

la pagina collettanea di oggi


Repubblica 1.6.18
Letture La lectio di Carlo Rovelli ai Lincei

Carlo Rovelli terrà una lectio all’Accademia dei Lincei sul successo empirico della relatività generale e le sue implicazioni filosofiche (domenica, Roma, via della Lungara 10, ore 11)

il manifesto 1.6.18
Portogallo, i comunisti votano con i cattolici: no all’eutanasia
110 sì, 115 contro. Il parlamento boccia la proposta di depenalizzazione della somministrazione della morte assistita
di Goffredo Adinolfi

la pagina collettanea di oggi
nll'immagine Lisbona, la statua del Cristo Re
















Repubblica 1.6.18
Abusi sessuali, diocesi Usa pagherà 210 milioni di dollari di risarcimento alle vittime
Avviata procedura fallimentare. I soldi verranno divisi tra 450 persone molestate dal clero di St. Paul e Minneapolis. Si tratta di una delle più imponenti cifre versate da un'organizzazione cattolica
qui






Il Fatto 1.6.18
«Un filosofo è come il matto di corte, lo si può lasciar parlare»
«Il vero male non è il male, ma la mescolanza del bene e del male (Simone Weil)»
Il Colle ha fallito? Dipende da noi
di Roberta de Monticelli

la pagina collettanea di oggi





Repubblica 1.6.17
Gli hikikomori
Il ragazzo del buio “La mia vita in una stanza”
Paolo, 16 anni, e la scelta di isolarsi dal mondo “Oltre le finestre c’è gente che non mi piace”
di Maria Novella De Luca

la pagina collettanea di oggi

http://www.hikikomoriitalia.it/
















Repubblica 1.6.17
L’esecutivo gialloverde
Nuova destra al potere
di Claudio Tito

la pagina collettanea di oggi

 











Repubblica 1.6.18
La festa del 2 giugno
La democrazia a un bivio
di Guido Crainz

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto 1.6.18
Caro Recalcati, Renzi rimane il capo dei Proci
di Daniela Ranieri

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto1.6.18
Cuperlo, Re Giorgio e il ministro al buio
di Ma. Pa.

la pagina collettanea di oggi

 











Il Fatto1.618
“Savona fu molto amico del Gran Maestro Corona”
Ombre. Le voci sulla presunta affiliazione alla massoneria e le frequentazioni dell’economista sardo tra i “fratelli”
di Fd’E

la pagina collettanea di oggi




 

La Stampa 1.6.18
Il popolo leghista brinda
“I clandestini inizino a tremare”
di Emilio Randacio

la pagina collettanea di oggi

 






La Stampa 1.6.18
Tra i migranti che ora temono
“Per noi l’aria diventa pesante”
di Lodovico Poletto

la pagina collettanea di oggi
 
Repubblica 1.6.18
Lavoro
L’occupazione ai massimi più donne, crescono i precari
Ad aprile record storico con 64 mila nuovi assunti I contratti a tempo sfiorano i tre milioni L’inflazione sale all’1,1%
di Rosaria Amato

la pagina collettanea di oggi

 



il manifesto 1.6.18
Finisce l’era Rajoy, sepolta dagli scandali. È il turno dei socialisti
Spagna. La mozione di sfiducia presentata dal leader Psoe ha i numeri. Pedro Sánchez promette un governo «paritario ed europeista»
di Luca Tancredi Barone

la pagina collettanea di oggi

 




La Stampa 1.6.18
Il gay pride di Tel Aviv
Israele pronta per l’evento dell’anno
di Elena Loewenthal

la pagina collettanea di oggi

Corriere 1.6.18
Elzeviro Il libro di Claudio Colombo
Lo Schindler del calcio che sfidò le SS
di Francesco Cevasco

la pagina collettanea di oggi

 







il manifesto 1.6.18
Europa, le contraddizioni della competitività
«Chi non rispetta le regole?», il libro di Sergio Cesaratto edito da Imprimatur
Mira Oosterweghel, Precarious Life (2016)
di Michele Prospero

la pagina collettanea di oggi

 

il manifesto 1.6.18
La strada sul Danubio che divide romani e barbari
Mostre di archeologia. Ad Aquileia, una rassegna narra la storia della regione dell’Illirico, corrispondente all’attuale Serbia. Seicento anni di guerre, conquiste e invasioni ma anche di fruttuosi scambi culturali
di Valentina Porcheddu

la pagina collettanea di oggi

La Stampa 1.6.18
Il Prozac svela uno dei suoi segreti e i nuovi psicofarmaci sono più vicini
Ma è polemica sugli antidepressivi: “Prescritti con superficialità”

qui



SIAMO SPIACENTI DI DOVER COMUNICARE CHE TUTTI I CONTENUTI PUBBLICATI SU "SEGNALAZIONI" NEI CINQUE GIORNI TRA VENERDI 25 E MERCOLEDI 30, PER UN MALAUGURATO E IMPREVEDIBILE INCIDENTE TECNICO SONO ANDATI PERDUTI.
SEMPRE IN CONSEGUENZADI QUESTO IMPREVEDIBILE INCIDENTE OGGI NON ABBIAMO POTUTO FARE LA ABITUALE RICERCA DI IMMAGINI DA PUBBLICARE A COMMENTO DEI CONTENUTI PROPOSTI DA "SEGNALAZIONI"
INOLTRE DA OGGI E PROVVISORIAMENTE PER ALCUNI GIORNI LE NOSTRE SCELTE DALLA STAMPA QUOTIDIANA SARANNO RACCOLTE  TUTTE INSIEME IN UN'UNICA PAGINA COLLETTANEA.

La scuola di Gramsci alla libreria Feltrinelli di Latina
Venerdi 25 Maggio Donatella Coccoli e Giuseppe Benedetti hanno presentato il loro libro "Gramsci per la scuola"  - L'Asino d'oro edizioni - alla Libreria Feltrinelli di Latina. Sono  interveniti Licia Pastore e Mario Paolo Dario.


Riprese di Gabriella Terenzi e Maurizio Maturi. Montaggio di Maurizio Maturi.
 
La scuola di Gramsci alla libreria Feltrinelli di Latina from Maurizio Maturi on Vimeo.

IL 26 Maggio a Firenze alla Libreria Il Libraccio Ibs di Firenze
ha avuto luogo una presentazione di Depressione, L’Asino d’oro edizioni
Sono intervenuti Maria Snaider, Marzia Fabi, Cecilia Iannaco, Nella Lo Cascio e Sergio Berardi
Si ringrazia William Santero che ha messo in onda l’evento in  diretta streaming





LA RASSEGNA DELLA STAMPA DI GIOVEDI 31 MAGGIO

il manifesto 31.5.18
Dal dramma alla farsa dei frontisti
di Norma Rangeri

la pagina collettanea di oggi

Corriere 31.5.17
I limiti e la fragilità della nostra Costituzione
di Ernesto Galli della Loggia

la pagina collettanea di oggi

Corriere 31.5.18
il caso Savona
i poteri del presidente in un sistema parlamentare
di Valerio Onida

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto 31.5.18
Le nostre paure
“Il lettino dello psicanalista è una tribuna elettorale”
Luigi Zoja, lo psicanalista con una laurea in Economia e studi di Sociologia
L’analista: “Un paziente in crisi familiare ha voluto parlare della situazione politica e dell’affidabilità dei vari leader”
di Antonello Caporale

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto 31.5.18
I sondaggi spiegano perché Salvini non ha paura del voto
Col vento in poppa - In tutti sondaggi, rispetto al 4 marzo, la Lega cresce di almeno 7 punti e spinge la coalizione di centrodestra oltre il 40 per cento
di Daniele Erler

la pagina collettanea di oggi

Corriere 31.5.18
Orbán ha vinto, aiutare un migrante è reato
L’uomo del muro - Rischia la prigione chi darà informazioni legali, volantini o anche pane
Orbán ha vinto, aiutare un migrante è reato
di Michela A. G. Iaccarino

la pagina collettanea di oggi

Corriere 31.5.18
L’intervista Yanis Varoufakis
«Savona? Non mi somiglia Io volevo la Grecia nell’euro, la Lega punta a uscirne»
L’ex ministro: il mio nuovo partito alle elezioni con de Magistris
di Aldo Cazzullo

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto 31.5.18
Il Miracolo che risolse la crisi di governo
Fantacronache - In fila da Sergio Mattarella per portare la lista: e alla fine vinsero tutti
Il Miracolo che risolse la crisi di governo
di Stefano Benni

la pagina collettanea di oggi

il manifesto 31.5.18
L’ibrida seduzione del nuovo fascismo nell’età della crisi
Scaffale. «CasaPound Italia» di Elia Rosati, per Mimesis. Un’indagine storiografica con il piglio del reportage
di Guido Caldiron

la pagina collettanea di oggi

il manifesto 31.5.18
Andrea Soldi, morto durante un Tso. Condannati i tre vigili e lo psichiatra
Trattamento sanitario obbligatorio. Un anno e otto mesi di carcere, nella sentenza di primo grado, per il medico e i tre agenti di polizia municipale chiamati ad eseguire il ricovero coatto dell'uomo malato di schizofrenia

la pagina collettanea di oggi

Corriere 31.5.18
Il medico lo aveva in cura da anni «È una ferita che non passerà mai»
Pier Carlo Della Porta e il rapporto di fiducia con la famiglia della vittima
di Giusi Fasano

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto 31.5.18
Steve B. trasandato e feroce: stile grillesco, piglio trumpista
Bannon - L’ex guru di The Donald visto da vicino
di Giampiero Gramaglia

la pagina collettanea di oggi

Il Fatto 31.5.18
Orbán ha vinto, aiutare un migrante è reato
L’uomo del muro - Rischia la prigione chi darà informazioni legali, volantini o anche pane
Orbán ha vinto, aiutare un migrante è reato
di Michela A. G. Iaccarino

la pagina collettanea di oggi

Il Sole Domenica 27.5.18
Aessantotto
Dall’Est la voce del dissenso
Guido Crainz, Il Sessantotto sequestrato. Cecoslovaccchia, Polonia, Jugoslavia e dintorni ,
con saggi di: Pavel Kolá?,
Wlodek Goldkorn, Nicole Janigro, Anna Bravo, Donzelli, Roma, pagg. 200, € 19,50
di Francesco M. Cataluccio

Gli avvenimenti del Sessantotto, dei quali quest’anno si celebra l’anniversario con lo stanco passo dei reduci e poca inventiva interpretativa, videro l’Europa, ancora una volta spaccata in due. Ma, come nota giustamente lo storico Guido Crainz: «Nella storia d’Europa dei decenni successivi, il ’68 non ci appare tanto rilevante per quel che avvenne a Parigi oppure a Torino, a Berlino, a Milano o a Trento, quanto per i traumi e i rivolgimenti che segnarono quell’area dell’Europa “sequestrata” dall’impero sovietico».
In comune, in tutta Europa e anche negli Stati Uniti, i fatti di quell’anno ebbero una ventata di salutare libertà e di antiautoritarismo che incise soprattutto nel senso della vita e dei rapporti tra i sessi, nel modo di comportarsi e di stare assieme, nella musica, nel cinema e nel teatro, nell’arte. Protagonisti furono ovunque i giovani: «Si aveva l’impressione che l’Europa fosse piena di giovani», ha scritto lo storico Tony Judt. Soltanto che, come nota nel suo amaro saggio la storica sociale Anna Bravo, «non c’è pane senza libertà, diceva uno slogan degli studenti di Varsavia, mentre i loro coetanei francesi erano abituati a pensare piuttosto il contrario, Non c’è libertà senza pane». Le cose non stavano in realtà in modo così polarizzato: in Occidente le proteste studentesche si affiancarono subito a quelle operaie e nella parte orientale dell’Europa, sotto il dominio sovietico, il pane, che era pure un problema per ampie fasce di popolazione, divenne secondario rispetto alla repressione verso ogni istanza di rinnovamento.
In Polonia, come racconta il giornalista Wlodek Goldkorn, che allora era un giovanissimo studente a Varsavia, le manifestazioni degli studenti, appoggiate da molti intellettuali, furono usate dal partito comunista come pretesto per un regolamento interno e un’indegna campagna antisemita che espulse dal Paese i migliori filosofi e sociologi (Kolakowski, Baczko, Bauman, Smolar e infine Pomian). Gli operai allora non si mossero, ma quando lo fecero, nel 1970, provocarono, seppur al costo di vite umane nelle manifestazioni a Danzica e Stettino, la caduta del segretario Gomulka.
Questi fatti, come ciò che accadde in Cecoslovacchia, ebbero un’eco distorta in Jugoslavia, Paese che rispetto agli altri dell’Est godeva di una maggiore libertà. Anche qui i protagonisti furono i giovani. Come ricorda nel suo ricco e acuto saggio la psicoanalista e saggista Nicole Janigro, nell’anno 1967-1968, con i suoi 211mila studenti, la Jugoslavia era il terzo Paese al mondo (dopo Stati Uniti e Urss) per numero di studenti universitari rispetto alla popolazione. Studenti impoveriti che guardavano al «vero socialismo» come a una risposta concreta ai loro bisogni e ai loro sogni ma, allo stesso tempo, delegittimavano il sistema creato da Tito e ponevano alcune premesse per il tragico risveglio nazionalistico che insanguinerà e disgregherà il Paese negli anni Novanta.
La vicenda cecoslovacca, raccontata dallo storico dell’Università Europea di Firenze, Pavel Kolá?, fu assai diversa: là il ’68 fu l’epilogo drammatico di un processo di destalinizzazione, che coinvolse una parte del partito comunista al potere, iniziato nei primi anni Sessanta: «Fu un laboratorio dagli esiti incerti la cui repressione fu un colpo mortale al socialismo in generale». Ma proprio a Praga, in quegli anni, si liberò un’energia creativa (nella letteratura, nel cinema, nel teatro) caratterizzata da un’ironia corrosiva che meglio che altrove ha rappresentato lo spirito positivo del Sessantotto.
I saggi del libro sono affiancati da un ricco e interessante apparato di documenti e testimonianze (si raccomandano in particolare i testi di Bauman, di Pelikan e Popov). Il curatore Crainz si prende l’incarico, nella parte iniziale del libro, di mostrare in modo impietosamente documentato la cecità e la malafede di gran parte della Sinistra occidentale, e in particolare del Partito comunista italiano, verso quello che accadde in quell’anno nell’Est Europa. Come già era accaduto con i fatti ungheresi e polacchi del 1956, i dirigenti comunisti italiani (nonostante la voce critica di alcuni di essi e parecchi tra gli intellettuali di sinistra) si schierarono con l’Unione Sovietica e i partiti comunisti al potere. L’invasione della Cecoslovacchia e la repressione che ne seguì (per non parlare della campagna antisemita in Polonia) sarebbero stati l’occasione buona di un ripensamento critico e di una salutare rottura di una dipendenza che non aveva più ragione di esistere e che arriverà tardivamente, e con molte esitazioni, soltanto nel 1982 (dopo il colpo di Stato in Polonia) e più nettamente nel 1989 quando crollarono tutti i muri. Il Partito comunista italiano, usando nei confronti degli affari internazionali “due pesi e due misure”, non volle e non riuscì a far tesoro delle esperienze di dissenso che presero campo all’Est, e che guardavano al comunismo occidentale come a un possibile alleato.
Furono alcuni intellettuali (nel caso della Cecoslovacchia si dovrebbero ricordare almeno Angelo Maria Ripellino, Gianlorenzo Pacini e Guido Neri che raccontarono con passione la verità su ciò che accadeva laggiù), e alcuni esponenti della nuova sinistra (come il gruppo che darà vita al «Manifesto» o a «Lotta Continua»), che compresero quanto i moti di contestazione, e le nascenti spinte di dissenso all’Est, fossero parte di uno stesso, necessario, movimento di giustizia e rinnovamento delle istituzioni. 

 


































 
TUTTI I CONTENUTI ARRETRATI DI "SEGNALAZIONI" RELATIVI AL PERIODO CHE VA DAL FEBBRAIO AL 30 MAGGIO 2018 COMPRESO SONO ADESSO INTEGRALMENTE CONSERVATI E LIBERAMENTE CONSULTABILI QUI DI SEGUITO